Ominide 55 punti

Nel nostro ordinamento vige il Principio della gerarchia delle fonti che può essere rappresentato come una piramide:

1. Costituzione -> documento scritto, rigido e votato; è la legge fondamentale dello Stato italiano, definita come la legge delle leggi nel senso che tutte le norme di grado inferiore traggono da essa forza e legittimazione e, al tempo stesso devono uniformarsi.
2. Leggi costituzionali -> atti che permettono di modificare la costituzione e la cui produzione è affidata al Parlamento.
3. Leggi ordinarie -> provvedimenti approvati dal Parlamento, ad essi sono equiparati decreti legge e decreti legislativi
4. Leggi di regioni e province autonome
5. Regolamenti del Governo
6. Usi e consuetudini ( norme non scritte) usi sono nel settore commerciale, consuetudini in quello sociale

L’ordinamento interno è subordinato a quello internazionale come da articolo 10 della Costituzione.

1. Trattati internazionali
2. Trattati dell’unione europea
3. Regolamenti e direttive dell’unione europea

Per entrare in vigore necessitano la firma del Governo e del Presidente della Repubblica.

Vi sono inoltre, senza valore vincolante, le raccomandazioni e le circolari dell’unione europea.

Le direttive sono atti che consistono nell’indicazione obbligatoria, rivolta agli Stati membri , degli obiettivi da perseguire adottando norme interne.
I regolamenti sono norme giuridiche che vincolano gli Stati nel momento stesso in cui vengono emanati.

Hai bisogno di aiuto in Diritto?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Maturità 2018: date, orario e guida alle prove