Crediti scolastici: come funzionano e come si arriva al voto finale

Serena Rosticci
Di Serena Rosticci
ecco come ottenere i crediti scolastici

Vi aspetta la Maturità 2019? Tranquilli, non vogliamo farvi terrorismo psicologico alimentando la vostra ansia ed i mal di pancia da tensione, ma solo spiegarvi come alzare il vostro voto finale grazie ai crediti scolastici. Ecco cosa si intende per crediti e come accumulare crediti scolastici e crediti formativi: vi spiegheremo come funzionano i crediti scolastici. Dall'anno 2018/2019, infatti, cambia il metodo di calcolo dei crediti scolastici.

Crediti scolastici: ecco come ottenerli

Il credito scolastico equivale ad un punteggio che può essere accumulato dagli studenti nel corso dell’ultimo triennio delle scuole superiori. Con la riforma della Buona Scuola, dall'anno 2018/2019 si arriva a un massimo di 40 punti totali nel triennio. I crediti scolastici sono molto importanti perché vanno sommati ai punteggi ottenuti alle prove dell’esame di Maturità arrivando a costituire il voto finale. Insomma, per farla breve, se all’esame avete preso 60 (20 punti nella prima e seconda prova scritta, più l' orale) e, nel corso del triennio delle superiori siete stati così bravi da riuscire ad ottenere il massimo dei crediti scolastici, ossia 40 punti, il vostro voto di Maturità sarà 100.

Come si ottengono i crediti scuola superiore: tabella crediti scolastici

Inutile dire che esistono dei criteri ben precisi riguardanti l’assegnazione dei crediti scolastici, primo fra tutti la media scolastica. Per i crediti scolastici la tabella ministeriale prevede, in base alla media ottenuta alla fine dell’anno e al proprio anno scolastico, una banda di oscillazione secondo questa tabella dei voti scolastici. I crediti che saranno così distribuiti: 12 per il terzo anno, 13 per il quarto, 15 per il quinto, che dipendono dal voto medio secondo questa tabella.
tabella crediti scolastici curriculum voti triennio

Oltre alla media, i crediti scolastici vengono assegnati anche in base al voto in condotta, alla partecipazione alle lezioni, alle assenze fatte e alla presenza di debiti formativi.

Crediti formativi: punti in più

A differenza di quelli scolastici, i crediti formativi si ottengono grazie allo svolgimento di attività extrascolastiche. È importante non dare per scontato che la frequenza di queste attività assicuri il credito formativo da sommare a quello scolastico. Infatti, è il Consiglio di classe a decidere, anche in base ai criteri di cui vi abbiamo appena parlato, i crediti scuola superiore da assegnarvi e comunque questo non vi permette di passare nella fascia più alta della vostra, ma solo di alzare di un punto i vostri crediti scolastici restando nella vostra fascia di appartenenza.

Con quali attività si ottengono i crediti formativi?

Esistono diverse attività che possono farvi conseguire crediti formativi , per esempio, corsi di teatro, di lingue, di informatica, di musica, di primo soccorso e di volontariato , ma anche lo scoutismo e lo sport possono permettervi di accumulare crediti. Infatti, se siete degli atleti, informatevi presso la segreteria della vostra scuola se lo sport che praticate può farvi ottenere dei crediti. Ricordate di non dividervi in quattro per svolgere più attività per conseguire più crediti perché, in ogni caso, non potrete andare oltre la fascia di oscillazione dettata dalla vostra media scolastica. Insomma, per i più pigri, un’attività sola basta ed avanza.

Crediti scolastici: tabella di conversione

Per chi sta già affrontando l’ultimo triennio e che, dunque, dovrà affrontare gli esami di maturità nell'anno scolastici 2018/2019, il Miur ha studiato una tabella di conversione che li aiuterà a capire a quanti crediti corrisponderanno i punti ottenuti sinora. Eccola:


Serena Rosticci

Skuola | TV
Il Vicepremier Matteo Salvini risponde agli studenti - #MeetMillennials

Con il Vicepremier e Ministro dell'Interno parleremo di attualità, scuola e molto altro. Curioso di scoprire cosa dirà? Non perdere la puntata!

17 dicembre 2018 ore 15:00

Segui la diretta