Ominide 2993 punti

Fichte

Vita

Nasce nel 1762 vicino Dresda,da una famiglia povera,infatti era un pastorello di oche fino a quando un barone si accorse della sua sorprendente intelligenza e gli diede la possibilità di studiare.
Entra in contatto con la filosofia di Kant e lo incontra anche di persona.
Viene chiamato ad insegnare all’università di Jena.
Nel 1799 viene pubblicato su un giornale da lui diretto un articolo in cui si metteva in dubbio l’esistenza di dio. Il filosofo commenta ribadendola sua esistenza ma negando che si tratti di un dio persona della tradizione cristiana bensì dell’ordine morale del mondo. Di conseguenza fu accusato di ateismo,così presentò lo dimissioni e nessuno dei suoi allievi,a contrario delle sue aspettative, lo sostiene.
Morì di tifo nel 1814

Origine dell’idealismo

Studiando le opere di Kant, Fichte si pone l’obiettivo di eliminare il problema della cosa in sé nella filosofia,perché questa cosa in sé sembrava contenere residui di dogmatismo.
Per Fichte la rappresentazione di qualcosa è tutta interna al soggetto, e l’esistenza del mondo viene dedotta analizzando ciò che è presente alla coscienza.
Per Fichte tutto è idea: dunque la filosofia deve riformulare il problema della conoscenza, chiedendosi come la coscienza produca le proprie rappresentazioni.

Idealismo: tutta la realtà è una mia organizzazione.

Kant non dice questo, per lui un mondo delle essenze c’era.
Ficthe porta al piano metafisico l’Io penso.
(L’io penso conosce e crea tutta la realtà. Vuole risolvere il problema dell’antitesi tra fenomeno e noumeno. Tutto è nell’io perciò non devi porti questo problema)
Si collega a Kant, infatti era affascinato dall’Io penso (centro unificatore della conoscenza),che rappresenta proprio il punto di partenza per Fichte.
Se non ci fosse l’IO non ci sarebbero i pensieri ,i giudizi.
Per Fichte “sono,dunque penso”.


Dottrina della scienza

Fichte vuole fare di questa filosofia la dottrina della scienza,cioè la scienza della scienza in generale, quella che contiene i principi di tutte le scienze.
Proprio a questi principi è dedicata la prima parte del “fondamento dell’intera dottrina della scienza”
La filosofia deve fondare la logica e stabilirne i principi, quelli secondo cui opera la coscienza.

Primo principio: l’io pone se stesso
E’ il principio di identità.
Per dire che A è uguale ad A bisogna prima che A sia affermato da qualcuno.
Infatti nessun ente esiste autonomamente,apparte l’Io, che non è posto da nulla che sia fuori di esso.
Il momento in cui l’io prende coscienza di se’ e’ il fondamento di ogni sapere e di ogni attivita’ umana.
L’Io: non è essenza,ma funzione, non puoi arrivarci con la conoscenza
Pone: cioè afferma se stesso,si riconosce come tale. Questo è il primo principio. L’Io pure è svincolato da ogni condizionamento (i sensi). Non si raggiunge mai.
Secondo principio: l’io pone un non io.
E’ il principio di non contraddizione.
“La negazione di A non è uguale ad A”.
Questo principio si fonda sul primo.
L’Io può porre se stesso solo distinguendosi da qualcos’altro.
Se dico che A=A affermo che c’è un non A diverso da A.
(Cioè afferma la realtà diversa da se)
Terzo principio: l’io oppone nell’io a un io divisibile un non io divisibile.
L’opposizione fra io e non io è una reciproca limitazione.
Si può negare una parte di qualcosa solo se questa cosa è divisibile in parti.
Il terzo principio è proprio la divisibilità dell’io e del non io.
La loro divisibilità rende possibile la loro opposizione parziale che evita il reciproco annullamento.
L’Io non oppone a se stesso tutto il non io ma solo parti di esso.
Nella realtà le rappresentazioni appartengono a un io empirico, soggetto individuale, non all’io assoluto, alla coscienza in generale.
Per questo sono limitate, finite, divisibili.
Questo principio spiega perché l’io empirico è una coscienza limitata: un limite oltre il quale nessuno filosofia può andare.
Però nessuna filosofia può ignorarlo: è infatti sul piano del soggetto empirico che avviene la conoscenza della realtà.
L’io divisibile è l’umanità (distinguibile in individui) il non io divisibile è la natura (intesa come insieme di corpi distinti)

L’io assoluto è la condizione di ogni conoscenza possibile, l’io empirico conosce.
L’Io assoluto non esiste come entità reale semplicemente accompagna e rende possibile ogni atto della conoscenza: l’io empirico è un entità reale.
Le condizioni della conoscenza e della coscienza non possono essere oggetti della conoscenza e della coscienza.
I primi 2 principi di Fichtesono trascendentali (rendono possibile ogni attività dell’io empirico) e logico formali (fondano le strutture formali di ogni conoscenza)
Tesi antitesi: questa opposizione permane sempre. Sono momenti logici non cronologici.
Se affermiamo “l’io pone se stesso come limitato dal non io”, l’Io è passivo nei confronti di un oggetto in questo caso il non io, attraverso un percorso di conoscenza l’Io capisce che tali oggetti sono una sua produzione. In questo processo gnoseologico sono coinvolte 3 facoltà dello spirito: ragione intelletto immaginazione.
Se affermiamo “l’io pone il non io come limitato dall’io”, allora emerge l’agire del soggetto nei confronti del non io per realizzare la propria libertà.
L’io ha una tendenza infinita a realizzare il mondo umano e naturale in modo conforme alla ragione, ma per vivere questa tensione ha bisogno di resistenza, cioè il non io.

Streben; quando l’IO supera un limite se ne pone un altro.

[I tedeschi sono un popolo originario rimasto inalterato nella lingua,cultura. Deve guidare popoli a non farsi sottomettere. Valori: moralità,ragione
Fu frainteso,si capi che voleva dire che i tedeschi dovevano primeggiare
Gli uomini non possono vivere da soli,devono essere guidati dagli intellettuali
Lo stato commerciale chiuso: gli individui hanno bisogno dello stato fino a un certo punto. Poi dice che lo stato deve esserci sempre e deve garantire la liberta attraverso il lavoro
Non rinnega la proprietà privata. Il commercio crea contrasti tra stati,solo lo scambio culturale è ammesso]

Hai bisogno di aiuto in Filosofia Moderna?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email