Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

riflessi incondizionati, poi in un secondo momento i processi sono riflessi

condizionati, reagendo in modo plastico e adattativo.

TEORIA PAVLOVIANA: si basa su un sistema nervoso concettuale e studia oltre

 ai riflessi condizionati anche la capacità di usare come stimoli condizionati anche

gli stimoli verbali.

• SCUOLA STORICO-CULTURALE: si sviluppa in Russia dai primi anni del 1900.

Maggiori esponenti: Vygotskij e allievi. La prospettiva Vygotskijana è in primo luogo

evolutiva sia in senso filogenetico (animale-uomo) sia in senso ontogenetico

(bambino-adulto). I processi fisiologici sono comuni sia all’uomo che all’animale, mentre i

processi comportamentali sono più sviluppati e complessi nell’uomo. L’uso degli strumenti

è appreso nel contesto sociale, ossia nello sviluppo ontologico da bambino ad adulto.

Il pensiero e il linguaggio hanno due radici genetiche differenti. L’attività intellettiva è

presente sia negli animali che nei bambini, ed è indipendente dal linguaggio che inizia ad

interagire con il pensiero solo verso i 2 anni di vita del bambino.

Il linguaggio diventa strumento di comunicazione e di regolazione del proprio

comportamento. La comunicazione si ha già da 1 anno e mezzo di vita del bambino, ma solo

verso i 4 anni si sviluppa la funzione regolativi. Solo attorno ai 7 anni si ha

l’interiorizzazione della funzione regolativa (al contrario di quanto affermato da Piaget,per

cui c’è prima la fase intrapsichica e poi quella socializzata).

LURIJA: studia anche le basi cerebrali della memoria e del linguaggio, svolgendo

 ricerche neurologiche. Le funzioni cerebrali che mediano funzioni psichiche

complesse sono sistemi funzionali sviluppati in stretta relazione con l’ambiente.

LA PSICOLOGIA DELLA GESTALT. CAP 4

La Gestalt si sviluppa a partire dal 1912 e rifiuta i metodi elementisti di Wundt. Si ispirano a Kant e

al suo concetto di SINTESI a PRIORI dove la mente non è passiva e l’atto di conoscere è un’attività

unitaria e unificante. Si ispirano a tutta quella che è la psicologia fenomenologica,a partire da

Brentano per arrivare a Meinong e a Von Ehrenfels.

PSICOLOGIA dell’ATTO di Brentano: l’oggetto della psicologia non è il materiale

 fornito ai nostri sensi,ma l’atto in se di usare i sensi (vedere, toccare, ricordare).

TEORIA della PRODUZIONE di Meinong: distinzione tra oggetti di ordine

 superiore e ordine inferiore. L’ordine inferiore genera rappresentazioni non prodotte

che non hanno bisogno dell’esistenza di altri oggetti. L’ordine superiore genera

rappresentazioni prodotte che derivano la loro esistenza da oggetti inferiori.

QUALITA’GESTALT di Von Ehrenfels: (1890) Il tutto è più della somma delle parti

 e una stessa parte inserita in due diverse totalità può assumere caratteristiche

differenti.

I maggiori esponenti della Gestalt sono:Wertheimer, Kohler, Koffka.

• I risultati sperimentali di Wertheimer (movimento stroboscopico) mettono in crisi la

presupposta perfetta corrispondenza tra piano materiale e realtà fenomenica. Non c’è più un

modello basato sulla corrispondenza stimolo-sensazione.

Si vuole sottolineare con l’individuazione di fatti sperimentali l’inadeguatezza delle “teorie

mosaico” (dove il risultato percettivo è dato da parti generate da sensazioni tra loro

svincolate e non interagenti).

L’organizzazione del risultato percettivo segue leggi peculiari ed è indipendente da quanto si

sa a proposito della stimolazione.

• POLEMICA ANTIEMPIRISTA: il problema consiste nel peso da attribuire all’esperienza

passata nella formazione di risultati percettivi e in psicologia più in generale. La Gestalt

ritiene che gli oggetti siano originati in base ad autodistribuzioni dinamiche dell’esperienza

sensoriale. L’esperienza passata non è necessariamente l’unico fattore in grado di

determinare i risultati dell’organizzazione percettiva.

• ATTEGGIAMENTO FENOMENOLOGICO: conta ciò che percepiamo, non ciò che è. Si

osserva il reale e si accetta l’esperienza in maniera diretta, per come ci si presenta.

• TEORIA DI CAMPO: sul piano teorico le uniche possibilità di spiegazione vanno attribuite

a strumenti dinamici come forze, campo ed equilibrio. Si hanno precise regole, ossia i

PRINCIPI di UNIFICAZIONE FORMALE: vicinanza, somiglianza, continuità, pregnanza,

destino comune, chiusura ed esperienza precedente.

• ISOMORFISMO: identità strutturale tra esperienza diretta e processi fisiologici sottostanti.

Conoscendo le leggi che regolano l’esperienza fenomenica conosciamo anche le leggi che

operano nel cervello.

• PSICOLOGIA DEL PENSIERO: concetto di INSIGHT. Si attribuisce intelligenza al

soggetto che apprende, che tende a una soluzione seguendo una strategia non casuale. E’

importante l’esperienza passata, ma non fondamentale. Pensiero Produttivo. Con Lewin si

costituiscono le REGIONI PSICOLOGICHE: la persona è una gerarchia di regioni alcune

fortemente connesse, altre meno. Si sviluppa un modello di personalità basato su valenze

positive o negative che originano tensioni o rilassamenti e provocano così diverse risposte.

Questo vale sia per la persona che per i gruppi.

IL COMPORTAMENTISMO. CAP 5

Si sviluppa in America a partire dal 1913,per approdare in Europa solo dopo gli anni ’50. Il

comportamentismo è lo studio del comportamento. Aspirazione a dare una fondazione scientifica

alla psicologia e di collocarla tra le scienze naturali. A partire da Romanes si studiano gli animali

perché si può esaminare in loro solo ciò che si vede e si misura (psicologia animale).

• LEGGE dell’EFFETTO di THORNDIKE: cavie da laboratorio con labirinto a T e gabbia.

Un’azione accompagnata o seguita da uno stato di soddisfazione tenderà a ripresentarsi. Si

sottolinea il carattere adattivo e utilitaristico dell’azione umana e con le curve di

apprendimento nasce l’idea di un apprendimento graduale.

• WATSON: polemica sull’introspezione (non è scientifica perché l’osservatore si identifica

nell’osservato e perché l’osservazione introspettiva è compiuta da una persona che parla di

cose che gli altri non vedono direttamente).

Oggetto di studio sono le azioni complesse dell’organismo (il comportamento). I

comportamenti sono la combinazione di reazioni più semplici basate su tre principi:

1. frequenza (tanto più spesso..)

2. recenza (tanto più di recente..)

3. condizionamento (stimoli incondizionati)

Studio dell’INFANZIA: ci sono tre emozioni base (paura, amore e rabbia) da cui si

costruiscono poi le altre. Il linguaggio è appreso per condizionamento. Il bambino sente

associare un nome a un oggetto e di conseguenza il nome finisce per evocare nel bambino la

stessa risposta data dall’essere in presenza dell’oggetto. Il bambino nasce con reazioni

limitate (riflessi, reazioni motorie, etc.) ma non ha istinto o intelligenza e solo l’esperienza

caratterizzerà la sua formazione psicologica. Si ha quindi l’uomo come un prodotto delle sue

esperienze.

• NEOCOMPORTAMENTISMO: dal 1930 in poi. Maggiori esponenti: Tolman, Hull e

Skinner.

TEORIE dell’APPRENDIMENTO: Tolman viene poi influenzato da cognitivismo e

 psicanalisi, ma da però origine al comportamentismo intenzionale, secondo cui se

guardiamo il comportamento senza l’intenzione, la descrizione è solo motoria e non

psicologica. C’è intenzione se:


ACQUISTATO

4 volte

PAGINE

6

PESO

108.00 KB

AUTORE

vale315

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE APPUNTO

Riassunto per l'esame di Storia della Psicologia, basato su appunti personali e studio autonomo del testo consigliato dal docente Storia della Psicologia, di Legrenzi.
Gli argomenti sono:
LE ORIGINI DELLA PSICOLOGIA
LA RIFLESSOLOGIA E LA SCUOLA STORICO-CULTURALE
IL COMPORTAMENTISMO
Esame di Storia della Psicologia del professor Glauco Ceccarelli all'università degli studi di Urbino, facoltà di Psicologia.


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in psicologia clinica
SSD:
Università: Carlo Bo - Uniurb
A.A.: 2011-2012

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher vale315 di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Storia della psicologia e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Carlo Bo - Uniurb o del prof Ceccarelli Glauco.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Corso di laurea magistrale in psicologia clinica

Riassunto esame Neurofisiologia dei processi psichici, prof Andrea Minelli, libro consigliato Neuroscienze cognitive, Purves
Appunto
Riassunto esame di Psicologia clinica nei servizi psichiatrici, prof. Rossi Monti, libro consigliato Manuale di psichiatria per psicologi
Appunto
Riassunto esame Psicologia clinica nei servizi psichiatrici, prof. Rossi Monti, libro consigliato Manuale di psichiatria nel territorio
Appunto
Riassunto esame Psicogeriatria, prof.ssa Di Ceglie, libro consigliato Psicologia dell'invecchiamento e della longevità, autore De Beni
Appunto