Che materia stai cercando?

Riassunto esame Pedagogia generale, prof. D’Arcangeli, libro consigliato Luigi Credaro e la Rivista Pedagogica (1908-1939), D’Arcangeli Appunti scolastici Premium

Riassunto per l'esame di Pedagogia generale e del prof. D'Arcangeli, basato su appunti personali e studio autonomo del testo consigliato dal docente "Luigi Credaro e la Rivista Pedagogica (1908-1939)", Marco Antonio D'Arcangeli. Gli argomenti trattati sono i seguenti:
La “Rivista Pedagogica”, il fronte antidealistico e Luigi Credaro
L’eta’ dell’imperialismo e... Vedi di più

Esame di Pedagogia generale con laboratorio docente Prof. M. D'Arcangeli

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Nella  stessa  categoria  di  intellettuali  organici  va  collocata  Emilia  Santamaria  insegnante  alla  scuola  

normale   di   bologna   presente   per   tutto   il   trentennio   e   allieva   di   Credaro   moglie   di   Formiggini    

gestore  della  rivista  da  gennaio  1910  –  1912.  

Costui  fu  ideatore  di  parecchie  innovative  iniziative  editoriali  ma  non  fu  Fortunato.  

Pietro   Romano   fu   un   altro   maturo   intellettuale   insegnante   alla   Scuola   Superiore   di   Educazione  

Fisica  di  Torino.  Spiritualista  umanistico  tentò  di  sistemare  etica  con  basi  empirio-­‐psicologiche    

Per   lui   il   fine   della   volontà   risiedeva   nella   liberazione   del   dolore   attraverso   la   “calma”   come  

sentimento  di  armonia  tra  il  piacere  e  il  suo  opposto.  

Giuseppe  Tambara  preside  del  liceo  Ariosto  di  Ferrara.  

Nel  comitato  vi  era  equa  rappresentanza  garantita  ad  ogni  ordine  e  grado  dell’insegnamento  ad  a  

tutte  le  componenti  del  mondo  scolastico,  Ministero  incluso.  

3. Direttori  locali  della  rivista  –  il  periodico  nel  contesto  del  1°Novecento  

 fianco  della  Redazione  con  ruolo  differenziato,  complementare  ed  anche  essenziale  furono  istituiti  

un   nucleo   di   Direttori   Locali   con   il   compito   di   curare   la   diffusione,   raccogliere   elementi   utili   per  

rendere  più  ricco  e  valido  il  contenuto  nell’ambito  delle  Regioni  di  appartenenza.  

Ruolo  affidato  ai  personaggi  di  un  certo  rilievo  nel  panorama  filosofico  e  pedagogico  del  periodo.  

In  Sicilia  Giovanni  Antonio  Colozza  molisano  allievo  di  Troiano  positivista  autore  di  una  pedagogia  

di   stampo   herbartiano   connotata   dalla   valorizzazione   dello   sforzo   e   sostenitore   di   una   filosofia  

dell’esperienza  che  conservava  però  il  carattere  oggettivo  del  sapere.  

Nelle   province   del   napoletano   Nicola   Fornelli   barese,   positivista,   si   dedicò,   insieme   a   Credaro,   a  

diffondere  l’herbartismo  pedagogico    e  a  sostenere  la  diretta  gestione  dell’istruzione  elementare  

da   parte   dello   Stato   nonché   un   modello   educativo   laico   imperniato   sul   valore   formativo   del  

metodo   scientifico   mirante   a   costituire   una   nuova   moralità   da   sostituire   a   quella   fondata   dal  

dogma  religioso.  

In   Piemonte   Paolo   Raffaele   Troiano   e   per   il   Veneto   Giovanni   Marchesini   –   fondatore   con   Cantoni  

della  Rivista  di  Filosofia  nel  1908  

In   Toscana   Francesco   de   Sarlo   di   formazione   medica   di   natura   sperimenalistica,   superate   le  

posizioni  positivistiche,  sulla  base  degli  esiti  dell’indagine  psicologica,  terreno  privilegiato  della  sua  

ricerca,  approdo  ad  uno  spiritualismo  realistico  e  realismo  psicologistico  

In  Emilia  Giuseppe  Michele  Ferrari,  calabrese,  docente  di  pedagogia  dell’Università  di  Bologna  (da  

non  confondere  con  Giuseppe  Cesare  Ferrari).  

Nel  1907  ci  fu  Giuseppe  LOMBARDO  RADICE  che  pubblicò  “Nuovi  doveri”,  divenuto  nuovo  orgao  

della   pedagogia   attualistica   nei   cui   confronti,   così   come   il   pensiero   idealistico   in   generale,   non  

assunse   mai   carattere   bellicoso.   Lo   stesso   dicasi   per   la   parte   avversa   anzi   vi   fu   una   coesistenza  

pacifica  con  scambi  frequenti  di  menzioni.  

Questo   fino   al   primo   conflitto   mondiale   dopo   del   quale   ci   fu   una   brusca   radicalizzazione   delle  

posizioni,   causata   dagli   idealisti,   tesi   alla   conquisa   dell’egemonia   culturale   mediante   lo  

smantellamento  delle  altre  posizioni.  

Il   gruppo   della   RP   costretto   a   difendersi   lo   farà   rigettando     la   esasperata   modalità   di   confronto  

privilegiata  dagli  idealisti  attualisti.  

3Direttori  Locali  

In  Lombardia  Alfredo  Piazzi  valtellinese  allievo  di  Cantoni  e  quindi  neokantiano  si  era  concentrato  

sulle  tematiche  pedagogiche  mostrando  di  condividere  l’orientamento  herbartiano.  Rivolse  le  sue  

attenzioni  maggiormente  alle  tematiche  didattiche  relative  alla  riforma  dell’insegnamento  medio  e  

alle  implicazioni  sociali  e  politiche  dell’educazione.  

In   Liguria   Roberto   Benzoni   docente   di   Pedagogia   all’Università   di   Genova   nonché   direttore   della  

Scuola  Pedagogica  Locale.  

Accanto  a  questi  Direttori  Locali  bisogna  ricordare  Giuseppe  Tarozzi  autore  del  primo  articolo  della  

Rivista  dopo  la  nota  programmatica  di  Credaro.  

Collaboratore  per  l’intera  durata  della  Rivista  e  principale  esponente  della  tendenza  revisionistica  

interna  al  positivismo  di  Ardigò.  

Il   positivismo   era   in   crisi   in   quanto   venivano   sempre   più   evidenziandosi   le   inadeguatezze   ad  

insufficienze  della  scienza  ottocentesca  soprattutto  nella  comprensione  del  mondo  umano  e  della  

vita  spirituale.  

Questi   post   positivisti   risentirono   del   clima   irrazionalistico   della   cultura   di   inizio   secolo   900   pur  

volendo  salvaguardare  una  legittimità  per  la  conoscenza  empirica.  

Dalla   ricognizione   effettuata   sulla   composizione   del   Comitato   di   Redazione   (membri   romani,  

esterni  e  direttori  locali)  emerge  un  dato:  forte  rappresentanza  di  ex  positivisti  assieme  ad  un  cero  

numero  di  positivisti,  presenza  di  scienziati  come  Sante  de  Sanctis  e  De  Sarlo  ed  una  schiera  ridotta  

di  neokantiano  anzi  allievi  di  Credaro  ed  alcuni  padri  di  questo  pensiero.  Positivisti  quindi  di  tutte  

le   generazioni   e   neokantiani   solo   i   più   giovani   esponenti.   Comunque   si   realizza   una   significativa  

convergenza,  come  già  detto,  fra  le  due  correnti  quantomeno  sul  piano  della  impostazione  della  

problematica  pedagogica.  

 

 

 

 

 

 

 

 

  III  CAPITOLO  –  uno  SGUARDO  D’ASSIEME  ALL’ESPERIENZA  DELLA  “RIVISTA”  

 

LE  PRESENTAZIONI  DI  CREDARO  

Note  programmatiche  di  Credaro.    

Illustra  il  suo  periodico,  che  non  sopravvive  alla  sua  morte.  

Quando   fu   alla   Minerva   il   suo   ruolo   fu   rivestito   da   Guido   Della   Valle,   ma   il   patriottismo   di   Credaro  

fu  sostituito  da  un  certo  nazionalismo  pedagogico,  della  Valle  inoltre  era  favorevole  alla  guerra  (  

muoiono  corpi  ma  rinnova  anime!!!).  

Nel  1916  egli  torna  al  timone  della  sua  rivista.  

Scrive   “Seguitando”   in   cui   esprime   opinioni   sulla   guerra,   anche   quando   finisce   e   poi   parla  

dell’analfabetismo   e   del   fatto   che   debba   essere   risolto   questo   grave   problema,   in   quanto   solo  

l’istruzione  evita  che  il  popolo  faccia  rivolte  e  ribellioni.  

Normalmente  il  periodico  era  mensile,  ma  nel  1919  escono  solo  5  numeri  .  

Formiggini  e  Resta  si  dimettono  perché  il  periodico  appare  troppo  eclettico  (1919)  ma  egli  dice  che  

la   Rivista   pedagogica   deve   essere   aperta   a   tutti.   Credaro   non   era   settario.   Rigetta   negazione  

autonomia  della  pedagogia    e  della  sua  scientificità  in  senso  sperimentale  (attualismo  gentiliana).  

Il  programma  e  quello  del  regime  non  coincidono  affatto.  

Egli   cercava   di   sopravvivere   neutrale   al   fascismo     ma   se   ne   distaccò   e   rimase   solo   perché   tutti  

celebravano  i  fasti  del  regime.  

Vicende   ANSP   si   capirono   da   atti   della   Associazione   nazionale   Studi   Pedagogici     -­‐   sezioni   di   Bari,  

Alessandria,  Genova,  Gubbio  Lanciano  lodi  e  Napoli.  

Esposizione  Scolastica  Nazionale  ed  Internazionale  a  Roma  che  doveva  essere  fatta    in  occasione  

del   50   esimo   anniversario   ma   che   non   andarono   a   buon   fine.   Credaro,   Ministro   dal   1910   alla  

Minerva,   fu   molto   impegnato   nella   avocazione   della   scuola   elementare   allo   Sato.   Rimase  

presidente  della  Associazione  ma  non  Direttore  della  Rivista.  

La   “tendenza   dei   fanciulli”   in   cui   descrive   stato   morale   e   sociale   delle   fanciulle,   asSistenza  

scolastica  e  pedagogico  sociale.  

Fermento  ideale  e  organizzativo.  

Pedagogia  scientifica  legata  alla  psicologia  e  alle  scienze  sociali.  

VICENDE  ANSP        

Le  vicende  sono  narrate  dagli  atti  dell’Associazione  Nazionale  Studi  Pedagogici  reperibile  nel  fondo  

Credaro  

C’era   un   Ufficio   di   Presidenza,   un   Consiglio   Generale   e   una   Rivista   Pedagogica   (comiato   di  

Redazione).  Credaro  era  Presidente  ma  anche  direttore  dal  1908  al  1910.  

I  fini  della  Rivista  sarebbero  stati  perseguiti  anche  tramite  esposizioni,  congressi,  musei  scolastici  e  

biblioteche.  Tra  le  iniziative  di  spicco  ci  fu  l’organizzazione  di  una  Esposizione  scolastica  Nazionale  

ed   Internazionale   (nel   quale   Credaro   introdusse   il   problema   della   scuola   elementare)   –   la  

statalizzazione  e  il  Convegno  Nazionale  sulla  scuola  normale.  Tra  i  temi  trattati  la  coeducazione  dei  

sessi  e  i  tirocini.  

Uno  degli  eventi  fu  il  congresso  di  Pedagogia  Ordinato  dall’associazione.  

Ci  furono  altre  Adunanze  del  Consiglio  generale  dell’asociazione,  organo  al  quale  spettava  Ufficio  

di   Presidenza   (unica   novità   fu   ingresso   di   Tarquinio   Armani).L’ANSP   si   consolidava   e   ci   fu   un  

notevole  fermento  delle  Sezioni.  Fermento  poi  alimentato  da  UMN  e  FINISM.  

Lotta   all’analfabetismo   e   problemi   istruzione   classi   meno   abbienti   –   periodico   “La   Cultura  

Popolare”.  

Non  si  può  tracciare  una  storia  della    Rivista  sotto  il  solo  dibattito  teorico  pedagogico.  

Consiglio   generale   ANSP   ci   dice   che   ne   fanno   parte   26   professori   universitari,   tre   alti   funzionari  

della  PI,  19  insegnanti  di  istituti  classici  e  tecnici,  21  professori  della  Scuola  Normale.  

Nota  di  Credaro  in  calce  (1924)  –XVIII  anno  della  Rivista  Pedagogica  –  voce  di  tutti  gli  insegnanti  

italiani  privilegiando  opinioni  e  proposte  di  chi  operava  concretamente  sul  campo.  

In  essa  una  ricca  saggistica  di  carattere  storico  critico    firmato  da  insegnanti  medi  il  più  delle  volte.  

A   partire   dal   1914   l’apparizione   di   atti   della   associazione   si   fece   intermittente   (ma   adunanza   si  

svolse  regolarmente,  raddoppiando  il  numero  delle  sezioni),  ma  il  9  aprile  1917  probabilmente  si  

tenne  l’ultima  Adunanza  del  Consiglio  Generale;  c’è  ancora  qualche  citazione  nel  18  o  nel  19.  

Sul  fronespizio  non  apparse  più  la  parola  “Organo”  e  con  ogni  probabilità  fu  il  conflitto  a  minare  

definitivamente  l’ANSP  .  

L’associazione  non  ebbe  la  capacità,  la  volontà,  la  forza  e  il  coraggio    di  assumere  posizioni  chiare  e  

marcate  per  cui  risultò  asettica    ideologicamene  e  non  definita  teoreticamente  .  

Per  fortuna  invece  la  Rivista  sopravvisse  anche  perché  i  suoi  lettori  non  la  abbandonarono;  

gli  insegnanti  oramai  si  erano  formati  su  idea  di  una  pedagogia  scientifica  strettamene  legata  alla  

psicologia  e  alle  scienze  sociali  e  l  Rivista,  anche  dai  toni  pacati,  risultò  di  opposizione  al  regime.  

 

 

 

  CAPITOLO  IV  

La  Rivista  nell’età  giolittiana  

UNA  RIVISTA  TARDO  EX  POSITIVISTA  –  ERMINIO  TROILO  

Roberto   Ardigò   pedagogista   di   Tarozzi   ,   “carattere   storico”     del   positivismo   prevalenza   fattori  

ereditari  e  biologici  su  quelli  etici  e  sociologici.  

Post-­‐positivismo  –  revisionismo  della  filosofia  positiva  –  colozzi  tarozzi    fornelli  (psicologia)  

Attività,  esercizio,  abitudine  –  PEDAGOGIA  DEL  MAESTRO  

Federig  Enriques  sostiene  il  razionalismo  critico  scientifico  che  si  contrappone  al  dogmatismo  della  

logistica  e  allo  empirismo  psicologico.  

Erminio   Troilo  –Perano   (CH)     è   un   post   positivista   allievo   di   Ardigò   mosso   dall’essere   uno,   infinito,  

eterno,  e  non  ha  neanche  bisogno  del  pensiero.  Panteismo  bruniano  e  spinoziano.   neokantiano  

Solo  il  trascendente  è  pensabile  e  non  c’è  immanenza  ma  trascendenza.  

Filosofia  interpreta  le  esigenze  e  trapassa  nella  storia  

Ogni  filosofia  morale  è  pedagogia  dello  spirito  umano.  

L’essere  si  immanentizza  in  ogni  sua  determinazione    

ESITI    TEORETICI  e  impegno  etico    morale  nel  pensatore  abruzzese.  

NEOKANTIANO  

Filosofia  deve  mutare  il  mondo  –  diventa  storia  fronte  antidealistico  di  Credaro.  

Kant:  “critica  della  Ragion  Pura”  e  del  Giudizio  

GLI  INTELLETTUALI  ORGANICI  DELLA  RIVISTA  

Resta  e  Della  Valle  

Il  neokantismo  della  Rivista  non  coincide  però  con  comune  matrice  criticista.  

Limentani  Riforma  elementare  –  carattere  antipedagogico.  

VIDARI  triennio  di  Scuola  Pedagogica  

Psicologia  sperimentale  –  embrionale    

Newmann  e  Lipmann  –  ricerca  in  fieri  

Treves  sviluppo  disciplina  pedagogica  in  senso  scientifico.  

Centralità  handicap  e  minorati  psichici  

Sante  de  Sanctis  e  Giulio  Ferrari    -­‐  educazione  sessuale  

Maresca,  Ventura    

Ambivalenza  criticismo  idealismo  –  sempre  più  importante  la  visione  di  Vidari  ex  allievo  di  Cantoni    

Le   posizioni   conservano   un   certo   margine   di   elasticitàalmeno   fino   al   punto   in   cui   nella   rivista  

possiamo  reperire  contributi    dell’avversario  Giovanni  Gentile.  

EDUCAZIONE  POPOLARE  

Leit  motiv  di  tutta  la  storia  del  periodico.  

Progetto   giolittiano   –   politico   liberale   impegnato   nell’estensione   base   democratica   e  

modernizzazione  economica  industriale  e  politico  culturale  

 

Coeducazione  dei  sessi    

Concezione  ruolo  della  donna  e  “pedagogia  femminile”  

Istruzione  promiscua  nelle  scuole  normali.  Problema  nella  primavera  del  1908  

Istruzione  in  comune  tra  i  due  sessi  

Cavallo  di  battaglia  femminista  cioè  uguali  diritti  e  coltura  generale.  

Formiggini:  la  scuola  riproponeva  la  struttura  socioculturale  esistente.  

Formazione  e  morale  fanciulle  

Coeducazione  scuole  secondarie.  

Movimento  di  quegli  anni  per  emancipazione  delle  donne.  

SCUOLA  POPOLARE  TAROZZI  –  Laicismo  e  nazionalismo  come  valori  educativi  

Enciclopedismo,  coltura  generale  

Scuola  popolare  superiore  

Speciale  insegnante  trasportato  nella  ricerca  dove  è  necessario    

Idealità  –  criticismo  come  atteggiamento  filosofico  critica  della  ragion  pura.  

Tarozzi   dimensione   etica   di   ogni   processo   educativo   contrapposto   allo   internazionalismo  

proletario  

Fede  umana  da  sostituirsi  alla  creddenza  del  soprannatuarle  

Sante  de  Sanctis  metodi  di  misura  –  capacità  intelletuale    

“casa  dei  bambini”della  Montessori    

Ecole   des   sciences   de   l’educatio  

Jhon  DEWEY    presentato  da  Carolina  Pironte  –  metodo  attivo    scuola  attiva    

Al  centro  dell’insegnamento  il  discente    

 

(…..)  

PEDAGOGIA   SPERIMENTALE   –   PSICOLOGIA   –   ORIZZONTI   INTERNAZIONALI   DELLA   RIVISTA  

SPROVINCIALIZZAZIONE  DIBATTITO  

Periodo  di  crisi  anche  per  il  nazionalismo  della  Rivista  di  Credaro    

Riviste  e  periodici  spulciati    

Attività  del  periodico  .Francia  herbartismo  mondo  anglosassone  USA  lingua  più  conosciuta  

Recensioni  di  Credaro    

Periodo  di  studi  su  psiche  infantile  

  CAPITOLO  V    

La  rivista  di  Guido  della  Valle  

1  Axiologia  e  Grande  Partito  della  borghesia  in  Guido  della  Valle  

Importanza  teorica  e  ideologica  –  monismo  psico  fisico  di  Filippo  Masci.  

Guido   Della   Valle   .Spiritualismo   fenomenologico   di   De   Sarlo,   monismo   psico   fisico   di   Masci   e  

psicologia   sperimentale   di   Wundt.   Risoluzione   del   dualismo   fenomenico     in   senso   monadologico  

visuale  dalla  quale  prese  avvio  la  sua  disamina    dei  concetti  lavoro  e  valore    fondamenti  della  sua  

teorizzazione  pedagogica.  

Lavoro   e   valore   –   fondamenti   pedagogici   (valore   è   il   fine)   mantre   il   lavoro   è   il   mezzo   per  

raggiungere  i  fini  (dieci  leggi  psicoenergetiche).  Axiologia  appliata.  

STATI  DI  COSCIENZA    percezioni  o  altri  (illusione)    

Critica   kantiana   alle   classi   di   valori.   Essi   trascendono   funzioni   psichiche   che   rilevano   la  

presenza  di  una  realtà  assoluta    

Axiologia  -­‐>psicologia-­‐>paradigma  herbertiano  

Ludovico   Limentani   1911   esalta   la   teoria   del   lavoro   mentale   di   Della   Valle   allievo   di   Masci   -­‐   >  

valori  morali  e  subiettivismo  

Intuizione  dialettica  Limentani  –  Della  Valle    

Verso  il  nuovo  realismo  di  Aliotta  –  realismo  critico,  gnoseologismo  problematico  

Creazione  incosciente  della  natura  da  parola  dello  spirito    Fichte  Schelling  ed  Hegel  

Era  rifiutato  il  pensiero  Marxista  in  quanto  creazione  ibrida  (MATERIALISTA  nella  sostanza  e  

IDEALISTA  nella  forma).  

Guerra   in   Libia   vista   positivamente   per   imperialismo   –   opera   liberali   e   repubblicani   –  

interventismo  e  nazionalismo  di  Della  Valle.  

Impostazioni  teoretiche  pedagogiche  di  fronte  al  dramma  della  Grande  Guerra    

Sconfitta  anni  20.  

Ricerca  scientifica  a  fini  bellici  –  tema  educazione  popolare    

Ritorno  di  Credaro  –  attenuazione  pregiudizio  realistico.  

 

CAPITOLO  VI  RIVISTA  DI  GUERRA    

I  TEMI  DEL  PERIODICO  NEGLI  ANNI  DEL  COMPLITTO  MONDIALE  

1916  Credaro  torna  a  sostituire  della  Valle  

Il  gruppo  raccolto  attorno  al  periodico    continua  a  seguire  la  sua  formula  e  a  portare  avanti  i  

soliti   filoni   tematici.   De   Sarlo   parla   della   eredità   psichica   e   Troilo   approfondisce   la   figura   di  

Helvetius  …  ci  fu  una  circolazione  di  nomi.  Il  tema  dell’educazione  popolare  è  sempre  prevalente  

anzi  si  coglie  la  necessità  di  ribadirne  l’urgenza.  

Problemi   legati   al   dopoguerra   dal   1919   senza   che   ciò   snaturi   la   pubblicazione   in   cui   le  

problematiche   psicologiche   sono   le   più   importanti   (Valeria   Benetti   Brunelli).   Laceranti   tensioni  

ideologiche  tra  positivismo  e  idealismo  (ma  è  sterile).  

L’EMANCIPAZIONE   DELLA   NOSTRA   CULTURA   NEL   QUADRO   DEL   FINZIONALISMO   DI  

MARCHESINI  

Marchesini  era  un  altro  positivista  in  crisi  e  va  annoverato  tra  i  protagonisti  della  storia  della  

Rivista.  Era  più  fedele  ad  Ardigò  che  allo  spiritualismo  tarozziano  e  al  realismo  assoluto  di  Troilo.  

La   sua   opera   più   nota   è   “Le   finzioni   dell’anima”   1905.   Marchesini   ci   ha   lasciato   penetranti  

analisi   del   meccanismo   logico   e   psicologico   del   fingere   che   è   una   deviazione   di   sé   da   se   stesso   che  

è  un  atteggiamento  comune  dell’anima  umana  per  cui  si  contempla  la  idealizzazione  di  sé  che  non  

la  vera  e  schietta  realtà  propria.  La  trasfigurazione  ideologica  della  cosa  stessa  è  un  distinto  nuovo  

(anche  Vaihinger,  filosofo  tedesco).  

Marchesini   ritiene   di   avere   dimostrato   il   ruolo   insostituibile   della   finzione     e   da   questo   si  

deduce   la   sua   pedagogia   del   “come   se”.   Disvela   un   meccanismo   psichico   che   presiede   alla   vita  

morale,  ma  la  finzione  è  giustificata  in  base  ai  suoi  effetti  pratici  (la  metafora  del  come  se)  ecco  

perché  la  conclusione  di  Marchesini  non  è  pessimistica.  

La  debolezza  della  concezione  pragmatistica  di  Marchesini  si  rivelò  ne  “L’emancipazione  della  

nostra   cultura”.   Unisce   intimamente     cultura   e   nazionalità   ed   esalta   equilibrio   tra   ragione   e  

sentimento.  

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  CAPITOLO  VII  La  rivista  nell’immediato  dopo  guerra  –  1919  –  22  

POLEMICA  DELLA  POLITICA  E  TENSIONE  SOCIALE  CONFRONTO  PER  CONCILIARE  VALORI  

Tensioni  sociali  e  instabilità  politica.  Carattere  teoretico  della  rivista.  

Prospettiva   neoidealistica   gentiliana   egemonia   culturale   e   congresso   pedagogico  

permanente.  

Tarozzi,  Calò  scuola  di  Stato  di  Vidari  e  la  Rivista  contro  crescenti  rivendicazioni  della  libertà  

di  insegnamento.  Tessuto  socioeconomico,  idealità,  fatto  educativo.  

VIDARI  e  RESTA  –  nazionalismo  culturale  –  carattere  governativo  della  pubblicazione  

Credaro   scuola   di   Stato   laica   “concezione   della   vita   nella   sua   totalità   dei   suoi   valori   reali   e  

ideali   cioè   nella   vita   concepita   nella   sua   realtà   ed   idealità   ed   inquadrata   in   una   concezione  

filosofica  dell’universo.  

Ideale  etico  è  superiore,  poi  valore  religioso.  

Educazione  Di  Pietro  Romano:  realistica  ed  idealistica  conservativa  ed  innovativa  

Terminato  il  conflitto  alla  storia  e  al  moto  sociale  nuovo  impluso  e  d  orientamento.  

Come  nazionalismo  temperato?  

Contraddizione   epocale   illuministica   razionalistica   e   cosmopolitica   (kantiana)   e   la   temperie  

romantica  e  irrazionalistica.  

1918  Montessori    1921  Ugo  Spirito,  Resta,  Scarpa,  Battistelli  

1922  –  dopo  il  colpo  di  Stato  Riforma  Gentile  e  maturità  di  Credaro  e  più  senilità  

CALOGERO  SACHELI  SULLA  STORIA  DELLA  PEDAGOGIA  -­‐  AXIOFENOMENISMO  

Il   dover   essere   è   un   valore   possibilità   di   valutazione   fenomenismo   di   Sacheli   e   Della   Valle  

essere  e  dover  essere.  Obiettività  e  scienza  pedagogia    possibilità  di  valutazione  

REALISMO  ASSOLUTO  di  Resta.  

Axiologia   (valori)   strumentali   a   dottrina   dei   fini   (teleologia).   Resta   comunque   si   situa   nel  

paradigma  herbartiano    nel  discorso  educativo  (autonomia,  scientificità,  antinomicità  e  centralità  

del  valore)  

Monadismo  centri  autocentrici  sussistenza  dell’infinito  è  metafisica  realistica.  

Dottrina  valori  –  axiologia.  

Pedagogia   è   individualità.-­‐   Autonomia   antinomicità   centralità   del   valore   nel   discorso  

educativo.  

CAPITOLO  VIII  LA  RIVISTA  TRA  IL  23  E  IL  30  

7.1  1923-­‐1926  :  CONFRONTO  PEDAGOGICO  POLITICO  CON  L’ATTUALISMO  

La   rivista   rifiutò   di   fare   della   pubblicazione   la   bandiera   di   un   esclusivo   punto   di   vista   filosofico  

anche  se  fu  di  fatto  la  voce  dell’opposizione  alla  pedagogia  idealistica.  

Questo   scontro   con   l’attualismo   è   senz’altro   stato   con   la   riforma   Gentile.   Note   programmatiche   di  

Credaro  .  diversi  confronti  e  scontri  (pp  248).  

Il   protagonista   è   Mariano   Maresca   .   la   sua   febbrile   presenza   sul   periodico     e   la   battaglia   della  

riforma  Gentile    sono  facce  della  stessa  medaglia    cioè  fare  i  conti  con  l’attualismo.  Articoli,    due  

saggi  .  poi  divenne  Direttore  aggiunto  nella  seconda  metà  degli  anni  20.  

2.Mariano  Maresca    fra  neokantismo  ed  idealismo  

Maresca  educazione  religiosa  e  filosofia    

Era  un  kantiano  ed  un  herbertiano  ma  non  escludeva  idealismo    

Libertà  spirituale  postulazione.  

Anche  l’idealismo  è  un  dover  essere.  

Antinomie  della  pedagogia:  teoria  e  prassi  

Scienza  e  filosofia  

Etica  e  psicologia  

Ideale  e  reale  

Educazione  in  relazione  alle  attività  economiche  e  politiche.  

Problema  morale  

3.gli  intellettuali  della  Rivista  di  fronte  al  cattolicesimo  ad  al  socialismo.  Alfredo  Poggi  

No  ingerenze  cattoliche    e  potenziare  l’educazione  religiosa  negli  istituti  confessionali.  Neutralità  

scolastica  e  insegnamento  religioso  del  1923.  

Fronte  antidealistico  di  Poggi.  

Rapporto  Rivista  e  socialismo  rapporto  criticista  al  socialismo  –  essenza  dell’umanità.  

Praxis  marxista  e  kantismo.  Tesi  su  scuola  statale  Turati,  Credaro  e  congresso  Erfurt  

PSI  avrebbe  dovuto  prendere  posizione  ma  non  lo  fece  e  la  rivista  criticò  PSI.  

Volontarismo  e  determinismo  sono  fini  da  raggiungere.  

Marx  influenzato  da  Umanesimo.  

La  Ragione  deve  determinare  e  ispirare  la  condotta  umana.  

Homo  come  spirito.    

MORALE:  fondamentali  principi  comuni  dovuti  e  mossi  da  nazioni.  

Religione  come  fede  nel  progresso  perfezionamento  dell’umana  natura  –  religione  settarismo  

Morale  è  divino  che  uomo  ha  in  sé.  

1926  “Lineamenti  della  Rivista”  concezione  laica  di  Poggi  ma  non  irreligiosa.  

Defini’  il  marxismo  “dottrina  di  vita  e  di  azione”.  

Contrastare  socialismo  quindi  vena  laicistica  venne  meno.  

Borghesia  e  clero  si  avvicinarono  e  clericalismo  seppe  cavalcare  le  debolezze.  

 

4.Spiritualismo  critico  di  Francesco  De  Sarlo  e  la  pedagogia  di  Giovanni  Calò  

Per  De  Sarlo  carattere  meramente  congetturale  dello  spiritualismo.  

Agnostico?  –  irriducibilità  ontologica  oggetti  e  valori.  

Disciplina  funzionale  e  filosofia  .  realismo  gnoseologico    

Trascendenza  dell’oggetto  rispetto  alla  mente  che  lo  afferra  e  lo  pone.  

Pensiero:  esperienza  psichica  atto.  

Assiomi  morali  di  De  Sarlo:  -­‐  natura  evidenza  pratica  

Svolgimento  storico  principi  

Ist.sociali  e  luce  ideali  etici  

1929  “metodo  naturale  ricerca  scientifica”  

Giovanni  Calò    -­‐  posizione  herbertiana    

Esperienza  con  sperimentazione  –  persona  umana  individualità  concreta.  

5.  Patria  e  libertà  di  Giovanni  Vidari  (abitudine  –  carattere)  

Negava  ogni  riduzionismo  ma  anche  ogni  onnicomprensività.  

“Etica”  di  Vidari  –  assolutezza?  Imperatività?  

Vidari/Credaro    Patria  e  Libertà  

Posizione  kantiana  in  pedagogia.  

Vidari:  nazionalismo  spiritualistico  senza  aggressività  

Pensiero  in  atto  monisticamente  –  monadismo  leibneziano  herbartiano  

Della  Valle  non  si  iscrisse  al  PNF.  

Axiologia  pura.  

 

 

6.  Rivista  26-­‐30.  Educazione  e  lavoro  –  pedagogia  e  religione.  Luigi  Ventura  

Ci  fu  un  rinnovato  interesse  per  il  tema  religioso    e  tensioni  quasi  mistiche  si  manifestarono.  Era  un  

movimento  come  di  riforma  dello  spiritualismo.  Tendenza  cosmogonica  nella  quale  caddero  molti  

dei  positivisti  ardigoiani.  Molti  della  rivista  si  riavvicinarono  a  all’intimità  di  questa  vita  spirituale,  

ad  esempio  Resta,  Ventura,  Tarozzi  e  Cappiello.  

Maresca  e  i  rapporti  dell’educazione  con  la  morale  e  la  religione.  

Luigi   VENTURA   diede   molti   contributi   “la   pedagogia   e   il   problema   del   male”,   l’ideale   etico  

educativo   ecce   cc.   In   lui   connubio   irrazionalismo   e   kantismo,   non   poco   problematico.   Note   e  

discussioni.  Carattere  idealistico.  

Egli  prendeva  da  qui  le  mosse    per  giungere  alla  richiesta    che  venisse  definita  la  figura  giuridica  e  

politica  della  classe  educatrice.  Valorizzare  in  maniera  etico  economica  la  classe  degli  insegnanti,  

con  fascistizzazione  del  corpo  insegnante  …  anche  se  si  dice  non  fosse  fascista  in  realtà  era  difficile  

reperire  tale  disparità  di  vedute  fra  il  pedagogista  e  l’ideologia  dominante.  

Personaggi   e   tematiche   religiose     con   non   rari   sconfinamenti   nel   misticismo     -­‐   tendenza  

irrazionalistica   del   fronte   antidealistico   nella   Rivista,   ponte   per   il   successivo   slittamento   nello  

spiritualismo  cattolico  ed  il  regime  fascista.  


ACQUISTATO

9 volte

PAGINE

29

PESO

222.18 KB

AUTORE

criant71

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE APPUNTO

Riassunto per l'esame di Pedagogia generale e del prof. D'Arcangeli, basato su appunti personali e studio autonomo del testo consigliato dal docente "Luigi Credaro e la Rivista Pedagogica (1908-1939)", Marco Antonio D'Arcangeli. Gli argomenti trattati sono i seguenti:
La “Rivista Pedagogica”, il fronte antidealistico e Luigi Credaro
L’eta’ dell’imperialismo e la krisis
La cultura italiana all’inizio del 900
Origini finalita’ e organigramma rivista
Ai soci e ai lettori
Il comitato di redazione “i romani”
Uno sguardo d’assieme all’esperienza della “rivista”
La rivista nell’età giolittiana
La rivista di guido della valle
Axiologia e grande partito della borghesia in guido della valle
Rivista di guerra
I temi del periodico negli anni del complitto mondiale
L’emancipazione della nostra cultura nel quadro del finzionalismo di marchesini
La rivista nell’immediato dopo guerra – 1919 – 22
La rivista tra il 23 e il 30
1923-1926 : confronto pedagogico politico con l’attualismo
Mariano maresca fra neokantismo ed idealismo
La rivista negli anni ‘30


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in scienze della formazione primaria
SSD:
Università: L'Aquila - Univaq
A.A.: 2015-2016

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher criant71 di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Pedagogia generale con laboratorio e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università L'Aquila - Univaq o del prof D'Arcangeli Marco.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Pedagogia generale con laboratorio

Riassunto esame Pedagogia generale, prof. D’Arcangeli, libro consigliato Verso una scienza dell’educazione, Rossi
Appunto
Riassunto per l'esame di didattica generale, professoressa M.V. Isidori. Libro consigliato M.Gennari, Manuale di didattica generale cap 1, 5, 7, 8 ,9, 10
Appunto
Riassunto esame Didattica Generale, prof. Isidori, libro consigliato Manuale della Valutazione Scolastica, Domenici
Appunto
Riassunto esame Storia della pedagogia, prof. Vaccarelli, libro consigliato Manuale di pedagogia, Pagano
Appunto