Tutor 46837 punti

Articolo 139 della Costituzione italiana


L’articolo 139 della Costituzione italiana afferma che “la forma repubblicana non può essere oggetto di revisione costituzionale.”

Con questo importante articolo della Costituzione italiana si tende a ribadire fermamente che l’Italia non è più una monarchia, bensì una Repubblica che è stata scelta dalla volontà popolare, pertanto la forma di governo del Paese non può essere in alcun modo modificabile. L’articolo può anche essere sottoposto a due letture di interpretazione:

1. La prima lettura di interpretazione afferma che non è possibile far sì la carica di Presidente della Repubblica diventi di carattere ereditario.
2. Secondo la seconda lettura interpretativa invece si recita quanto segue: l’art. 139 «sancisce la non modificabilità in perpetuo del nuovo ordine repubblicano» in quanto questo rappresenta «la naturale, conseguente strutturazione ed organizzazione del principio democratico».



Spiegazione in sintesi dell’articolo 139 della Costituzione italiana


Secondo la Costituzione dello Stato italiano esistono alcuni principi di tipo supremo che non si possono in alcun modo sovvertire o cambiare in alcun modo nell’ambito del loro contenuto, nemmeno dai vari tipi di leggi esistenti. Tra questi principi supremo si ricordano la forma dello Stato e tutti i valori sulla base del quale la Costituzione italiana è basata. In base anche a questi importanti principi non potrà essere mai previsto, nemmeno in futuro, un referendum di natura istituzionale sul ritorno alla forma di governo della monarchia.
Hai bisogno di aiuto in Diritto?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
×
Registrati via email