Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Lubrificazione:

- Essudato vaginale;

- Muco cervicale;

- Ghiandole del Bartolini.

Le cellule epiteliali vaginali sono formate da glicogeno metabolizzato anaerobicamente in acido lattico dalla

flora vaginale residente. L’ambiente acido combatte batteri/sperma.

Si divide funzionalmente in:

- Due terzi interni più lassi e larghi, senza terminazioni nervose perché alla fine della gravidanza vi si

poggia il bambino; 

- Terzo esterno: più stretto e circondato da muscoli elevator ani: contrazione (vaginismo), perdita

di controllo/ipotono (perdita di desiderio). È ricco di terminazioni nervose (punto G).

L’utero.

Dimensioni: lungo 7 cm, largo 5 cm. Si divide in:

- Corpo;

- Fondo: si inseriscono le tube;

- Collo o cervice.

Ostio cervicale: apertura dell’utero nella vagina. Fornici: parti della vagina che circondano l’utero.

È mantenuto in posizione da una serie di legamenti:

- Largo dell’utero;

- Rotondo;

- Anteriore-posteriore;

la posizione normale è anteversa.

L’APPARATO RIPRODUTTIVO.

- Ovaie: lateralmente rispetto all’utero. Lunghe 4 cm, alte 2 cm e larghe 2,5.

- Tube di Falloppio: sul fondo dell’utero.

La fecondazione avviene nelle tube. Si dice gravidanza ectopica quando l’ovulo viene fecondato ma poi la

tuba si chiude. Fimbria parte finale delle tube che si appoggia sulle ovaie durante l’ovulazione.

Nelle fimbrie e nelle tube ci sono delle ciglia che si contraggono per fare in modo che l’ovulo dalle ovaie

vada verso l’utero e spingono gli spermatozoi verso il basso.

3. IL CICLO DI RISPOSTA SESSUALE.

LO STUDIO DI MASTERS & JOHNSON. 

Primo studio sistematico pubblicato nel 1966. Prima rapporti Kinsey basati su interviste dirette, fine

sociologico.

Studio pilota.

Serve per stabilire se la procedura scelta è adeguata per misurare il costrutto di interesse. Partecipanti: dal

mondo della prostituzione. 

Metodo: intervsita e studio fisiologico. Informazioni ottenute compiti per la terapia mansionale.

Studio sperimentale.

Il campione.

Di tipo stratificato, 276 coppie. Età: 18-78 femmine e 21-89 maschi.

Non è rappresentativo della popolazione perché le persone si sono presentate spontaneamente.

Caratteristiche del gruppo sperimentale:

- Volontario: volontà di collaborare + buona reattività sessuale;

- Livello di intelligenza e stato socioeconomico maggiori ella media;

- Capacità di riportare le proprie reazioni;

- Assenza di anomalie sociosessuali: solo eterosessuali;

- Piccolissimo campione di afroamericani;

- Assenza di alterazioni anatomiche, patologie, di tipo genitale.

Procedura.

Osservazione diretta del comportamento sessuale di:

- Coito naturale: femmine sotto, sopra di lato;

- Manipolazione manuale e/o meccanica;

- Coito artificiale: donna sotto o di lato (per studiare anche reazioni fisiologiche intravaginali).

Protocollo sperimentale.

- Intervistati (familiarizzare con ricercatori);

- Esami fisici obiettivi (ginecologici e andrologici);

- Visita laboratorio;

- Invito ad avere attività sessuale in laboratorio prima soli poi con sperimentatori presenti.

IL CICLO DI RISPOSTA SESSUALE.

Innovazione perché fino ad allora la risposta sessuale era concepita come una risposta unica.

1. Masters & Johnson (1966);

2. Kaplan (1974);

3. Kaplan (1979).

Modello di Masters & Johnson.

4 fasi:

1. Riposo o risoluzione;

2. Eccitamento;

3. Plateau (eccitamento massimo);

4. Orgasmo.  

Nell’uomo: fase di riposo eccitazione

Periodo

refrattario  

plateau scarica orgasmica periodo

Orgasmo refrattario alla stimolazione erotica. Il periodo

refrattario è probabilmente legato

Plateau all’eiaculazione, varia da pochi min a ore/giorni,

Eccitazione aumenta con l’età.

Risoluzione Risoluzione nella donna: abbiamo 3 curve di risposta A,B,C.

Non sono i tre tipi di risposta, ma esemplificano

Orgasmo le infinite modalità che possiede, ovvero la

molteplicità delle risposte. Non esiste una

Plateau risposta tipica.

Risoluzione  

A: simile all’uomo, eccitazione plateau

Risoluzione Risoluzione

Eccitazione  

orgasmo risoluzione (altri orgasmi)

( B) risoluzione.

A B C (C) (A) 

C: stato di riposo orgasmo risoluzione.

 

B: eccitazione plateau molto duraturo risoluzione senza orgasmo.

Le donne non sempre sono coscienti di provare un orgasmo, sensazioni meno forti, tipiche e distinte,

rispetto all’uomo.

Pertanto è difficile generalizzare, le risposte delle donne sono solo occasionalmente paragonabili a quelle

degli uomini.

Modello della Kaplan.

1. Nuove terapie sessuali;

2. Disturbi del esiderio sessuale.

Due modifiche: 

- Riduce il ciclio di M & J a solo due fasi natura bifasica della risposta:

o Eccitazione

o Orgasmo

Eccitazione e plateau non differiscono dal punto di vista qualitativo ma solo quantitativo. In realtà

l’eccitazione p regolata dal parasimpatico e l’orgasmo dal simpatico.

- Aggiunge il desiderio.

Curva ipotetica.

Non è basata su dati rappresentativi ma sull’esperienza clinica.

- assenza di orgasmo;

- Orgasmo clitorideo: solo con stimolazione diretta

del clitoride;

B C - Orgasmo coitale o vaginale;

- Orgasmo con fantasie o psichico.

A D

Orgasmo

Assenza con fantasie

Orgasmo Orgasmo

di orgasmo clitorideo coitale

Modello del DSM-IV.

FASI DESCRIZIONE FASE MODIFICAZIONI FISIOLOGICHE

uomo donna

Desiderio Fantasie e desiderio di

praticare attività

Eccitazione Sensazione soggettiva di Tumescenza e Vasocongestione

piacere sessuale erezione pelvica,

lubrificazione,

dilatazione,

tumescenza.

Orgasmo Picco di piacere, allentamento Contrazioni Contrazione

tensione. Negli uomini ritmiche muscoli parete terzo

inevitabilità del’eiaculazione. perineali e esterno e dello

sfintere anale sfintere anale

(non sempre

percepito)

Risoluzione Sensazione di rilassamento Refrattarietà a Possibilità di

muscolare e benessere. ulteriori rispondere a

erezioni/orgasmo. nuove

stimolazioni

ci possono essere disturbi anche nella risoluzione, ad esempio disturbo da eccitazione sessuale

permanente.

4. FISIOLOGIA DELLA RISPOSTA SESSUALE.

LA RISPOSTA SESSUALE MASCHILE.

In fase di riposo pene e testicoli pendono flaccidi.

L’erezione.

Fase di eccitazione- plateau:   

corpi cavernosi + corpo spugnoso sangue maggior pressione + contrazione tunica erezione.

Fase di plateau: uretra

- Si allunga;

- Raddoppia di diametro;

- Aumento fino a 3 volte del bulbo uretrale;

le ghiandole di Cowper producono goccioline mucoidi chiare: liquido prespermatico.

N.B: durante la fase i eccitazione l’erezione non è sempre uguale, raggiunge il massimo di durezza/rigidità

in fase di massima eccitazione.

Esistono diversi tipi di erezione:

- Preminzionale, al risveglio;

- Parziali;

- Ricorrenti durante la fase REM: l’apparecchio Rigiscan misura le erezioni notturne.

La disfunzione erettile potrebbe essere un sintomo sentinella di patologie più gravi:

- Diabete;

- Problema cardiaco.

Quindi è importante inviare sempre il pz dal medico per esami di primo livello.

Si hanno inibizioni dell’erezione in caso di:

o Freddo involuzione del pene;

o Vecchiaia avanzata;

o Castrazione chimica.

Sono sufficienti stimoli molto banali per inibirla. L’erezione è innervata da:

- Via sacrale (tra S2 e S4) erezione riflessa (stimolazione tattile del pene);

- Via corticospinale erezione psicogena (stimolo centrale: visivo, olfattivo, mnesico).

I testicoli durante la fase di eccitazione.

Vasocongestone provoca: inturgidimento, aumento delle dimensioni e sollevamento verso l’alto e

arretrano verso l’ano. Rispondono in modo indipendente. Il sollevamento completo si ha solo in fase di

plateau o orgasmo, nella fase di eccitazione si alzano/abbassano più volte.

L’orgasmo.

Avviene in due fasi:

- Emissione: sperma si raccoglie nel bulbo uretrale. Sensazione di inevitabilità dell’eiaculazione.

- Espulsione: contrazione muscoli perineali e bulbocavernosi.

Volume eiaculato: 1-6 ml. Maggiore eiaculato, maggiore è la sensazione di piacere.

La risoluzione.

Avviene in due stadi:

- Pochi secondi: perdita immediata di rigidità;

- Pene, scroto e testicoli tornano alle dimensioni di riposo.

LA RISPOSTA SESSUALE FEMMINILE.

Eccitazione afflusso di sangue, modificazioni genitali interne e esterne. La prima reazione sessuale nella

donna è la lubrificazione vaginale e l’erezione dei capezzoli.

Fase di plateau vasocongestione provoca la piattaforma orgasmica costituita da:

- Tessuti circumvaginali dilatati;

- Terzo esterno della vagina.

Le pareti della vagina si distanziano + sostanza lubrificante. Il clitoride è ruotato e poco prima dell’orgasmo

si ritrae.

Cute sessuale: cambiamento di colore delle piccole labbra, patognomico di un orgasmo:

- Nullipare: rosa rosso vivo;

- Pluripare: rosso vivo rosso vino.

Scompare immediatamente in fase di risoluzione.

Il clitoride.

Ricco di innervazioni somatiche e simpatiche. Nella fase di plateau il clitoride si ritrae, sommerso da

inturgidimento.

N.B: nella donna sembra esserci solo una risposta centrale, non riflessa.

La vagina.

Angolazione di 10°-15° verso il basso. In stato di riposo è larga 2 cm e lunga 7-8 cm mentre in fase di

eccitazione avanzata lunga 10,5 cm e diametro 6,5 cm.

La dilatazione e l’allungamento della vagina non vengono percepiti dalla donna, che però percepisce la

lubrificazione (10-30 sec dal primo stimolo sessuale).

L’orgasmo.

Utero presenta la massima elevazione, la vagina la massima dilatazione. Si verifica una contrazione dei

muscoli bulbocavernosi, pubococcigei, perianali. Allungamento del recesso posteriore.

L’utero subisce molte modificazioni durante il ciclo di risposta. L’orgasmo è diverso nelle nullipare e nelle

pluripare. Nelle pluripare l’eccitazione è necessaria per la riproduzione, nelle nullipare si ha ritenzione del

liquido seminale. 

Fase di eccitazione fossa per contenere deposito seminale.

La risoluzione.

- Scomparsa di espansione vaginale;

- Aumento del volume delle piccole labbra;

- Discesa dell’utero, in modo che la cervice si possa appoggiare alla fossa;

- Ritorno del clitoride in posizione di riposo.

5. RISPOSTA SESSUALE EXTRAGENITALE.

La risposta emozionale è molto simile a quella sessuale, entrambe sono mediate dal simpatico. Ma la

risposta sessuale si differenzia per la diffusa vasocongestione vascolare a livello superficiale e in profondità

e per l’aumento del tono muscolare a livello generale e specifico con contrazioni involontarie.

MODIFICAZIONI SNA SIMPATICO E PARASIMPATICO.

Le mammelle.

3 funzioni nella donna:

- Fonte di piacere;

- Contribuiscono in modo determinante all’immagine corporea, nutrono il bambino.

Formate da:

- Capezzolo;

- Areola: all’interno protuberanze.

- Al’interno: 15-25 ghiandole e dotti lattiferi, tessuto adiposo, tessuto connettivo fibroso, fibre

muscolari.

Sono ricche di terminazioni nervose.

Eccitazione nelle donne:

- Nel 60% erezione dei capezzoli;

- Si evidenziano le ramificazioni venose;

- Maggior dimensione causata dalla vasocongestione profonda.

Plateau:

- Tumescenza areola e mammella;

- Capezzoli non sembrano più eretti.

Risoluzione: calo della tumescenza.

L’arrossamento cutaneo.

La vasocongestione provoca flush o rush sessuale morbilliforme nel 25% degli uomini e nel 75% delle donne

ed è indice di tensione sessuale elevata. Inizia a livello epigastrico e negli uomini si diffonde a collo, viso,

fronte; nelle donne invece alle mammelle, torace, addome, spalle, cosce, natiche dorso. Si risolve durante

l’orgasmo, aumentato da fattori psicologici e/o ambientali.

Uretra e la vescica.

Negli uomini e nelle donne abbiamo dilatazione del diametro dell’uretra e del meato uretrale.

Cistite da luna di miele: irritazione della parte della vescica che passa nel corpo bulboso del clitoride, dovuta

alle spinte peniene.

Modificazioni cardiovascolari. 

Eccitazione avanzata e orgasmo iperventilazione;

tachicardia in rapporto diretto con aumento della tensione sessuale e aumento della pressione diastolica e

sistolica.

N.B solo nelle donne l’aumento del battito è maggiore durante la masturbazione rispetto al coito

(attenzione gravidanza!).

La sudorazione.

Gli uomini: dopo aver eiaculato sudorazione nel 33% soprattutto in pianta dei piedi e palmo della mano.

Le donne: dopo l’orgasmo sensazione di caldo eccessivo o freddo, più leggero e diffuso strato di sudore su:

dorso, cosce, torace, ascelle. Nel 33% dei casi anche fronte e labbro superiore.

Dilatazione pupillare.

Causa fotofobia, il muscolo che regola la contrazione pupillare è quello che subisce maggior aumento.

Innalzamento delle soglie sensoriali.

Si innalzano tutte le soglie, si è meno sensibili al caldo, freddo, dolore, rumore. In aggiunta le funzioni

corticali superiori sospendono temporaneamente le loro attività, importante invece nella fase di

eccitazione.

N.B: l’attivazione del SNS causata da ansia o emozioni negative inibisce il SNA, responsabile dell’eccitazione.

Modificazioni della tensione muscolare.

Molte contrazioni volontarie e involontarie. Nella fase di eccitazione avanzata si verifica spasmo

carpopodalico muscoli striati delle mani e dei piedi.

Le contrazioni possono aversi in diverse parti del corpo, aumentano la tensione sessuale e sono più intense

durante la masturbazione.

Modificazioni ormonali.

- Le endorfine: sostanze che fanno sentire meno il dolore durante e dopo.

- Ossitocina e vasopressina: l’ossitocina è l’ormone che innesca il travaglio e favorisce l’attaccamento

tra i due partner. Viene secreta nella fase di desiderio e di orgasmo e determina la durata

dell’inerzia post-orgasmica e del periodo refrattario nell’uomo.

Nell’uomo si ha anche produzione di vasopressina che provoca: maggior legame e maggior

aggressività verso gli altri maschi.

Quindi, le principali modificazioni extragenitali::

- Conseguenza diretta dell’azione del parasimpatico: es. sudorazione, rossore;

- Aumento del ritmo respiratorio, FC, pressione.

Funzioni:

- Consentire l’azione meccanica;

- Valore adattivo.

6. LA SESSUALITA’ LUNGO L’ARCO DI VITA.

Ciclo di vita:

o Infanzia;

o Pubertà/ adolescenza;

o Fidanzamento;

o Matrimonio/ convivenza;

o Gravidanza;

o Nascita del primo figlio;

o Nascita del secondo figlio;

o Figli in età prescolare;

o Figli in età scolare;

o Figli adolescenti;

o Figli giovani adulti;

o Nido vuoto.

L’INFANZIA E L’ADOLESCENZA.

Autostimolazione dei genitali inizia a 6 mesi, le prime erezioni si hanno durante la vita fetale.

N.B: l’erotizzazione avviene solo con la pubertà, devono essere infatti coinvolti il senso di se e il rapporto

con l’altro.

Femmine:

- 33% non si masturba mai;

- 33% solo dopo primo rapporto;

- 33% dall’adolescenza in poi.

Una ragione evoluzionistica ha portato all’inibizione di questo comportamento nelle femmine.

Durante l’adolescenza si devono affrontare numerosi compiti di sviluppo:

- Definizione del concetto di sé;

- Raggiungimento dell’autonomia decisionale e relazionale;

- Accettazione delle trasformazioni;

- Nuovi investimenti area sessualità e affettività;

- Costruzione di un sistema di progetti e valori.

La spinta biologica e quella culturale portano alla costruzione di un’identità corporea sessuata.

Attualmente età del primo rapporto: maschi 15 anni, femmine.

L’ETA’ ADULTA.

La durata del fidanzamento dipende dalla cultura di appartenenza.

Sterilità: non riuscire a concepire dopo 12 mesi di rapporti non protetti.

Infertilità: non riuscire a portare a termine una gravidanza. Dipende anche dall’età in cui si ha il primo figlio

e dallo stress cronico. Può essere causa di depressione, ostilità, disfunzioni sessuali e una disfunzione

sessuale può a sua volta causare infertilità.

Questi due aspetti hanno gravi ricadute sessuali sulla coppia. Oltretutto gli esami per la donna sono spesso

invasivi e dolorosi (es. isterosalpingografia: per verificare se le tube sono pervie).

PMA Procreazione Medicalmente Assistita:

- FIVET: Fertilizzazione in vitro con embryo transfer;

- ICSI: Intracytoplasmatic Sperm Injection.

LA GRAVIDANZA.

È meglio evitare i rapporti solo se:

- A inizio gravidanza rischio di aborto;

- A gravidanza inoltrata, in caso di distacco della placenta, cerchiaggio, minaccia di aborto o di parto

prematuro.

Si divide in tre trimtri:

I. Tempesta ormonale e ambivalenza;

II. Tutti i parametri della sessualità tornano alla normalità;

III. Il pancione ingombra, molto affaticamento fisico, calo del desiderio e delle attività ma non della

soddisfazione.

NASCITA DEL PRIMO FIGLIO.

Diminuisce la soddisfazione sessuale a causa della stanchezza. Soprattutto i primi 40 giorni sono molto

faticosi per la donna. Ripresa dei rapporti dopo il capoparto e guarigione dai punti di sutura. Problema del

bambino nel lettone!

FIGLI GIOVANI ADULTI.

Paura e vergogna dei genitori.

NIDO VUOTO.

Due possibili reazioni a seconda del tipo di relazione di coppia:


ACQUISTATO

4 volte

PAGINE

22

PESO

688.87 KB

AUTORE

mars24

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in psicologia clinica
SSD:
Università: Padova - Unipd
A.A.: 2015-2016

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher mars24 di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Psicologia della sessualità e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Padova - Unipd o del prof Panzeri Marta.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Psicologia della sessualità

Riassunto esame Psicologia della Sessualità, prof. Panzeri, libro consigliato Psicologia della Sessualità
Appunto
Psicologia della sessualità - disturbi sessuali DSM-V
Appunto
Valutazione del funzionamento sociale adattivo
Dispensa
Indici di affidabilità
Dispensa