Giorgjo di Giorgjo
VIP 1228 punti

Umberto Saba

Umberto Poli nasce a Firenze nel 1883 . I dati della sua vita scarseggiano: la madre era ebrea e gestiva una piccola libreria antiquaria. Saba cresce a Trieste, si trasferisce a Parigi per diversi anni, in seguito anche a Milano dove ha una difficile permanenza. Le incomprensioni con la madre dopo la separazione dei genitori aumentano: la manifestazione di questo sentimento si ha con il rifiuto del padre, che conosce solo dopo una decina d’anni. In seguito cambia addirittura il suo cognome in Saba, forse in memoria della sua balia Peppa Sabaz. La sua vita è stata segnata da profonde crisi psichiche; Saba ha una base psicolabile: a ciò si aggiunge il fatto di essere stato tagliato fuori dalla cultura del suo tempo. La morte della moglie Lina segna anche la sua morte, in quanto il poeta si lascia completamente andare morendo un anno dopo. Saba, poeta semplice, non aderisce alla linea poetica antinovecentista ed utilizza una facile struttura poetica. Le poesie di Saba, definite oneste perché si fondano sulla grandezza d’animo, sono collegate all’uomo. La sua sensibilità ruota intorno agli affetti umani più semplici. Il primo tema è quello degli affetti, il secondo è quello della città della sua infanzia, Trieste. Essa è il suo passato, luogo di libertà. La sua poesia si muove tra l’amore ed il ricordo. Saba ha una formazione da autodidatta, egli si forma dai trecentisti (Dante, Petrarca e Boccaccio) ma anche con Pascoli, D’annunzio e così via. La sua cultura è estranea al simbolismo, all’ermetismo e al decadentismo. Per questo predilige le forme classiche ed utilizza un unico verso letterario, l’endecasillabo. La sua formazione culturale resta periferica: egli proviene da Trieste che è tradizionalmente estranea ai grossi percorsi culturali; Italo Svevo, nonostante la sua nascita nello stesso luogo, si apre alla cultura Mittel-Europea.

Hai bisogno di aiuto in Umberto Saba?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email