Ominide 393 punti

Le origini dell'Antropologia

L’Antropologia studia l’uomo in quando elaboratore di cultura e nasce nel 18esimo secolo durante l’Illuminismo; anche se già nel V secolo Erodoto descriveva gli usi e i costumi dei popoli barbari e nel I secolo d.C. lo storico romano Tacito guardò con superiorità le società diverse dalla sua osservandone il comportamento.
Ma fu solo in seguito alla scoperta dell’America, quindi quando gli europei entrarono in contatto con popolazioni diverse, che le riflessioni sui popoli “selvaggi” assunsero un carattere “etnografico”, che significa “descrizione dei popoli” (dal greco “ethnos”= popolo e “graphein”= scrivere).
Per cui ci si cominciò a porre delle domande che riguardavano l’origine di questi popoli, quindi se vovevano essere considerati umani o no, se avessero una raligione e un sistema familiare ecc…

Due studiosi importanti che contribuirono a fare un confronto tra la cultura europea e quella indigena sono stati: Bartolomè de Las Casas, che sosteneva che gli indigeni dovevano avere gli stessi diritti degli europei; e Josè de Acosta, che descrisse i costumi e la psicologia degli indi narrandoli sottoforma di romanzi.
Ma oltre alla curiosità, ciò che spingeva a studiare queste popolazioni erano anche dei motivi concreti legati al bisogno di sapere se gli indigeni fossero aggressivi o meno, che rapporto avevano con la natura ecc…

Quando si cominciò a capire che molti aspetti del comportamento umano non erano innati, si creò una distinzione tra:
Antropologia Fisica: studia le componenti biologiche ed evolutive delle diverse culture.
Antropologia Culturale: studia le diverse culture e le tradizioni che vengono tramandate.

L’antropologia divenne una disciplina scientifica nel 700 grazie a 3 fattori:
1. Il primo è dato dal bisogno dei naturalisti di classificare l’uomo tra le specie naturali, e ne vennero individuate 6 varietà: l’uomo europeo, l’uomo americano, l’uomo asiatico, l’uomo africano, l’uomo selvaggio, l’uomo mostruoso.
2. Il secondo fu l’idea di progresso, secondo la quale le culture differivano in base al grado di civiltà raggiunto.
3. Il terzo fattore furono le esplorazioni, grazie alle quali si ottennero molte informazioni e reperti.

Hai bisogno di aiuto in Sociologia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email