Ominide 2147 punti

Novelle per un anno

Pirandello si impegnò nella produzione novellistica con maggiore intensità prima di dedicarsi alle opere teatrali, ma non la sospese mai del tutto.
Scrisse 251 racconti, raccolti in 15 volumi sotto il nome "novelle per un anno", con il progetto, rimasto incompiuto, di dedicarne una per ogni giorno dell'anno.
Al primo volume "amori senza amore" seguirono "scialle nero", "la vita nuda", "la rallegrata", "l'uomo solo", "la mosca"...per un totale di 225 racconti. A essi se ne aggiunsero altri 26, pubblicati postumi a cura di Corrado Alvaro.

Le novelle non sono inquadrate in una cornice, poiché le situazioni narrate e le conclusioni sconvolgenti riflettono la caoticità del mondo.
Il progetto non prevede modalità cronologiche ne raggruppamenti tematici: la struttura sembra affidata alla legge del caos.

Personaggi privi di punti di riferimento sono realisticamente inseriti nella società italiana, fino agli approcci surrealistici delle ultime raccolte.

Le novelle siciliane
Sono ambientate in un mondo popolare di contadini e minatori e sembrano rievocare l’atmosfera verista. L’attenzione di Pirandello non si concentra sui meccanismi della società, ma sulla contraddittoria realtà interiore del personaggio, deformato da una carica grottesca e paradossale che lo svincola da ogni riferimento ad un contesto sociale e lo lega, piuttosto, a radici ancestrali (la Terra-madre, la luna, l’acqua). I paesaggi naturali solo in apparenza sono realistici e attraggono il personaggio verso una vita ignara dell’ipocrisia borghese.

Le novelle cittadine
Presentano la condizione piccolo-borghese di negozianti, impiegati, avvocati etc. frustrati da una soffocante esistenza famigliare e da un lavoro monotono. Questa insofferenza esplode in gesti inaspettati e trova una via di fuga nella fantasia, nell’irrazionale, nella follia. I personaggi spesso non hanno neanche un nome e sono perdenti, antieroi e il loro tentativo di fuga viene soffocato dalla “forma”, cioè dalla società organizzata e dalle sue convenzioni.

Le novelle surreali
In queste novelle scompare la caratterizzazione della società e dell’ambiente e subentra lo scandaglio delle motivzioni inconsce dei personaggi, vittime delle convenzioni sociali. La narrazione acquista il tono della parabola, per certi versi affine a quella surrealista della conclusione del romanzo Uno, nessuno centomila.

Hai bisogno di aiuto in Luigi Pirandello?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email