Che materia stai cercando?

Riassunto esame Pedagogia generale, prof. D’Arcangeli, libro consigliato Verso una scienza dell’educazione, Rossi Appunti scolastici Premium

Riassunto per l'esame di Pedagogia generale e del prof. D'Arcangeli, basato su appunti personali e studio autonomo del testo consigliato dal docente Verso una scienza dell'educazione, Rossi. Gli argomenti trattati sono i seguenti:
La crisi del positivismo : Giovanni Marchesini e la “Rivista di filosofia e scienze affini”
I difficili esordi di Pasquale Rossi nella “Rivista”... Vedi di più

Esame di Pedagogia generale con laboratorio docente Prof. M. D'Arcangeli

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Mazzini”   in   cui   individuava   la   nota   di   misticismo   di   Mazzini,   forma   patologica   del   comportamento   collettivo  

benché  non  priva  di  potenzialità  socialmente  progressive.  

“Psicologia  collettiva”o  misconosciuta  o  poco  studiata  per  ‘innanzi    le  forme  disperse  o  raccolte.  

Nel  1899  Rossi  doveva  ricordare,  a  un  secolo  di  distanza,  nella  conferenza  su  “I  martiri  cosentini”  del  1799,  i  

protagonisti  di  un  episodio  rivoluzionario    il  cui  esito  testimoniava  dell’inevitabile  sterilità  di  qualsiasi  azione  

politica   basata   su   idealità   prive   di   riscontro     nel   contesto   storico-­‐sociale   di   riferimento     -­‐   inchiesta   sulla  

questione  delle  condizioni  dell’Italia  meridionale  e  insulare    dal  catanzarese  “PENSIERO  CONTEMPORANEO”  

di  Antonio.  Renda  polemizzando  sulle  rappresentazioni  (negative)  di  maniera  dell’Italia  del  Mezzogiorno.  

Rappresentava  in  termini  antropologici  sociali,  non  negava  la  possibilità  di  un  riscatto  delle  popolazioni  del  

sud  chiedendo  maggiore  libertà  sia  politica  che  economica.  

Al   fondo   dei   suoi   interessi   psico   collettivi   c’erano   le   folle   della   sua   Calabria     e   le   ricerche   delle   cause  

dell’innegabile  condizione  di  arretratezza,  nonché  dei  possibili  rimedi.  

Marchesini   lodava   Rossi   per   la   calda   eloquenza   con   la   quale   aveva   ricordato   lo   sfortunato   tentativo  

insurrezionale    ne  “I  martiri  cosentini  del  1799”  

Sul  periodico  bolognese  scrive  un  articolo  su  Mazzini  “La  mente  di  G.Mazzini  e  la  psico-­‐fisiologia”  e  poi  “e  la  

Scienza   Moderna”   (che   subì   una   stroncatura).   Anche   Marchesini   fa   notare   le   diverse   mende   su   Mazzini,  

come   anche   proviene   una   certa   stroncatura   da   Pietro   Romano,   che   comunque   sentiva   come   una  

profanazione  alla  sacra  immagine  di  un  padre  della  patria  (Mazzini  ipertrofico  ma  senza  cornice  o  sfondo).  

Il  cosentino  poi  adoperò  maggiore  cautela  nel  non  urtare  la  sensibilità  patriottica  del  lettore.  

 

3.  Statica  e  dinamica  delle  folle  :  Pasquale  Rossi  fra  psicologia  collettiva  e  psicologia  sociale  

Presenta  “Mistici  e  settari”  e  “Psicologia  collettiva”  ,  Rossi  completa  inoltre  L’animo  della  folla,  e  Marchesini  

evidenziava  la  rara  operosità,  la  cultura  nonché  la  modestia  del  calabrese.  

Viene   anche   esaltata   la   sua   originalità   nella   definizione   di   misticismo   in   termini   di   fenomeno   iniziale   e  

grande  avvenimento  di  infuturazione    storica,  portandone  i  germi  a  tutta  la  civiltà.  

Si  occupò  inoltre  delle  sette  religiose.    

Archivio   di   psicologia   collettiva   e   scienze   affini.   Il   periodico   cosentino   fu   giudicato   con   ECCESSO   di  

specializzazione  scientifica.  

Rossi   era   una   promessa   degli   studi   psico   sociali   italiani   anche   se   Groppali   nella   sua   Rassegna   mette   in  

dubbio  il  suo  talento  anche  se    per  “Mistici  e  settarii”  era  d’accordo  con  la  visione  rossiana,  interpretazione  

sociologica  esatta.  Posizioni  di  Ferri  e  Sighele    ciò  non  significava  aver  fatto  ricorso  ad  una  sorta  di  ipse  dixit  

….per   il   calabrese   lo   studio   dei   fenomeni   dinamici   doveva   essere   portato   avanti   dalla   psicologia   sociale,  

scientificamente  molto  prima  della  psicologia  collettiva.  

Il   sociologo   ardigoiano   (Groppali)     reiterava   l’accusa   al   cosentino   di   avere   slargato   i   limiti   della   psicologia  

collettiva  ne  “la  psicologia  sociale  e  collettiva”.  In  due  anni  il  cosentino  aveva  prodotto  quella  esposizione  

intorno  alla  psiche  della  folla  –  la  conclusione  era  “La  psicologia  collettiva  morbosa”.  

Studiato  il  lato  morboso  della  folla  ,  approfondì  i  rapporti  con  l’arte,  il  cosentino  approdava  alla  disamina  

del  tormentato  problema  della  EDUCAZIONE  DELLA  FOLLA.  

Con   le   prime   linee   di   quella   che   qui   viene   denominata   follacultura   si   chiudeva   il   ciclo   dottrinale   della  

psicologia  collettiva  e  contemporaneamente  il  ciclo  di  lavoro    iniziato  all’indomani    della  pubblicazione  de  

“L’animo   della   folla”.   In   realtà   Pasquale   Rossi,   già   in   Psicologia   collettiva   non   si   era   sottratto   di   definire   i  

rapporti  con  la  psicologia  sociale.  Respinge  la  rigidità  di  una  rigida  distinzione  tra  folle  statiche    e  dinamiche,  

anche   tra   le   due   psicologie   c’erano   solo   differenze   di   nuances   (psicologia   collettiva   aveva   ad   oggetto   la  

folla,  quella  sociale  un  insieme  di  folle).-­‐  all’interno  delle  scienze  storiche,  l’unica  verapsicologia  era  quella  

rossiana.  

Tra  il  1902  e  il  1904  egli  rivede  il  rapporto  tra  i  caratteri  iperorganici  e  quelli  etnici  o  di  razza  della  psiche  

collettiva    e  quella  tra  folla  e  popolo.  

Le   ricerche   psico   sociali     appaiono   a   Rossi   affette   da   una   certa   astrattezza     retaggio   dell’originaria  

impostazione   metafisica   spiritualistica,   che   può   essere   superata   con   la   filosofia   positiva   ardigoiana     del  

materialismo  storico  e  del  determinismo  economico.  

“collettività  staticamente  associantesi”  per  la  psicologia  collettiva  e  quella  dinamicamente  operante  per  la  

psicologia  sociale.  

Pietro  Romano  noterà  i  progressi  della  Psicologia  morbosa  collettiva  rispetto  al  lavoro  su  Mazzini  che  qui  

dovremmo  giudicare  severamente  ,  ma  condividendo  con  il  medico  cosentino  l’allargamento  dell’istruzione  

alle  masse  popolari.  Romano  non  apprezzava  l’ibrido  “follacultura”.  

Il  cosentino  aveva  anche  intuito  il  ruolo  nevralgico  che  avrebbero  avuto  i  mezzi  di  comunicazione  di  massa  

nelle  società  coontemporanee  e  invitava  a  tenerne  conto  nell’elaborazione  di  una  pedagogia  all’alteza  dei  

tempi.  

Rossi  non  sosteneva  che  con  un  neologismo  si  potesse  risolvere  i  problemi  discussi,  per  cui  riconosceva  la  

fondatezza  delle  critiche,  come  anche  diceva  Groppali.  “sociologia  e  psicologia  collettiva”  di  Rossi  risponde  

a  questi  sproni.  

4.  i  suggestionatori  e  la  folla:  un  rapporto  complesso,  dialettico,  formativo  

 

Rossi  scrive  sula  Rivista  “La  psicologia  del  MENEUR”  redatto  nel  marzo  1900  che  poi  doveva  confluire  ne  “I  

suggestionatori   e   la   folla”.   Studi   dei   fascinati   e   fascinatori,   soprattutto   su   questi   ultimi   ma   con   una  

reciprocità  e  avvicinamento  degli  uni  agli  altri.  

Meneurs  che  agiscono  a  contatto  con  la  folla  in  cui  assumono  una  –  mistici  –  o  diverse  –  tragici  personalità.  

Terza  categoria  di  meneurs  sono  i  fascinatori  di  Ribotla  cui  forza  è  nel  potere    di  riflessione  che  non  lasciano  

nulla  al  caso  ma  sono  sans  prestige,sans  sympathie  (meneur  a  distanza  rossiani).  

La   folla   non   rimane   passiva…   è   essa   ad   attivare   e   suscitare   il   suggestionatore,   gli   comunica   la   sua   febbre  

quasi   ne   svegli   le   latenti   personalità.   La   folla   è   anche   capace   di   far   cessare   la   dinamica   psichica   che   pure   ha  

innescato   esercitando   una   pressione   INIBITORIA   e   se   il   suggestionatore   non   saprà   sollevarsi   a   più   alte  

personalità  per  tornare  a  dominarla  ne  uscirà  sopraffatto  e  distrutto.  

A   volte   non   c’è   una   patologia,   ma   ci   sono   forme   normali   che   non   sortiscono   effetti   di   natura   patologica  

(modo   in   cui   si   diffonde   scienza,   arte   e   letteratura).   Contribuì   anche   con   “il   valore   sociale   dei   meneurs”  

sempre  nella  rivista  di  Marchesini  .  meneurs  mediati  per  poi  convergere  sul  binomio  immediati  –  folla.  

I  primi  meneurs  non  sono  dei  suggestionatori  e  per  Rossi  coincidono  con  quei  grandi  uomini  che  lasciano  

tracce   imperiture   nella   storia   della   civiltà.   Sente   il   bisogno   di   stare   tra   la   “scuola   individualistica”   e   la  

corrente  sociale    (taine)  quella  in  sintesi  che  considera  il  genio  o  l’eroe  come  rivelatore    dell’inconsapevole  

tendenza    della  folla  quando  non  ne  sia  una  forza  di  opposizione  in  quanto  assomma  i  moti  che  sono  assenti  

nell’animo  collettivo.  Dunque  eroe  e  folla  non  sono  contraddittori  ma  necessari  per  l’evoluzione  umana.  

Valore  sociale  dei  meneurs  mediati    per  cui  dalla  psicologia  collettiva  si  va  alla  SOCIOLOGIA.  

La   folla   non   è   fatta   né   di   normali   né   di   criminali   ma   i   ciò   che   ne   fa   il   meneur   cioè   automi   incoscienti   guidati  

dalla  suggestione    e  dall’atteggiamento  opposto    che  ha  il  suo  maggiore  rappresentante  in  sighele.  

Nelle   folle   anche   apparentemente   senza   guida   un   grido,   un   gesto   di   un   singolo   partecipante   assolve   questa  

funzione   di   catalizzazione   e   amplificazione   dell’energia   collettiva   (che   era   dentro   silente   ogni   singolo  

individuo)  e  ancora  che  questi  ignorati  e  autonomi  suggestionatori  (sobillatori??)  dallo  stesso  stato  di  folla..  

a   Max   nardau   alla   sua   teoria   dei   grandi   uomini   che   suggeriscono   ciò   che   si   chiama   anima   del   popolo   ,   il  

carattere  nazionale.  Creare  insieme  emozioni  e  pensiero  (Nordau).  

5.  le  origini  della  psicologia  collettiva  e  la  sua  vocazione  pedagogica    

Riconoscimento   delle   folle   sia   staticamente   che   dinamicamente   considerate,   di   una   compartecipazione  

attiva   alla   vicenda   storica.   “sociologia   e   psicologia   collettiva”   che   avrebbe   dovuto   offrire   una   esposizione  

sistematica  (1902)  –  psicologia  collettiva  come  scienza  e  come  metodo.  

Per  Rossi  il  sorgere  e  il  maturare    di  una  consapevolezza  delle  origini  della  psicologia  collettiva  che  potrebbe  

chiamarsi   follaculturale.   Un’impostazione   di   questo   tipo   è   esplicitata   sin   dall’apertura   dl   1902,   sgorgata  

dall’Illuminismo  –  da  Vico    a  Romagnosi  –  moderno  moto  di  cultura  della  folla.  

Educabilità  non  solo  dell’individuo,  ma  delle  folle  (pensatori  d’oltralpe  tipo  Voltaire  e  Rousseau)  e  i  minor  

D’alembert  –  anticipazione  della  scienza  dell’educazione  collettiva.  Obiettività  della  storia  di  una  disciplina  i  

cui  contorni  epistemologici  erano  ancora  sfumati.  Magmatico  universo  di  fenomeni  e  saperi.  

Scienza  legata  alla  prassi.  Rossi  marxianamente    affermava  che  questo  sapere  non  era  disceso    dai  cieli  di  

una  dialettica  puramente  ideale    e  perché  si  avviasse  uno  studio  della  folla,  questa  dovesse  essere  coinvolta  

nei  fatti  storici  in  una  fase  in  cui  la  lassi  popolari  non  potevano  proporsi  come  consapevoli  protagoniste    e  

quindi  solo  per  mezzo  e  come  mezzo    di  altre  classi  .  la  scienza  risultava  anticipata  da  una  prassi  e  da  una  

riflessione  pedagogica.  

Struttura   e   sovrastruttura   ma   senza   cadere   in   rigide   deterministiche.   Scienze   sociali   anticipate   da   Groppali,  

Rossi   (cattaneo   –   psicologia   delle   menti   associate).   Psicologia   sociale   –   fra   psicologia   individuale   e  

sociologia.  Da  Filangeri  a  Gioia  educare  le  folle  con  la  psicologia  collettiva  fino  a  far  sorgere  al    suo  interno  il  

carattere  nazionale.  

Mario   Pagano   –   Francesco   Salfi   lo   definisce   il   meno   utopico   degli   scrittori   meridionali   che   discendono   da  

Vico.  Monografia  dell’intento  politico  studiato  dal  cosentino  –  multanimità  degli  attori  drammatici.  

Gian  Domenico  Romagnosi,  egli  scrive  “dell’indole  e  dei  fattori  di  incivilimento”  e  mette  in  evidenza  il  ruolo  

determinante   che   gioca   la   classe   media   ma   anche   l’opportunità   di   liberare   la   classe   inferiore   da   sinistre  

prevenzioni    di  emanciparla  da  infausti  pregiudizi.  

Incivilimento  di  un  popolo  è  collegato  alla  classe  media.  

Romagnosi   preannuncia   Taine   e   la   sua  interpretazione   di   animo   sociale   onde   questo   si   compone.   (concetto  

di  storicità  di  Auguste  Compte.  Rossi  e  i  meneur  anticipati  da  Romagnosi  

Primordi   della   psicologia   collettiva   non   si   può   non   fare   riferimento   a   Melchiorre   Gioia   “l’inclinazione   ad  

imitare   cresce   in   ragione   degli   individui   circostanti”.   INSEGNAMENTO   MUTUO   perché   l’insegnamento   è  

movimenti,   azioni   simili.   Gioia   si   chiede   se   nel   popolo   siano   cognizioni,   volontà,   potere.   Per   lui   il   popolo  

diventa  feroce  per  intolleranza  o  compassione.  Il  saggio  di  Melchiorre  Gioia    precorreva  l’opera  di  Sighele  

ed  è  il  primo  studioso  della  folla  con  intenti  scientifici.  

 

  .  La  folla  tra  scienza  e  ideologia:  Pasquale  Rossi  e  “Rivista”,  due  visuali  in  conflitto.  

6

La   Rivista,   prima   di   ospitare   il   valore   sociale   dei   meneurs   si   occupò   nella   rassegna   di   Morselli   de   “I  

suggestionatori   e   la   folla”   –   il   meneur   trae   la   sua   forza   dalla   suggestione     fenomeno   esaurientemente  

descritto   negli   ultimi   anni   con   la   psicologia   patologica   e   psichiatria-­‐   soggetto   attivi   e   molti   passivi   che   ne  

assumono  la  personalità  –  forza  odica  della  psicosi  collettiva.  

Rimane   il   Gotha   dei   nostrani   fondatori   di   psicologia   collettiva.   Gli   elementi   più   intellettuali   e   volitivi  

agiscono   nelle   mentalità   inferiori   le   dominano   e   le   guidano.   E’   vero   che   gli   eroi   in   un   dato   momento  

impersonano  i  sentimenti    le  idee  e  le  tendenze    di  una   civiltà   è   vero   anche   che   senza   la   spinta   di   quelle  

personalità   superiori     l’umanità   proseguirebbe   stentatamente   sulla   via   del   progresso   o   starebbe   in   una  

mediocrità  immobile  o  in  un  equilibrio  desolante.  

Pare   che   poi   il   cosentino   si   distaccò   dalla   rivista   di   Marchesini,   ma   vi   si   ravvicinò   nel   1905     dopo   che   la  

partecipazione   al   Congresso   Internazionale   di   psicologia   a   Roma     avevano   certamente   accresciuto   le  

quotazioni  scientifiche  di  Rossi.  Apologia  della  psicologia  collettiva.  

Fu  poi  imitato  da  Le  Bon  Tarde  e  Durkheim.  

 

7.  la  demopedia  scienza  dell’educazione  della  folla  

Rossi,   quando   fu   colto   dalla   morte,   stava   per   tornare   al   periodico   di   Marchesini   con   l’articolo   sulla  

demopedia.   Estremo   saluto   che   la   Rivista   gli   rivolse   nel   necrologio   di   Romolo   Bianchi   …c’erano   tante  

ambiguità  irrisolte  nel  rapporto  tra  intellettualità  che  si  raccoglieva  nel  periodico  e  lo  psicologo  della  folla  

calabrese.   Era   un   necrologio   contenuto   nell’elogio   delle   qualità   personali   e   dell’opera   del   defunto.  

Purtroppo   il   Rossi   non   era   ancora   un   autore   consacrato.   Romolo   Bianchi   ne   fa   la   parabola   scientifica,  

parlando  della  folla  e  della  sua  nuova  concezione.  


ACQUISTATO

4 volte

PAGINE

10

PESO

174.06 KB

AUTORE

criant71

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE APPUNTO

Riassunto per l'esame di Pedagogia generale e del prof. D'Arcangeli, basato su appunti personali e studio autonomo del testo consigliato dal docente Verso una scienza dell'educazione, Rossi. Gli argomenti trattati sono i seguenti:
La crisi del positivismo : Giovanni Marchesini e la “Rivista di filosofia e scienze affini”
I difficili esordi di Pasquale Rossi nella “Rivista” – la mente di Giuseppe Mazzini e la psico-fisiologia
Statica e dinamica delle folle : Pasquale Rossi fra psicologia collettiva e psicologia sociale
i suggestionatori e la folla: un rapporto complesso, dialettico, formativo
le origini della psicologia collettiva e la sua vocazione pedagogica
La folla tra scienza e ideologia: Pasquale Rossi e “Rivista”, due visuali in conflitto.


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in scienze della formazione primaria
SSD:
Università: L'Aquila - Univaq
A.A.: 2015-2016

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher criant71 di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Pedagogia generale con laboratorio e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università L'Aquila - Univaq o del prof D'Arcangeli Marco.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Pedagogia generale con laboratorio

Riassunto esame Pedagogia generale, prof. D’Arcangeli, libro consigliato Luigi Credaro e la Rivista Pedagogica (1908-1939), D’Arcangeli
Appunto
Riassunto per l'esame di didattica generale, professoressa M.V. Isidori. Libro consigliato M.Gennari, Manuale di didattica generale cap 1, 5, 7, 8 ,9, 10
Appunto
Riassunto esame Didattica Generale, prof. Isidori, libro consigliato Manuale della Valutazione Scolastica, Domenici
Appunto
Riassunto esame Storia della pedagogia, prof. Vaccarelli, libro consigliato Manuale di pedagogia, Pagano
Appunto