Ominide 651 punti

Il racconto horror

Struttura narrativa: Il racconto horror, è caratterizzata da una narrazione breve, ma molto dettagliata. Nel corso del racconto, importante è la presenza di avvenimenti, o di eventi molto pericolosi, che hanno lo scopo di terrorizzare il lettore, e di incutere un profondo senso di ansia.
Motivi ricorrenti: i motivi ricorrenti della narrazione sono fatti agghiaccianti, personaggi raccapriccianti e mostruosi che incutono timore e paura, ambientazione che presenta luoghi oscuri e lugubri, e, infine, atmosfera cupa e minacciosa. Insomma, tutto è teso nel creare nel lettore uno stato d'ansia, un forte stato di terrore e di orrore.
Le tecniche linguistiche:l'autore per coinvolgere il lettore e spaventarlo può utilizzare diverse tecniche narrative, le quali possono essere, per esempio, l'utilizzo di una narrazione in prima persona, anticipazione di indizi inquietanti, inserimento di elementi macabri, alternarsi di ritmi narrativi, inserimento di descrizioni molto realistiche e spaventose, colpi di scena, finali a sorpresa, utilizzo di frasi brevi o addirittura spezzate, concise. La narrazione in prima persona, viene molto usata, soprattutto, per dare credibilità a fatti terrificanti; in più le frasi brevi, hanno uno scopo preciso: accentuare il senso di terrore nel lettore stesso.

Hai bisogno di aiuto in Antologia per le medie?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email