Ansia, noia, isolamento: i consigli dello psicoterapeuta per la vita in quarantena

consigli psicologo psicoterapeuta

In questo periodo siamo letteralmente bombardati da notizie e informazioni che ci fanno stare in apprensione per i nostri cari e per il nostro futuro. Inoltre, se per alcuni di noi stare in casa per l'intera giornata, finché non si esaurirà l'emergenza, non è un problema così grave, per altri è una specie di tortura: pensiamo ad esempio ai giovani e agli adolescenti.
Non è facile stare fermi e isolati quando si era abituati a disperdere le energie in tanti impegni quotidiani, soprattutto contornati di decine di coetanei. Tutti gli aspetti della nostra vita sono cambiati all'improvviso e adattarsi alle novità non è sempre facile, soprattutto in questo momento così difficile. Come fare allora a creare una nuova dimensione che non ci faccia soffrire troppo questa situazione? Skuola.net ha chiesto aiuto al prof. Giuseppe Lavenia, psicologo e psicoterapeuta, Presidente dell' Associazione Nazionale Dipendenze Tecnologiche, GAP e Cyberbullismo “Di.Te” e docente di Psicologia del Lavoro e delle Organizzazioni presso l'Università Politecnica delle Marche. Insieme a lui abbiamo parlato delle sensazioni e delle emozioni che possono nascere in questo periodo, e non solo: abbiamo chiesto indicazioni pratiche su come gestire, ad esempio, le relazioni a distanza e quelle con chi, invece, sta a casa - sotto lo stesso tetto - con noi. Vediamo cosa ci ha detto e, se vuoi porre le tue domande in diretta, segui il live su Instagram di Skuola.net di oggi 23 marzo alle 17:00: il prof. Lavenia sarà nostro ospite e risponderà in tempo reale.

Guarda anche:


Coronavirus: i consigli dello psicologo e psicoterapeuta per la vita in isolamento


  • In questi giorni di quarantena la noia è la prima nemica: cosa fare per combatterla?
  • La noia: perché combatterla? Dal punto di vista evolutivo, è quella che ci ha permesso, e che ci permette tuttora, di tirare fuori la curiosità. La curiosità è un motore, è uno stimolo a ricercare nuove opportunità per noi stessi, per la nostra crescita personale. Per queste ragioni, possiamo considerarlo un fattore che contribuisce al nostro benessere e alla nostra salute mentale. Venendo alla domanda, non dobbiamo combattere la noia, dovremmo accoglierla, e far sì che la curiosità, la fantasia e l’immaginazione trovino degli spunti creativi per far non sentirsi più annoiati. In questo momento di emergenza epidemiologica, dove ci è chiesto di stare a casa, è come se i tempi si fossero dilatati. Abbiamo perso le routine a cui eravamo abituati. Cosa fare? Riorganizzarsi, strutturando una nuova quotidianità, dandosi dei compiti giornalieri. Un esercizio che si potrebbe fare insieme a tutta la famiglia è riflettere insieme raccontandosi cosa ci manca delle nostre abitudini pre-coronavirus.
    Lo stanno facendo un po’ tutti, anche sui social. Ma farlo vis à vis, sarà anche un modo per fare il focus su quanto abbiamo già nella nostra vita. Questo periodo finirà, ma se lo utilizzeremo per favorire un senso di gratitudine e di riconoscenza verso l’altro che abbiamo accanto, beh, sarà un tempo ben speso.
    Possiamo fare anche proiezioni verso il futuro, una volta recepito l’insegnamento: cosa ci piacerebbe fare quando tutto questo sarà finito? Chi vorremmo incontrare per primo? Come immaginiamo il nostro rapporto con gli amici? Molti si sono organizzati per trovarsi online, grazie a delle app, per esempio. Di cosa avete parlato? Avete lanciato qualche tema di crescita personale, per esempio? Anche questo è un modo creativo e costruttivo per organizzare il tempo della condivisione, seppur mediato.

  • Spesso per occupare il tempo i ragazzi passano molte ore allo smartphone: dopo quanto diventa troppo?
  • Più che di tempo, parlerei di uso che si fa dello smartphone. Se lo si usa per seguire le lezioni online tenute dagli insegnanti, se ci si informa facendo attenzione alle fonti, se si utilizza per condividere momenti di crescita personale, si può dire che è un uso sensato e ragionato, per esempio. Ma se si abusa dello strumento per ore e ore, se si passa da una cosa all’altra senza meditare su nulla, senza formarsi un pensiero su niente, senza riuscire a staccarsene, senza riuscire a resistere dal guardare una notifica o altro, potrebbe trattarsi di una forma di dipendenza. Uso il condizionale perché andrebbe analizzato caso per caso.
    Come al solito, non si può generalizzare. Sta di fatto che un uso smodato delle nuove tecnologie attiva il circuito dopaminergico. Cioè, in parole povere, attiva un meccanismo per cui il guardare il cellulare non è mai abbastanza. Così, vengono meno quelle che sono le altre attività quotidiane, come mangiare, lavarsi, sistemare la propria stanza e le proprie cose, fare i propri compiti, dare anche una mano in famiglia – questo periodo è una buona occasione per stimolare la cooperazione familiare anche nella gestione della casa –,partecipare a conversazioni di famiglia. Ecco, se l'uso dello smartphone va a compromettere tutte queste attività sicuramente rischia di essere disfunzionale. Se invece è lo strumento che in questo momento di crisi e di emergenza, ci dà la possibilità di rimanere in contatto con gli altri e con il mondo, come facciamo tutti in questo momento, può diventare uno stimolo a utilizzare positivamente la tecnologia che abbiamo ogni giorno tra le mani, e farci apprezzare ancor più la relazione offline.

  • La stessa cosa si può dire per videogame e Tv in streaming?
  • La premessa è quella che ho fatto alla domanda precedente. La chiave di lettura deve essere sempre quella della responsabilità e della consapevolezza. Bisogna avere e darsi dei limiti, delle regole condivise che permettono a ciascuno, in famiglia, di svolgere il proprio ruolo. Concedendosi anche momenti di svago con il gaming e con lo streaming: sono utili a non pensare continuamente alla difficile situazione che stiamo vivendo.

  • Qual è il modo migliore per mantenere le relazioni sociali in questo periodo, soprattutto tra adolescenti?
  • La videochiamata aiuta a condividere un po' di ciò che si vive in casa, permette di stabilire una conversazione fatta di domande e risposte nell’immediato, si ascolta il tono della voce e si ha un contatto visivo che permette di leggere parte del linguaggio non verbale, nonostante la mediazione dello schermo. Gli adolescenti usano parecchie app, HouseParty è quella più in voga. Alcuni si ritrovano anche per fare aperitivi virtuali. Poi, ci sono i social, le chat e i gruppi di chat. Ciò può creare una sorta di dipendenza da notifica enfatizzata dal legame affettivo che si ha con questi amici. Fondamentale è mantenere questi rapporti e permettere l'uso delle chat, ma può essere utile stabilire alcune regole familiari: ad esempio, evitare di continuare le conversazioni di notte per non incorrere in disturbi del sonno, definire dei limiti ad esempio quando si studia e/o quando si mangia.

  • È possibile che si abbia paura di perdere i rapporti di amicizia o di amore a causa della distanza?
  • La paura in questo momento è un’emozione molto diffusa: si teme di perdere innanzitutto i propri cari, poi la propria quotidianità, le relazioni costruite finora, sentimento quest’ultimo avvertito soprattutto tra gli adolescenti. Quindi la paura sicuramente è un'emozione che sta dominando. Cosa fare? Cercare di gestirla al meglio, riflettendo su questa domanda: “Posso comunque fare qualcosa per non perdere ciò che ho costruito, anche attraverso l’uso della tecnologia?”. Sì, la tecnologia aiutare a non mettere distante. Si può essere distanti ma vicini. Certo, quando tutto sarà finito, bisognerà compensare questo tempo di lontananza. Ma ora possiamo sperimentare un uso positivo di chat, videochiamate e social: ci aiutano a mantenere un contatto con gli amici, il fidanzato o la fidanzata, i compagni di classe… Per quanto riguarda la paura di perdere i propri cari, bisogna ragionare ed elaborare questo sentimento. Finirà, questo momento finirà. Se ora vogliamo essere d’aiuto (anche) ai nostri cari, dobbiamo restare a casa e seguire le misure igienico sanitarie che ci sono state dette e ridette è essenziale.

  • La convivenza 24h con i genitori o, per gli universitari, con i coinquilini è sicuramente elemento che può destabilizzare. Come riuscire a stare insieme serenamente?
  • Riuscire a ricavare ciascuno i propri spazi e i propri tempi, in modo da poter gestire momenti di relazione con i familiari o con i coinquilini e momenti in solitudine, in cui dedicarsi a sé e alle proprie attività. Se è necessario, si possono stabilire nuove regole. Stabilendo tempi e luoghi di condivisione e momenti di solitudine scelti. L’importante è parlarsi. Dirsi cosa si prova in questo momento, manifestare all’altro i propri bisogni. Inoltre, in questo tempo di isolamento tentiamo di vivere le persone con cui si vive come una risorsa, come una possibilità di arricchimento e di vicinanza: potrebbe essere una bella sfida. Chiediamoci e chiediamo: “Come posso essere di aiuto e di sostegno, in questo periodo faticoso, all'altro che vive qui con me”?

  • La situazione non è sicuramente facile. Chi prova sensazioni di panico o di paura per il contagio o per il futuro, come può superarle?
  • La paura, come abbiamo detto, può essere funzionale: ci aiuta a rispettare le regole che ci sono state date. Per non cadere nel panico, invece, può essere utile rifarsi solamente alle informazioni che vengono dai canali ufficiali come l'Istituto Superiore di Sanità o il Ministero della Salute. È consigliabile evitare le fake news, credere a tutto ciò che arriva sulle chat perché la maggior parte delle volte sono bufale. Ci si può dedicare una sola volta al giorno agli aggiornamenti. Per quanto riguarda la paura e il panico che ci prende rispetto ai nostri cari, si può stabilire un contatto giornaliero con loro, una volta al giorno, per sentire come stanno e rassicurarsi a vicenda sulle condizioni di salute cercando, anche di parlare di altro senza concentrarsi solo su sugli aspetti sanitari.

  • E per chi invece in così tanti giorni di 'reclusione' forzata si sente "un leone in gabbia", quali sono le migliori valvole di sfogo per non far sì che si trasformi in rabbia o in altre emozioni negative?
  • Lo sport, dal web in questo momento arrivano tanti suggerimenti. Ognuno può accogliere quelli si avvicinano di più alla propria personalità: ad esempio esercizi di rilassamento o esercizi corporei, o provare a continuare a fare quella attività che prima si faceva in palestra… Aiuterà a liberare un po' di tensione, attivando le endorfine, gli ormoni del benessere. Ci si può anche rilassare ascoltando musica, ballando. Si può cantare, dipingere, o mettere le mani in pasta e creare qualcosa di nuovo ai fornelli. Sono solo alcuni suggerimenti. Ognuno farà le attività che sente più vicine a sé, al suo modo di essere. Senza strafare, però. Abbiamo l’occasione di far qualcosa di nuovo, ma non siamo costretti ad accogliere tutte le proposte che arrivano dal web. Staremo in casa ancora per un po’, e avremo tempo e modo per sperimentare altro. Ogni cosa a suo tempo, insomma. L’importante è trovare un ritmo che ci faccia sentire meglio anche nella nostra dimensione di isolamento sociale, necessaria.

  • È possibile che si verifichi la situazione opposta, ovvero che dopo molto tempo a casa si provi ansia e paura di uscire anche per necessità? Quando si potrà tornare alla normalità, come gestire il rientro alle proprie attività e impegni dopo tanto tempo di isolamento?
  • Sì, è possibile. Il “tirare i remi in barca” ci potrebbe rendere meno reattivi, o addirittura rassegnati di fronte alla situazione. Si potrebbe, quindi, diventare meno propositivi, e rischiare un drastico abbassamento del tono dell'umore. Potrebbe trattarsi di un disinvestimento temporaneo, in primo tempo anche funzionale. Ma se si protrae anche al dopo emergenza, sicuramente sarebbe meglio discuterlo con un esperto. C'è il rischio che la situazione si cronicizzi, che si mantengano relazioni solo virtuali, e che si faccia fatica a riattivarsi e a riprendere in mano le redini della propria vita soprattutto se, già prima del lockdown, non si aveva una certa stabilità in termini emotivi, relazionali e/o lavorativi.
    Skuola | TV
    Non perdere la prossima puntata!

    Curioso di sapere quando tornerà la Skuola Tv e chi ospiteremo? Continua a seguirci e lo scoprirai!

    23 marzo 2020 ore 15:30

    Segui la diretta