Proemio " La Gerusalemme liberata"

Tre momenti : esposizione dell’argomento del poema (1° ottava), invocazione alla Musa (ottave 2-3) e motivo encomiastico (dedica ad Alfonso, ottave 4-5)
Racconto delle armi pie (al servizio della fede->la storia della prima crociata) e di Goffredo di Buglione che liberò il gran sepolcro di Cristo.
Fece molte gesta, con l’intelligenza e con la mano, soffrì molto nella conquista.
Invano gli si opposero le forze infernali e quelle, ad esse alleate, dei musulmani di Asia e Africa.
Il Cielo gli diede favore e ricondusse sotto la croce i suoi compagni erranti.
Analisi
“ Canto” : Incipit ripreso dall’Eneide di Virgilio “Arma virumque cano” -> esempio di classicismo
“Pietose” : da “pietas”, virtù di Enea = rispetto delle leggi divine e umane.( In Ariosto “pietose” indica le imprese per conquistare la donna)

“Santi segni” -> Enjambement
Contrapposizione tra Goffredo e i compagni erranti: erranti perché hanno conosciuto momenti di perdizione morale.
O Musa, tu che non circondi la fronte (dei poeti )sul monte Eliconia con allori destinati a perire, ma su nel cielo in bezzo ai cori dei beati hai una corona di stelle d’oro immortali.
Tu suggerisci nel mio cuore un’ispirazione poetica e religiosa, tu rischiari il mio canto, e tu perdonami se intreccio invenzioni poetiche con la verità storica, e se adorno in parte la scrittura con altri diletti che con i tuoi.

Analisi

Tasso si giustifica per la materia del suo poema: ha addolcito la realtà con elementi fantastici
Sai che i lettori sono attratti dagli allettamenti seducenti della poesia e che la verità abbellita (condita con versi ingannevoli) è riuscita a dare insegnamenti anche ai più schivi.
Così (noi adulti)porgiamo al fanciullo malato gli orli del bicchiere cosparsi di dolce liquido (miele): intanto egli beve succhi amari e dall’inganno che subisce riceve la vita-
Similitudine “così ..” : il vero della poesia è amaro succo dato in maniera più piacevole. Anche i lettori hanno bisogno di un modo piacevole per arrivare alla realtà.
Tu, Alfonso dall’animo grande, che ti sottrai all’imperversare della fortuna e conduci in porto me, pellegrino errante, sballottato e quasi sommerso fra scogli e onde, accogli benevolmente questo mio poema, che ti presento come se fosse consacrato in voto.
Verrà forse un giorno in cui la mia penna presaga della tua gloria, oserà scrivere di te quel che ora accenna. -> Alfonso sarà a capo di una nuova crociata

Stanza encomiastica: Tasso elogia Alfonso perché gli offre un tetto sicuro.
“Peregrino errante” : esprime l’inquietudine di Tasso; opposizione tra esistenza instabile e corte vista come rifugio sicuro.

E’ davvero giusto, se mai accadrà che i cristiani vivranno in pace e con una flotta e con la cavalleria cerchino di sottrarre ai Turchi il Santo Sepolcro ingiustamente, daranno a te il comando delle truppe di terra, o se preferisci, delle truppe di mare (della flotta).
Seguace di Goffredo, intanto ascolta le nostre poesie e preparati a combattere.
Tasso sviluppa più pienamente il motivo della Crociata

Hai bisogno di aiuto in Torquato Tasso?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email