Affitti universitari, la fotopetizione per chiedere sostegno per gli studenti fuori sede

Paolo.Ferrara
Di Paolo.Ferrara
fotopetizione

Con l’emergenza coronavirus la didattica negli atenei italiani è passata in modalità digitale. Ma in questo momento tra i più penalizzati ci sono gli studenti fuori sede e i relativi nuclei familiari che continuano a pagare i canoni d’affitto seppur senza alcun sussidio. Le numerose richieste d’aiuto degli studenti pervenute all’Unione degli Universitari sono diventate una vera e propria fotopetizione, intitolata “Non me lo posso permettere!”.
Ecco cosa sta succedendo.

Guarda anche

Coronavirus, fuori sede: gli studenti chiedono azioni concrete

La crisi sanitaria Coronavirus e le conseguenti disposizioni governative per frenare il contagio hanno travolto profondamente il mondo universitario e in particolare gli studenti fuori sede. Oltre ai disagi causati dalle lezioni online, non sempre accessibili da tutti, il problema che più si sta facendo sentire è quello legato al pagamento dei canoni d’affitto, visto che molti studenti dipendono dalle famiglie che, in questo momento, vivono difficoltà anche economiche.
Per questo l'Unione degli Universitari ha lanciato una fotopetizione a cui hanno aderito centinaia di studenti per avere risposte chiare su una esigenza non più rimandabile. Il concetto è sintetico, chiaro e di impatto: “Non me lo posso permettere”. Per il Coordinatore nazionale dell’Unione, Enrico Gulluni, non si può “rimanere indifferenti di fronte alle centinaia di richieste di aiuto che ci stanno pervenendo dagli stessi studenti in questi giorni”. Spiega anche che insieme al Sindacato degli inquilini (SUNIA) e alla CGIL hanno inviato una lettera al governo e a tutti gli attori istituzionali “affinché vengano discusse e previste quanto prima forme di sussidio alle famiglie in difficoltà”. Sofia Giunta, il capogruppo, ha aggiunto che è stato richiesto a un sostegno economico anche al Consiglio Nazionale degli Studenti Universitari in un documento inviato al Ministero dell’Università.


Sostegno agli affitti universitari: richieste e fondi regionali

Come già spiegato qui, considerate le difficoltà economiche e l’impossibilità nell’ipotizzare una potenziale data di ripresa a regime delle lezioni, in molti non sanno come comportarsi di fronte all’eventualità di lasciare la stanza in affitto. La decisione di ridurre il canone e aiutare gli studenti spetta ai singoli proprietari di casa, per questo c’è bisogno di un sussidio e di un intervento concorde. “Alcune regioni, come il Lazio, la Sicilia e la Toscana – ha commentato Gulluni - hanno già autonomamente adottato disposizioni per stanziare appositi fondi regionali per venire incontro ai soggetti più deboli, contribuendo a sostenere i canoni di locazione per gli studenti fuori sede”. Negli scorsi giorni è stato approvato un ordine del giorno nel Senato della Repubblica che prevede un supporto economico tramite contributo e/o detrazione fiscale ma l’UDU e per i tanti studenti fuori sede "questi interventi devono essere realizzati subito, non possiamo più aspettare, non ce lo possiamo permettere. Questa crisi deve essere superata insieme, senza lasciare indietro le fasce più deboli, garantendo il diritto allo studio a tutte e tutti.
Skuola | TV
Non perdere la prossima puntata

Curioso di conoscere l'argomento della prossima videochat? Per scoprirlo non ti resta che seguirci!

3 giugno 2020 ore 16:00

Segui la diretta