Erectus 510 punti

Africa


Africa Sahariana:
L’africa sahariana, nel periodo storico compreso tra il settimo millennio a.C. e il XXI secolo ha vissuto due fasi completamente diverse tra loro, quali:
Una prima fase, chiamata Fase Umida, che comprende tutto il periodo Neolitico Subpluviale (7000 a.C. - 3000 a.C. circa), nella quale la fascia oggi desertica era in realtà una savana arborata, popolata prevalentemente da giraffe e cacciatori;
Una seconda fase, definita arida, che va dal 2500 a.C. al 500 a.C. . Sul perché di questo improvviso processo di inaridimento sono nate diverse teorie, tutte non completamente attendibili. Durante questa fase, inoltre, sono andati nascendo tutti e tre i tipi di deserto oggi conosciuti (Erg, Reg e Hammada) all’interno di questa fascia, provocando una cesura tra il medio oriente e l’africa subsahariana, decimando i rapporti umani tra queste due zone.

Egitto:

La civiltà egizia affonda le sue radici circa nel terzo millennio a.C., e si sviluppa principalmente nella fertile valle del Nilo, per poi terminare nel 525 a.C., conseguentemente alla conquista da parte di Cambise di tutto il territorio.
L’egitto, ad est e a ovest, è occupato dal deserto del Sahara, mentre nell’entroterra v’è una zona fertile, la Valle del Nilo, che prende il nome dall’omonimo fiume.
In antichità, il territorio egiziano era diviso in due zone originariamente indipendenti tra loro:
L’Alto Egitto, che paradossalmente coincide con il Sud del paese, il quale confine più meridionale coincide con la cittadina di Assuan;
Il Basso Egitto, che comprende la zona più settentrionale del paese, che termina nei pressi del delta del Nilo.
Il fiume Nilo, inoltre, ha rappresentato per l’Egitto sia un importante approvvigionamento idrico, che una garanzia di fertilità del terreno adiacente ad esso: infatti ogni anno, a maggio, il fiume Nilo tendeva a straripare per poi lasciare una fanghiglia ricca di minerali che rendevano fertile il terreno: il Limo. (piene di maggio).
Grazie ad esso e ai proficui raccolti, inoltre, l’Egitto venne definito dagli uomini dell’antichità come il ‘Granaio del mondo’.
Il regno egiziano era di tipo autarchico, e fondava i suoi commerci specialmente sull’esportazione di Cereali, Datteri, Grano, Orzo e Papiro, raggiungendo anche mete molto lontane per via di commerci mediati.

Cartagine:

Cartagine fu un insediamento umano di tipo coloniale fondato dagli abitanti della città di Tiro, nei pressi dell’odierna Tunisi.
Il territorio venne colonizzato nell’814 a.C., ma la cittadina soccombe alla potenza romana nel 146 a.C., quando i militari dell’impero cosparsero le rovine di questa colonia di sale, per rendere inospitale il terreno.
Il clima, nel territorio cartaginese, era prettamente mediterraneo.

Cartagine, inoltre, era una colonia il quale sostentamento derivava principalmente dai commerci di beni come:
L’oro (Senegal);
- L’argento (Spagna);
Lo stagno (Cornovaglia);
L’ambra (Mar Baltico).
I principali contatti commerciali però vedevano interessati paesi come la Sicilia occidentale, l’Africa settentrionale, le isole Baleari, la Sardegna, la Corsica e infine la penisola iberica.

Cirene:
Cirene, o meglio le rovine di Cirene, sorgono nei pressi dell’odierna Shahat.
La colonia venne fondata da cittadini di Thera nel 630 a.C., ed essa rimase abitata fino al 400 d.C. ca.
Essa sorgeva su un altopiano, e il territorio circostante ad essa era principalmente carsico.
Questa conformazione territoriale e la presenza di un suolo prevalentemente calcareo hanno inoltre favorito la fioritura dell’insediamento anche senza la presenza di approvvigionamenti idrici superficiali.
All’interno di essa si coltivavano Grano, Legumi e Orzo, affiancati dalla intensiva coltivazione del Silfio, una pianta ormai estinta dalle mille valenze.
Lo sfruttamento di quest’ultima ha rappresentato a livello storico il primo esempio di impatto ambientale preindustriale.


Africa: Oggi.

Aspetto Politico:
L’Africa conta sommariamente più di un miliardo di abitanti, ed ha una densità abitativa di circa 33 abitanti per km2.
La distribuzione della popolazione non è omogenea: si alternano infatti zone scarsamente abitate, come i deserti, a zone eccessivamente popolate, come gli altipiani orientali, l’Africa australe, il golfo di Guinea (conosciuto per la tratta degli schiavi nel periodo coloniale), la valle del Nilo e la zona del Maghreb.
Quest’ultima è una fascia territoriale comprendente la Tunisia, L’Algeria, La Libia e il Marocco, conosciuta per la presenza di vegetazione favorita dalla catena montuosa dell’Atlante, che blocca o ridimensiona le correnti desertiche provenienti dal Sahara, impedendo l’avanzamento di quest’ultimo.


Demografia:

Tasso di Mortalità infantile: >100 per mille, ovvero 100 morti su 1000 nati entro i 5 anni.
Tasso di fertilità: 5,3 figli per donna.
Speranza media di vita: <50 Anni.
Tasso di analfabetizzazione: il 25% dei bambini analfabeti si trova in Africa.

Urbanizzazione:

L’Africa sta vivendo tutt’ora una forte presenza del fenomeno dell’inurbamento, per il quale i cittadini tendono a spostarsi dalla campagna alla città generando fenomeni come la mancanza di posti di lavoro, la nascita delle baraccopoli, miseria che porta alla delinquenza e un’economia che va spezzandosi soprattutto nei villaggi che vivono di agricoltura puramente di sussistenza.
Popolazione:

La popolazione, soprattutto etnicamente, è ‘spaccata’ in due:

L’Africa ‘Bianca’, concentrata prevalentemente in Nordafrica e composta da gruppi etnici come quelli Arabi, Barberi e, anche se in minoranza, da Europei.
L’Africa ‘Nera’, della quale fanno parte oltre 2000 gruppi etnici di cui più di 200 appartengono solo alla Nigeria (!). I gruppi più presenti sono i Peul, i Kikuyu, i Kongo e gli Zulu.
Le lingue più parlate nell’Africa ‘Nera’ sono lo Swahili e l’Afrikaans, di derivazione olandese.


Economia:

L’economia è di tipo commerciale e di sussistenza, basata sull’esportazione di risorse minerarie preziose come i diamanti, l’oro, il petrolio e il gas naturale, sull’esportazione di legname pregiato e sulle piantagioni principalmente di canna da zucchero, caffè e cacao.


Lingue:
- Afrikaans (Olanda)
- Lingue francofone (Francese [es. Marocco] e Swahili)

Hai bisogno di aiuto in Geografia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Libano- Aspetto fisico e economico