Ominide 930 punti

Sant’Agostino

Agostino di Ippona,era definito il Platone cristiano,per la presenza di alcune analogie tra i due pensatori:
•riconoscimento di una dimensione,a cui l’uomo può accedere attraverso la ricerca
•la presenza nell’uomo della verità,indipendente dall’esperienza
•filosofia vista come un’indagine aperta

Le confessioni sono un testo autobiografico,narrano la storia dell’autore,ma esaltando e glorificando Dio. Confessione(riconoscere i propri errori ma anche la verità di Dio).Racconta dunque un percorso partendo dal buio della propria condizione di peccatore per arrivare alla risalita verso la luce della fede.
Altre opere :Soliloquia,de magistro,trinità.

Patristica prima filosofia cristiana attribuita ai padri della chiesa tra cui gli apologisti.

Confessando i propri errori, Agostino esamina nella sua opera le principali filosofie della sua epoca, a cui da giovane aveva aderito:

-il manicheismo, che ammetteva l'esistenza di due principi contrapposti (il bene e male)in eterna lotta tra loro,il mondo materiale è stato creato dal male,mentre la parte spirituale (l’anima)deriva dal bene.

-lo scetticismo (che negava la possibilità di raggiungere la verità) e il neoplatonismo.
Quest'ultimo rappresenta nel suo cammino la dottrina che lo conduce vicino al cristianesimo. In particolare Agostino riprende dal neoplatonismo la concezione del male, inteso non come realtà sostanziale, ma come privazione di bene e di essere. Secondo il filosofo esiste un male fisico,carenza di bene e di essere(ordine fisico),e un male morale , che coincide con il peccato,una debolezza della volontà(ordine morale).

Plotino

Plotino osserva che il mondo è costituito da una molteplicità di enti.
Ogni cosa si presenta unitaria, e suggerisce l'esistenza dell'Uno assoluto.
L'Uno non è il Dio ebraico/cristiano, che è persona e volontà, perché altrimenti sarebbe imperfetto. Non è il demiurgo di Platone, subordinato alle idee. L'unica cosa che si può dire è che è al di là del pensabile e del dicibile.Egli origina tre ipostasi.
I ipostasi: l'uno stesso.
II ipostasi: intelletto o spirito
III ipostasi:anima

La conversione


Anche il neoplatonismo, risulta insoddisfacente,Agostino crede che l'uomo da solo non può raggiungere la verità eterna e alla vita beata. Per questo motivo intraprende un difficile percorso di approfondimento interiore, che lo porta alla conversione alla fede cristiana.


Verità libertà tempo e storia

Secondo Agostino il desiderio di verità che l'uomo può riconoscere in se deriva da Dio stesso.
La verità: abita all'interno dell'uomo, ma egli non la possiede di per se, ricevendola da Dio, che pone in lui la luce della ragione e criteri di conoscenza perfetti e immutabili.Si tratta della teoria dell'illuminazione secondo cui Dio illumina la nostra mente conferendole la capacità di conoscere.
Agostino ammette
La libertà:l’uomo non può scegliere il male (che non esiste come sostanza) ma può scegliere male, preferendo un bene inferiore a uno superiore.
Il tempo:venne creato da Dio nel momento in cui venne creato tutto ciò che è presente in esso.È una dimensione dello spirito,poiché
grazie alla memoria noi rendiamo presente il passato, grazie all'attenzione rendiamo presente il presente, grazie alla capacità di fare progetti rendiamo presenti le cose che immaginiamo per il futuro.
Ed è sempre l’anima a misurare la storia,formata da inizio sviluppo e fine.

L’umanità si divide in:
•quelli che desiderano Dio sopra ogni altra cosa(città di Dio)
•quelli che pongono il loro fine nei beni terreno(città terrena)
Hai bisogno di aiuto in Filosofia Medievale?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
×
Registrati via email