Ominide 2892 punti

Monti
Nasce nel 1750 vicino a Ravenna da una famiglia contadina ricca. Segui gli studi regolari. Nel 1778 si trasferisce a Roma presso la corte papale dove diventa il poeta ufficiale della corte papale. Ottiene questo ruolo quando compose per le nozze di Luigi Braschi, nipote del papa Pio VI, il poemetto "Le bellezze dell'universo".Si sposa con Teresa Pitler (della quale si innamora anche Foscolo). In questo periodo scrive delle opere di occasione che traggono ispirazione dai eventi pubblici e sono caratterizzati dalla mentalità chiusa, che era quella della corte papale, antirivoluzionaria.
la prosopopea di Pericle viene scritta in occasione di un ritrovamento di un busto di Pericle e Monti finge che questo busto si animi e parli lodando Pio VI e il suo pontificato.
Ode al signor di Mongolfier scritto in occasione del primo volo aerostatico (mongolfiera) c'è un elogio alla scienza anche se non così evidente. In monti prevale l'interesse per la mitologia. Infatti in quest'ordine c'è un parallelo e un paragone con l'impresa degli argonauti, perciò l'elogio alla scienza va in secondo piano.

Bassviliana : È un poema in terzine non è finito: Monti immagina di vedere l'anima di Ugo Bassville, che era stato ucciso durante un tumulto a Roma. Monti immagina che un angelo strappi l'anima di Ugo dall'inferno e, che prima di portarla nel purgatorio, gli faccia vedere la carneficina della rivoluzione francese.
Nel 1797 Monti funge da Roma e si trasferisce a Milano dove diventa giacobino e anticlericale. Viene difeso da Foscolo con il quale diventa amico. Scrivi un'opera encomiastica nei confronti di Napoleone. Nel 1799 si rifugia a Parigi dove scrive delle opere contro il governo dei francesi in Italia. Nel 1801 torna a Milano e diventa il poeta ufficiale. Ottiene la cattedra di eloquenza a Pavia (1802-1804). Nel 1810 fa la sua opera migliore che è una traduzione dell'Iliade, che non è una traduzione fatta dal greco, ma bene sì una traduzione basata sulle altre traduzioni. Come la caduta di Napoleone, Monti cerca di trovare una collocazione sotto il regime austriaco.
Nel 1826 scrive un componimento "Per il giorno onomastico della mia Donna Teresa Pikler": il poeta riflette riguardo alla sua vita, i toni sono intimisti, ha autentici, sinceri. Molti già dai contemporanei viene messo sotto accusa per il suo comportamento. Muore nel 1828.
Già lo stesso Santis visto che molti non era che il segretario dell'opinione dominante. Il comportamento di Monti era normale, era quello di Foscolo a essere diverso.
Raccoglieva tutte le occasioni per poter esprimere la sua abilità. Fa prevalere il mito sul fatto di attualità c'è una certa tendenza al barocco. Il suo stile barocco, artificioso.

Hai bisogno di aiuto in Autori e opere 700?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email