Che materia stai cercando?

Vigilanza bancaria Appunti scolastici Premium

Utile strumento per verificare le proprie competenze in preparazione ad esami aventi ad oggetto la vigilanza bancaria. Schemi e tabelle per memorizzare la normativa. adatto alle facoltà di economia, scienze bancarie e giurisprudenza. Scarica il file in PDF!

Esame di Economia delle aziende di credito docente Prof. M. Oriani

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

12) Quali aspetti riguarda la vigilanza regolamentare? Come si articola?

a. l’adeguatezza patrimoniale La vigilanza regolamentare si articola

b. il contenimento del rischio nelle sue diverse in QUATTRO principali fattispecie:

configurazioni Vigilanza STRUTTURALE

c. le partecipazioni detenibili Vigilanza PRUDENZIALE

d. l’organizzazione amministrativa e contabile e i Vigilanza PROTETTIVA

controlli interni FAIR PLAY REGULATION

13) Vigilanza strutturale: quali sono le condizioni dell’autorizzazione all’esercizio dell’attività bancaria?

Quali norme per SPA – SCARL – BCC ?

La Banca d’Italia autorizza l’attività bancaria quando ricorrono le seguenti condizioni:

sia adottata la forma di SPA o di SCARL

– il capitale versato sia di ammontare non inferiore a quello determinato dalla BI, che attualmente è di

– 10 milioni di euro o di 5 milioni di euro per le BCC

venga presentato un programma concernente l’attività iniziale, unitamente all’atto costitutivo e allo

– statuto i partecipanti al capitale abbiano i requisiti di onorabilità previsti dallo stesso Testo Unico

– i soggetti che svolgono funzioni di amministrazione, direzione e controlli abbiano i requisiti di

– onorabilità e di professionalità anch’essi previsti dal Testo Unico

Banche SPA E POPOLARI POPOLARI SCARL BCC

SPA

Forma giuridica SPA SCARL SCARL

non inferiore a 5 milioni

non inferiore a 10 milioni non inferiore a 10 milioni di

Cs di euro

di euro euro

superiore a 8 miliardi di NON superiore a 8 miliardi

Tot. Attivo euro (SOLO per banche di euro

popolari Spa) Ogni socio ha un voto Ogni socio ha un voto

Ogni socio ha diritto a qualsiasi sia il n° delle qualsiasi sia il n° delle

Diritto di voto tanti voti quante sono le azioni possedute (voto azioni possedute (voto

azioni da lui possedute capitario) capitario)

Non sono soggette a certi 1-2

Limiti limiti che invece hanno le 1-2-3-4-5

altre due tipologie

1-2 Il numero minimo dei soci non può essere inferiore a 200

• Devono destinare almeno il 10% degli utili netti annuali a riserva legale. La quota di utili non assegnata a riserva

• legale, ad altre riserve, ad altre destinazioni previste dallo statuto o non distribuita ai soci, è destinata a beneficienza o

assistenza.

1-2-3-4-5

Nessun socio può possedere azioni il cui valore nominale complessivo superi 50.000 euro

• Il numero minimo dei soci non può essere inferiore a 200

• Per essere soci di una BCC è necessario risiedere, aver sede o operare con carattere di continuità nel territorio di

• competenza della banca stessa

Le BCC esercitano il credito prevalentemente a favore dei soci

• Le BCC devono destinare almeno il 70% degli utili netti annuali a riserva legale. La quota di utili che non è

• assegnata a riserva legale, ad altre riserve o distribuita ai soci, deve essere destinata a fini di beneficienza o mutualità

Il decreto Renzi, è stato un imposizione al sistema delle popolari. le popolari sono state assoggettate al limite degli 8 miliardi e

• ai 18 mesi. nel momento in cui è uscita questa cosa le altre banche, le bcc hanno attuato un progetto di autoriforma. sono stati

loro stessi a indicare delle chiavi di sviluppo del loro categoria di banche.

ma non le hai analizzate prima ?

• no prima ho analizzato le banche popolari con oltre 8 miliardi di euro di TA dovevano trasformarsi in SPA: ma queste che hanno

TA sotto gli 8 miliardi di euro. possono scegliere di rimanere SCRL

14) A cosa si fa riferimento parlando di vigilanza protettiva?

Si fa riferimento a strumenti di vigilanza applicati al fine di minimizzare le esternalità negative che si

potrebbero verificare in caso di insolvenza di una banca.

Prevede 2 tipi di interventi:

quelli destinati alla prevenzione;

ü quelli che sono attivati quando la crisi si rivela irreversibile e dunque l’unica soluzione è quella della messa

ü in liquidazione dell’intermediario. Prevedono l’intervento di Fondi di garanzia (del Fondo Interbancario di

tutela dei depositi e Fondo di Garanzia dei depositanti del Credito Cooperativo per l’Italia)

15) Cosa comprende la Fair Play Regulation? Quali sono gli strumenti?

C omprende un insieme di norme volte a garantire la trasparenza e la correttezza del mercato dei servizi

finanziari.

Gli strumenti di fair play regulation preposti a tale scopo riguardano:

a. da un lato, gli obblighi informativi (trasparenza) nei confronti della clientela

b. dall’altro lato, le norme di comportamento (correttezza) da tenere nei confronti della clientela

16) Quali aspetti riguarda la vigilanza prudenziale?

A) l’adeguatezza patrimoniale

B) il contenimento del rischio nelle sue diverse configurazioni

C) le partecipazioni detenibili

17) Quali sono gli strumenti della vigilanza prudenziale per misurare l’adeguatezza del patrimonio?

Qual è il più importante?

Gli strumenti della vigilanza prudenziale consistono nei coefficienti patrimoniali per il rischio che misurano

l’adeguatezza del patrimonio dell’intermediario in relazione alle tipologie e al grado dei rischi collegati

all’attività svolta.

=> Il più importante è il coefficiente di solvibilità

PdV (a fronte del rischio di credito)>=(8%* RWA)

RWA = totale delle attività ponderate per il rischio di credito. Ogni singola voce dell’attivo deve essere

ponderata con opportuni pesi (COEFFICIENTI DI PONDERAZIONE) in funzione del grado di rischio

associato.

18) Cosa si intende per grande fido? Quali limiti vengono posti?

Un grande fido è ogni posizione di importo maggiore uguale al 10% del patrimonio di vigilanza.

Il limite individuale di ogni grande fido (o grande rischio), in base al quale le banche devono contenere ciascuna di

tali posizioni di rischio, non può superare il 25% del patrimonio di vigilanza. Quindi:

10% PV ≤ Grande Fido ≤ 25% PV

Il limite globale, è la sommatoria dei grandi fidi di una banca che non poteva superare 8 volte il patrimonio di

vigilanza, ma oggi non è più in vigore.

Esempio Oriani SPA:

Patrimonio di vigilanza: 500 milioni € Attività ponderate per il rischio: 4,5 miliardi €

Immobili: 400 milioni € Credito cassa: 5,5 miliardi €

Partecipazioni: 75 milioni € miliardi €

Gruppo con patrimonio di vigilanza di 1,05


PAGINE

6

PESO

259.87 KB

PUBBLICATO

4 mesi fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in Economia
SSD:

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher usernow1234 di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Economia delle aziende di credito e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Cattolica del Sacro Cuore - Milano Unicatt o del prof Oriani Marco.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Economia delle aziende di credito

Economia delle aziende di credito
Appunto
Economia delle aziende di credito
Appunto
Economia delle Aziende di Credito - Frequentanti - Oriani
Appunto
Appunti di Scienza delle finanze, Secondo parziale
Appunto