Maturità 2019, prova orale: niente buste per gli studenti con disabilità e DSA

Giulia.Onofri
Di Giulia.Onofri
maturità 2019 colloquio dsa no buste


La prova orale rappresenta l’ultima salita prima dell’arrivo al traguardo, la tappa finale prima della conclusione dell’Esame di Stato.
Anche il colloquio comunque non è stato risparmiato dalle riforme che hanno attraversato e trasformato la nuova maturità 2019 dato che si tratterà di una prova strutturata in modo ben diverso rispetto agli anni scorsi. Vediamo quindi com'è cambiato l'esame orale e quali saranno invece le regole che dovranno seguire tutti i ragazzi con DSA quando affronteranno l'ultimo step della Maturità 2019, il colloquio appunto.

Maturità 2019: come si svolge la prova orale

La più grande innovazione è sicuramente da rintracciarsi nella cancellazione della tradizionale tesina e nell'introduzione del sorteggio di una tra tre buste che conterranno materiali e documenti in grado di fornire spunti su possibili percorsi interdisciplinari.
Il colloquio che avrà una durata compresa fra i 45-60 minuti e come chiarisce la nota Miur del 6 maggio 2019, per questa maturità 2019 sarà pertanto così articolato:
    Sorteggio di una busta e discussione del relativo percorso interdisciplinare che da essa si sviluppa coerentemente con il materiale proposto (testi, documenti, problemi): “A tal fine, la commissione propone al candidato di analizzare testi, documenti, esperienze, progetti, problemi per verificare l’acquisizione dei contenuti e dei metodi propri delle singole discipline, la capacità di utilizzare le conoscenze acquisite e di collegarle per argomentare in maniera critica e personale anche utilizzando la lingua straniera ”;
    • Esposizione dell’esperienza di alternanza scuola-lavoro attraverso un elaborato multimediale (preferibilmente in power point) che sappia evidenziare le competenze acquisite: “Nell’ambito del colloquio il candidato espone, mediante una breve relazione e/o un elaborato multimediale, l’esperienza svolta relativamente ai percorsi per le competenze trasversali e l’orientamento”;
    • Domande su nozioni di ‘Cittadinanza e Costituzione’ attinenti al programma svolto;
    Discussione delle due prove scritte svolte.

Orale Maturità 2019: uno sguardo alle buste

Il numero delle buste ricordiamo che è pari al numero degli studenti aumentato di due unità per garantire le stesse opportunità di sorteggio anche all’ultimo candidato e il contenuto di ognuna non sarà discordante dal programma effettivamente svolto durante l’anno scolastico.
La nota del Miur citata stabilisce inoltre che fra i documenti proposti nelle buste, non saranno compresi in alcun modo quesiti di alcun genere proprio per favorire la trasversalità di un discorso integrato e pluridisciplinare; verrà tuttavia lasciata libertà alla commissione di inserirsi con domande esterne alle buste, qualora il collegamento trasversale non sia possibile: “Il materiale non potrà essere costituito da domande o serie di domande, ma dovrà consentire al candidato, sulla base delle conoscenze e abilità acquisite nel percorso di studi, di condurre il colloquio in modo personale, attraverso l’analisi e il commento del materiale stesso. E’ chiaro, altresì, che non tutte le aree disciplinari potranno trovare una stretta attinenza al materiale proposto, per cui i commissari di tutte le discipline si inseriranno progressivamente nello svolgimento del colloquio al fine di verificare le competenze acquisite in tutti gli ambiti disciplinari”.


Maturità 2019, prova orale: no al sorteggio per alunni con disabilità e DSA

La nota del 6 maggio 2019, oltre a specificare e ordinare le modalità di svolgimento del nuovo Esame di Stato, chiarisce anche un altro punto fondamentale del colloquio, ovvero quello che coinvolge tutti gli studenti con disabilità e con DSA (Disturbi Specifici dell’Apprendimento), i quali saranno esonerati dal sorteggio delle tre buste: “In particolare, per lo svolgimento del colloquio trovano applicazione, rispettivamente, l’art. 20, comma 7, e l’art. 21, comma 5, dell’ordinanza ministeriale i quali prevedono che le commissioni d’esame sottopongano ai candidati con disabilità o disturbi specifici dell’apprendimento i materiali di cui all’art. 19, comma 1, predisposti in coerenza con il PEI o il PDP di ciascuno. Pertanto, non trova applicazione per i candidati con disabilità o disturbi specifici dell’apprendimento la procedura di cui all’art. 19, comma 5, dell’O.M. n.205 del 2019”.
La “procedura” a cui fa riferimento l’articolo di legge è appunto quella che prevede il sorteggio delle buste.
Ovviamente la commissione deve considerare le situazioni specifiche di ogni studente, documentate da certificati, e quindi i relativi piani educativi personalizzati; anche nelle prove scritte dunque potrebbero essere ammessi strumenti compensativi se questi siano stati già adottati nel corso dell’anno nel PDP o essere concessi tempi di svolgimento delle prove più lunghi rispetto a quelli stabiliti.
Non sono escluse infine prove dispensative, sia per lo scritto che per l’orale, se anche il percorso didattico svolto durante l’anno sia stato di tipo differenziato.

Skuola | TV
Matteo Salvini in diretta su Skuola.net - #MeetMillennials

Il leader della Lega sceglie di nuovo la Skuola | Tv per confrontarsi con gli studenti e le loro famiglie. Parleremo di attualità politica, e molto altro ancora. Ma porremo anche le domande fatte direttamente dagli studenti. Non ti resta che guardare la puntata per scoprirlo!

20 novembre 2019 ore 15:30

Segui la diretta