Ominide 11997 punti

Sviluppi sostanziali del diritto internazionale nel secondo Dopoguerra


A seguito della Seconda guerra mondiale, il diritto internazionale ha conosciuto sviluppi importanti sia sotto il profilo sostanziale (cosa l’ordinamento vuole) sia sotto il profilo processuale (quali strumenti predispone per garantire l’osservanza dei suoi comandi). E ciò con particolare riferimento proprio al grande campo della tutela dei diritti umani, sulla base di concezioni che si possono definire neogiusnaturaliste, fondate sull’idea che ciascun essere umano in quanto tale sia titolare di un patrimonio di diritti che gli stati hanno il dovere giuridico di tutelare.

Sotto il primo profilo (quello sostanziale), un crescente numero di strumenti internazionali si sono indirizzati alla tutela di posizioni soggettive di singoli individui, di gruppi di individui, di intere collettività. Si tratta di una tendenza fortemente innovativa, perché supera la tradizionale concezione del diritto internazionale come diritto che riguarda i rapporti fra stati e fa invece emergere la soggettività dei cittadini e dei popoli (già manifestatasi timidamente nel Primo dopoguerra con il riconoscimento del diritto dei popoli all’autodeterminazione).

Numerose sono le dichiarazioni e convenzioni internazionali sui diritti umani: fra quelle adottate dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite, spiccano la Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo (1948) e i due Patti internazionali relativi ai diritti civili e politici e ai diritti economici, sociali e culturali (1966).
Spesso accordi internazionali sottoscritti da quasi tutti i paesi hanno avuto ad oggetto la codificazione proprio delle norme consuetudinarie, cioè appunto quelle che si devono considerare norme generalmente riconosciute. Ciò ha riguardato, ad esempio, il diritto internazionale umanitario: con esso si intendono specificamente le norme internazionali che si applicano ai conflitti armati. Si pensi alla Quarta Convenzione dell’Aia sulle leggi e sugli usi della guerra terrestre del 1907 e alle quattro fondamentali Convenzioni di Ginevra del 1949, con i Protocolli aggiuntivi del 1977, sulla sorte dei feriti delle forze armate terrestri e navali, sul trattamento dei prigionieri di guerra e sulla protezione dei civili in tempo di guerra.
Hai bisogno di aiuto in Diritto?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email