La funzione amministrativa


Anche quando la funzione amministrativa risulta intestata ad organi aventi pure potere legislativo (come governo, consigli regionali, consigli provinciali di trento e bolzano) si differenzia per valore e efficacia.

Da tale separazione emerge anche un ambito di azione tendenzialmente riservato all’amministrazione, cioè la riserva di provvedimento (nei confronti del potere legislativo) e la riserva di scelte nel “merito” (nei confronti del potere giurisdizionale).

L’art 113 costituzione assoggetta al sindacato giurisdizionale i provvedimenti amministrativi, prevedendone il possibile annullamento, non solo la legge non dovrebbe poter adottare atti disciplinanti il caso concreto, che in quanto di fonte legislativa sarebbero sottratti al sindacato giurisdizionale, ma neppure tale sindacato potrebbe estendersi al si là dei vizi di legittimità (e dunque estendersi al merito) che sono gli unici che giustificano l’annullamento del provvedimento.
Si tratta di una riserva sono tendenziale, non sussiste un vero e proprio divieto per il legislatore di disporre diversamente, sia utilizzando lo stesso strumento della legge- provvedimento, sia intestando al giudice un sindacato esteso anche al merito amministrativo.

Per quanto riguarda la parte prima della costituzione, presenta rilievo per l’azione amministrativa:
1- L’art 1 costituzione, che sancendo il principio della sovranità popolare pone il popolo al centro del sistema e l’amministrazione al servizio della comunità, confronta
Art 98 co.1 costituzione: “i pubblici impiegati sono al servizio esclusivo della nazione”.
2- È compito dell’ordinamento, dunque dell’amministrazione art 3 co.2 “rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che … impediscono il pieno sviluppo della persona umana considerata singolarmente” o art 2 “nelle formazioni sociali, ove si svolge la sua personalità”.
3- Gli art 48 e 51 costituzione, relativi all’elettorato attivo e passivo hanno un rilievo pubblicistico.

La disciplina degli altri diritti fondamentali rileva per l’attività amministrativa perché ne esclude l’esercizio in taluni ambiti, sia perché viceversa ne impone l’esercizio in altri, consente l’intervento amministrativo in altri ancora.
Hai bisogno di aiuto in Diritto?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
×
Registrati via email