Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

primo piano con una specie di ingrandimento assumendo un carattere macroscopico che tende ad

annullare il valore dello sfondo.

I soggetti sono prevalentemente paesaggi, nature morte, figure.

I colori sono caldi, tendenti al legno, utilizzati in gamme monocromatiche che variano da dipinto a dipinto.

2. Cubismo analitico dal 1909 al 1911

Gli oggetti, pur mantenendo una morfologia ancora cubica, aumentano le sfaccettature con il moltiplicarsi

dei piani e quindi dei punti di vista: prevalgono linee ortogonali in cui gli oggetti e lo spazio circostante si

fondono insieme simultaneamente(esterno e interno si compenetrano). In questa fase i soggetti sono

geometrizzati al massimo e le immagini precedentemente spezzettate vengono a ricreare una visione piatta

che si confonde con lo sfondo. Inoltre è introdotta la quarta dimensione del tempo attraverso il

movimento, modificando i rapporti reciproci tra le parti di un oggetto.

I soggetti sono prevalentemente ritratti.

I colori in prevalenza terra-ocra, pur mantenendo una tendenza al monocromo, diventano metallici, leggeri

e sfumati ai bordi.

Limite dei cubismo analitico era l'aver sacrificato l'unità dell'oggetto alla sua veridicità: dandone

un'immagine più fedele e completa, ne aveva però compromesso l'omogeneità. L'intento di Picasso fu

allora quello di restituire all'oggetto la sua coesione interna. Dopo aver rigorosamente selezionato gli

attributi specifici dell'oggetto, l'artista li riunì in un'immagine unica e sintetica.

3. Cubismo sintetico dal 1912 al 1913

Gli oggetti divengono sempre più immateriali abbandonando la forma reale per lasciar posto all'idea che

ognuno possiede dell'oggetto: il pittore dipinge ciò che conosce non più ciò che vede, mirando a definire

l'equivalente plastico dell'essenza di un oggetto. Non si tratta più, dunque, della frammentazione

dell'oggetto nelle sue parti successive, ma di un'immagine che ne sintetizza le materie e le forme essenziali

. Il disegno si fa sempre più esile, lasciando ampi spazi vuoti che vengono riempiti dal trompe l'oeil, inserti

di scritte, collages. Infatti è in questo terzo momento che comincia anche l'uso di incollare sulla tela inserti

ritagliati da giornali e da stampati (papiers collés o carte incollate) o materiali vari (collages) che è, tra le

innovazioni introdotte dai cubisti, la più interessante. È la tecnica tendente a raggiungere un risultato

artistico mediante la disposizione, secondo un ordine voluto, di vari elementi di diversa materia, riuniti con

l'unica funzione di costituire un fatto plastico indipendente da qualsiasi intenzione imitativa: la realtà

rappresenta se stessa.

I soggetti sono prevalentemente nature morte.

La tavolozza si mantiene quasi immutata rispetto al periodo precedente anche se si assiste ad una

rivalutazione del colore prima visto solo come componente puramente decorativa, subordinato al volume,

o addirittura come elemento di disturbo per l’artista quanto per lo spettatore; aumenta l'uso del collage e

la differenziazione dei materiali utilizzati: Braque usa il papier collé più rispondente al carattere mentale

delle sue opere, mentre. Picasso, più concreto, usa materiali plastici più forti, come ad esempio pezzi

incollati di tela incerata che simulano l'intreccio della paglia di una sedia.


ACQUISTATO

3 volte

PAGINE

3

PESO

261.82 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in studi storico-artistici
SSD:
A.A.: 2009-2010

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher BalboFonseca di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Storia dell'arte contemporanea e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università La Sapienza - Uniroma1 o del prof Zambianchi Claudio.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Corso di laurea magistrale in studi storico-artistici

Critica storico-artistica tra Ottocento e Novecento - Adolfo Venturi
Appunto