daddy8 di daddy8
Ominide 1072 punti

Periodo ipotetico nella lingua italiana

Per periodo ipotetico s'intende quel periodo in cui si esprime un'ipotesi, ed è introdotto da una proposizione principale, o reggente, e da una proposizione condizionale. La proposizione reggente, nel periodo ipotetico, prende il nome di apòdosi, mentre quella condizionale si chiama pròtasi. A seconda del tipo di ipotesi che si esprime, si identificano tre tipi di periodo ipotetico: certo, possibile e irreale, i quali, introducono rispettivamente il periodo ipotetico della realtà, possibilità e irrealtà.
Vediamo questi tre casi:

- realtà: l'ipotesi espressa viene identificata come qualcosa di certo, esempio: "Se è andata così (protasi), avete sbagliato (apòdosi)"

- possibilità: l'ipotesi espressa viene identificata come qualcosa di possibile, esempio: "Se studiassi di più, miglioreresti"

- irrealtà: l'ipotesi espressa viene identificata come qualcosa di impossibile, esempio: "Se fossi una donna, non mi truccherei"

Ognuno di questi periodi ipotetici, utilizza un tempo verbale differente. Da notare che il periodo ipotetico della certezza può contenere tutti i tempi verbali, mentre non è la stessa cosa per quello della possibilità e dell'incertezza: il primo, infatti, viene espresso attraverso l'uso del congiuntivo imperfetto (pròtasi) e del condizionale (apòdosi), vedasi l'esempio sopra, mentre il terzo infine si può esprimere in due modi:

1)Congiuntivo trapassato nella pròtasi e condizionale passato nell'apòdosi, esempio: "Se avessi fatto più veloce, saresti arrivato puntuale"

2)Congiuntivo imperfetto nella pròtasi e condizionale presente nell'apòdosi, esempio: "Se fossi un genio, sarei famoso"

Ma nel caso in cui l'apòdosi si riferisca ad eventi presenti, si usa il condizionale presente, esempio:
"Se fossi stato miliardario, adesso non vivrei di certo qua"

Forma implicita ed esplicita

Il periodo ipotetico può avere due forme, implicita ed esplicita:

Forma implicita: il loro costrutto può essere composto da forme verbali al tempo infinito presente, gerundio e participio passato, esempi:

Lanciata forte, la palla andrebbe più lontano

Studiando tanto, saresti il migliore
A vederlo giocare, sembra essere il migliore

Forma esplicita: il suo costrutto può essere introdotto da forme verbali di modo indicativo o congiuntivo. Con l'indicativo si esprimono ipotesi certe, mentre col congiuntivo ipotesi possibili o impossibili. Tutte la forme sono generalmente introdotte da se, oppure da purché, qualora, dato che, laddove ecc. esempi:

Se rispondi mi fai un favore
Se ci fosse Gianni sarebbe tutto più facile
Qualora scelga di partire per l'Inghilterra, saremo d'accordo

Registrati via email