Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Contemporaneamente all’utilizzo dei rotoli si utilizza il codex che diventa

il supporto della cultura cristiana. Si tratta di tavolette tenute insieme da

anelli di metallo o da una cinghia di cuoio. Il codice si avvicina molto al

libro perché le pagine sono organizzate in fascicoli numerati e scritte da

ambedue le parti. Dal codex si sviluppa il libro, che inizialmente era

presente solo nei monasteri, dove gli amanuensi copiavano numerosi testi.

Solo con l’invenzione della stampa anche le università entrarono in

possesso dei libri. Viene definito libro scolastico il libro con scopo

culturale, intermediario tra chi insegna e chi apprende.

LA STAMPA – Gli incunaboli, cioè i primi documenti realizzati con la

tecnologia dei caratteri mobili, circolano tra il 1450 e il 1500. Sono proprio

questo tipo di documenti che hanno portato alla realizzazione del libro, ed

è grazie alla stampa che questo mezzo conosce un massiccio sviluppo.

Accanto al libro si sviluppano anche altri mezzi come il periodico e

l’affissione.

LA CORNICE – La stampa è parte della nostra vita. Eppure in Occidente,

nonostante l’uso della carta fosse diffuso da tempo, fino alla metà del XV

secolo i supporti per la lettura continuarono a venire prodotti

artigianalmente. La stampa a caratteri mobili, le cui origini sono asiatiche,

una volta introdotta in Europa da Johann Gutenberg segnò storia e destino

della cultura occidentale. La grande novità della stampa è stata la

possibilità di replicazione in grande scala. Inoltre fu la stampa a garantire

una piena e diffusa interiorizzazione della tecnologia dell’alfabeto

fonetico.

I primi documenti stampati con la tecnologia dei caratteri mobili (XV –

XVI secolo) vengono definiti incunaboli. È grazie alla stampa che questo

mezzo riesce a svilupparsi.

Il libro diventa veicolo di conoscenza, fino a diventare tra ‘800 e ‘900,

grazie a strumenti come presse a metallo, presse a vapore e nel XX secolo

grazie all’editoria elettronica, il medium intorno al quale vengono edificati

i sistemi educativi della piena modernità.

Nella seconda metà del ‘600 a Venezia, una delle patrie della stampa,

cominciano a venire diffusi ogni settimana dei fogli di avvisi chiamati

gazzette. Via via fanno la loro comparsa in altre città italiane e europee,

con lo scopo di informare i lettori riguardo avvenimenti locali e, in seguito,

anche globali. Con l’informazione a stampa prende corpo l’idea moderna

di comunicazione di massa. Attraverso processi di volgarizzazione della

cultura classica e di recupero di temi conosciuti, la forma del racconto a

stampa diventa il romanzo. Il romanzo racconta relazioni e conflitti,

problemi tra individuo e società. Grazie alla stampa emerge un’altra forma

espressiva: il fumetto. Viene definita arte sequenziale e il fumetto utilizza

immagine e scrittura, trattando temi riguardanti educazione, religione,

psicologia, sessualità, passione ed emozioni. A partire dagli anni Trenta del

‘900 emerge un nuovo tipo di prodotto rivolto a tutti: la rivista; adatta a

colti, incolti, bambini, adulti, uomini e donne.

L’AUDIOVISIONE – Tra ‘800 e ‘900, nascono il cinema, il telefono, la

radio e la fotografia come pratica amatoriale. Il libro e la stampa, tra gli

anni Ottanta e Novanta del secolo scorso, iniziano ad entrare in crisi a

causa del diffondersi delle strumentazioni digitali e della rete Internet.

LA CORNICE – Analizzando il codice della scrittura, del messaggio

visivo e del messaggio sonoro si nota che: la comunicazione scritta

prevede un supporto mobile, la comunicazione visiva ne prevede uno

relativamente mobile, mentre la comunicazione acustica non prevede alcun

supporto. Ma come si provvede allo spostamento dei supporti della

scrittura e dell’immagine volendo intraprendere una comunicazione a

distanza? Un tempo, quando si parlava di comunicazione si intendevano

soprattutto i mezzi di trasporto perché la comunicazione doveva servirsi,

per viaggiare e arrivare a destinazione, di mezzi di trasporto. Oggi parlare

di comunicazione significa chiamare in causa i mezzi della conoscenza e

dell’esperienza. A metà ‘800 con l’avvento e la diffusione del telegrafo, i

messaggi diventano più veloci dei messaggeri. L’elettricità permise questo

tipo di comunicazione. A fine ‘800 non vi era area della vita umana che

potesse essere tenuta al riparo dai processi di elettrificazione.

Tra metà ‘800 e metà ‘900 nascono i media dell’audiovisione: il telegrafo,

la fonografia, la radio, il cinema, la televisione.

IL TELEGRAFO, rappresenta il primo determinante ingresso

dell’elettricità nel settore comunicativo. Si può parlare di comunicazione a

distanza se a garantire il funzionamento provvedeva una gestione degli

impulsi elettrici. Le prime realtà ad essere messe in comunicazione furono

quelle dei mercati e dei commerci; in seguito alle comunicazioni


ACQUISTATO

16 volte

PAGINE

6

PESO

61.00 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in scienze della formazione primaria
SSD:
Docente: Bocci Fabio
A.A.: 2014-2015

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Giuliaf92 di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Tecnologie didattiche e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Roma Tre - Uniroma3 o del prof Bocci Fabio.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Corso di laurea in scienze della formazione primaria

Riassunto esame Storia Contemporanea, prof. Tedesco, libro consigliato Massoneria e Religioni Civili, Conti
Appunto
Dispensa di Metodologia, Educazione
Dispensa
Riassunto esame Pedagogia Sperimentale e Valutazione Scolastica, prof. Olmetti, libro consigliato Il Metodo Osservativo nei Contesti Formativi di Peja
Appunto
Dispensa di Metodologia, Gli elementi della valutazione
Dispensa