Ominide 437 punti

Opere di Manzoni


Le opere giovanili sono di carattere civile e morale, principalmente incentrate sulla politica di Napoleone Bonaparte in Italia, per esempio "Inno del trionfo e della libertà" e il carme "In morte di Carlo Imbonati" per consolare la madre a causa della perdita del compagno.

Ci sono le opere di carattere religioso scritte dopo la conversione,che segno il suo percorso letterario, potremmo fare l'esempio degli Inni Sacri, ossia un'opera che celebra le festività cristiane e la religione come forma di appartenenza ad una collettività: la resurrezione, la passione, il nome di Maria, il Natale e la Pentecoste.

E le Osservazioni sulla morale cattolica, che rispondono ad una critica del calvinista Simonde Sismondi, il quale afferma che la Chiesa Cattolica è la causa del declino e della corruzione politica, sociale ed economica dell'Italia, ma Manzoni afferma di essere dalla parte della Chiesa che difende i più deboli e i più umili e si distacca da coloro che sfruttano la fede per soddisfare il proprio tornaconto.

Le opere teatrali per eccellenza sono ispirate dallo studio dei drammi di Shakespeare, dei romantici tedeschi e dalle conversazioni con il suo amico Fauriel.

Sono due i drammi teatrali che scrisse: il Conte di Carmagnola, che è di carattere storico, in quanto narra della storia di Francesco Bussoni, un capitano di ventura che guidò l'esercito veneziano verso la vittoria contro i milanesi , ma che poi viene condannato dal governo di Venezia per aver liberato dei prigionieri politici, la sua figura viene presa in considerazione, perché è l'esempio di un uomo fortemente legato ai suoi principi, alla sua patria e alla fede in Dio in quanto martire.

Adelchi è un dramma di tipo storico, perché racconta la vicenda nel 400 dello scontro fra Franchi e Longobardi, che determinò la fine del governo longobardo in Italia, ma anche romantico, perché tratta anche degli amori e della tragica morte di Ermengarda, figlia del re Desiderio e moglie poco considerata di Carlo Magno.

Manzoni era profondamente interessato alle vicende politiche del suo tempo, tanto da scrivere anche delle odi civili:

Marzo 1821, che tratta dei moti rivoluzionari della Lombardia e del Piemonte, che rappresenta attraverso un lato più sentimentale con la solidarietà e il patriottismo dei lombardi nei confronti dei popoli sottomessi.

Il 5 Maggio(1821, data della morte di Napoleone, che colpisce l'autore a tal punto da scriverla per esaltare le sue battaglie, le sue vittorie, sconfitte e il lato più personale legato alla solitudine che prova durante il suo ultimo periodo di isolamento, trovando conforto solo nella fede.

Hai bisogno di aiuto in Vita ed opere di Alessandro Manzoni?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email