Che materia stai cercando?

Trattati UE

Breve descrizione dei trattati recenti su cui si fonda l'Unione Europea.
Trattati descritti: Atto Unico Europeo, Trattato di Maastricht, Trattato di Amsterdam, Trattato di Nizza, Costituzione europea (non ratificata), Trattato di Lisbona. Scarica il file in formato PDF!

Esame di Diritto dell'Unione Europea docente Prof. E. Pusillo

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

ATTO UNICO EUROPEO

Il 17 febbraio a Lussemburgo e il 28 febbraio 1986 a l’Aia, i Dodici firmano l’Atto unico europeo al

fine di imprimere un nuovo slancio politico ed economico alla costruzione europea. Esso entra in

vigore il 1° luglio 1987. Jacques Delors, allora presidente della Commissione, riassume così davanti

al Parlamento europeo, nel febbraio 1987, gli obiettivi dell’Atto unico: «L’Atto unico è, in una

frase, l’obbligo di realizzare simultaneamente il grande mercato senza frontiere, una maggiore

coesione economica e sociale, una politica europea della ricerca e della tecnologia, il rafforzamento

del sistema monetario europeo, la creazione di uno spazio sociale europeo, azioni significative in

materia di ambiente».

L’atto unico prevede la realizzazione di un mercato interno e la libera circolazione delle merci, delle

persone, dei servizi e dei capitali entro il 1º gennaio 1993. Vengono ampliate le competenze

comunitarie (ambiente, ricerca, sviluppo tecnologico), nonché la possibilità per il Consiglio di

votare a maggioranza qualificata. Il Parlamento europeo vede rafforzato il suo potere legislativo con

la creazione delle procedure di parere conforme e di cooperazione. È l’inizio dell’aumento graduale

e parallelo, un trattato dopo l’altro, dei poteri del Parlamento europeo quale colegislatore con il

Consiglio, e del numero di settori in cui il Consiglio decide a maggioranza qualificata piuttosto che

all’unanimità.

L’Atto unico menziona per la prima volta il Consiglio europeo. Contiene infine disposizioni in

materia di cooperazione politica europea (CPE)— cooperazione nel settore della politica estera—

che sono strettamente separate dalle disposizioni relative all’ambito comunitario.

IL TRATTATO DI MAASTRICHT

A seguito di due conferenze intergovernative (CIG) aperte a Roma il 15 dicembre 1990, viene

firmato a Maastricht il 7 febbraio 1992 il trattato sull’Unione europea. Esso entra in vigore il 1º

novembre 1993.

Questo trattato istituisce un’Unione europea strutturata su tre pilastri: le tre Comunità europee (CE),

la politica estera e di sicurezza comune (PESC) e la cooperazione nei settori della giustizia e degli

affari interni (GAI).

Nel quadro del primo pilastro, è avviata l’unione economica e monetaria (UEM), che porta

all’introduzione di una moneta unica, l’euro, il 1º gennaio 2002. Le competenze comunitarie

vengono estese ai settori dell’ambiente, della ricerca, dell’industria e della politica di coesione. In

materia legislativa, l’instaurazione della procedura di codecisione conferisce al Parlamento europeo

il potere di adottare atti giuridici congiuntamente al Consiglio. Le procedure di parere conforme e di

cooperazione vengono estese a nuovi settori, così come il voto a maggioranza qualificata in seno al

Consiglio. La Corte dei conti, creata nel 1975, diventa la quinta istituzione europea e viene istituito

il Comitato delle regioni.

Nel quadro del secondo pilastro, la PESC integra e sviluppa i meccanismi e l’acquis della CPE e

segna l’avvio di una politica comune nei settori della sicurezza e della difesa.

Nel quadro del terzo pilastro (GAI), il trattato contiene disposizioni sui controlli alle frontiere

esterne, la lotta al terrorismo, la creazione di Europol, l’attuazione di una politica comune in materia

di asilo, la lotta all’immigrazione clandestina e la cooperazione giudiziaria in materia penale e

civile.

Al fine di stimolare la crescita economica, viene creato il Fondo europeo per gli investimenti con un

atto firmato il 25 marzo 1993. Esso entra in vigore il 1º maggio 1994.


PAGINE

3

PESO

26.02 KB

AUTORE

Daeriox

PUBBLICATO

9 mesi fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in teorie e tecniche della mediazione interlinguistica
SSD:
Università: Genova - Unige
A.A.: 2018-2019

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Daeriox di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Diritto dell'Unione Europea e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Genova - Unige o del prof Pusillo Edoardo.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Diritto dell'unione europea

Riassunto esame Diritto dell'Unione Europea, prof. Pusillo, libro consigliato Diritto dell'Unione Europea
Appunto
Diritto UE appunti
Appunto
"Le Organizzazioni internazionali: distinzione fra tipo classico e federale" e "Le Organizzazioni europee di tipo classico del secondo dopoguerra: l’OECE, l’UEO ed il Consiglio d’Europa."
Appunto