Esami, lauree e lezioni: le novità del DPCM e come si stanno muovendo le università

Paolo Ferrara
Di Paolo Ferrara
Esami, lauree e lezioni: le novità del DPCM e come si stanno muovendo le università

L’emergenza sanitaria da Covid-19 continua a mettere a dura prova gli studenti universitari, ma gradualmente si torna in aula. Il nuovo Dpcm dispone infatti che a frequentare le lezioni in presenza, oltre agli studenti iscritti al primo anno, potranno essere anche gli iscritti agli altri anni, ma in numero ridotto, nelle zone gialle e arancioni.
L’accesso oltre i varchi universitari, allo stesso tempo, è concesso anche a chi deve partecipare ad attività curricolari, come laboratori e tirocini, ed esami, prove e sedute di laurea. Ma cosa cambierà a partire da gennaio? Le informazioni sono scarse ma abbiamo provato, sulla base delle novità riportate sul nuovo Dpcm e delle decisioni di alcuni atenei, a tracciare i prossimi movimenti delle università italiane. Vediamoli insieme.

Guarda anche


Università: cosa succederà a gennaio 2021


Secondo le attuali disposizioni governative per evitare l’ulteriore diffusione del virus, "possono svolgersi in presenza le sole attività formative degli insegnamenti relativi al primo anno dei corsi di studio ovvero rivolte a classi con ridotto numero di studenti, quelle dei laboratori, le altre attività curriculari, anche non relative agli insegnamenti del primo anno, quali esami e sedute di laurea". All’articolo 1, comma U, del nuovo Dpcm, quindi, è espresso che possono svolgersi in presenza anche attività non relative agli insegnamenti del primo anno, purché siano rivolte a classi con ridotto numero di studenti, oltre a esami, prove e sedute di laurea. Tale disposizione però va rivista puntualmente da ogni singolo ateneo in accordo con il Comitato Università Regionale, anche sulla base della curva epidemiologica. Per quanto riguarda il rientro in aula, il ministro dell’Università Gaetano Manfredi ha dichiarato nelle scorse settimane che il suo auspicio è quello di far ritornare le lezioni in presenza con il 50% di capienza durante il secondo semestre.



Università: gli atenei vogliono aspettare marzo per riaprire


Come riportato su ‘Ilsole24ore’, la maggior parte dei rettori preferisce rimandare i rientri più massicci al secondo semestre . Tale linea non ha sorpreso il ministro Manfredi che ha infatti dichiarato: “Abbiamo voluto questo cambiamento per consentire agli atenei di organizzarsi per tempo in vista di fine dicembre, gennaio e febbraio che tradizionalmente sono i mesi degli esami”. Come accennato nel paragrafo precedente, sebbene il nuovo Dpcm permetta lo svolgimento degli esami in presenza, molti atenei stanno decidendo di garantire per il momento solo quelli a distanza. È il caso di molte università lombarde, come la Bicocca e la Bocconi, e tutte le università della Toscana. Al momento in Lombardia, infatti, a riportare in presenza gli esami per gli studenti del primo anno sono solo la Cattolica e il Politecnico di Milano. A pensare di riaprire per gli esami in presenza, invece, al momento sono la Federico II di Napoli, la Sapienza, Tor vergata e Roma Tre. Al Politecnico di Torino, infine, si sta pensando di rientrare subito. Il vice rettore per la Didattica, Sebastiano Foti, ha dichiarato: “Stiamo facendo il possibile per riportare in aula ove possibile piccoli gruppi di studenti, riprendiamo i corsi il 9 dicembre e abbiamo ancora due settimane di lezioni”.
Skuola | TV
Non perdere la prossima puntata!

Curioso di sapere chi sarà il prossimo ospite? Continua a seguirci e lo scoprirai!

3 marzo 2021 ore 15:30

Segui la diretta