fradv di fradv
Ominide 87 punti

Eugenio Montale nasce a Genova il 12 ottobre 1986.
E' possibile schematizzare la sua vita in più fasi.
La prima è la fase giovanile corrispondente al periodo della Prima Guerra mondiale (1914-1919). In questa fase Montale partecipa alla guerra come sottotenente ed è qui che stringerà rapporti di amicizia con Sbarbaro (Vociani)

La seconda fase corrisponde al periodo tra le due guerre (1922-1933). In particolare, esordisce su "Primo Tempo" e stringe rapporti di amicizia con l'antifascista Gobetti. Fonda la rivista letteraria "il Baretti" e vi pubblica il suo saggio "Stile e tradizione" in cui spiega i fondamenti della sua poesia. In questo periodo viene pubblicata la raccolta più importante di Montale: Ossi di Seppia, che va a rappresentare la condizione esistenziale impoverita e prosciugata dell'uomo. Di questa raccolta possiamo ricorda la poesia "i limoni" in cui vengono trattati i seguenti temi:
- rifiuto della poesia aulica;
- impossibilità di attingere ad un significato ulteriore rispetto alla pura apparenza delle cose;

- gialla solarità dei limoni come simbolo di speranza e rinascita.

La terza fase corrisponde al periodo della Seconda Guerra mondiale (1939-1945). Pubblica la seconda raccolta poetica "Le Occasioni" in cui si riversa l'estremismo della "poetica degli oggetti". Di questa raccolta possiamo analizzare la poesia "La casa dei doganieri" in cui vengono trattati i seguenti temi:
-impossibilità di salvare i ricordi cari;
- difficoltà di trovare un varco;
-monotono ripetersi del tempo;
- sostanziale identità tra condizione di vivo e morto.
In questo periodo, inoltre ,pubblicherà un'ulteriore raccolta di poesie "Finestrerre" che confluirà in "Bufera e altro". Da non dimenticare è il suo ruolo di traduttore per Bompiani e la fondazione della rivista letteraria "Il mondo".

Il quarto periodo coincide con la Guerra Fredda (1949-1981). In questo periodo Montale svolge il ruolo di redattore per il Corriere della Sera. Pubblica "Bufera e altro" in cui si affronta:
- la delusione e la causa del trionfo della società massificata e dell'egemonia della Demcocrazia Cristiana e del Partito Comunista;
- l'incubi di una catastrofe atomica.
Ultima raccolta sarà "Conclusioni provvisorie" che raccoglie "piccolo testamento" (dichiarazione di Montale della sua estraneità ai due partiti politici italiani) e "sogno del prigioniero" (parla di un prigioniero in attesa di una libertà irraggiungibile).

Dopo lungo periodo di silenzio pubblica Diario '71 '72.
Muore a Milano il 12 settembre 1981.

Di particolare importanza sono l figure femminili che accompagnano Montale durante tutta la sua vita:
-Arletta (una sorta di donna-angelo);
-Clizia (simbolo del valore dalla cultura);
-Volpe

-la Mosca (soprannome dato alla moglie e rappresenta la saggezza quotidiana).

Hai bisogno di aiuto in Eugenio Montale?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Come fare una tesina: esempio di tesina di Maturità