Che materia stai cercando?

Riassunto esame Storia e critica dell'arte contemporanea, docente Trione, libro consigliato Post Classici la ripresa dell'antico nell'arte contemporanea italiana, Vincenzo Trione Appunti scolastici Premium

Riassunto per l'esame di Storia e Critica dell’arte contemporanea, basato su appunti personali e studio autonomo del testo consigliato dal docente Trione: Post-Classici la ripresa dell’antico nell’arte contemporanea italiana, Vincenzo Trione.
Rielaborazione personale delle informazioni apprese con la frequenza delle lezioni e lo studio autonomo del libro di riferimento suggerito... Vedi di più

Esame di Storia e critica dell'arte contemporanea dal corso del docente Prof. V. Trione

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Questi tre, imprescindibili riferimenti per molti artisti italiani delle ultime generazioni, ci invitano a

considerare il classico come una necessità. Un evento che muore per rinascere ininterrottamente.

Ciò che sopravvive alla barbarie, lo fa perché è qualcosa di cui le generazioni di individui non

riescono a farne a meno: questo è il classico (J.M. Coetzee).

Archeologia come metafora – Frammenti di un dialogo tra antico e moderno – Marcello

Barbanera

Ricordi e rovine

Con il passare degli anni si ha la percezione che la vita non sia una narrazione continua ma

frammentaria, effetto dei ricordi che conserviamo. La restituzione integrale del passato è

impossibile, e sarebbe anche spaventosa, come mostra Borges nel racconto Funes, o della memoria.

La memoria è come un Giano bifronte: con una faccia rivolta al passato e una al futuro , ci colloca

tra vita e morte, si alimenta di cose passate. Una tradizione che deriva dall’Iconologia di Cesare

Ripa.

La memoria non è il risultato di un processo passivo. La memoria è ambivalente: la memoria-

archivio, necessario alimento dell’esistenza e la memoria-dovere, dell’esistenza pesante fardello.

Analogamente ai ricordi, l rovine sono gli atolli dell’arcipelago monumentale della storia, a Roma

per eccellenza.

Monumento volontario e involontario

Il contenuto del celebre Gettysburg Address, il discorso pronunciato dal presidente Lincoln, nel

1863, esprime con poche parole essenziali e ispirate il valore di un monumento e della sua

importanza per coloro che possono ancora guardarlo.

Nella società in cui vige la democrazia come forma di governo, un oggetto commemorativo è un

monumento volontario. Le rovine invece sono monumenti involontari. L’Italia è disseminata di

rovine e Roma è l’unica città al mondo che possa offrire un palinsesto monumentale che va dall’età

protostorica al moderno senza soluzione di continuità.

Roma e Istanbul

Paragoniamo il destino delle rovine di Roma e Istanbul. Dal IV secolo d.C. Istanbul diventò la

nuova Roma, Costantinopoli. Paragonata a Roma Costantinopoli è povera di vestigia antiche

conservate: un acquedotto, alcune colonne onorarie, l’ippodromo, i palazzi imperiali, la chiesa di

Haghia Sophia.

Le rovine di Istanbul sono potenti, soverchianti, perché come quelle di Roma fino a due secoli fa,

esistono in simbiosi con la città. La loro condizione racchiude un’ambivalenza: l’assenza di

protezione le rende presenze vitali, ma ne determina anche un rapido deterioramento.

Negli anni ’30 la municipalità di Istanbul cerca di mettere in atto un piano regolatore della città, ma

non va a buon fine, si costruì su zone dichiarate archeologiche.

A Roma furono messe in atto misure di conservazione dei monumenti antichi fin dal XVI secolo.

Arriviamo nel dopoguerra, dove l’isolamento fisico e ideologico dei monumenti antichi rispetto al

più ampio contesto urbano è ormai completo.

Una delle priorità in una città come Roma è la presentazione dei grandi complessi archeologici, per

lo più privi di informazioni elementari.

Bisogna rendere le rovine intellegibili al visitatore, cercando di giungere a una presentazione che

consideri il valore emozionale, simbolico, culturale, paesaggistico, tenere conto del passato e del

futuro, definire chiaramente qual è il messaggio che deve giungere, perché impari a godere il

monumento.

Rovine del moderno

Nel saggio Il Tempo grande scultore (1954), Marguerite Yourcenar ha sintetizzato la trasformazione

delle rovine da oggetto della contemplazione a materia dell’archeologia. Il sentimento delle rovine

nel XVIII secolo è incalzato dal risveglio del pensiero storico che spoetizza i documenti del passato

con il progredire del metodo scientifico.

Nel ‘900 è l’uomo moderno, costretto a vivere in un mondo di frantumi e che anela a una totalità

perduta e che perciò si riconosce meglio nelle creazioni artistiche che alludono alla perdita di

compiutezza, alla frammentarietà, al disorientamento: in questa direzione vanno i collages di Kurt

Schwitters, i decontestualizzati ready-made di Duchamp, Fontana, i futuristi, Rainer, Tinguely,

Brus, e in particolare Anne e Patrick Poirier, che hanno prodotto un corpus di opere che riunisce

l’archivio immaginario di un archeologo-architetto, dedicatosi allo scavo di un sito chiamato

Mnemosine. Ricostruiscono una loro verità di un luogo, non scientifica, ma non per questo meno

vera. Sono interessati al magazzino della memoria che le rovine contengono e che vogliono

rivitalizzare.

Colin Renfrew, archeologo britannico giunge alla conclusione che le rovine sono sia arte che

archeologia, permettendo il superamento della dicotomia tra le due categorie. Mentre in Italia si è

fermi a 40 anni fa.

Estraniare Venere, estraniare gli antichi – Maurizio Bettini

Pensando alla parola Venere viene in mente amore e bellezza, associata ad un immagine. L’elenco

delle Veneri è molto lungo. Ma perché dedicarsi a Venus? Per estraniare da noi questa divinità,

secoli e secoli di studi hanno ridotto per noi la dea Venere a una frivola icona di piacere e di

seduzione timorosa. In realtà non solo Venere, ma tutte le divinità antiche erano molto più di una

semplice metafora poetica usata per designare un sentimento. Le divinità antiche erano strumenti

per pensare il mondo e organizzare la società.

Le divinità erano diverse da come ce le immaginiamo, così come diversi erano i Greci e i Romani.

Il fatto che a queste antiche culture facciano capo le nostre culture occidentali contemporanee non

significa che Greci e Romani fossero come noi.

Anzi il loro modo di pensare il mondo e la società risultava spesso profondamente diverso dal

nostro. Osservando la loro alterità noi possiamo riuscire a mettere a fuoco di volta in volta ciò che

chiamiamo la nostra identità.

In realtà questa esigenza di confronto fra noi e gli antichi è molto più antica di quanto si pensi. Può

essere fatta risalire all’Umanesimo e al Rinascimento. Questo ritorno alla classicità fu un evento di

grande importanza nella storia dell’occidente, rappresentò una straordinaria fonte di ispirazione per

la cultura del tempo e per quella successiva. Ma non è solo questo hanno anche messo in

prospettiva la loro cultura, confrontando le concezioni contemporanee con quelle di altri tempi e di

altri luoghi.

La famosa lettera di Nicolò Machiavelli indirizzata a Francesco Vettori del 1513, viene considerata

come il manifesto del Rinascimento, tale da fornire una rappresentazione viva e concreta della

venerazione che quest’epoca coltivò nei confronti dei testi classici.

Si può vedere il Rinascimento come una fondamentale scoperta di noi attraverso un’esperienza

comparativa compiuta attraverso la scoperta dell’altro, gli antichi.

Memoria come futuro - La vita interiore dell’umanità – Alessandro Piperno

Le meravigliose vestigia hanno più a che fare con la morte che con la vita.

Nietzsche denunciava il modo inerte di intendere e trasfigurare l’antichità.

George Steiner ha scritto che la democratizzazione dell’alta cultura ha generato un ibrido assurdo.

Getta la luce sul paradosso irrisolvibile della contemporaneità: il virtuoso impulso democratico alla

diffusione delle opere classiche che rischia di degenerare in una specie di delirio demagogico.

Steiner afferma che qualcosa è successo che ha reso talmente ardua la nostra comprensione

immediata del classico.

T.S. Eliot nel Bosco sacro del 1917, raccomanda al poeta un rapporto consapevole e spigliato con la

tradizione. Nessun artista preso da solo ha significato compiuto, la sua importanza è il giudizio di

lui in rapporto agli artisti del passato.

Eliot scrive questo nel bel mezzo dell’età modernista, nessuno meglio dei modernisti ha saputo

suggerire un modo altrettanto dinamico e irriverente di sfidare i classici e di mettersi in

competizione con loro.

Oggi rimane ben poco di quella fervente visione umanistica. Ma il dialogo con i classici inaugurato

dai modernisti resta il più fecondo.

Ciascun individuo può guardare ai classici e a mondo antico con una curiosità non meno sfrontata di

quella suscitata da un’opera inedita e contemporanea.

Curtius nel suo monumentale Letteratura europea e medioevo latino, scrive che la cesura tra

l’antichità e il mondo nuovo ha determinato una sensazione di relatività che impone la necessità di

un canone per assicurare la tradizione. Nasce l’idea di canone.

Calvino ricorda ch i classici sono quei libri che si rileggono continuamente e ogni rilettura è una

scoperta. Si capisce perché in De Chirico, malgrado tanti riferimenti classici, si percepisce un senso

di ironica perplessità.

Non c’è solo la derisione, si può avere una complicità retroattiva.

Magari lo strumento più utile per avvicinare i classici è l’empatia, bisogna trattarli come una riserva

di sapienza e consapevolezza di cui ciascuno di noi può aver bisogno. Non sono altro che la vita

interiore dell’umanità.

I ruderi e le rovine: l’archeologia nel cinema italiano – Gianni Canova

La dolce vita (1960) di Federico Fellini si apre su un passaggio dove le rovine introducono nel film

un elemento di forte tensione fra la modernità tecnologica e la classicità residuale. In questa

sequenza si manifesta l’idea simmeliana di rovina: una forma completamente nuova, un ibrido fra le

spinte costruttive della cultura e quelle distruttive della natura.

Per Simmel (1911) la rovina si distingue dal rudere per la sua configurazione di compromesso e per

la sua funzione epifanica: annuncio di come la natura rivendichi sempre i suoi diritti. Nel film i

ruderi sono ridotti complementi di arredo di una città-museo che forse è essa stessa una grande,

pulsante, indecifrabile rovina.

È raro trovare nel cinema italiano un approccio all’antico così ugualmente potente e così

densamente significante. Per lo più il cinema italiano ha adottato nel corso del tempo una triplice

strategia di approccio all’antico: esotica (lontananza temporale, avventura archeologica), turistica

(film che tematizzano e drammatizzano il sito archeologico come meta narrativa di itinerari turistici,

siti archeologico come luoghi dove perdersi o perdere qualcosa di se), epifanica (possibilità che

l’incontro con l’antico porti i personaggi a una diversa modalità di conoscenza di se e della propria

esperienza del mondo).

L’incontro con le rovine genera smarrimento, confusione e perdita di certezze. Il cinema si limita a

rendere visibile il mistero, ci fa davvero incontrare l’Altro che si annida nell’antico, rivelarlo e a

farlo entrare in relazione con noi.

Flaneries – Tra le rovine. Una passeggiata – Emanuele Trevi

In una densa penombra di abusi

La domesticazione delle rovine, lunga e laboriosa, e non priva di terribili conflitti, a Roma dura da

almeno due secoli. Tra i grandi artisti, Piranesi è stato l’ultimo testimone di questa incredibile

bidonville archeologica che sono i Fori. L’immagine di Piransei (Veduta dell’Arco di Tito, 1760)

trasuda storia, vita, consunzione, fatica e resistenza. L’istinto artistico di Piranesi lo spinge in

direzione opposta di quella dell’archeologo. Rispetto all’esistenza umana, la rovina e il paesaggio

naturale vibrano all’unisono.

Contro il tempo

Superata una certa soglia, l’eccesso di memoria minaccia le città esattamente come fa con gli

individui.

La passeggiata romana può diventare una sfida perpetua contro il tempo, ma tutto ciò che ritorna dal

passato ha la stessa natura della pazzia.

Nel labirinto

Il problema delle rovine romane è che non ci sono spazi neutri, lungi dall’evocare un senso di

penuria e scarnificazione, le rovine sono di quanto più saturo possa contemplare lo sguardo umano.

Bisogna camminare molto, perdersi spesso e volentieri, abbandonarsi alle correnti e ai mulinelli del

caso, e aspettare con fiducia il momento in cui, quando ormai non ci si aspetta più nulla, l’onda di

piena della meraviglia torni ancora una volta a travolgerci, a farci sentire vivi.


PAGINE

8

PESO

171.80 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE APPUNTO

Riassunto per l'esame di Storia e Critica dell’arte contemporanea, basato su appunti personali e studio autonomo del testo consigliato dal docente Trione: Post-Classici la ripresa dell’antico nell’arte contemporanea italiana, Vincenzo Trione.
Rielaborazione personale delle informazioni apprese con la frequenza delle lezioni e lo studio autonomo del libro di riferimento suggerito dal docente.


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in Relazioni pubbliche e comunicazione d'impresa
SSD:

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher cristina.f di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Storia e critica dell'arte contemporanea e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Libera Università di Lingue e Comunicazione - Iulm o del prof Trione Vincenzo.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Corso di laurea in relazioni pubbliche e comunicazione d'impresa

La storia della spagna democratica - Riassunto esame, prof. Gonzà les
Appunto
Appunti Storia del Cinema
Appunto
Laboratorio di scrittura italiana - Appunti
Esercitazione