DECADENTISMO: ESTETISMO (Huysmans)

Huysmans è il massimo esponente del decadentismo francese. In modo particolare è un esponente dell’estetismo. L’estetismo è una tendenza nata all’interno del decadentismo, i cui massimi esponenti sono Oscar Wilde e Gabriele D’Annunzio. Per questi autori l’arte e l’esperienza del bello sono i massimi valori della vita.

Vita di Huysmans: nasce a Parigi nel 1848. Rimasto orfano di padre, vive con un patrigno e a diciotto anni trova un impiego come funzionario statale. A circa trenta anni, dopo aver conosciuto Emile Zola, si inserisce nei circoli letterari parigini e pubblica i primi racconti di stampo naturalista. La pubblicazione di Controcorrente, il romanzo più famoso di Huysmans, di stampo decadente, avviene a fine Ottocento e costituisce una frattura poetica dell’autore e della sua vita avvicinandosi non solo agli artisti decadenti, ma anche a personaggi ambigui, maghi, spiritisti e pure uomini di chiesa. È la cosiddetta fase “spiritualista” che culmina nella conversione al cattolicesimo. Alla fine dell’Ottocento lo scrittore va in pensione, si ritira in un'abbazia benedettina, ma dopo pochi anni torna a Parigi, perché il governo francese scioglie molte congregazioni religiose. Ammalato di cancro, egli muore nel 1907.

Controcorrente: romanzo principale di Huysmans. Questo romanzo è conosciuto anche con il titolo A ritroso. Il protagonista di questo romanzo di stampo decadente è un aristocratico, Des Esseintes. È un romanzo ambientato a Parigi di fine Ottocento e questo giovane aristocratico è la tipica figura dell’esteta–edonista, ossia colui che ricerca il piacere.


Trama: Questo aristocratico è l’unico erede della sua famiglia, un giovane che si immerge nella vita mondana di Parigi solo che ne è insoddisfatto e allora decide di allontanarsi dalla città di Parigi, andando a vivere in campagna. Nella casa di campagna cerca di soddisfare tutti i propri piaceri, in modo particolare si circonda di cose belle, dedica tutto il suo amore, la sua attenzione alla cura della casa in maniera maniacale. Per esempio per rendere più bella la sua abitazione acquista una tartaruga e per adeguarla all’ arredamento le fa incastonare nel carapace delle pietre preziose. Il protagonista è un uomo di cultura e quindi ha la casa piena di libri, anche essi preziosi perché li fa rilegare con carta pregiata.
Egli trascorre la sua vita leggendo, curando piante, crea dei profumi, degusta vari tipi di alcolici, pensa e riflette sul mondo. A un certo punto questi manifesta una malattia isterica, i cui primi segni sono evidenti con la cura maniacale della casa, poi ha delle allucinazioni, fino a quando non rimane allettato, perché si sente ormai debole fisicamente e spiritualmente. Il romanzo si conclude con la visita del medico che va a visitarlo e gli consiglia, per uscire dal suo stato, di tornate in città. Il romanzo ha una conclusione aperta, perché Huysmans non ci dice quale sarà la decisione dell’ aristocratico.

Considerazioni: in questo romanzo non c’è l’intreccio, nel senso che non è costituito da sequenze narrative, ma le sequenze sono descrittive e riflessive, quindi è come se la storia non andasse avanti, ma si fermasse sulla figura del protagonista, figura di esteta. È un esteta perché è un edonista, ossia ricerca il piacere, è colto, è insoddisfatto ed è asociale perché si allontana volontariamente della società, conducendo una vita inerte, tutta concentrata sul coltivare il suo ideale di bellezza. Infine è un esteta, perché malato psicologicamente.

Controcorrente è un romanzo rappresentativo di un'epoca europea di fine Ottocento, epoca in cui ci sono degli intellettuali esponenti del decadentismo insofferenti della vita monotona borghese, una vita che loro vedono grigia e triste perché proiettata al guadagno, legata al processo di industrializzazione che si stava avviando in quel periodo. Gli esponenti del decadentismo sono disgustati dal fatto che tutto è ridotto a merce, ovvero anche le poesie, le opere d’arte sono paragonate a dei prodotti che devono essere elaborati per poi essere venduti. Sono disgustati da ciò e per proteggersi dalla società si rifugiano nell'io. Però, allontanandosi dalla società non sono felici, sono comunque angosciati, malati.

Controcorrente è un opera decadente per quanto riguarda il tema ma è un opera decadente anche per la forma. Il contenuto è abbastanza vuoto, mentre la forma è studiatissima cioè curata quasi in maniera maniacale. In questa opera lui mostra la sua capacità di scrivere.
L'opera Controcorrente è un punto di riferimento per Oscar Wilde, ovvero lui si ispira a quest'opera per scrivere a sua volta “il ritratto di Dorian Grey”, ma critica certi aspetti in modo particolare critica il fatto che manca l’intreccio perché povero.

Hai bisogno di aiuto in Autori e opere 800?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email