sara98c di sara98c
Ominide 35 punti

Nietzsche è un autore controverso , egli affermando la morte di dio ha sconvolto la cultura occidentale. Egli ha preso e rielaborato ciò che è sempre stato considerato positivo (bene,morale, tutto ciò che è progresso) Tra il 1872 e il 1883 Nietszche scrive le sue opere in 10 anni e scrive i nuclei portanti della sua filosofia.
Egli fa scalpore , gli si attribuisce la creazione della base ideologica del nazismo per l’espressione di volontà di potenza e a causa del suo pensiero sprezzante verso i valori della tradizione. In realtà viene travisato , i nazisti non lo amavano molto perché nei suoi scritti non esaltava la Germania, essi preferivano Platone che diceva che esisteva la possibilità di creare una società ordinata (la missione era quella di occupare il più possibile le persone.) Nietszche vuole portare l’uomo alle sue origini , all’animalità.
Il fascismo aveva il mito della romanità , della Roma imperiale , della forza fisica e il vigore , la cultura che l’uomo ha prodotto non ha valore , c’è l’obbligo di leggere o ascoltare ciò che impone lo stato.

La sorella di Nietszche ha messo insieme i suoi scritti in modo da farlo sembrare nazista (cosa che non era, mentre lei si.)
Nietszche morirà nel 1900, è uno spartiacque , egli farà molto parlare di se . Nel mondo preniciano si crede nella possibilità di creare una società perfetta. Con Marx e la cultura positivista sia ha la fiducia nell’umanità e il culto della scienza. L’uomo ha la possibilità di conoscere in modo oggettivo la realtà , egli può avvicinarsi sempre alla conoscenza. Il positivista pensa che ciò che conosce si avvicina molto alla realtà dei fatti. Schopenhauer (appartiene alla cultura emarginata degli scapigliati e del decadentismo) non giustifica il positivismo perché mondo della conoscenza , ma solo mondo dei fenomeni.
Dopo shopenauer (1800) nasce il positivismo (1850) messo in crisi da nietszche che vede in Schopenhauer un maestro.
Nietszche nel 1892 pubblica: “Nella nascita della tragedia della musica” qui presenta la sua visione nei confronti della grecità , si sente molto l’influsso di sciopenhauer. Il mondo greco non è più perfetto dove regnano la bellezza e l’armonia, è il mondo del caos , dell’istintività. Nell’800 la visione del mondo greco classico era idilliaca/perfetta.
Nietszche si era laureato in filologia classica, insegnava all’università e ci dice che il mondo greco è il mondo dell’ebbrezza, qualcosa che andava contro la cultura ufficiale allo stato prussiano. Egli era antidemocratico e non vedeva la nascita del parlamento.
Quindi il mondo greco è lo spirito dionisiaco della tragicità (nel mondo greco regna il caos , il dionisiaco = forza istintiva che regola la vita dell’uomo = irrazionalità). La costante nel pensiero di nietszche: l’uomo ha tradito la sua stessa vita all’origine. Egli ha presente lo sviluppo della tradizione occidentale e a differenza di sciopenhauer non recupera la cultura indiana.
Il mondo si basa sulle menzogne.
Ci sono due concetti principali nella filosofia niciana:
1- Socrate
2- cristianesimo
Sono le due menzogne più grandi , il cristianesimo è una menzogna millenaria tentativo dell’uomo di spostare il senso dell’esistenza dal mondo terreno a un altro mondo. Come Socrate.
Hanno dimenticato la vera essenza della vita: istinto , vitalità.
Egli preferisce Eraclito (tutto scorre) , come se volesse tornare ad una visione pagana della religione . C’è l’esistenza tragica , egli vogliono trovare un rimedio al dolore , il rimedio soffoca l’esistenza dell’uomo, il dionisiaco viene rifiutato. Il caos che caratterizza la vita viene rifiutato , e viene soppiantato dalla razionalità che categorizza la realtà.
L’uomo crea cosi una realtà illusoria (Schopenhauer) , la realtà vera è creazione del dionisiaco , quella falsa è quella della razionalità.
C’è qualcosa che si oppone al dionisiaco: l’Apollonio, l’ordine , i termini razionali . Questo avviene da Socrate in poi , con la nascita della coscienza del controllo: Platone dice che si posso reprimere passioni e istinti. Gli uomini costruiscono delle regole , per nietszche è male , l’uomo è stato allontanato dalla sua vera essenza. Dionisiaco e Apollonio non sono in equilibrio , hanno combaciato solo una volta, quando?
Nella tragedia greca con Eschilo e Sofocle perché Euripide ha dato troppa importanza al controllo delle emozioni. Come si misura la decadenza dell’uomo occidentale? Più è forte la razionalità e meno c’è dionisiaco. L’uomo ha inventato la scienza, la realtà perché non è riuscito ad accettare l’imprevedibile
Nietszche diventa fan di Wagner (musicista), lo ammirava, perché fa rinascere l’equilibrio tra dionisiaco e Apollonio, mette in musica l’elemento tragico dell’esistenza creando un ponte tra il quinto secolo e i giorni coevi. Wagner ha la possibilità di un riscatto per l’umanità di ritrovare qualcosa di ormai perso. Si rende conto che bisogna andare oltre e rompere con la tradizione. Schopenhauer proponeva soluzione al dolore, nietszche è corrotto dalla visione cristiana dell’esistenza.
Scriverà Parsifal, nucleo = redenzione. La conquista del sacro Graal.
Egli trova un sostituto di Wagner: un francese che lo attrae molto , egli non approva i paesi nordici , gli ideali , l’anima germanica, ama l’Italia. Musica e arte sono in grado di superare il mondo dell’apparenza dell’illusione riappropriandosi della propria essenza. Il mondo dell’apollineo è stato creato dall’uomo per darsi un senso e controllare il caos. Nel 1878 ha dei dubbi , non è convinto che l’arte possa farlo rientrare nel dionisiaco.
Rifiuta la cristianità per sanare il dramma dell’esistenza, bisogna accettare la vita cosi com’è , amor fati e accettare ciò che il destino ci dà. Non bisogna costruire l’uomo perfetto , egli è antihegeliano.
Crede che l’umano sia troppo umano.
Aurora: una volta scoperto che tutta la filosofia dei valori è un invenzione , l’uomo deve ricominciare la capo
la gaia scienza: con un sapere nuovo ,l’ibero , leggero distrugge tutti i fondamenti.
Il punto di arrivo è l’aforisma 125 in cui afferma la morte di dio.
Egli ci parla delle tre metamorfosi , una parabola di come l’uomo può trasformarsi , migliorando. Implica che ci siano criteri di misurazione.
1- cammello : il tu devi kantiano colui che ubbidisce in modo pedissequo alle regole , la sottomissione
2- Leone: io voglio ovvero il distruggere le regole . La volontà. L’uomo non si è ancora superato
3-Fanciullo: il superuomo, crea le regole ma ha anche il potere di distruggerle.
Autonomo e eteronomo
Autonomo: regole che si decidono in un gruppo chiuso
Eteronomo: regola che viene dal di fuori , un comandamento, una regola del codice civile.
In un sistema democratico le regole dovrebbero essere autonome.
“cosi parlo zaratustra” egli è un profeta della religione persiana
Viene raccontata la storia delle tre metamorfosi , dalla morte di dio alla volontà di potenza. È una parodia del vangelo infatti zaratustra ha 33 anni.
1888 periodo della follia in cui scrive solo frammenti . Manca solo il salto che si deve attuare da un certo punto in poi. Il cammello è tu devi come in Kant. È l’’uomo antico , che si sottomette alle regole del mondo esterno ed è succube.
Ad un certo punto l’uomo è riuscito a liberarsi da tutte le norme e i valori assoluti, grazie alla sua razionalità (Positivismo seconda metà 800) , la ragione gli permette di liberarsi dai vincoli metafisici. Il leone io voglio di Marx è la volontà , soggettività. Implica una prima grande trasformazione, ci porta alla morte di dio. L’estrema conseguenza dell’io voglio. Dio sono tutti i valori e le regole assoluti. Distrugge la scienza con la scienza stessa.
La volontà di potenza dell’uomo è il lasciare un’impronta oggettiva della realtà. “genealogia della morale” la morale (cristiana) è una morale non originale ma creata DALL’UOMO. Originariamente l’uomo era dionisiaco e si basava sulla morale degli eroi (forza, coraggio, combattimento) la legge del più forte Darwin (evoluzionismo) e Hobbes (homo omini lupus).
Ma poi. L’uomo debole è succube e rifiuta il combattimento, il confronto , ma non si sottomette come il servo al padrone di Hegel , si arrende perché debole e offre l’altra guancia. Di questa debolezza , l’uomo debole , ha fatto la sua forza in un mondo parallelo, creato da solidarietà tra uomini deboli basati sulla rinuncia. L’uomo debole non ha mai dimenticato la sua debolezza vuole vendicare dell’uomo forte attraverso la morale. La morte di dio è il presupposto perché possa rinascere l’idea dell’eroe.
Fanciullo è il dionisiaco , la visione estetica della realtà , io gioco , l’oltre uomo. La vita è un gioco , insieme di regole e distruzione di regole.
Il compito del leone non è creare nuovi valori ma prendere coscienza dell’inutilità dei vecchi valori e creare lo spazio libero per i nuovi. Il tema principale è comunque la morte di dio.
Il superuomo diventa il senso della terra .
la prima parte dell’aforisma 125 parla d stupore , disorientamento a causa della morte di dio che è una conseguenza necessaria allo sviluppo della cultura occidentale la ragione.
Dio è certezza e insieme di tutti i valori di dio , ma se dio muore , non c’è più fondamento , si sprofonda nel vuoto.
Per l’uomo che non si è ancora trasformato in oltre uomo è un colpo pesante, rimane sbalordito ,non ha più certezze . L’uomo ha sempre cercato nella storia qualcosa che gli desse un senso (una sicurezza) che proviene da dio , scienza …
Noi abbiamo ucciso Dio , è una morte inevitabile a causa di tutta la razionalità umana , la seconda parte : nietszche pensa di essere in anticip rispetto ai tempi , dopo il disorientamento bisogna orientarsi senza regole , vivendo momento per momento. Lo spirito leggero si alza (perché è leggero) e danza ..> morto dio , l’uomo è libero.
L’uomo deve superare il peso delle regole, liberarsi . Si crea così uno spazio vuoto per nuovi valori : trasmutazione dei valori) . Il superuomo niciano non è come quello del nazismo o di d’annunzio.
VOLONTA DÌ POTENZA
Energia che permette all’uomo di agire (non può essere bloccata) Il mondo ultraterreno avvelena l’uomo. Morte di dio è il punto di partenza ,non di arrivo . L’oltre uomo ubbidisce solo alla volontà di potenza (istintività , ebbrezza . dionisiaco, coraggio) . l’uomo ubbidisce a se stesso e costruisce nuovi valori attraverso la volontà di potenza. Non sono valori assoluti , acquistano senso solo nel momento in cui io agisco , non c’è alcun criterio che dica se ciò che faccio è bene e male “al di la del bene e del male”
LA DOTTRINA DEL TEMPO
Il super uomo dee: 1- accettare la morte di dio
2- creare nuovi valori
3- agire secondo la volontà di potenza
4- accettare la nuova visione del tempo
Ovvero deve superare la visione del tempo lineare e progressiva ed accettare quella circolare , ovvero l’eterno ritorno dell’uguale.
Passato e futuro sono eterni , si incontrano nel presente , nell’attimo, nel momento. Momento nell’eterno presente. Tutto ciò che ho pensato prima ha senso solo se il superuomo supera la linearità del tempo. Se l’uomo ha un obiettivo è succube dei criteri di giudizio e valori come il cammello.
Le azione dell’uomo non possono essere soggette a critiche , l’oltre uomo non può avere rimpianti. Le azioni non sono perfette , ma semplicemente sono.
L’omicidio è giustificato? Non ci ha pensato , il superuomo non deve guadagnare potere, non si vendica , non è frustrato. Vive accettando tutto ciò che la realtà gli riserva  visione storica: accettazione del destino , della realtà , regna la casualità assoluta , anche per Hegel bisognava accettare la realtà che corrispondeva alla razionalità . Bisogna dire di si alla vira con l’amor fati e la rinuncia alla vita di Schopenhauer (agli antipodi).
Zaratustra è il profeta che annuncia l’avvenire del superuomo . Conseguenza della morte di dio: nichilismo passivo , l’uomo si dispera e non riesce a intravedere lo spazio per qualcosa di nuovo . Bisogna passare al nichilismo attivo che crea nuovi valori che si sa che non potranno mai essere assoluti.
Se non morde muore come l’uomo vecchio
Se il pastore morde decisione di passare a una nuova vita , devo compiere una decisione che so per sempre che sarà giusta, l’eterno ritorno dell’uguale .
L’oltre uomo non esiste , è un modo di essere di una persona. Di essere totalmente responsabile delle proprie azioni. Non si fida più di chi dice di avere la verità, perché le cose non esistono , i fatti non esistono m esiste solo l’interpretazione di questi. Portare all’estremo le conseguenze di queste idee si isola , diventa pazzo , schizofrenico. Lui vuole la rinuncia dei valori ,a poi non ha un obiettivo , e un esperienza estetica ,artistica (è il genio)

Hai bisogno di aiuto in Filosofia Contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email