Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Storia  della  Lingua  Italiana  

 

1) linguistica testuale

La  sociolinguistica  nasce  in  ambiente  sociologico  più  che  linguistico,  alcuni  concetti  di  

variazioni di registro.  

sociolinguistica  sono  indispensabili  per  studiare  le  

  linguistica testuale  

La   nasce   in   ambiente   tedesco,   e   non   ha   grandi   esponenti.   Contesta  

il   fato   che   la   linguistica   generali   si   soffermi   a   studiare   le   frasi.   Il   punto   nodale   è   che   i  

messaggi   linguistici   o   testi   non   coincidono   con   la   frase   singola   (tranne   gli   slogan,  

aforismi,  proverbi,  messaggi  pubblicitari,  ordini  saluti),  infatti  la  linguistica  testuale  ha  

testo.    

per  oggetto  il  

Caratteristiche del testo  (a  prescindere  dalla  sua  lunghezza):  

1- tema  coerente  

2- tema  unitario  

Affinché  possiamo  comprendere  un  testo  nella  sua  completezza  abbiamo  bisogno,  oltre  

competenza testuale:

che  della  competenza  linguistica,  della  

esempi:

1- Luca   ha   preso   in   prestito   un   libro   dalla   biblioteca   scolastica.   È   un   libro   di   storia  

romana,   sul   quale   egli   deve   preparare   una   ricerca.   Mario   possiede   lo   stesso   libro   ma  

non  ha  voluto  prestarlo  all’amico.  →  testo  unitario  e  compiuto,  la  traccia  formale  è  il  

vocabolo  “libro”  

2-  il  libro  di  Giovanna  è  nella  libreria.  Mio  cugino  ha  perduto  il  suo  libro.  Non  credo  che  

abbiano   ancora   stampato   il   nuovo   libro   di   Moravia.   Perché   le   hai   regalato   il   libro   più  

economico?   non   è   un   testo,   perché   non   è   unitario   e   non   ha   coerenza   testuale,  

→  

nonostante  ricorra  il  vocabolo  “libro”.  Ciò  che  ci  fa  capire  che  non  è  un  testo  non  è  la  

competenza   linguistica   chomskiana,   ma   un   giudizio   che   esprimiamo   valutando   il  

significato  d  ogni  frase  e  che  formuliamo  sulla  competenza  enciclopedica  che  riguarda  

le  conoscenze  del  mondo  e  della  realtà  

3-   ho   comprato   i   libri   scolastici   di   mio   figlio.   La   bolletta   del   telefono   è   arrivata  

stamattina.   Mia   moglie   dice   che   i   negozi   di   abbigliamento   del   centro   hanno   i   saldi.  

Domani   ritirerò   l’auto   dal   carrozziere.   Mio   figlio   ha   rotto   un   vetro   del   vicino.   è   un  

→  

testo  coerente  e  unitario  (anche  se  non  c’è  un  vocabolo  guida)  perché  tutte  queste  frasi  

elencano  una  serie  di  eventi  per  cui  il  locutore  conclude  che  le  spese  non  finiscono  mai.  

(ancora  una  volta  il  giudizio  è  formulato  in  base  alla  competenza  enciclopedica  

testo  

chiamasi   un   messaggio che, svolgendosi intorno a un determinato tema,

⇒  

presenta i caratteri dell’unità e della completezza.

  1  

  tipologie testuali,

Fa   parte   della   linguistica   del   testo   anche   lo   studio   delle   che   sono  

estremamente   diversificate   (x   es.   testi   orali   –   testi   scritti,   testi   brevissimi   –   testi   di  

enorme  estensione).  

È   un   tipo   di   testo   anche   il   libretto   d’istruzioni   e   il   “bugiardino”,   perché   seguono   le  

regole  di  una  grammatica  che  si  tramanda  tradizionalmente  ma  non  è  stata  insegnata  

da  nessuno.    

giornale  

Anche   il   è   un   tipo   testuale,   infatti   segue   una   propria   grammatica   e   una  

struttura  sintattica  particolare:  

-­‐  frasi  nominali  

-­‐  periodare  breve  

-­‐  poche  subordinate    stile  paratattico  

-­‐  termini  concreti  e  non  astratti  

Il   quotidiano   presenta   titoli,   sottotitoli,   rimandi   a   pagine   interne   scritti   con   caratteri  

tipografici  diversi,  immagini  e  rubriche.    

Un  quotidiano  tratta  do  vari  argomenti:  politica,  cronaca,  economia  e  finanza,  cultura,  

sport,  e  gli  eventi  sono  perciò  prescelti  in  base  all’interesse  che  possono  suscitare  nel  

lettore  e  alle  linee  generali  del  giornale.  

Un  articolo  deve  rispondere  alle  5  w.  

In  un  quotidiano  si  assiste  ad  un  linguaggio  testuale  molto  vario  perché  è  un  prodotto  

scritto  a  più  mani  ed  è  quindi  un’opera  collettiva  e  in  quanto  tale  deve  seguire  in  modo  

rigido  delle  regole.   2  

  2) varietà della lingua italiana

La   varietà   è   legata   ai   diversi   tipi   di   testo,   alle   diversità   tra   scritto   e   parlato,   alle  

specificità  storiche  della  lingua  italiana.  

L’italiano,   infatti,   è   rimasto   una   lingua   scritta   fino   all’unificazione   nazionale   (ma   nacque  

col   vocabolario   dell’Accademia   della   Crusca),   prima   era   parlato   solo   da   coloro   che  

parlavano  dialetti  poco  lontani  dall’italiano    fiorentini  colti.  Dal  1861  comincia  a  porsi  

il  problema  della  lingua  unitaria.  

Le  differenze  tra  italiano  scritto  e  parlato  non  sono  molto  numerose,  a  differenza  delle  

altre   lingue   romanze   (per   es.   il   francese   in   cui   la   pronuncia   e   la   forma   scritta   sono  

lontanissime),   il   problema   più   grosso   era   la   distanza   dal   sistema   grafico   italiano   da  

quello   latino   e     la   rappresentazione   di   fonemi   italiani   che   in   latino   non   esistevano    

⇒ ⇒

riforma ortografica totale. Per   esempio   in   latino   non   esistevano   i   suoni   palatali   c   e   g  

che  invece  esistevano  nel  fiorentino,  questo  problema  viene  risolto  coi  digrafi  gh  e  ch;  

problema  anche  per  il  digramma  gn,  che  nei  manoscritti  del  500  veniva  rappresentato  

in  diversi  modi  gn,  ng,  ngn,  si  risolve  con  la  forma  più  comoda  del  digramma.    

(le   serie   di   consonanti   nuove   sono   riconducibili   a   fenomeni   di   palatalizzazione   e  

sonorizzazione)  

⇒  problema  dell’italiano  (incongruenza  tra  grafemi  e  nuovi  suoni)    problema  francese  

e  altre  lingue  romanze  (incongruenza  grafia  e  pronuncia).  Per  l’inglese  il  problema  era  

che  è  una  lingua  germanica  che  usa  l’alfabeto  latino  

 

Differenza parlato e scritto

- sintassi

quella  dello  scritto  è  molto  più  rigida  di  quella  del  parlato  

-­‐   poco   spazio   alla   subordinazione   predomina   la   coordinazione   o   paratassi,   si  

⇒  

evitano  strutture  subordinative  complesse  (x  es.  le  finali  sono  sempre  implicite)  

  -­‐  si  sostituiscono  i  nessi  con  altre  espressioni  

- lessico

I   vocaboli   dell’italiano   parlato   sono   parole   attinenti   alla   sfera   quotidiana   di   tipo  

materiale  ⇒  vocaboli  di  base  (circa  2000).  Nella  lingua  scritta  invece  si  usano  vocaboli  

formali  e  ricercati  oltre  che  specifici  

- Morfologia

Alcune   parole   sono   usate   solo   nel   linguaggio   parlato   (per   es.   cosa,   roba)   che   sono  

comprensibili   solo   se   gli   interlocutori   condividono   la   stessa   realtà.   Nello   scritto  

troviamo  queste  parole  sono  se  l’autore  vuole  imitare  il  parlato.  

 

Coreferenzialità, fenomeno   tipico   della   realizzazione   linguistica   che   consiste   nel  

cambiare   spesso   la   struttura   della   frase   (avviene   soprattutto   nel   parlato),   per   es.  

anacoluto   3  

  3) italiano standard

Dopo  l’unità  nazionale  ci  si  pose  il  problema  politico  di  unificare  anche  linguisticamente  

il  popolo  italiano  frammentato  in  tante  parlate  locali  e  dialetti    problema  di  creare  un  

italiano standard (tende   a   riferirsi   all’italiano   così   com’è   ideale   propugnato   da  

⇒  

norma italiana (può  essere  intesa  come  norma  sovrapposta  all’uso)  

qualcuno)  o  

Gli  standard  linguistici  fino  al  1861  si  riferivano  ad  un  norma/modello  di  lingua  scritta  

definire   la   norma   dell’italiano   post-­‐unitario   è   difficile   perché   deve   riferirsi   sia  

⇒  

all’italiano  scritto  sia  a  quello  parlato→legato  a  norme  di  lingua  viva  (come  succede  a  

Firenze  [vedi  lui/lei  di  Manzoni  in  uso  a  Firenze  ma  non  in  ita]  o  a  Roma)  

Nella   maggior   parte   del   paese   si   parla   una   lingua     dall’italiano     l’italiano   che   si   parla  

≠ ⇒

tende  a  sussumere  le  norme  dell’italiano  scritto,  e  si  identifica  spesso  con  il  dialetto  

 

1861 →  obiettivo:  italianizzare  gli  italiani    

1960 →  grazie  alla  concomitanza  dell’affermarsi  della  tv  di  massa  e  alla  creazione  della  

scuola  media  unica  (grazie  alla  quale  l’obbligo  scolastico  venne  esteso  fino  ai  14  anni)  

esplode  l’uso  dell’italiano  come  lingua  parlata.  

In  questo  secolo  la  lingua  che  era  solo  scritta  diventa  man  mano  anche  lingua  parlata.  Il  

ministro Broglio   programma di

chiese   a   Manzoni   e   Lambruschini   di   formulare   un  

italianizzazione.  Vinse   Manzoni,  le  cui  tesi  erano:  

1- norme sull’uso della lingua:   lingua dei ceti colti fiorentini  

accostamento   alla   ⇒  

esclusione   elementi   raffinati     e   dialettali.   Sceglie   Firenze   perché   era   la   capitale  

provvisoria  d’Italia  e  la  patria  delle  3  corone.  

2- mezzi per diffonderla:   scuola elementare obbligatoria per almeno 2

scuola   ⇒  

anni  (obbligo  che  in  larghi  strati  della  popolazione  non  è  sentito  ⇒  l’offerta  scolastica  

aumenta  ma  la  frequenza  scolastica  cresce  lentamente).  Prima  c’erano  zone  in  cui  era  

obbligatorio   frequentare   qualche   anno   delle   elementari   e   altre   zone   –   soprattutto   al  

sud   –   dove   la   maggior   parte   delle   persone   erano   analfabete   bassa   se   non   nulla  

⇒  

maestri  

scolarità   prima   dell’unità   nazionale.   I   dovevano   essere   secondo   Manzoni  

toscani,  meglio  ancora  se  fiorentini,  in  mancanza  d’altro  dovevano  “sciacquare  i  panni  

in  Arno”.  

  Giolittiana  si  verifica  un  grosso  salto  nella  frequenza  scolastica,  dovuto  al  

Durante  l’età

boom   economico   e   alla   crescita   economica   del   paese   maggiore   attenzione   alla  

⇒  

scolarità,   ma   nemmeno   questo   è   risolutivo,   infatti   l’obbligo   scolastico   si   verificherà  

effettivamente  solo  durante  gli  anni  ’50  -­‐  ’60.  

Inoltre  a  fronte  della  proposta  manzoniana,  la  realtà  era  che  i  maestri  sono  anche  non  

toscani   e   spesso   non   avevano   un’adeguata   formazione   e   preparazione   scolastica   i  

⇒  

progressi  furono  lenti.  Nella  realtà  l’italiano  non  era  insegnato  a  scuola,  ma  in  luoghi  e  

attraverso  mezzi  che  esulano  dai  programmi  di  Manzoni.  

  4  

 

Fattori che permisero il processo di italianizzazione  (studiati  da  De  Mauro)  

1- urbanizzazione e immigrazione molte   migrazioni   dal   sud   al   nord   e   dalla  

→  

campagna  alla  città  per  esigenze  primarie  (salario  stabile  e  decente)  ⇒  usare  la  lingua

italiana come strumento di comunicazione   è   una   necessità,   dato   che   si   spostavano   in  

luoghi  con  una  cultura/dialetto      impulso  apprendimento  dell’italiano  

≠ ⇒

2- esercito nazionale e leva obbligatoria  →  causò  lo  spostamento  di  grandi  masse  ⇒  

era  necessario  saper  parlare  in  italiano  per  comunicare  con  i  compagni  che  venivano  da  

corsi reggimentali  

ogni   parte   d’Italia   i   soldati   andavano   a   scuola   nella   libera  

⇒   →  

uscita,  imparavano  a  leggere,  scrivere  e  fare  di  conto  

3- burocrazia nazionale e unitaria sopprime   la   burocrazia   preesistente   e   assorbì  

burocrati   e   funzionari   degli   stati   pre-­‐unitari   (Stato   Sabaudo,   Regno   delle   2   Sicilie)   che  

vennero  spostati  dalle  loro  sedi  ⇒  era  richiesto  loro  la  conoscenza  del  francese  (lingua  

internazionale)   e   dell’italiano   (seppur   in   forma   letteraria   e   formale)   i   burocrati  

⇒  

dialettali  permangono  e  diventano  

devono  abbandonare  il  dialetto  ma  alcune  marche

vocaboli   italiani   si   diffondono   alcuni   meridionalismi   (per   es.   disguido   o  

⇒  

incartamento)  ed  elementi  deverbali  a  suffisso  o  (per  es.  utilizzo,  reintegro)  

4- mezzi di comunicazione di massa la   stampa   quotidiana   precedente   all’unità  

→   cronaca

nazionale   ha   ancora   caratteristiche   locali   (cronaca   locale).   Con   l’unità   nasce   la  

nazionale  e  si  accentuano  i  caratteri  di  popolarità  (anche  se  comunque  non  c’è  nessuna  

funzione   attiva   da   parte   della   stampa   per   l’alfabetizzazione.   Gli   altri   mezzi   di  

comunicazione,   invece,   hanno   una   grande   importanza   per   la   diffusione   della   lingua  

italiana,  nonostante  non  nascano  con  finalità  di  didattica  linguistica.  

- Radio discorsi   trasmessi   per   radio   diventano   un   mezzo   efficace   e   creano   una  

→  

comunicazione   diretta   tra   oratore   e   popolo   (pensa   a   Mussolini!).   inoltre   per   radio   si  

trasmettevano  canzoni  con  testo  italiano  

- cinema   la   diffusione   di   sale   private   e   parrocchiali   invogliava   ad   andare   a   vedere  

→  

film    

- televisione   propone   film   e   altri   programmi,   rispetto   alla   radio   ha   le   immagini   (in  

→  

b/n)  e  rispetto  al  cinema  si  prestava  ad  una  fruizione  quotidiana  e  prolungata  

 

5- scuola media unica venne   abolita   la   distinzione   tra   ginnasi   etto   e   scuola   di  

→  

avviamento.  Venne  resa  obbligatoria  fino  ai  14  anni  ⇒  8  anni  di  studio  obbligatori  per  

tutti   5  

  4) italiano dell’uso medio

Francesco Sabatini  

Termine   coniato   negli   anni   ’90   da   e   indica   un   tipo di italiano

colloquiale che, diversamente da quello standard, accoglie elementi dell’italiano

parlato.    

-­‐  “gli”  per  “le”  o  “loro”  

-­‐  “lui”  “lei”  “loro”  usati  come  soggetto  

-­‐  costrutti    preposizionali  con  il  partitivo  es.  “ho  parlato  con   degli  amici”  

-­‐  ci  attualizzante  con  il  verbo  avere  “c’ho”  “c’hai”  

-­‐  dislocazioni  a  dx  o  sx  es.  “Paolo  non  l’ho  più  visto”  “Lo  so  che  i  libri  costano”  

-­‐  tipo  ridondante  “a  me  mi”    fenomeno  regionale    connotato  socio-­‐culturalmente  

→ ⇒

-­‐  anacoluti  nel  parlato  es.  “Giorgio,  non  gli  ho  detto  niente”  

-­‐  che  polivalente  (temporale,  finale,  consecutivo)  

-­‐  “cosa”  interrogativo  al  posto  di  “che  cosa”    fenomeno  settentrionale  

-­‐  “per  cui”  tra  una  frase  e  l’altra  es.  “ragion  per  cui”  

-­‐  nessi  interproposizionali  es.  “siccome”,  “dato  che”  con  valore  di  poiché  

-­‐  “come  mai”    “perché”  

-­‐   “allora”,   “comunque”,   “dunque”   per   cominciare   un   discorso,   anche   se   hanno   valore  

conclusivo  

-­‐   imperfetto   al   posto   del   congiuntivo   e   condizionale   nel   periodo   ipotetico   dell’irrealtà  

es.  “se  potevo,  venivo”  

-­‐  verbo  plurale  per  nome  collettivo  (giustificazione  semantica)  

-­‐  espansione  dei  pronominali  affettivi  es.  “mi  bevo  un  caffè”  (sfumatura  semantica)  

-­‐  “c’è”  per  soggetti  plurali  es.  “oggi  non  c’è  giornali”  

-­‐  “niente”  con  valore  oggettivale  

-­‐  uso  di  forme  come  “cosa”  “roba”  “fatto”  

-­‐  diffusione  forme  ‘sto,  ‘sta  

-­‐  connettivi  come  “cioè”  ”in  realtà”  “ecco”  “insomma”  usati  come  formule  ingressive  e  

non  con  significato  esplicativo  

-­‐  moltiplicazione  dei  diminutivi  es.  “un  attimino”  

G. Berruto   interpreta   questi   fenomeni   come   processi   che   indicano   il   profilarsi   di   una  

ristandardizzazione anche   se   i   fenomeno   sono   pochi   per   parlare   di   neo   standard.   In  

realtà  questi  fenomeni  sono  testimonianze  della  permeabilità  della  lingua.  

Tranne  alcuni  fenomeni  come  questi  però  l’italiano  odierno  è  una  lingua  conservativa  

non   si   discosta   molto   dall’italiano   antico   del   200/300   la   grammatica   dal   300   ad  

⇒   ⇒  

oggi  rimane  sostanzialmente  identica,  le  uniche  differenze  sono  date  dal  lessico  e  dalle  

costruzioni  sintattiche  molto  complesse  che  riprendono  quelle  del  latino   6  

  5) varietà di registro e varietà settoriali

varietà di registro e di stile  

La   sociolinguistica   permette   di   individuare   le   che   possiamo  

incontrare  confrontando  2  testi.  

Elementi di variazione del registro/stile (centrali  nella  linguistica  e  nella  pragmatica)  

1- interlocutori   i   tratti   fisici   e   socioculturali   differenziano   il   bagaglio   linguistico   di  

→  

ogni   individuo,   infatti   c’è   una   connessione   stabile   tra   patrimonio   culturale   e  

potenzialità  linguistiche  

2- argomenti     alcuni   li   conoscono   tutti,   altri   no     modifico   il   registro   (è  ≠   parlare  di  

→ ⇒

moda  o  di  filosofia)  ,  oltre  che  il  lessico  e  la  sintassi  

3- fine    condiziona  la  formulazione  del  discorso  (può  essere  implicito  o  esplicito)  

Registri:

aulico  (o  ricercato)     di  solito  è  scritto  e  non  parlato    stile  retorico  /  letterario  

colto

formale  (ufficiale)  

medio uso  scolastico  della  lingua    legato  a  situazioni  artificiali

colloquiale parlando  tra  pari,  in  famiglia  

informale

familiare

(popolare    sinonimo  di  colloquiale  o  informale)  

⇒  i  registri  sono  di    tipi  e  sono  distribuiti  in  modo  gerarchico  

 

 

Varietà settoriali   sottocodici,  cioè  zone  molto  delimitate  della  lingua  

 si  riferiscono  ai  

nel   suo   complesso.   Come   i   registri,   esistono   diversi   sottocodici   caratterizzati   in  

prevalenza  da  un  lessico  preciso  (per  es.  medicina,  diritto...  →  linguaggio  scientifico  o  

tecnico)   7  

 


ACQUISTATO

2 volte

PAGINE

16

PESO

171.66 KB

AUTORE

nina128

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE APPUNTO

Appunti delle lezioni del corso di Storia della lingua italiana (i).
Nozioni generali e introduttive e lineamenti di storia della lingua italiana: caratteri e varietà dell’italiano attuale; breve profilo storico dal latino volgare ai giorni nostri. Argomenti trattati: linguistica testuale; varietà della lingua italiana; italiano standard; italiano dell'uso medio; varietà di registro e varietà settoriali; dialetti italiani; italiano regionale; italiano popolare; passaggio dal latino all'italiano.


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in lettere
SSD:
Università: Verona - Univr
A.A.: 2012-2013

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher nina128 di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Storia della lingua italiana e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Verona - Univr o del prof Girardi Antonio.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Storia della lingua italiana

Riassunto esame Storia della lingua italiana, prof. Girardi, libro consigliato Breve storia della lingua italiana, Marazzini
Appunto
Storia della lingua italiana - Anniversario di Curtatone
Appunto
Lezioni di storia della lingua italiana (corso introduttivo), Prof. Girardi
Appunto
Storia della lingua P
Appunto