pexolo di pexolo
Ominide 10532 punti

Bevande Nervine


Questa definizione include bevande come il caffè, tè e la cioccolata che contengono sostanze in grado di agire sul sistema nervoso centrale stimolando la vigilanza e l’attenzione e riducendo la fatica. Questi effetti sono riconducibili a tre sostanze, caffeina, teofillina e teobromina.
Per quanto riguarda il caffè le varietà che vengono consumate sono due, arabica e robusta. La prima è più ricca in caffeina, la seconda in lipidi.
La preparazione a cui viene sottoposto comprende fermentazione, essiccazione, torrefazione e macinazione. Con la torrefazione si produce caffeone responsabile delle caratteristiche organolettiche della bevanda e comprende circa 700 sostanze volatili. I metodi di preparazione in casa, a partire dalla polvere fanno riferimento alle macchine del caffè per l’espresso (80%caffeina) e moka (90% caffeina).

Il cacao per la preparazione del cioccolato si ottiene dai semi della Theobroma cacao. La mandorla contiene sostanze grasse, amido, zuccheri, proteine, teobromina e caffeina. La lavorazione comprende fermentazione (per rimuovere la polpa rimanente), triturazione, essiccazione. In fine il cacao viene reso solubile andando a ridurne i grassi del 25%. Tra gli acidi grassi più abbondanti si ritrovano POP, POS e SOS.

Fuori dall’Italia è prevista per legge l’aggiunta fino al 5% di altre sostanze che sono sostitutivi al burro di cacao (CBE o CBR). Un’altro importante contributo è dato dai polifenoli. Anche il cacao va in contro alla reazione di Maillard. L’anamnabide è il prodotto bioattivo che interferisce con l’umore. Troviamo inoltre feniletilammina, tirosina, ecc che interferiscono con la sintesi di noradrenalina. Può essere presente anche acido fitico.

Hai bisogno di aiuto in Sala Bar?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
I Licei Scientifici migliori d'Italia secondo Eduscopio 2017