Manfredi: a settembre lezioni ed esami in presenza ma senza abbandonare la DaD

Carla Ardizzone
Di Carla Ardizzone
manfredi

Un graduale ritorno alla normalità ma con un nuovo modello didattico, più flessibile e adatto ad ogni evenienza. Ad anticipare come sarà l'avvio del prossimo anno accademico è direttamente il ministro dell'Università e della Ricerca, Gaetano Manfredi, intervistato da Skuola.net durante una diretta streaming.

Leggi anche:
  • Ritorno all’Università, Test e Diritto allo Studio: intervista al ministro Manfredi su Skuola.net
  • Università, previsti meno diecimila iscritti 2020/2021: allarme "fuga" di studenti
  • Sessione estiva ai tempi del Covid: come funzionano gli esami universitari


  • Università, si torna in aula ma in modalità "blended"

    Si ritornerà alla didattica in presenza – assicura Manfredi - ma, probabilmente, tale modalità non potrà essere utilizzata da tutti gli studenti”.
    Il riferimento è ad alcune tipologie di iscritti - come gli stranieri o i fuorisede - che potrebbero non poter seguire a causa dei limiti agli spostamenti. Un modello blended, ovvero misto, così lo definisce il ministro.
    Ma il tema centrale, che porta al cambio di assetto, riguarda soprattutto i corsi particolarmente affollati. “Alcune università sdoppieranno i corsi – prosegue il Ministro - altri alterneranno corsi in aula con corsi a distanza. Molto dipenderà dall'anno di corso e dalla tipologia della materia. Ogni ateneo si organizzerà in modo autonomo”. Un modello che, secondo Manfredi, “dà anche l'opportunità, qualora se ne presentasse la necessità, di sospendere le attività anche con poco preavviso senza alcun disagio per gli studenti. Un sistema molto flessibile, il modo migliore per dare una risposta concreta in una situazione di difficoltà”. Anche per quel che riguarda gli esami a settembre “l'idea è di farli in presenza. Dobbiamo però consentire a chi non può andare presso l'ateneo di poterli continuare a svolgere online. Lo stesso vale per le sedute di laurea. Già in questa sessione estiva alcuni atenei – come La Sapienza – hanno gradualmente iniziato”.

    "Fuga" degli iscritti: arrivano incentivi per il diritto allo studio

    Ma prima dell'inizio dell'anno accademico c'è da pensare a come frenare la prevista fuga dagli atenei.
    Secondo le stime si prevedono circa 10mila iscritti in meno. “Dobbiamo fare di tutto per evitare che questo avvenga. Sostenendo il reddito delle famiglie maggiormente colpite dalla crisi economica ma anche dando fiducia ai ragazzi, spiegando loro che anche in un momento di difficoltà, fare un investimento in questo senso conviene sempre. Gli ultimi dati Almalaurea lo dimostrano”. Il primo tassello è il 'Decreto Rilancio', che ha stanziato 1,4 miliardi di euro per l'università: “Mai in passato si erano spese così tante risorse per l'università”, sottolinea il Ministro.
    Una delle voci di bilancio più consistenti – 300 milioni di euro - servirà proprio a garantire l’accesso all’università: “Ci saranno - spiega Manfredi - 165 milioni per incrementare la 'no tax area', che verrà estesa alle famiglie con redditi fino ai 20mila euro (dai 13mila precedenti), mentre per i redditi compresi dai 20mila ai 30mila euro ci sarà uno sconto. Inoltre, si incentiverà l'accesso all'università di quei ragazzi le cui famiglie, seppur benestanti, sono state particolarmente colpite dagli effetti della pandemia. Infine ci sarà un incremento significativo delle borse di studio, anche per far sparire le figure degli idonei non beneficiari”. Il resto? “Ci saranno risorse per attrezzare le aule e dotarle di quegli strumenti per garantire l'accesso al maggio numero di ragazzi, in sicurezza; 20 milioni per il digital divide, per dotare gli studenti di strumenti informatici e connessioni; 550 milioni per la ricerca; 4mila nuovi posti da ricercatore (tra 'Decreto rilancio' e 'Milleproroghe')".

    Tirocini ed Erasmus, si ricomincia

    Parole rassicuranti, infine, pure su tirocini ed Erasmus: “Stiamo facendo degli interventi normativi per non danneggiare i ragazzi, anche quelli che nel frattempo si sono laureati. Progressivamente tutto tornerà alla normalità”.
    Potrebbe Interessarti
    ×
    Skuola | TV
    Digital Open Day | Campus Bio-Medico “Quali lauree scegliere per entrare nel mondo del lavoro?”

    L’emergenza Covid-19 ha impedito lo svolgimento dei classici open day a cui gli studenti erano abituati per orientarsi e conoscere le realtà accademiche a cui erano interessati. Skuola.net porta quindi l’orientamento universitario direttamente sui device degli studenti. In questa puntata della Skuola Tv saremo in compagnia dell’Università Campus Bio-Medico

    2 luglio 2020 ore 15:00

    Segui la diretta