Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

LE OMBRE DELL'EUROPA di Mark Mazower

Istituite cliniche per la cura delle malattie veneree, regolamentarono l'alcool. In Uk leggi per ridurre mortalità infantile e

materna e 1919 e condotta da

Ministero della Sanità. Parto divenne operazione sottoposta a ospedalizzazione

medici specializzati. In Fr servizio militare sanitario nel '20 trasformato in Ministero della Sanità. In It Ente nazionale

per maternità e infanzia pubblicizzò metodi di igiene infantile e promosse parto ospedalizzato.

Anche attiva attuò alcuni programmi previdenziali più completi: uffici assistenza sanitaria,

la sx, a livello locale,

Vienna contratto sociale ai genitori che forniva assistenza specialistica per vestiario figli in cambio dell'impegno delle

neocoppie a comportarsi responsabilmente. Se no assistenti sociali pronti a portare bambini in Centri comunali di

osservazione infantile. Anche Sx credeva che la famiglia fosse la principale cellula della società ed era più incline a

utilizzare poteri pubblici a sostegno di ciò. Vecchie case abbattute per in aree

La salute familiare connessa alle condizioni abitative. nuovi caseggiati

pianificate. Assistenti sociali e responsabili complessi urbani In tutta Eu

controllavano il livello di igiene e alimentare.

le città vennero razionalizzate con l'aiuto di piani regolari (istituiti parchi e campi da gioco). Intera vita quotidiana

sociale eliminando i

pianificata e industrializzata. Leggi controllavano il sovrappopolamento per garantire igiene

pericoli causati dalla mortalità e alla salute dalla vita nei ghetti. L'edilizia pubblica andò a incidere sui codici di

comportamento familiare. nella vita privata

Lo Stato giustificò il suo intervento appellandosi a concetti di

Eu considerarono le Società vista come un laboratorio di

professionalità. tematiche sociali una questione apolitica.

sperimentazione sociale in cui veniva adottata una politica imparziale in uno spirito di razziale distacco dalle passioni

politiche. Ambiguità di un simile approccio apparvero evidenti agli eugenisti, credevano nella produzione di esseri

umani migliori mediate l'applicazione di appropriate politiche sociali. Il movimento eugenetico fu spinto alla ribalta

dagli stessi massacri della guerra. non solo fu

Le società dedite alla promozione dell'eugenetica si moltiplicarono. Il movimento eugenetico

ma una confraternita animata da un intensa delle proprie idee.

precursore protonazista fede nella scientificità

Comune a tutti era la e delle autorità pubbliche di forgiare la società migliore.

fiducia nelle capacità dello stato

dei genetisti sulla natura I

Le definizione dell'uomo nuovo variavano a seconda della collocazione politica.

socialdemocratici incentravano l'attenzione sulla condizione della classe operaia urbana e sulla città in generale. Per

conservatori la visione di un mondo industriale meccanizzato in cui l'uomo era ridotto a mero strumento funzionale era

il problema della crisi della società moderna. Per

Identificavano la salute sociale non la campagna e no con la città.

molti eugenisti le città offrivano effetti paradossali sulla fertilità umana. Stimolata da tali timori in tutta Eu vi è

un'ambiguità in merito alle conseguenze sociali e biologiche dell'urbanizzazione.

Prima demografico dell'EU aveva spinto a emigrare in USA fino a ché questa non chiuse le porte.

il surplus Le potenze

nelle colonie ma non era una proposta così allettante. in cerca di

imperiale offrirono posti da agricoltore I contadini

lavoro o rifugiati in fuga presero a riversarsi Allarmato dalla crescita delle grandi città

nei centri urbani. il segretario

in esse alle radici della stessa esistenza: per

società tedesca per la riforma edilizia vide una minaccia biologicamente

declino natalità, per negazione basi di una democrazia sana, per vulnerabilità in tempo di

politicamente militarmente

guerra e per ostacoli che le città pongono al progresso della rigenerazione morale della nazione. Si

moralmente

riteneva che la vita nel villaggio avesse alimentato un senso di comunità e incoraggiato la procreazione mentre la città

che minacciavano la solidarietà familiare e alimentavano l'egoismo e l'alienazione

offriva piaceri e tentazioni

dell'individuo. tale problema si dotarono popolari di appezzamenti di terra e

Per risolvere le case giardini privati.

M tentò di evitare l'immigrazione in città

Lo stato ebbe difficoltà a imporre il proprio volere alla popolazione.

rispedendo a casa chi arrivasse in città senza un lavoro ma non funzionò. Nulla riuscì a ostacolare il fenomeno

dell'urbanizzazione. E lo stato stesso aveva interesse solo relativo a

Città magneti di occupazione e libertà culturale.

tradurre in pratica i postulati in un epoca dove la nazione dipendeva dal progresso industriale.

Quantità e qualità.

Nel periodo interbellico il fu messo in mostra come mai in passato proiettava un

corpo umano immagine di coesione

e forza politica. In gran parte dei paesi era una questione di

collettiva tenersi in forma dovere nazionale. Lo Stato

dovette promuovere la salute del corpo e assicurarsi che esso non venisse contaminato da corpi malati. Dovette, in

termini eugenetici, occuparsi della qualità della razza.

L'eugenetica negativa era preoccupata per la minaccia posta dai malati mentali. Eugenisti invocato intervento statale.

Nel '31 approvata la legge che prevedeva la in speciali istituti al fine di

reclusione degli insufficienti mentali

impedirne la riproduzione. Giovani donne poco abbienti che minacciavano in un modo o nell'altro le norme sociali

potevano venir arrestate o tenute rinchiuse per anni insieme a chi soffriva di disturbi mentali.(Cary Grant). Tuttavia

molto ma prevedeva violenza

rinchiudere la gente negli istituti era costoso. La sterilizzazione era più economica

fisica. Con crisi del '29 aumentò l'utilizzo della sterilizzazione. Uk eugenisti contro autorità religiose, sindacali,

mediche. ne guadagna era più forte il desiderio di Introduzione

Eugenetica in De dove riaffermazione nazionale.

leggi sulla sterilizzazione con vittoria nazionalsocialisti contro insufficienti mentali, criminali abituali, delinquenza

giovanile. In scala di massa Tutto

De attuò politica coercitiva: nel '39 da sterilizzazione a omicidio di massa.

nell'ottica di una politica sociale che promuoveva la salute della comunità e sopprimeva i nemici biologici. Dopo il '33

tutte poste sotto controllo e intensificate che giustificavano le leggi sulla sterilizzazione.

azioni avvallate dalle ricerche

Si crearono enormi archivi clinici criminologici. Biologi crearono banche dati sui tipi di criminali.

Gli ebrei in De furono i più colpiti gradualmente e sistematicamente esclusi dalla comunità nazionale. Con '35

Norimberga ebreo no cittadino, crimine rapporti interrazziali. Persecuzione e sterminio ebrei segna il culmine filosofia

LE OMBRE DELL'EUROPA di Mark Mazower

dell'Volksgemeinschaft.

Ciò scatenò un dibattito all'estero. Esclusione di interi gruppi, definizione dei tali secondo una biologia razziale,

repressione e coercizione clinica rivelarono ambiguità nel pensiero Eu sulla razza. Le nozioni di gerarchia razziale

e In pochi paesi il razzismo biologico fu elemento fondante del

erano onnipresenti variavano da un paese all'altro.

concetto di nazione. Eugenisti It erano nel complesso a favore dell'incrocio tra le razze: vigore ibrido.

Uk erano preoccupati delle disparità nel tasso di natalità tra le classi. In Fr in termini di lingua e cultura. Nei Balcani di

lingua e religione. Pregiudizi razziali e antisemitismo erano onnipresenti ma non necessariamente influenzavano la

politica.

Nel periodo bellico quindi lo Stato sociale corrispondeva allo Stato bellico. La seconda guerra stimolò un consenso

antirazzista internazionale sostenuto da nuove scoperte genetiche. Ciò screditò atteggiamenti che in epoca

interbellica era stata pratica comune.

4. La crisi del capitalismo.

Dopo la Grande Guerra l'economia Eu versava nel caos (prezzi altissimi, disoccupati, inflazione). Prospettive di

quanto mai fosche.

rifondare il capitalismo

-distrutto fondamenta economiche e reti commerciali

Guerra aveva

-costretto governi a sospendere convertibilità delle valute

-abbandonare principi del capitalismo: gold standard e libero commercio

-fatto accumulare enormi debiti

-favorito centri di produzioni al di fuori dell'Eu.

mettevano ancora più

La nascita dell'URSS in difficoltà il capitalismo.

Si voleva riportare l'Eu al mondo del '14: tornare al libero commercio, ai tassi di cambio fissi, dove lo stato stava alla

larga dagli affari economici. I primi piani di

La guerra aveva obbligato lo Stato a organizzare la vita economica.

ripresa implicarono un sostegno al settore privato con pochi risultati.

avanzarono la proposta di istituire un per gli investimenti che iniettasse capitale

Fr e Uk consorzio internazionale

privato nell'Eu centro-orientale (sorta Ma non ebbe successo. I banchieri non avrebbero

di precursore banca Eu).

prestato denaro fino a che non si fosse stabilito un ordine.

Il fallimento evidenziò la debolezza del mercato postbellico e la necessità di un intervento statale. Fu a tal fine che si

creò la Essa svolse un degli accordi tra i governi, raccolse fondi per i governi a patto

SDN. ruolo attivo di mediatrice

che questi stabilizzassero il loro bilancio, insiste su Gli w agirono

necessità di creare banche centrali indipendenti.

da supervisori delle banche centrali e da ispettori fiscali.

Il ruolo dell'Uk nella SDN era e la Banca d'Inghilterra venne e di

predominante accusata di imperialismo finanziario

voler instaurare una dittatura sulle banche centrali. In realtà il governatore della BI aveva il sogno liberale di riportare in

auge il libero commercio preservando il ruolo dominante di Uk attraverso una Federazione economica. Ma fu ostacolato

dal governo britannico che non fu convinto che l'Eu centrale e E fossero così importanti nella rinascita del capitalismo.

Vi erano dunque limiti alla volontà di Uk di stimolare la nascita di un nuovo ordine economico in Eu.

Gli in merito al favorire o meno la riprese De capitalista. I

attriti tra le potenze dell'Intesa indebolì la ricostruzione

voleva far pagare un conto per Fr abbandonata. Fr e Blg nel

Fr le riparazioni troppo salato alla De, Uk no d'accordo,

'23 occuparono futilmente il Ruhr. In De l'inflazione era alle stelle. Serviva un negoziatore: USA

Questa crisi rivelò l'incapacità delle azioni dei vincitori e dimostrò che la ricostruzione non poteva essere affidata ai soli

paesi Eu. Occorreva coinvolgere gli USA. Il capitale Usa stimolò la ripresa Eu.

Il coinvolgimento USA alimentò di un possibile Per la prima volta l'USA sfidava

paure predominio USA.

economicamente Eu. Così dalla ripresa dei metà anni '20, dai trattati di Locarno del '25, durante la Conferenza

spronati

internazionale sull'economia del '27 si riunì con l'intento di costruire una società economica delle nazioni il cui

fu gli Industriali ma essa la

obbiettivo USE. Uk appoggiavano tale idea, non si realizzò per la debolezza dei Fr e

non volontà dei a realizzare tale impresa dato che era

Uk più concentrato verso l'Impero.

Valute sotto controllo, bassa

Per alcuni versi metà anni '20 furono un periodo di prosperità, di stabilizzazione.

inflazione che stimolò gli affari e favorì crescita,nuove banche centrali.

già prima del '29 alcuni segnali: cifre sull'andamento commerciale restavano basse, pochi paesi

La ripresa era fragile,

approfittarono della prosperità per ridurre le barriere commerciali preferendo proteggere i propri produttori dalle

pressioni dei mercati mondiali. non ideate per incrementare la produzione o creare posti lavoro.

Difetti anche dal punto di vista politico, La priorità

richiese una politica deflattiva per abbassare i livelli.

al ritorno del gold standard

Il problema di fondo era che i governi volevano tornare al mondo prebellico ma con le promesse

ciò male si adattava

a operai e contadini: Gli industriali preferivano una politica

politiche di alzare i tenori di vita la democrazia ne subì.

calcata sul modello USA di alti ritmi produttivi e alta produttività. Ma la paura all'inflazione escluse tale possibilità.

La principale causa della fragilità anni '20 fu la sua dipendenza da un flusso di capitali internazionali instabile.

Perché essi dipendevano dalle decisione dei piccoli investitori.

provocò chiusure banche, svalutazioni, caos monetario, causò fallimenti, abbassamento produzione,

Il crollo del '29

riduzione settimana lavorativa, file per sussidio di disoccupazione. Il commercio stava crollando contribuendo anche

fino col l'indebitare gli agricoltori.

a una crisi agraria LE OMBRE DELL'EUROPA di Mark Mazower e attendere che gli investitori

In risposta a ciò la maggioranza dei governi decise di ridurre la spesa pubblica

riprendessero fiducia. Non esisteva alcuna politica diretta per far fronte alla disoccupazione poiché si temeva di

aumentare la spesa pubblica e quindi il debito e in un clima di recessione avrebbe solo minato la fiducia nello Stato.

Serpeggiava un fatalismo sia in Uk (diminuire salari tagliare i sussidi) che in De. Politiche deflazionistiche hanno

aggravato la depressione. La crisi obbligò i governi ad abbandonare il gold standard

Prezzi mondiali iniziarono a cadere già nel '26 e nel '32 solo Fr non aveva svalutato o bloccato i tassi di cambio. Andava

accumulando oro e fu colpita dalla recessione nel '34.

L'abbandono dei tassi di cambio fissi fu universale, come la contrazione del

Sintomi crisi variano da paese a paese.

commercio intensificata da aumenti tariffe e forme di protezionismo.

Tutto ciò ebbe un impatto sulla salute fisica e psicologica della popolazione. Modificò i ritmi di vita sociale e familiare.

Vi era confusione e Con il crollo della

I governi risposero in modo lento e disarticolato. crescente nazionalismo.

cooperazione internazionale venne anche la fine del gold standard. Il prosciugamento dei mercati monetari significò la

fine del tentativo di ricostruire l'economia Eu attraverso il capitalismo. La rimase col gold standard, interessato

Fr l'Uk

all'Impero. Entrambe che all'Eu che fu abbandonata.

pensarono più allo sviluppo coloniale Era incompatibile col libero commercio. Sia Dx

Anni '30 la realtà finanziaria impose un nazionalismo economico.

che Sx anteposero la crescita economica della nazione all'economia globale. Offrirono lavoro e sconfissero la

disoccupazione.

La crisi al capitalismo implicò gravi conseguenze politiche.

I successi comunisti.

fu un modello da al crollo del

Il comunismo contrapporre capitalismo. Era un sistema che funzionava.

Nessun'altra nazione fu devastata dalla guerra come milioni di morti più la carestia. I profughi erano milioni,

la URSS,

orfani, banditi, gruppi armati. Il volume dei raccolti era calato. Leadership, dopo fallimento

Si viveva nel caos.

esportazione rivoluzione, si concentrò sulla nazione.

disgelo strade impraticabili, velocità treni minima, uffici postali chiusi per neve, si aveva una

La URSS era arretrata:

percentuale di analfabetismo molto alta.

Non fu chiaro fino a che punto abbandonare il capitalismo. Per cosa furono radicali con un estesa

prima i bolscevichi

nazionalizzazione dei mezzi di produzione e primo modello di Ciò li permise di vincere

pianificazione centralizzata.

la guerra civile. Ma nel '21 optò per il pragmatismo:

Lenin la Nuova Politica Economica con l'allentamento del

Per alcuni anni venne tollerata l'attività privata. la

controllo centralizzato. L'agricoltura iniziò a riprendersi;

leadership ebbe un attimo di respiro per consolidarsi.

Da un lato il settore privato venne perseguito, dall'altro molti quadri comunisti non

La NEP era ambigua.

riconoscevano nella NEP la strada verso il socialismo. Vi vedevano piuttosto il ritorno al potere delle vecchie élites. La

minacciando i fragili equilibri dell'economia.

NEP generò ineguaglianze economiche tra i diversi gruppi sociali,

Subordinò i tassi di crescita sovietici al comportamento sul mercato di contadini e operai.

Dopo la morte di Lenin ci fu un dibattito sulla direzione da imprimere alla politica economica. si

In primis Stalin

schierò col gruppo intenzionato a seguire (Trockij investimenti nell'industria). Una volta

la strada della moderazione.

sconfitta l'opposizione S. manifestò la

finì con l'adottare la posizione di Trockij. La crisi agraria del '27-'29

debolezza dello Stato. S. fu colto alla sprovvista dallo sciopero dei contadini, dalla riduzione delle derrate agrarie, al

razionamento nelle città e all'aumento dei prezzi: e alle misure di

il regime ritornò al comunismo di guerra

emergenza per procurarsi il grano con la forza.

sarebbe stato con la forza nelle campagne e S. prese di mira

Nel '29 il comunismo imposto agricoltura collettivizzata.

i a favore della loro Essi andavano 1) i più pericolosi consegnati all'OGPU,

kulaki liquidazione. divisi in tre gruppi:

la polizia di sicurezza dello stato, 2) deportati in aree remote, 3) trasferiti in aree diverse della stessa regione.

La battaglia bolscevica per il grano implicò nelle campagne di i funzionari locali

l'invio operai incaricati di punire

negligenti e condannare i contadini che tentavano di nascondere il grano. Vennero chieste quote di consegna assurdi

per le possibilità dei produttori, ma che i quadri locali dell'apparato statale vollero a raggiungere ad ogni costo; un

poteva essere

fallimento accusato di liberalismo.

Solo una piccola percentuale di contadini possedeva davvero il grano. Alcuni, i più poveri, che il regime tentava di

aizzare contro quelli più agiati, si resero conto di dove si stava andando a finire e nella primavera del 30 preferirono

macellare tutte le mucche che consegnarle alla autorità. D'altro canto

Negli anni '30 i raccolti subirono una contrazione: riflesso della collettivizzazione e della coercizione.

gli approvvigionamenti statali aumentarono. Il regime aveva puntato tutto sulla coercizione: scelta che riuscì sì a

procurare il grano ma che a lungo termine avrebbe causato danni gravissimi. Fu una lotta tra i contadini e il

regime.

In molti restarono, si dentro che fuori dal partito, sconvolti dall'entità degli sconvolgimenti in atto. Vi furono proteste

per le deportazioni ed espressioni di simpatia per i kulaki. Tale

Persino gli operai palesarono atteggiamenti negativi.

sentimento di rabbia fu tuttavia sovrastato dal panico e da una crescente passività.

Le campagne per gli approvvigionamenti di grano dei primi divennero il campo di addestramento per una

anni '30 e repressione destinata a diffondersi col

nuova generazione di membri del partito con tendenza alla violenza

Terrore. La loro tendenza a si rafforzò e i loro metodi violenti scatenarono il tipo di

vedere un mondo di cospirazioni

opposizione che rese tali paure plausibili. di milioni portò alla rapida creazione

La deportazione di contadini di

LE OMBRE DELL'EUROPA di Mark Mazower

e al perfezionamento di tecniche di controllo demografico che S. avrebbe impegnato contro le

campi di lavoro forzato

minoranze di classe o etniche. La collettivizzazione aprì la strada all'industrializzazione forzata del Primo piano

quinquennale. imponeva il controllo dell'offerta alimentare interna, ma alti livelli di investimento nell'industria

La strategia di S.

pesante, con conseguente Il Piano Q. agì da instabile fonte di stimoli e obbiettivi. Ciò

pressione sul tenore di vita.

spiega lo sfrenato ritmo di industrializzazione nello stesso momento in cui l'attività degli organi venivano epurati.

La produzione reale restò al di sotto degli assurdi obbiettivi proposti dal

La cosa sorprendente è il grado di successo.

Piano Q. ma è irrilevante di fronte a i risultati ottenuti. (Magnitogorsk

Intere città furono costruite dal nulla

acciaieria) gli impianti metallurgici esistenti furono spinti al massimo. Sviluppati industrie di macchinari per ridurre il

fabbisogno di importazioni del paese. Ciò nonostante l'industria assorbiva una da

quota di investimenti così alta non

consentire un adeguato in termini e linee di trasporto causando sprechi e

sostentamento di rifornimenti energetici

interruzioni di energia. anzi paese afflitto dalla mancanza di manodopera. Le donne lavoravano.

Non esisteva disoccupazione

Le politiche di S. stavano creando una formata di contadini riversatisi in questi anni in città. Un

nuova classe operaia

regime modernizzatore stava elettrificando, meccanizzando e conquistando una società rurale. I contadini si erano

trasformati in operai.

Ma i presunti eroi della rivoluzione L'impostazione della divenne la

non erano poi così liberi. disciplina sul lavoro

principale preoccupazione del regime. furono trasformati in protettori dei lavoratori in della

I sindacati guardiani

disciplina sul lavoro. e il basso livello di specializzazione tecnica fece

L'industrializzazione sovietica fu ad alta intensità di manodopera,

si che molte macchine restassero inutilizzate e che il lavoro venisse svolto a mano.

L'intera impresa fece si che ci fu una pressione sui risparmi privati. I desideri individuali furono subordinati ai

Il razionamento del pane fu introdotto nel '29 e il consumo di carne e cesarei subì

bisogni della collettività.

contrazione. Solo nel '35 ci fu un miglioramento. Le città in espansione acuivano il bisogno di spazio abitativo, uno

dei motivi per cui ci si iscriveva al partito.

Per le pressioni sull'industrializzazione nel '29 dell'OGPU vennero in campi di

i campi di concentramento ridefiniti

lavoro con esplicita Specifici settori produttivi dipendevano dal lavoro forzato.

funzione economica. I nemici esterni avevano tentato di stroncare la rivoluzione sul

Il comunismo si considerava costantemente assediato.

nascere, quelli interni di mandare il Partito in rovina attraverso il loro frazionismo. L'industrializzazione avvenne in un

Fallimenti, rivalità o subitaneo mutamento nella linea del Partito erano motivi sufficienti per essere

clima cospirativo.

portati nei campi. La necessità di addestrare una nuova generazione di dirigenti era un imperativo e un opportunità di

avanzamento sociale. Lo stalinismo significò dunque terrore e repressione ma anche mobilità sociale e opportunità di

una vita nuova.

La URSS dava quindi un immagine vincente della collettività e modernità.

Fino anni '20 i sovietici avevano mantenuto in ambito scientifico, tecnologico e culturale. Ma con gli

contatti con l'Eu

e più avanzava il miracolo economico e più la URSS si chiudeva in se stessa.

anni '30 questi si affievolirono

Con l'avvento di H. a minaccia della democrazia in Eu gran parte del centro e della sx dell'Eu W confluì in un

antifascismo di tipo filosovietico.

La ripresa nazionale.

I successi sovietici furono visti con preoccupazione in Eu centrale e E.

La Uk non era in grado di assumere il ruolo di guida. Il libero commercio non era una risposta convincente.

anni '30 ebbe perché molti paesi si comportarono meglio producendo per se

Il nazionalismo economico successo

stessi. imporre ai consumatori costosi prodotti domestici ma funse anche da stimolo ai

L'autarchia aveva i suoi costi:

produttori, altrettanto il congelamento dei debiti che promosse la domanda interna. Il prezzo pagato dai produttori

I governi stabilirono tassi di cambio, pianificarono la produzione,

per tali sviluppi fu un accresciuto controllo statale.

intervenire nella creazione e sviluppo di nuovo imprese. La recessione stimolò la nascita del capitalismo nazionale a

guida statale. La caduta libera dei prezzi ebbe fine e

La ripresa interna e la crescita industriale furono impressionanti.

l'occupazione prese a salire. Le industrie volte al mercato interno crebbero così come l'agricoltura. Tra il '32 e '37 la

produzione industriale crebbe mentre ristagnò nei paesi in cui regnava il gold standard. sul

La De aiutata dalle leggi

lavoro obbligatorio, controllo dei salari, progetti per la creazione di lavoro e campagna contro il lavoro femminile, la

'39 piena occupazione.

disoccupazione calò,

Nuove fonti interne di finanziamento rimpiazzarono i mercati finanziari dell'W. Il mancato pagamento del debito fu di

enorme aiuto per i debitori. Si ricorse al prestito per gli anni '20 e si ripudiò il debito negli anni '30. Uk e USA erano

impotenti.

Internamente si poté contrarre la spesa per il consumo. Altre forme di risparmio forzato tennero i salari bassi e

incanalarono risorse nelle casse dello Stato. Quasi tutti finanziavano l'agricoltura e prima o poi avrebbero investito

Una terza strategia di sviluppo tra il ricorso al prestito esteri e l'industrializzazione forzata sovietica

nel riarmo.

dall'altro, produsse un tasso di crescita inferiore a quello sovietico, ma che costò mano vite e contribuì a stabilizzare la

classe politica. industriale ma solo nell'ambito di un Gli

L'autarchia incoraggiò la ripresa ambiente al riparo dalla competizione.

LE OMBRE DELL'EUROPA di Mark Mazower

imprenditori fortunati lucrarono profitti molto alti, ma avevano scarsi incentivi a rinvestirli. L'eccezione si ebbe dove lo

Stato nazionalista mise bene in chiaro di volere qualcosa in cambio per la protezione offerta. La maggior parte degli

Stati era o non sufficientemente nazionalista (Uk) o troppo disorganizzato (Fr, It) perché l'autarchia potesse essere

remunerativa. Non vi fu nessun balzo in avanti in campo tecnologico confrontabile con la spinta degli anni '20 e in

alcuni si ebbe un regresso. Un certo grado di fu raggiunto, ma le troppe

Ambiguo appare lo scenario in campo agricolo. modernizzazione

battaglie per il grano avevano In contadini si ritirarono dal

tolto all'agricoltura le prospettive per uno sviluppo.

mercato ripiegando su un economia di sussistenza. L'autarchia non offrì soluzioni ai sovraffollati centri rurali Eu.

Il Fronte del

Il capitalismo ebbe altri aspetti negativi: l'occupazione operaia crebbe ma i salari rimasero bassi.

lavoro nazista organizzò viaggi e costrinse i direttori delle fabbriche a migliorare alcune condizioni di lavoro,

attenuando l'insoddisfazione, ma niente fece crescere i salari. Il modello di ripresa basato sul consumo in Uk e su una

crescente occupazione nell'industria era incompatibile col tipo di ripresa De ed It, il cui elemento cardine fu lo Stato

militarista. Guerra in Etiopia fu di fondamentale importanza per fa uscire l'It dalla recessione. Per H. la spesa del

riarmo non era di certo la ripresa ma la necessità di prepararsi al nuovo conflitto. Il risultato fu uno stimolo alla

che alla fine anni 30 produsse penuria di manodopera e pressioni inflazionistiche.

crescita ma proseguì a livelli così esigui da non stimolare la crescita.

Il commercio internazionale non cessò completamente,

Dopo il 29 si era creata una spaccatura dell'Eu in blocchi commerciali Uk più interessata al commercio extraEu e la

Lo sforo determinato di costruire un nuovo sistema commerciale compatibile con

Fr ancorata al Gold standard.

l'autarchia fu realizzato in De dopo il 34 con il Nuovo Piano. Il regime nazista voleva i prodotti dei paesi dell'Eu E,

non la loro clientela, e ci riuscì realizzando ampi decifit commerciali con i vicini più poveri. La Bulg, la Jg, la Gr

contribuirono a Non essendoci nessun altro disposto a comprare i loro prodotti, i governi

finanziare la ripresa De.

continuarono a foraggiare i De per tenere buoni i propri agricoltori. Il loro valore consistette in

Gli stati baltici rimasero solo partner commerciali di secondo piano per il Reich.

specifici prodotti di importanza vitale per la vita economica degli armamenti De. Fu una forma di sfruttamento che

alla De solo Dal 38 il commercio fondato sul baratto fu rimpiazzato da forme di

offrì benefici a breve termine.

sfruttamento economico. La conquista dell'Eu, l'obiettivo della De nazista, era iniziata.

Il capitalismo fascista.

L'interventismo statale aveva soppiantato il libero mercato. All'individuo era succeduta la collettività.

Battaglia del grano, della lira:

Il fascismo impresse il proprio stile all'economia: attivista, eroico, militarista.

trasformare i problemi economici in questioni di volontà. l'ideologia fascista rimase

Ma vaga in materia di economia,

in parte per la necessità di accontentare le opposte fazioni e in parte perché non era molto interessato alla materia

Il fascismo era anticomunista e antiplutocratico. Era contro la finanza

considerata un mezzo per raggiungere un fine.

internazionale e a favore della produzione nazionale.

più che i macchinari e la tecnologia. I manifesti enfatizzavano le virtù dei

Il fascismo enfatizzò il lavoro manuale

piccoli artigiani. Sia M che H si rivolsero agli operai in un certo modo prima

Nella realtà il fascismo fu ben poco amico dei lavoratori.

della conquista del potere e tutt'altro dopo. L'ala sinistra dei fascisti italiani esortò M a non alienarsi le simpatie dei

lavoratori. I nazisti di sx sognavano una seconda rivoluzione contro il capitalismo ma in De ciò finì con la notte dei

lunghi coltelli. In It era svanita già anni prima. Nel campo delle relazioni industriali i regimi fascisti proposero per il

patronato. ma le associazioni dei datori di lavoro ebbero

I sindacati indipendenti furono distrutti sia in It che in De,

il permesso di esistere. di tipo diverso da quella dell'Eu W.

Il fascismo rimase un economia di bassi salari

forse era dovuto dal successo del Fronte del lavoro e dalle sue

La protesta operaia non si materializzò, De (DAF)

organizzazioni ausiliarie nell'attuazione delle politiche sociali e nel miglioramento delle condizioni di lavoro. In It

l'organizzazione del fu un segno dell'interesse del regime per il benessere e il tempo libero dei lavoratori.

Dopolavoro Livelli di disoccupazione molto più alti in It possono forse spiegare perché i

Più importante fu la disoccupazione.

lavoratori it sembrarono restare più estranei al regime rispetto a quelli De.

Sia in It che in De non si cercava una nazionalizzazione dell'economia di tipo materiale ma di tipo mentale. Si trattava

di un ammonimento alla classe imprenditoriale e di uno scarico di responsabilità. Ai banchieri It fu ricordato che le

Banche non sono più le dominatrici dell'economia della Nazione ma soltanto un suo strumento.

È difficile discernere un approccio peculiarmente fascista allo Stato. la necessità di salvare le imprese industriali in

In It

bancarotta portò alla Sulla carta sull'economia.

formazione delle Holding statali. vi fu un enorme controllo statale

i dirigenti industriali andarono avanti come prima. Inspirato all'esempio sovietico, lo Stato De avviò un

Nella realtà

massiccio programma di investimenti di capitale. I livelli di produzione artigianale erano alti ma distraevano

dall'attenzione di cui Così

si aveva bisogno: un efficiente produzione di massa. l'economia De non si rivelò

all'altezza di entrambi i modelli rivali, quello capitalista e quello comunista.

La riforma del capitalismo democratico.

separava giovani e la vecchia leadership socialista. Questi ultimi volevano

In Uk una frattura generazionale

dimostrare si saper giocare secondo le regole del capitalismo, mentre la generazione del fronte considerava quelle stesse

regole irrazionali e la leadership passiva, per molti esponenti della generazione del Fronte fascismo e comunismo

rispetto al liberalismo e

rappresentavano entrambi forme più moderne e dinamiche di organizzazione economica

al socialismo riformista. LE OMBRE DELL'EUROPA di Mark Mazower

Solo occasionalmente i partiti socialisti tentarono un ripensamento teorico e pratico alla luce della disoccupazione e

della recessione. L'amministrazione era disposta a usare la leva fiscale per stimolare la ripresa

Come in Svezia.

economica. La politica adottata venne elaborata preventivamente e pianificata con grande cura. Impresse una spinta agli

investimenti e la disoccupazione calò e vi fu un boom manifatturiero.

si utilizzo la pianificazione capitalista. La novità era insita nel fatto che si potesse realizzare un tentativo

In Belgio

socialista di pianificazione all'interno di una cornice capitalista.

non voleva commettere l'errore della Repubblica di Weimar(i socialdemocratici no cooperare con i ceti

Il Plan De Man

medi quindi futili piani per l'aumento dell'occupazione inaccettabili per tali ceti). Quindi era necessario per i socialisti

sfidare il pareggio di bilancio e Nella realtà i

scendere a patti col nazionalismo, offrire una alternativa al mercato.

risultati ottenuti furono solo poco superiori: Man ridusse l'occupazione ma fu merito della svalutazione monetaria.

Deluso de Man scivolò lentamente a dx e nel 40 divenne un collaborazionista dei De. Dopo la guerra il Plan de Man

offrì un modello di pianificazione statale in buona parte dell'Eu W dopo il 45.

In Fr il Plan fu oggetto di dibattiti, ma un piano equivalente venne estromesso dal programma del Fronte popolare

del 36. Il governo Blum tentò di soddisfare le richieste dei lavoratori e mantenere un franco forte. Il risultato fu un

fece naufragare le speranze nei confronti del Fronte popolare e in se stessa

fallimento economico, ridusse la fiducia

della sx non comunista in Eu. I sbandierati successi del governo del Fronte popolare erano già stati raggiunti in molti

altri paesi (ferie pagate, settimana di 44h, arbitrato nelle dispute)

finirono col individuando in essi la radice del

Alcuni liberali rifiutare l'interventismo statale e il nazionalismo,

problema e considerando la pianificazione autoritaria.

Più successo ebbero i critici democratici del liberalismo. Condividevano l'opinione che i nazisti hanno sviluppato un

certo numero di tecniche economiche che potrebbero essere applicabili a una degna causa. Alcune virtù del

nazionalismo economico: l'autonomia guadagnata dai singoli stati nei confronti della politica in conseguenza del crollo

di un economia internazionale unificata.

I controlli su scambi erano necessari per i governi che intendevano alterare gli equilibri del potere industriale a

vantaggio dei lavoratori; i capitalisti potevano minacciare una fuga di capitali per minare la credibilità del regime.

Sia a E che a W il ricordo del fallimento del liberalismo avrebbe prodotto una nuova valutazione del giusto equilibrio di

potere pubblico e privato nell'economia moderna. Che lo stato dovesse essere coinvolto nella vita economica

non fu una lezione che si dovette imparare:

nazionale l'esperienza vissuta tra le 2 guerre la portò a tale conclusione.

5. Il nuovo Ordine Hitleriano, 1938-45

Negli anni 30 molti europei voltarono le spalle all’ordine liberale ma non erano disposti ad accettare la violenza e la

brutalità dell’imperialismo nazista, la reintroduzione della schiavitù e il ripudio di tutte le esportazioni nazionali a

eccezione di quelle tedesche. La 2GM fu uno scontro che aveva come posta il futuro assetto politico e sociale del

continente. Non furono di certo li Alleati a conquistarsi quanto

il cuore e la mente degli europei, Hitler ad alienarseli.

L’occasione perduta di Hitler.

Negli anni 30 l’opinione all’idea di una ricostruzione sotto Tutto

pubblica non era contraria la leadership tedesca.

ciò che rifiutava l’ordine di Versailles per un Nuovo Ordine andava bene, verso la De

anche se estremista. I sospetti

erano per I popoli erano ormai indifferenti alla libertà,

attenuati dall’ammirazione la sua ripresa economica. Eu

pochissimi si curavano della libertà individuale.

Estate ’40 accolse vittoria De con soddisfazione e a Bruxelles fu assalita da una furia antiparlamentare. Il

BELGIO.

presidente del partito dei lavoratoti belga dichiarò che l’era della democrazia era terminata.

La rivolta contro la politica dei partiti fu la base dell’attacco dell’ex primo ministro e capo del partito

OLANDA.

antirivoluzionario e guardava ad un regime autoritario fedele alla Casa reale. Stessa cosa in Danimarca.

Le cause dell’eliminazione dominato da uomini vecchi e

Fr risiedevano nella debolezza di un sistema parlamentare

da una burocrazia cinica. Per molti la caduta della Fr consisteva in un riavvicinamento alla De.

La capitolazione della Fr Poiché la di

ebbe ripercussioni sul continente. democrazia aveva tradito le promesse

risollevare i paesi dalla disoccupazione, inflazione, deflazione, agitazioni sociali, pur essendo

l’uomo a capo della De,

sgradevole che era riuscito a risollevare il suo paese.

nei confronti dei De Dopo la Battaglia di Uk apparve sempre

Questi atteggiamenti favorevoli svanirono ben presto.

più chiaro che la guerra sarebbe durata molto più a lungo di quanto ci si era immaginato. I dubbi su possibili annessioni

e spostamenti di confini in tutta Eu contribuirono a intaccare la fede nel Nuovo Ordine hitleriano.

Vivere in tempi storici.

H. dichiarò che il centrale. Aveva un opportunità

Reich solo poteva risolvere il problema di restaurare l’ordine in Eu

e il problema era come sfruttarla. Ciò che ora toccava ai Una serie di

i soldati avevano conquistato politici governarlo.

blitzkrieg aveva dato a buona parte del quale non si era prefigurati di conquistare. Il luogo per il

H. un vasto impero,

futuro Grande impero De era a E più o meno quello che la De aveva ottenuto nel 18 col trattato di Brest-Litovsk.

sarebbe stata un e una Lo smembramento del paese e

La Polonia nodo di congiunzione all’Eu fonte di manodopera.

l’asservimento della sua popolazione dimostrò quali metodi sarebbero stati impiegati a tal fine.

Esse sarebbero state

Scandinavia, Paesi Bassi, Balcani e Fr erano aree di minore importanza. facilmente intimiditi

e costretti a una politica di acquiescenza o alleanza. assicurò ai De il controllo di

La pressione diplomatica risorse

H. si oppose a invadere la Norvegia.

vitali in Rom, Ungh e Svezia. La Fr andava sottomessa e tenuta fuori dalla

LE OMBRE DELL'EUROPA di Mark Mazower

anche se il suo ruolo nel Nuovo Ordine resta poco chiaro. non avesse provocato intervento Uk

guerra, Gr neutrale se It

e conseguente invasione dei De. Invasione Jug preparata in fretta. il loro destino sarebbe stato deciso dopo la guerra.

La politica De nei confronti dei paesi sconfitti rimase indefinita:

Nell’estate del 40 sia Wehrmacht che Ministero degli Esteri volevano L’idea

un trattato di pace con la Fr ma H. no.

del Fuhrer era quella di ricostruire il Sacro Romano Impero.

Gli statisti occidentali, allarmati dall’annessione De di Pl e Ceco, cercarono rassicurazioni che l’integrità dei loro Stati

sarebbe rispettata e la loro sovranità ripristinata.

nella Nuova Eu tutta una più o meno provvisori. A un estremo, alcuni

Il 3 R insediò serie di regimi di occupazione

paesi vennero smembrati e la loro identità nazionale completamente soppressa: Pl, Jug, Cecos. Lo status giuridico di tali

paesi venne lasciato incerto.

consueta adottata dai De consistette nel che governavano

La procedura nominare comandanti civili o militari

attraverso l’apparato amministrativo locale esistente. Questi territori divennero altrettanti feudi.. fu

Il governo danese

quello che meglio riuscì a mantenere l’ordine pubblico. Re e Parlamento mantennero le loro funzioni e godettero

all’inizio di un considerevole grado di sovranità. dei governi fantoccio

In Fr, Gr, Boemia- Moravia, Serbia e Norvegia

interposero un velo rispettabile tra i conquistatori e l’amministrazione pubblica. un Commissario del Reich

In Olanda

governava attraverso i segretari generali della pubblica amministrazione, mentre i segretari generali rispondevano

in B

alle autorità militari. erano palesemente serviti dai De.

In Cro e Slovacchia modello ideale di governo imperiale. Per H. era il nuovo

H. era affascinato dall’esempio Uk in India, l’Ucraina

impero indiano; il fronte E sarebbe diventato a frontiera nordoccidentale della De. Ma H. dimostrò scarsa comprensione

per le tecniche di governo imperiale di Uk, criticando il lassismo delle attitudini razziali Uk e la loro disponibilità a

concedere un certo grado di autonomia politica locale.

Gli bellici della De esposti nel 41: sarebbe diventata un

obbiettivi l’Eu continente economicamente autosufficiente

Gli stessi De sarebbero stati educati all’idea dell’Eu imperiale e preparati a ricorrenti operazioni

sotto la leadership De.

militari su scala ridotta a E, analoghe a quelle condotte dai Uk in India. La De si era

No statarelli con rivendicazioni.

conquistata il diritto di governare l’Eu secondo regole nuove: il vecchio sistema di diritto internazionale andava

sostituito da una giurisprudenza nazionalsocialista basata sul diritto del Volk.

Per sarebbe stato un segno di

H. non era ammissibile nessuna delega di potere a esseri razzialmente inferiori:

debolezza, la superiorità De andava salvaguardata: Anche It, nella

solo De poteva governare. partner dei De

costruzione del Nuovo Ordine subirono le direttive emanate in merito al trattamento dei

il medesimo trattamento:

lavoratori stranieri affermavano che i rapporti con gli It non sono graditi.

A livello politico tali atteggiamenti vennero replicati a detrimento dei pretesi collaboratori della De. Il collaborazionismo

in De era ben diverso da quello inteso in Fr che veniva visto come una partnership tra due potenze imperiali.

Il Fuhrer era diffidente dei nazionalsocialisti sarebbero stati probabilmente degli

sodisant. Se impopolari

amministratori costituivano una Degrelle in Belgio e Mussert in Olanda erano dei

inefficienti; se popolari, minaccia.

fantocci, il vero potere era nelle mani dell’apparato burocratico. Per essere paesi “De”

A rendere i vari Degrelle e Mussert dei partner inaffidabili era proprio il loro nazionalismo.

avrebbero dovuto essere indipendenti con delle proprie forze armate. Per H. ciò non era possibile. L’imperialismo di H.

era diverso da quello di Guglielmo II. Entrambi favorivano dei regimi autoritari ma Guglielmo era pronto a

a un proprio a suo nome, mentre sostenendo di non poter

concedere delegato di governare H. scartò tale soluzione,

porre obbiettivi che un giorno produrranno stati autonomi indipendenti.

L’elemento distintivo del Nuovo ordine Eu è che si tratta di un ordine De. La propaganda diffuse l’idea che quella

Nel 41 addirittura che dalla confusione Tali

nazista fosse una crociata per l’Eu. sostennero fossero nati gli USE.

slogan stridevano con la realtà e nulla lasciava intendere che ciò fosse preso seriamente oltre i confini De. Dopo

Stalingrado i De cominciarono troppo tardi a cercare amici e alleati. Nessuno si fece convincere dal dietrofront operato

dalla giurisprudenza nazista e dalle sue dichiarazioni di antimperialismo. Solo in Gr, Serbia e in It la scena interna andò

a confinare nella guerra civile. Via via che andavano ritirandosi le forze De lasciavano dietro di sé lotte intestine.

L’organizzazione dell’Europa

per l’economia comportava l’integrazione e la creazione di una zona franca. Si

Il Nuovo Ordine economica dell’Eu W

discusse anche la necessità di investimenti transnazionali in Eu sotto gli auspici De. furono negoziati con

Nel 39-40

degli accordi commerciali che portarono di basilare importanza sotto il controllo del 3R.

Rom e Ungh materie prime

Verso la fine del 40 il futuro era quello di creare sul continente Eu un unico Grossraum che avrebbe costituito

dell’Eu

l’unità economica del futuro. Da tale andavano sia gli sarebbe diventata

blocco continentale esclusi USA che Uk. L’Eu

Il gold standard e il lasseiz-faire sarebbero stati sostituiti dall’economia

autosufficiente. del baratto e dalla

della produzione su scala continentale sulla falsariga della politica commerciale De degli anni ’30.

pianificazione

Questa fondata sul Blitzkrieg ben di

idea però ebbe scarso impatto. La strategia bellica dettava metodi diversi

sfruttamento delle risorse economiche dei territori conquistati: solo con il passaggio alla guerra totale l’idea di un

integrazione economica parve conveniente nel contesto dello sforzo bellico.

Ma in materia di non forniva

economia internazionale la teoria nazista nulla di equivalente alla dottrina liberale.

economica era solo quella di (Gr e Rom passaggio da tirannia Uk a quella di De).

La funzione dell’Eu sostenere la De.

Tale visione dell’economia Eu fu più pronunciata durante la guerra. H. non voleva ridurre il tenore di vita dei De.

Voleva che aveva causato la sconfitta nel 18. Fu sempre

evitare il crollo del fronte interno attento alle manifestazioni

LE OMBRE DELL'EUROPA di Mark Mazower

contenute nei rapporti di partito. Era riluttante a mettere alla prova la propria popolarità imponendo

di malumore

drastici tagli alla produzione di beni di consumo che le risorse economiche dell’Eu gli avrebbero permesso di evitarlo.

addebitarono ai paesi occupati il costo dell’occupazione e esistenti Il

La Wermacht requisirono le scorte di beni.

grosso di tali scorte venne consumato dalle unità militari o inviati dai soldati.

rientrò nel Reich sotto forma di pacchi

Nelle economie industriali del Protettorato e dell’Eu NW,

L’effetto di tali politiche variò da un area all’altra. la

a breve termine di espropriazione fisica lasciò ben presto il passo a una strategia

politica volta a permettere alle

L’arianizzazione delle imprese

installazioni esistenti di continuare a produrre per poi acquisirne i prodotti finiti.

ebraiche fu un mezzo per giungere al controllo diretto. Le imprese di proprietà non ebraiche furono poste sotto il

controllo De. Buona parte della più importante produzione mineraria fu incorporata dalla De mediante furto legalizzato.

La politica economica nazista funzionò molto meglio in w che nei territori dell’E, dove fu portata avanti una politica di

fino a che non si dovette fare i conti con l’opposizione dei dirigenti militari.

saccheggio diretto,

Nelle economie agricole come URSS e dei Balcani, le politiche di espropriazione adottate dai De causarono un

La risposta dei contadini fu il ritiro dal mercato che ridusse alla fame i

deterioramento delle condizioni di vita.

residenti urbani di quelle regioni. La vita nelle campagne si fece quanto mai precaria.

Rosenberg era dell'idea di appoggiare i

Il Partito nazista perorava lo sfruttamento diretto della popolazione locale.

gruppo filoDe e incoraggiarli, politica avrebbe funzionato se non fosse stata osteggiata.

All’inizio dell’occupazione, gli agricoltori avevano accolto i De come dei liberatori. Se H. avesse acconsentito a

ucraini

privatizzare le fattorie collettive come chiedevano i suoi consiglieri, la produzione agricola sarebbe aumentata anziché

contrarsi. Ma H. non lo fece e il grande granaio d’Eu non mantenne le sue promesse. Nel 41 la carestia divampò in tutta

l’Ucraina. Un ripensamento permise una certa ripresa industriale ma troppo tardi per riconquistare le simpatie della

popolazione ormai totalmente disincantata. Nel 43 erano tornati a guardare verso Mosca.

La guerra totale.

Nell’inverno del 41 Ciò

la leadership De fu costretta ad adeguare l’economia alle esigenze della guerra totale.

significò che l’originario Si rese necessario uno ancor dei paesi

progetto era fallito. sfruttamento più intensivo

satelliti. Il regime si ritrovò con un disperato bisogno di manodopera.

E adesso ne occorreva ancora di più. A partire dal 42, l’opera di

Il Reich dipendeva dalla forza lavoro straniera.

reperimento di manodopera, portata avanti da sfociò nell’arruolamento

Fritz Sauckel, coatto di milioni di lavoratori.

I metodi utilizzati scatenarono proteste e alimentarono la resistenza al dominio De. Nel 43 una diffusa protesta a

Varsavia costrinse a rallentare il processo di costrizione coatta in E W.

erano impegnati nel lavoro civile. La loro presenza faceva protettivo per la

I lavoratori stranieri da cuscinetto

e al regime di elaborare una e di obbligare

popolazione De risparmiò politica interna di lavoro di carattere globale

le donne al lavoro salariato.

Dinanzi alla costante i lavoratori maschi dell’Eu occupata abbandonarono

minaccia di finire rastrellati e spediti in De,

il proprio lavoro ed entrarono in clandestinità. Gli amministratori locali cercarono di proteggere i lavoratori del posto e i

poliziotti locali chiudevano un occhio. L’aumento dei maquis in Fr e la resistenza in Gr, fu in stretta correlazione con la

campagna di reperimento di manodopera di Sauckel. civili tentarono di convincere i De a mutare

Politici e funzionari

politica trovando in loro Speer, ministro della Produzione bellica.

un alleato:

credeva che la con le economie industrializzate di fosse

Speer cooperazione economica Fr, Belgio, Olanda,

vitale. i lavoratori non aveva senso, e serviva solo ad dei governi.

d’importanza Deportare alienarsi le simpatie

Auspicava un processo di razionalizzazione produttiva che considerasse l’intera Eu NW come una singola unità

Era un più fredda, e il mondo degli

economica. ottica meno nazionalistica, preferiva la pianificazione al saccheggio

affari a quello dell’ideologia nazionalsocialista. La creazione di un’industria bellica su scala Eu necessitava della

protezione di una adeguatamente

forza lavoro specializzata e motivata.

Speer tentò di accrescere la produzione di armi in Pl e in Ucraina, sforzi che andarono a scontrarsi col caos economico

creato dalle politiche precedenti. Maggior successo ebbe in Fr. Riuscì a bloccare la caccia all’uomo e a giungere a un

accordo con i tecnocrati locali basato sulla pianificazione della produzione industriale anziché sul suo sfruttamento.

che avrebbero portato alla nascita della Comunità Eu per il

Speer era una sorta di pioniere degli accordi industriali

carbone e l’acciaio e in seguito al Mercato Comune. in quanto riconosceva l’impossibilità di

Speer era un realista,

vincere una guerra moderna e industrializzata sulla base della primitiva economia di conquista di H., dall’altro era un

poiché senza le teorie politiche di H. il 3R non poteva esistere. Il suo progetto quindi non era realizzabile. Lo

illuso,

stesso continuando però a sostenere Sauckel.

H. limitò la sua opera

Se l’Eu non poté essere organizzata, la colpa fu degli organizzatori. Anziché rifarsi a un pragmatico principio di

efficienza manageriale, implicò Così

l’organizzazione nazista la subordinazione economica delle razze inferiori.

economia e ideologia procedettero sempre di pari passo. L’unico reale principio organizzativo del continente

sarebbe stato quello della razza.

L’Europa come entità razziale. aveva tentato di garantire stabilità alle minoranze tramite il diritto

H. affermò che l’Eu era un entità razziale. La SDN

internazionale. non credeva nel diritto e Nei suoi obiettivi

H. fece l’opposto, tentò di sradicare intere popolazioni.

internazionali milioni di persone vennero internate nei campi di lavoro. La 2GM si differenziò dai precedenti conflitti

per questo aspetto. È qui che si coniò per la prima volta la parola genocidio.

Una conseguenza della conquista nazista dell'Eu fu l’estensione su scala continentale della nozione di Stato sociale

LE OMBRE DELL'EUROPA di Mark Mazower

razziale: uno Stato dove tese a reprimere gli elementi razzialmente indesiderabili erano il

misure poliziesche Il Nuovo Ordine Eu implicò misure rivolte a

complemento di politiche volte a preservare la Volkgemeinschaft.

sventare la minaccia delle minoranze e dall’altro a provvedere al sostentamento e all’insediamento di 10 milioni di

Volkdeutsche: individui di lingua De residenti fuori dai confini del Reich. Espulsione, colonizzazione, sterminio e

assistenza sociale furono le due facce dell’imperialismo nazista.

La guerra ampliò l’orizzonte geografico delle politiche razziali naziste: le estremizzò e le rese molto più articolate. Gli

obbiettivi della politiche di colonizzazione vennero formulati via via che i confini del Reich si espandevano come la

politica nazista nei confronti degli elementi razzialmente indesiderabili. Col progredire la strategia si fece più cruenta.

La questione ebraica prese nuove prospettive via via che l’E andava conquistato. Prima dello sterminio di massa su

base industriale nei campi di morte, altri tentativi: Piano Madagascar, furgoni a gas.

Campi di concentramento aumentarono

L’espansione del programma razziale si accompagnò alla crescita delle SS.

costantemente la loro popolazione e fu amministrato da un altro ufficio bellico dell SS: WVHA. Il compito di creare una

nuova classe di coloni De provenienti dallo Volksdeutsche fu affidato alla RKFDV istituita nel 39.

La centralità della e l’idea dello fu l’elemento che

dottrina razziale sterminio di massa differenziò l’impero di H. da

quello di S.

La guerra di razze (1): Polonia, 1939-41.

La De promise all’It che la ponendo fine hai trattati sulle

minoranza De nel Sud Tirolo sarebbe stata trasferita in De

minoranze. furono di popolazioni. Ciò significò un forte

Le garanzie giuridiche soppiantate da trasferimenti forzati

Nell’arco di poche settimane un enorme massa prese ad affluire nel Reich e nella

afflusso di De nei confini del Reich.

Pl occupata, e fu necessario affrontare il problema di dove e come sistemarla.

inizialmente affidata la partito, fu data All’inizio del 40 istituì una Commissione del

La questione, in consegna alle SS.

Reich per l’unificazione della razza De (RKFDV), incaricata di organizzare le evacuazioni, lo screening razziale

degli evacuati e La RKFDV era fiduciaria delle proprietà lasciate dai De del Baltico e

i campi di accoglienza.

responsabile della loro nuova sistemazione, il che significò della popolazione

organizzare l’espulsione forzata ebraica

residente nei territori conquistati.

e polacca

Tra la RKFDV incentrò la propria Himmler pensava di creare una netta linea di demarcazione tra

il 39-41 attività in Pl.

i e la popolazione razzialmente inferiore. I primi andavano mentre i

De insediati nei territori W annessi al Reich, Pl e

di quelle regioni sarebbero stati a un area riservata agli Untermenschen.

gli ebrei E del Governatorato generale,

Tale progetto fu tuttavia perché comportava una Nei territori

ostacolato disgregazione della vita economica locale.

annessi, l’espulsione dei contadini polacchi e della classe artigiana ebraica minacciò di provocare un completo crollo

economico. del Governatorato erano all’idea di dover accogliere masse di polacchi ed

Gli amministratori contrari

ebrei depauperati, che avrebbero frustrato le loro ambizioni di in un importante

trasformare il Governatorato centro

Tra il dogmatismo razziale e interesse economico vedeva schierati Himmler, SS, e ideologici del

di attività economica.

Partito da una parte e il governatorato e Goring dall’altro.

di accoglienza riservato dalla RKFDV ai provenienti dall’estero fu e il trattamento a essi

Il piano De ben organizzata

riservato con un programma previdenziale su scala imperiale.

ospitale,

Questi sfollati erano entusiasti ma solo quelli presenti in aree all’interno della sfera sovietica, quelli al di fuori non erano

così entusiasti. Ciò nonostante molti di essi furono convinti

Non tutti accettarono di buon grado lo sradicamento.

dalle zelanti giovinette della Lega delle ragazze De (BDM) che per impiegare il loro Anno di servizio agricolo aiutavano

i coloni a sistemarsi.

Ben Deportati costretti a portarsi

diverso era il trattamento riservato ai polacchi e agli ebrei. senza alcun preavviso,

dietro solo poche cose. ferroviaria o lasciati in aperta campagna.

Scortati alla stazione Non avevano un programma

Nel tentativo di indebolire la resistenza dei polacchi, gli esponenti della classe dirigente Pl finirono

assistenziale.

vittime degli eccidi di massa perpetrati dalle SS. in massa nel 39 nei campi. Nel 40 interi

I docenti dell’uni deportati

paesi vennero bruciati e centinaia di civili uccisi come rappresaglia per assalti contro personale De.

A rendere tragica la condizione dei Pl fu la di cui diede mostra nell’area della Pl E che tra 39

crudeltà l’Armata Rossa

e 41 superarono momentaneamente le vittime per mano nazista. psichiatrici Pl

I degenti degli ospedali trucidati per

fare spazio alle Qui ebbe inizio il programma di eutanasia nei territori occupati.

caserme delle SS. Più duro il

dai territori W

trattamento riservato agli ebrei Pl. Il programma di deportazione non aveva di norma discriminato

Entrambi cacciati dagli insediamenti riservati ai DE. Ma le SS eseguirono esecuzioni sommarie di ebrei

tra Pl ed ebrei.

anziani, bruciarono sinagoghe e si impossessarono di proprietà ebraiche. La destinazione per gli ebrei era Lublino.

L’opera di fu un processo di progressiva

germanizzazione in Pl graduale con la cultura e la lingua usati come mezzo

trasmissione dei valori De alla popolazione. Esclusione, segregazione e sterminio furono i principi guida della politica

nazista. I territori occupati andavano e il più velocemente possibile.

germanizzati con la forza

L’opera di germanizzazione implicò il ricorso a una Le uni Pl furono chiuse e in

decisa politica di negazione culturale.

accordo alla politica di sterilizzazione spirituale fu consentita solo un’istruzione primaria e professionale di basso

livello.

Una volta operata una netta distinzione tra le culture, le continuarono a cercare di passare al setaccio e separare gli

SS

elementi razziali validi da quelli non validi. Ma tra la popolazione la

per identificare potenziali De pseudoscienza del

Il processo di screening fu introdotto addirittura nei campi di

razzismo biologico offriva una guida imperfetta.

concentramento nel tentativo di rafforzare la stirpe del Deutschtum. Nessuna valvola di salvezza di questo tipo fu offerta

LE OMBRE DELL'EUROPA di Mark Mazower

agli ebrei. La stessa cultura ebraica doveva andare incontro a una morte storica.

La guerra di razze (2): il Vernichtungskrieg, 1941-45.

I progetti di Himmler di usare il governatorato generale come riserva di ebrei dovette essere abbandonato. L’invasione

della Fr offrì un nuovo spiraglio a Himmler che elaborò un nuovo approccio ai dilemmi razziali del De.

propose di passare al vaglio l’intera popolazione dell’ex-Pl: sarebbero stati

Himmler gli elementi razzialmente validi

trasferiti nel Reich, mentre il resto lasciato nel Governatorato come riserva di lavoro.

dell’idea dello si pensò ad altri metodi. Tipo il che consisteva nel trasferire tutti gli

Prima sterminio piano Madagascar

ebrei in una colonia africana, resa disponibile in seguito alla vittoria sulla Fr. Tuttavia era fondato sul presupposto che

anche la Uk sarebbe stata sconfitta, previsione falsa dopo la Battaglia di Uk, e il Piano Madagascar venne subito

dimenticato. Quindi tutti gli A

ebrei furono trasferiti nel Governatorato. La soluzione finale rimaneva l’espulsione.

trasformare la politica nazista fu un

l’invasione URSS e la radicalizzazione del conflitto. La guerra divenne

Vernivhtungskrieg, una e furono elaborati piani implicanti il ricorso allo sterminio di massa.

guerra di annientamento

Le truppe al fronte ricevettero l’ordine di fucilare i commissari sovietici catturati. Ai prigionieri di guerra vennero fatti

morire di fame o costretti a marciare fino a che non morivano. Via via che il fronte avanzava verso est, milioni di civili

andarono incontro a morte violenta. Al seguito delle truppe di prima linea giunsero le Einsatzgruppen a caccia di ebrei

partigiani e comunisti.

Lo sterminio di massa su scala così terrificante indicò che la soluzione finale non era più considerata in termini di

reinsediamento. in parte per superare tale disagio e in parte

L’eccidio andava lasciando tracce sugli esecutori. Fu per

dell’opera di sterminio che

accrescere l’efficienza fu sviluppato l’impiego del gas in campi di sterminio

specificatamente adibiti. L’inaugurazione di tale politica è riconducibile a fine estate-inizio autunno del Le

1941. SS

avevano già l’impiego di

sperimentato furgoni a gas mobili.

Nel settembre del 1941 alcuni segno

centri di eutanasia ricevettero internati ebrei dai campi di concentramento,

che la loro funzione stava già passando a quella dello sterminio di massa. Le Einsatzgruppen iniziarono a utilizzare i

furgoni a gas in tutto l’Eu. I tecnici delle SS ne svilupparono due tipi (Diamond 25/30p, Saurer 50/60p).

L’elemento chiave per la soluzione finale fu la costruzione degli speciali cantieri di sterminio istituiti nel Governatorato

generale. Inizialmente le SS si concentrarono sull’area di Lublino. Nel 1942 fu introdotto l’uso del monossido di

Ex-responsabili del programma di eutanasia furono assegnati ai

carbonio. campi di sterminio. Furono costituite

che furono poi ampliate. tra il 42-43 divenne

camere a gas Bikernau il principale campo di sterminio di ebrei d’Eu.

L’impatto complessivo della soluzione finale fu una riduzione degli ebrei di più della metà in Eu. In alcuni paesi come la

Pl o la Gr fu sterminata l’intera comunità.

Ci fu una che conferma la consapevolezza che tali crimini andassero ben oltre il rango

piena complicità di tutti i De

delle SS. Esercito, Marina, Ministero degli Esteri svolsero tutti la loro parte.

Quando i videro giungere richieste d’aiuto,

governi stranieri le loro reazioni dipesero dalle prospettive di una

De, dall’atteggiamento della rispettiva e da quanto sarebbe costato un eventuale diniego. Si

vittoria opinione pubblica

mostrarono rifugiati a altri stranieri, furono più a permettere la deportazione

solerti nel consegnare ebrei ma riluttanti

di propri Alcuni governi, Fr, Slovacco, croato, esibirono un fervore antisemita pari a quello De. In Rom o

connazionali.

Ungh estremisti antisemiti per un certo periodo salirono al potere. Anche dove i gli elementi autoctoni si rilevarono

riluttanti, Gr o NDL, la cooperazione tra le varie autorità De fece si che un alta percentuale di ebrei locali furono

deportati. Praticamente nessuno emulò che aiutarono a far scappare la maggior parte degli ebrei, sebbene gli

i danesi

italiani fecero il possibile per ostacolare la soluzione finale nelle aree sotto il loro controllo. Svezia e Svizzera chiara

tendenza a volgere la politica razziale a proprio vantaggio.

I governi Uk e Usa non erano all’oscuro della situazione. Ma a parte qualche vago ammonimento si fece ben poco e

l’ipotesi di bombardare i campi venne ben presto scartata.

Difficile da giudicare è il sentimento dell’opinione pubblica nell’Eu occupata. era un fenomeno

L’antisemitismo

su scala continentale, spiega l’atteggiamento di disinteresse e di gioia per la condizione degli ebrei. Il

diffuso genocidio

offre opportunità di con cui poter comprare della popolazione.

arricchimento l'acquiescenza

Occorre tuttavia precisare che l’atteggiamento di approvazione non fu fenomeno comune.

All’interno del 3R Fu come se la maggior parte dei De avesse

Le reazioni dei De. non vi fu alcuna protesta pubblica.

ormai accettato il fatto che gli ebrei non facevano più parte della loro comunità. Non lo facevano per paura, anche nel

bel mezzo dello sterminio relative a fidanzate, mogli o figli.

continuavano a essere afflitti da preoccupazioni private

Anche quando uno delle SS fu processato dalle SS e dalla Corte suprema per aver ucciso senza autorizzazione degli

ebrei in Ucraina il verdetto sottolineò che uccidere ebrei non era un crimine ciò che era preoccupante consisteva

nell’averli uccisi in modo crudele, ciò rendeva l’imputato di carattere inferiore.

Una uguale era evidente all’interno del Reich. La segregazione di

accettazione di soppressioni razzialmente motivate

di guerra adibiti al della Gestapo finì per l’essere accettata come un normale. La denuncia di

prigionieri lavoro coatto

lavoratori stranieri divenne quotidiana. Quasi tutti gli evasi catturati o uccisi dai contadini del posto, membri della

gioventù Hitleriana e dai residenti urbani.

In tutta Eu esistevano più di diecimila campi, compreso i campi ghetto, ospedale psichiatrici e asili infantili in cui i

pazienti e bambini venivano soppressi.

La principale attività delle SS era rivolta ai detenuti di tali campi. I detenuti nel 1944 furono considerati atti al lavoro.

I loro compiti comprendevano la stesura dell’elenco di possedimenti dei prigionieri morti da distribuire alle Waffen-SS,

LE OMBRE DELL'EUROPA di Mark Mazower

lavori di cantieri edili, nella cave, nelle miniere oltre alla produzione nella fabbrica della Buna. Al pari dell’URSS negli

anni 30, il Reich in tempo di guerra era fondato sul lavoro coatto.

Nel 1944 un espansione del lavoro coatto nella produzione di munizioni e di aerei. La crisi degli armamenti costrinse

e gli ebrei ungheresi furono impiegati come lavoratori aggiuntivi.

l’ideologia antisemita a mettersi da parte

L’operazione Barbarossa ampliò la responsabilità delle SS. assunsero la responsabilità di polizia nei territori

Le SS

occupati e adottarono la strategia di Furono istituiti dei tassi di rappresaglia per gli

rispondere al terrore con il terrore.

attacchi contro i De. Ciò spinse i giovani all’attività clandestina. I partigiani riuscirono a ostacolare il processo di

germanizzazione.

Certe difficoltà relative all’idea della germanizzazione iniziavano a diventare palesi. Corruzione: i De provenienti dal

vecchio Reich cercatori di tesori. Pochi agricoltori furono disposti a trasferirsi. I coloni si sentivano vulnerabili in aree

rurali in cui la loro vita e proprietà era messa in pericolo dalla popolazione locale.

Per ironia della sorte sembrava che Himmler sognava di colonizzare.

non vi fossero abbastanza coloni per il territorio

Via via che il regime si lanciò alla ricerca di volontari, l’opera di vaglio di potenziali coloni sollevò alcuni spinosi

alcuni erano disposti ad accettare qualsiasi candidato dall’aspetto passibile; altri

problemi per i teorici della razza:

insistevano che la conoscenza della lingua e della cultura fosse più importante.

dalla realtà della guerra apparvero in tutta la loro

I limiti imposti sui piani di ingegneria demografica di Himmler

evidenza dove fu fatto un tentativo di creare un insediamento di

nel caso di una cittadina a sud di Lublino

Volksdeutsche: furono cacciati migliaia di polacchi per far spazio ai tedeschi. Metà dei nelle foreste

polacchi si rifugiò

dove si unirono al movimento clandestino. Da lì presero ad Ai primi del 1944 le autorità

attaccare fattorie e villaggi.

locali tentavano di persuadere Himmler ad abbandonare la zona e far evacuare i coloni a W: gli assalti alle fattorie

avevano cadenza quotidiana. De e tentarono di il più possibile

Però Himmler e H. restarono aggrappati alla loro visione di un impero rimandare

De.

l’evacuazione dei coloni Il colonialismo razzista era condannato al fallimento. Era un imitazione della politica

Avevano fomentato un tale

confinaria adottata dagli Asburgo senza la flessibilità politica degli Asburgo. odio tra la

che in di una i De insediati in questi territori non erano

popolazione locale assenza potente macchina poliziesca

sufficienti per coprire un così vasto territorio. I coloni dovevano diventare contadini cosa che essi non volevano.

Tra il ’43 e il ’44 i De della Crimea

Con l'avanzata dell’AR il programma di insediamento andò disgregandosi.

furono evacuati in PlW. Altri giunsero dall’Ucraina e dalla Bielorussia. La politica della terra bruciata adottata dai De

significò per molti coloni l’impossibilità di restare anche quando lo avessero voluto. Nel ’45 i rifugiati marciavano

verso il Reich in un esodo spontaneo. di sterminio e di concentramento furono chiusi o

Nell’ultima fase della soluzione finale, i campi distrutti e i detenuti

sopravvissuti nella neve verso il Reich.

costretti a lunghe marce

I motivi di queste marce furono vari, tra cui il non far cadere i prigionieri nelle mani degli Alleati e per poterli sfruttare

come forza lavoro. I detenuti in marcia vennero ridotti alla fame, percossi e uccisi quando erano troppo stanchi per

tenere il passo. De incontrati durante la strada. Si

Le vittime dovettero spesso misurarsi con le ostilità dei civili

registrano però anche casi di aiuti. Però all’inizio del ’45 molti civili De

il disprezzo e l’indifferenza furono la regola:

si consideravano le principali vittime della guerra e restavano ciechi dinanzi alla sventura dei detenuti in marcia.

Le loro guardie non erano più solo le SS ma anche i soldati in ritirata, civili, funzionari di partito e membri della

Gioventù hitleriana. Casuali uccisioni e massacri vennero perpetrati anche al di fuori dei campi.

Il problema tecnico finale di tale eccidio fu cosa fare dei morti. Nei campi i cadaveri venivano bruciati. Non facilmente

Via via che si ritiravano i De fecero frettolosi e falliti tentativi di

poterono essere celate le uccisioni degli ultimi mesi.

occultare le tracce del genocidio.

Nel 1942 era stato deciso di distribuire i vestiti e gli effetti personali dei detenuti di Auschwitz come regalo di natale ai

coloni in Ucraina. Il progetto fu esteso ai pionieri De a cui furono inviati interi vagoni pieni di beni. Il genocidio e la

colonizzazione erano inestricabilmente legati dal momento che l’obbiettivo della guerra era la completa

rigenerazione razziale dell’Eu.

Non esistono paralleli storici. L’imperialismo nazista attinse più dai precedenti Eu in Asia, Africa e Americhe.

Il nazionalsocialismo nacque con la rivendicazione di creare un Nuovo Ordine Eu, ma via via che l’ideologia razziale

finì col prevalere sulla razionalità economica, la violenza estrema implicita nel progetto divenne palese.

6. Programmi per l’Epoca d’oro.

La 2GM non iniziò come conflitto per la creazione di un nuovo ordine. Le visioni naziste fecero fin da subito da

Wells: coloro che vogliono fermare H. non hanno un minimo di suggerimento da

contrappunto alle ideologie Uk.

offrire ai loro antagonisti su cosa dovrà avvenire dopo H.

L’avvento di Churchill non affievolì tali critiche, anzi dopo Dunkerque crebbero di intensità. Churchill non amava

parlare di obbiettivi postbellici o di ordine postbellico; ma la discussione era intorno a lui. Nell’estate del 1940 la

scoperta dell’esistenza di un colpì l’Eu e i

Nuovo Ordine hitleriano Uk si videro costretti a elaborare un proprio

Il dibattito funse da alla nascita di molti che in seguito avrebbero

nuovo ordine. stimolo valori e ideali costituito le

fondamenta del mondo postbellico.

La rinascita della democrazia.

il punto in questione non è l’esigenza di un ma H. avrebbe assolto alla

E.H. Carr: nuovo ordine, come verrà costruito.

LE OMBRE DELL'EUROPA di Mark Mazower

funzione di spazzar via quel po’ che restava del vecchio ordine. Perciò era un episodio

il conflitto nell’ambito di una

rivoluzione di carattere sociale e politico.

di questa rivoluzione era in Eu. Il generale de Gaulle

Fulcro la preservazione e riaffermazione dei valori democratici

evitò di sollevare la questione nei suoi primi interventi radiofonici. “Al momento la massa del popolo Fr confonde la

parola democrazia con il regime parlamentare”.

Per sopravvivere in Eu il vecchio accento liberale sul valore dei diritti

la democrazia doveva essere reinterpretata:

politici e delle libertà non era bastato a conquistare la fedeltà delle masse: stessi valori con nuovi ideali.

un termine per descrivere i mutamenti generati dalla guerra sia in Uk sia nell’Eu occupata. I

Rivoluzione sociale

trasferimenti di massa e il caos del su cui erano fondati i rigidi

tempo di guerra fecero franare le distinzioni sociali

sistemi classisti Eu prebellici. I bombardamenti, l'evacuazioni, il panico di massa e la fuga portò a stretto contatto

che in passato avevano l’altrui esistenza. Il razionamento dimostrò che

classi e comunità ignorato la pianificazione

statale poteva assolvere La guerra stessa, con i nuovi ruoli assunti dal

anche a fini egalitari e conquistò popolarità.

governo nella gestione dell’economia e della società, dimostrò la veridicità della tesi dei riformatori secondo cui la

democrazia era compatibile con uno Stato interventista.

Nel luglio del 40 sostenne che quando si parla di democrazia non si intende una che garantisce

E.H. Carr democrazia

il diritto di voto ma che non dimentica Questo era

il diritto al lavoro e il diritto alla vita. il messaggio dei socialisti

che ripetevano da anni, la guerra gli diede nuovo impeto.

Il consenso riformista del periodo bellico comprese oltre ai socialisti. Progressisti liberali, pianificatori

altri gruppi

tecnocratici e conservatori moderati erano favorevoli ad ampliare le responsabilità sociali ed economiche dello Stato

moderno. prepara una dichiarazione di obbiettivi bellici nella quale

Nel 1941 Keynes sottolineò l’esigenza di garantire la

Uk sulla strada della piena occupazione.

sicurezza sociale e combattere la disoccupazione.

Nel corso della Oltre all’opera di Keynes furono

guerra la politica sociale Uk conobbe una trasformazione radicale.

lanciate pionieristiche La guerra

riforme nel campo dell’istruzione, della sanità e della pianificazione urbanistica.

portò all’introduzione della libera distribuzione delle scuole di pasti e latte, all’emanazione del Libro bianco e

all’istituzione del servizio sanitario nazionale. Portò alla ribalta il cui rapporto su assicurazioni

William Beveridge,

sociali e servizi degli alleati Comune fu l’insistenza sulla necessità

gettò le fondamenta dello stato sociale postbellico.

della pianificazione statale per il bene sociale e la denuncia delle iniquità del lasseiz-faire prebellico.

I rapporti confermarono il concreto Nel corso della

interesse dell’opinione pubblica per la ricostruzione postbellica.

guerra l’opinione pubblica Le proposte di Beveridge ebbero risonanza internazionale attraverso

era scivolata a sinistra.

la BBC e le pubblicazioni clandestine, al punto che nel 3R il suo piano fu considerato una prova del fatto che i loro

nemici stavano facendo proprie le idee nazionalsocialiste.

La minaccia del nazismo stava costringendo i democratici a guardare alla questione della solidarietà sociale e nazionale.

Il processo era già iniziato negli anni 30 in dove i socialdemocratici avevano sperimentato per primi un

SVEZIA,

esplicita alternativa al prevalente modello autoritario di politica demografica coercitiva. Lo Stato sociale svedese che

emerse aveva un programma democratico, prevedendo misure pro-nataliste tese a stimolare la prolificità della

popolazione e il principio che la decisione se avere figli o no fosse una scelta individuale che lo Stato era tenuto a

rispettare. La Svezia mantenne la pratica della sterilizzazione dei malati di mente, ma finanziò centri per il controllo

delle nascite, introdusse l’educazione sessuale a scuola, liberalizzò l’aborto e protesse i diritti delle madri lavoratrici,

introducendo assegni famigliari, l’assistenza medica e odontoiatrica gratuita e i pasti nelle scuole.

Era un ampliamento

Il modello si contrapponeva alla concezione nazista dei rapporti tra Stato e individuo.

d’orizzonte della democrazia moderna. Per Myrdal auspicò l’avvento di un epoca in cui l’attuale calamità sarebbe

cessata e la libertà e il progresso sarebbero tornati ad aver una possibilità di sviluppo in Eu.

Tutti questi interventi rientravano in un più generale dibattito sulla giustizia e la democrazia provocato dalla guerra.

erano sensibili a tale perché

Resistenza e movimenti clandestini spostamento a sinistra del sentimento popolare

molti dei loro quadri dirigenti erano di sinistra e perché la resistenza stessa era un esercizio di solidarietà comunitaria,

i cui valori aderivano a una e moralmente elevata del mondo postbellico.

visione egalitaria

I gruppi di resistenza gli uni dagli altri e spesso all’oscuro della reciproca esistenza;

erano frammentari isolati

comprendevano In It gli antifascisti puntarono

elementi della popolazione diversissimi sul piano politico e sociale.

l’accento sui temi della giustizia e della libertà più che su quelli della pianificazione. In Fr la fede del dirigisme si univa

a un patriottismo. L’obiettivo di un’economia più giusta e socializzata era condivisa dalla maggioranza dei resistans.

le loro aspirazioni postbelliche al desiderio di un nuovo ordine interno. Ciò

Anche i governi d’Eu in esilio adeguarono

che rileva la diffusa accettazione nel periodo bellico di radicali manovre sociali ed economiche sono pronunciamenti

simili di uomini politici conservatori e tradizionalisti. Anch’essi si impegnarono alla promulgazione di radicali

Per i socialdemocratici la pianificazione economica e l’intervento sociale non era nuova; ma fu l’adesione dei

riforme.

conservatori Eu a tali idee a garantire una delle precondizioni indispensabili per la stabilità politica postbellica.

L’individuo contro lo Stato.

Si pose l’accento sul lasseiz-faire e sull’individualismo economico e l’esigenza di un maggior intervento statale,

dall’altra, le questioni dei diritti umani e civili in campo giuridico e politico, si tese a riasserire il primato

La ridefinizione della democrazia si mosse su questi di poli opposti.

dell’individuo nei confronti dello Stato.

fu spesso una L’eredità spirituale della resistenza era data dalla

Entrare nella resistenza scelta personale.

LE OMBRE DELL'EUROPA di Mark Mazower

considerazione che i valori Per molti partigiani ciò fu legato a un

nazisti fossero un affronto all’onore dell’individuo.

ardente e a un che li portava a sottolineare la libertà individuale. La resistenza

senso patriottico desiderio di libertà

dimostrò così che l’azione collettiva potesse ergersi a difesa delle libertà individuali.

l’esperienza del dominio incoraggiò una rivalutazione del ruolo dell’individuo.

Anche all’interno della De hitleriana, riasseriva il primato dello spirito umano sulle richieste totalitarie di fedeltà

La chiesa riscopriva la missione sociale,

assoluta allo Stato. era ed era è

La riforma sociale necessaria possibile all’interno di un contesto democratico:

questione di scoprire la vera essenza della democrazia e realizzarla, bisogna passare da una democrazia borghese a

Il pieno sviluppo spirituale di un individuo richiede il contatto con la società. La persona esisteva in quanto

una umana.

unica entità aperta e trovava la propria realizzazione nella comunità: democrazia della persona.

Il valore dell’individuo approdare nella sfera del diritto. La propaganda alleata enfatizzò Vi era

la sacralità dei diritti.

una definizione incerta sulle libertà civili, sull’eguaglianza dinanzi alla legge e sulla libertà di commercio, altri

pensarono che ciò ignorava le nuove esigenze sociali generate dalla guerra. Il dibattito verteva su due diverse

concezioni dei diritti umani una più ampia e una più ristretta.

L’ossequio ai diritti umani sollevò Il socialdemocratico svedese

problemi in materia di razza e di sviluppo. Mydral

osservò che Alcuni provavano

il principio della democrazia doveva essere applicato alla questione della razza. USA

più imbarazzo dinanzi all’ipocrisia insita nel combattere H. con un esercito composto da non bianchi e caratterizzato da

segregazionismo. I neri USA commentavano questa immagine di una USA che combatte per salvaguardare l’ideale di un

governo fatto di uomini liberi ma che al contempo continuava ad aggrapparsi al sistema schiavista.

Il governo Uk lanciò la propria crociata imperiale alla fine del 40

Uguale ipocrisia caratterizzò l’atteggiamento Uk.

per accrescere il sostegno alla guerra. Il fiacco tentativo del governo Uk di installare una fede dinamica nella

popolazione mirò a contrapporre l’ideale Uk all’impero schiavista perseguito dai nazisti.

Il fatto che la crociata imperiale si sia rilevata un completo fiasco è indicativo dell’atteggiamento prevalente tra gli Eu

nei confronti dei rispettivi imperi e durante la guerra parve improntato all’indifferenza, almeno in Uk e in Fr. Le

una causa che non interessava più di tanto i Uk.

faccende interne erano più importanti del governo e dell’impero,

Altrettanto per quella La maggioranza degli Eu sembrava non rilevare alcuna incongruenza tra

dell’anti-imperialismo.

la difesa delle libertà civili in patria e la parallela acquiescenza al dominio d’oltremare. Invano si cercherebbero nei

documenti sulla resistenza indicazioni di un interesse della popolazione per la condizione dei popoli colonizzati. In It il

mantenimento delle colonie era una questione di amor proprio. In Fr vi un dibattito su un possibile riformulazione del

modello imperiale, ma neanche una parola sulla possibilità di un suo smantellamento. Alle richieste di indipendenza

avanzate dal Partito del Congresso indiano il governo Uk rispose con l’arresto di Gandhi.

Dinanzi alle teorie naziste la democrazia è stata

Vi era un ambiguità negli Eu nei confronti della questione razziale.

costretta a un autoesame della tra quanto veniva predicato e quanto praticato. Se la guerra con il suo

contraddizione

reiterato accento sull’uguaglianza razziale e sui diritti umani, contribuì a porre fine all’imperialismo Eu tale processo

non fu automatico: Fino a che la

gli Eu restarono in gran parte sordi ai problemi razziali esistenti nei loro paesi.

popolazioni coloniali fossero state disposte a combattere in vece loro. La guerra stessa fu la minaccia del

cambiamento.

Stato nazionale e ordine internazionale.

sostituire la loro teoria della razza dominante con quella di una morale dominante, del diritto internazionale e

Lemkin:

di una pace autentica. Credere che nella rinascita del diritto internazionale fosse la condizione essenziale per qualsiasi

futura pace mondiale e ordine morale. L’aggressione aveva

nazista pregiudicato l’esistenza di una comunità

Se si voleva occorreva

internazionale. difendere l’individuo dallo Stato rivedere la dottrina della sovranità statale.

Ma richiedeva l’esistenza di un a cui l’individuo potesse

la salvaguardia dei diritti umani organismo sovranazionale

rivolgersi: un diritto consiste nella possibilità giuridica di ricorrere in tribunale. la protezione internazionale dei

Ma

diritti umani comporta un interferenza nella sovranità dello Stato.

I limiti della sovranità riflettevano considerazioni politiche. interbellici aveva puntato sull’opinione

I liberali pubblica

dei diritti dell’uomo. sarebbe stato

mondiale quale salvaguardia Nel periodo postbellico necessario un più efficace

a complicare le cose c’era l’impegno Ci si

strumento impositivo, ma alleato a rispettare il concetto di sovranità.

stava limitando a chiedere allo Stato postbellico di accettare in qualche misura di indebolirsi. Bisognava i

convincere

singoli stati nel proprio ordinamento giuridico nazionale i propri

ad assorbire obblighi internazionali; l’alternativa

era spingere per una forma di (progetto utopistico). Bisognava umani da

Stato mondiale decidere se i diritti

istituzionalizzare nel nuovo ordine postbellico La SDN aveva scelto la

dovessero essere individuali o collettivi.

seconda strada per salvaguardare le minoranze. Il presidente Benes e il governo cecoslovacco denunciarono il sistema

della SDN perché metteva in pericolo la loro sicurezza nazionale. Gli stati Eu mal sopportavano il fatto che fossero stati

loro imposti obblighi speciali verso le proprie minoranze mentre le grandi potenze De e It erano sfuggite all’onta.

che l’approccio postbellico delle

Anziché tentare di restaurare il sistema della SDN Benes suggerì al problema

minoranze dovesse essere fondato sulla difesa dei diritti democratici dell’uomo e non dei diritti della nazione.

Anche le potenze alleate mostrarono scarso entusiasmo all’idea di far nascere una sistema che era riuscito a

internazionalizzare la più pericolosa fonte di tensione in EU. L'interesse delle grandi potenze era limitare i propri

Il risultato fu che più

obblighi nei confronti degli Stati minori. l’impegno per i diritti umani individuali fu

espressione di passività che di determinazione da parte degli alleati, un mezzo per evitare i problemi.

Il desiderio del periodo bellico di limitare la sovranità nazionale inducendo gli Stati a cedere parte dei loro poteri a una

LE OMBRE DELL'EUROPA di Mark Mazower

più alta autorità non si limitava alla sola sfera del diritto. Ci fu la moda del federalismo.

Sia in Uk sia in Fr tali idee erano circolate sul finire anni 30. il movimento Unione federale fu fondato nel 38 a Londra e

acquisì enorme popolarità. Il suo appello alla creazione di un’unione di democrazie era basato sull’idea che nessuno

ordine internazionale fondato sulla cooperazione tra Stati sovrani potrà dimostrarsi efficace o durevole dal momento

che tutti gli Stati sovrani perseguono alla fin fine il proprio interesse nazionale.

Questa unione non si sarebbe mai realizzata, ma l’idea federalista mantenne a lungo il proprio fascino e restò un

elemento essenziale di tutti i piani per il futuro dell’Eu. Il principio federalista era comune a tutti, offriva un’Eu

suddivisa in un Commonwealth.

impegnati nella pianificazione postbellica rappresentava un

Anche Uk e Usa tendevano al federalismo. L’Austria

non minore di quanto lo fosse stato l’Impero Asburgico. Ben pochi credevano che l’As potesse sopravvivere

dilemma

indipendentemente. La risposta fu un surrogato di impero sotto forma di integrazione danubiana.

era attratto dall’idea di che immaginava come organizzazione attraverso cui la Uk potesse

Churchill creare degli USE

esercitare la leadership su scala continentale. I pianificatori Usa del mondo postbellico giunsero alla conclusione che

una nuova organizzazione internazionale avrebbe avuto fondamenta più solide se si fosse prima dato vita a tali unioni.

fu la forte a

Col proseguire della guerra il federalismo perse popolarità. Uno dei motivi avversione dell’URSS

organizzazioni che sembravano mirate a creare blocchi antisovietici in Eu E. Un altro motivo furono le obiezioni

sollevate da timorosi di scomparire in un Eu più che mai dominata dalle grandi potenze.

molti paesi

Asserire l’esistenza di valori comuni Eu era un modo di negare la solidità del Nuovo Ordine hitleriano. Il Partito

d’Azione It inquadrò la sua lotta per una rivoluzione democratica in un quadro di respiro Eu. Nel 43 gli studenti Fr

chiedevano una comunità culturale e morale che la guerra deve trasformare in una comunità politica e sociale.

Vi furono forme più specifiche di adesione all’ideale federalista la cui intensità era inversamente proporzionale alla

dimensione del gruppo che le perorava. Di rado l’ideale fu il primo punto del programma dei movimenti di resistenza.

Il patriottismo fu in definitiva ben più importante

La guerra aveva rinvigorito il sentimento nazionalista in Eu.

dell’europeismo. In generale gli erano più all’idea di

oppositori conservatori e di destra ai De ostili cedere la

nazionale di quanto lo fossero ma anche questi ultimi

sovranità i socialisti o i democratici cristiani, tesero ad

attribuire maggiore importanza alla causa della riforma interna.

Il nuovo consenso: limiti e contraddizioni.

Per l’economista austriaco L’idea di socialismo democratico

Hayek la libertà e il collettivismo erano incompatibili.

era contraddittoria e un tentativo di raggiungere una la pianificazione

tale sintesi avrebbe portato al totalitarismo:

richiedeva dei dittatori e riduceva all’impotenza il parlamento. La sua tesi che la pianificazione W equivalesse al

collettivismo sovietico cadde nel vuoto come l’attacco alla nozione di socialismo democratico.

sociologo ungherese invece L’epoca del lasseiz-faire era finita. Affermò che

Mannhein, sosteneva la tesi opposta.

e che la democrazia se voleva sopravvivere doveva fare i conti con la

esistono differenti concetti di libertà

pianificazione; il nemico da temere non era il pianificatore ma il burocrate.

Ciò che colpisce è l’assenza di un dibattito su tali questioni in Eu. I due paesi in cui il liberalismo economico

dopo il 45 erano In entrambi l’idea che la pianificazione statale fosse associata al

appariva più sviluppato la DeW e It.

totalitarismo era giustificata dall’esperienza. Il principio dell’intervento statale incontrò una resistenza debole. Dietro a

tutto c’era il ricordo della crisi del capitalismo nel periodo interbellico, il prestigio conquistato dal sistema sovietico e la

sensazione che l’interventismo statale potesse essere artefice di una maggiore giustizia sociale.

Discutibile era il quesito se la pianificazione economica fosse compatibile con il nuovo internazionalismo. Erano la sx e

i riformatori sociali che favorivano sia l’abbandono del lasseiz-faire sia la creazione di nuove istituzioni

internazionali.

sosteneva che la pianificazione internazionale fosse una sciocchezza. Sostenne che fosse in errore, quando

Hayek Carr

sosteneva la creazione di un autorità Eu per la pianificazione il cui compito era l’organizzazione economica dell’Eu.

Una simile pianificazione La nozione di

non poteva avere carattere democratico e doveva essere fondata sulla forza.

pianificazione Eu comportava il più completo disprezzo per l’individuo e per i diritti delle nazioni minori.

Sul fatto del era un obiettivo auspicabile, ma si riteneva che avrebbe potuto mantenere un

federalismo internazionale

solo in misura in cui avesse e si fosse

carattere democratico scartato l’idea della pianificazione sovranazionale

basato sulla creazione di aree di libero commercio.

Secondo dovevano puntare I politici avrebbero

Von Mises le democrazie W a eliminare le barriere commerciali.

dovuto lavorare sull’obiettivo di realizzare accordi e regolamentazioni economiche a livello internazionale. Enauidi

perorò come mezzo realistico per portare l’armonia in Eu. Gli Stati

il libero commercio e il federalismo economico

non avrebbero ceduto di punto in bianco la propria indipendenza politica a qualche nuova federazione internazionale, ma

potevano essere disposti a cedere determinati poteri economici in cambio di una maggiore sicurezza.

Ciò è dovuto al fatto che la logica e il realismo politico erano dalla loro parte, e

I liberali conquistarono un successo.

anche il fatto che il loro messaggio aveva raccolto influenti sostenitori. Il segretario di stato era votato alla causa del

Usa

libero commercio. I pianificatori postbellici del suo dipartimento seguirono il suo esempio e sottolinearono

l’importanza di eliminare il nazionalsocialismo economico in Eu attraverso la riduzione delle tariffe e

La tesi liberale finì con prevalere anche perché i pianificatori economici

l’introduzione della convertibilità.

preferivano esercitare il potere a livello nazionale. I miracoli economici postbellici sarebbero stati basati su una

complessa miscela di érarisme intero e liberalizzazione del commercio.

LE OMBRE DELL'EUROPA di Mark Mazower

Utopie e realtà: i successi conseguiti. di ampio respiro al termine della guerra. La

In Uk c’era un pessimismo rispetto alla possibilità di un mutamento

gente auspicava una riforma a tutto campo, ma credeva non si sarebbe mai realizzata e finì col convincersi che la

disoccupazione postbellica fosse qualcosa di evitabile ma che si sarebbe verificata comunque. Il ritorno alla vita civile

provocò un senso di disagio e ansia tra i militari e le loro famiglie.

Nell’Eu occupata le speranze di un futuro migliore erano frenate dal timore che tutto l’operato dei e i loro

resistans

valori potessero svanire. Tale incertezza traspariva in It dove i membri del partito d’Azione temevano che la caduta del

fascismo potesse portare alla fine dell’antifascismo.

Dal p.d.v. della Resistenza queste quando divenne più chiaro che con l'avvicinarsi alla fine

paure andarono montando

del conflitto It Ferruccio Parri cede il passo a De Gaspari.

i leader della resistenza venivano sempre più emarginati.

In tutta Eu esuli e profughi tornarono nei rispettivi paesi per assumere il potere e gli indirizzi politici furono imposti

dall’alto. Caso Gr e Uk distrugge resistenza.

Molti ebbero la sensazione di essere stati e così la loro causa.

ex-partigiani traditi

Colpisce il di idee che venne a crearsi in materia di la creazione di un Servizio

genuino consenso riforma interna:

sanitario nazionale, la riforma del sistema pedagogico, la nazionalizzazione e la piena occupazione. Anche in altri paesi

Eu w economia mista e Stato sociale divennero la norma, nonostante il loro procedere a singhiozzo dinanzi ai tentativi

dei liberali di arrestare la crescita della spesa pubblica o di opporsi alla corrente dirigiste. Ci fu un effetto emulazione

e

la Fr seguì l'esempio Uk e Belga nel riformare il sistema sociale. L'Eu E passò alla pianificazione centralizzata

allo sviluppo di una rete di sicurezza sociale. portando di conseguenza

In tutta Eu il ripudio del lassez-faire fu totale,

a instabile e poi fallito ma coronato dal maggior successo in W.

un rilancio della democrazia in Eu E

erano stati dai movimenti di resistenza che aveva inoltre la

I diritti delle donne sostenuti durante la guerra, alterato

tradizionale ripartizione tra i sessi, distruggendo i legami famigliari. La liberazione portò dei mutamenti:

l'estensione del ma

suffragio alle donne in Fr, Jg, Gr, dopo la guerra si ripristinò il tradizionale rapporto tra i

I governi cercarono di persuadere le donne a uscire dal mondo del lavoro per dare priorità hai soldati e per

sessi.

stimolare le nascite. si incolpò il capitalismo ma parte della risposta va individuata nelle

A tale tendenza politiche

stimolate da vecchie paure relative al tasso di natalità. In parte va ricercata nelle

pronataliste reazioni della gente alla

sentimento di spossatezza e il desiderio di voltare pagina. Molti uomini e donne cerarono di sistemarsi e mettere

guerra:

su famiglia.

Nel campo degli atteggiamenti razziali in Eu stavano cambiando anche prima della guerra e il conflitto sembra aver

accelerato il processo. al contrario via via che gli ebrei tornavano a

Dopo il 45 l'antisemitismo non sparì, si intensificò

casa che erano abitate da altri.

Situazione precaria, nel dopoguerra anche per le colonie dove le potenze Eu dispensavano a loro volta altra violenza. Il

fino a che i movimenti nazionalisti aumentarono sempre di più il costo della

tema della decolonizzazione restò escluso

politica coloniale. Fu

Le potenze imperiali Eu si dimostrarono più inclini a riasserire le loro autorità oltreoceano.

la Uk a riconoscere per prima l'esigenza della decolonizzazione.

La visione di si affacciò di tanto in tanto via via che lo Stato nazionale riprendeva la sua funzione.

un Eu unita I primi

All'inizio degli anni (comunità per la difesa europea)

tentativi portarono al Consiglio d'Eu. 50 il fallimento del CDE

segnò la fine del sogno federalista In seguito si prese a

assegnando alla NATO il ruolo di cane da guardia della De.

puntare ad obiettivi più realistici e si adottò un programma gradualista che dalla creazione della CECA nel 51 approdò

al Mercato comune e all'Unione Eu.

L'impegno delle Nazioni Unite al rispetto dei diritti umani fu debole della sua posizione generale nell'agone

Ma in termini di protezione delle minoranze rappresentò

politico internazionale. un passo indietro rispetto alla SDN.

La dichiarazione dei diritti dell'uomo del 48 simboleggiò il nuovo status dell'individuo nel diritto internazionale e il

ripudio della dottrina nazista della supremazia dello Stato.

La Convenzione sul genocidio aggiunse un nuovo crimine a quelli riconosciuti dal diritto internazionale e impose agli

Stati alcuni obblighi volti a prevenire e punire tali crimini. Le potenzialità della Convenzione tuttavia furono

ignorate dalla comunità internazionale e per 40anni una serie di genocidi è rimasta impunita al di fuori dell'Eu.

7. Una pace brutale. un conflitto militare, guerra tra razze religioni e gruppi etnici, una guerra di classe, una

La 2GM fu più guerre in una:

guerra civile. La percentuale di vittime civili fu molto alta. La guerra di sterminio a E fu il teatro di maggior

spargimento. Fu un opera di distruzione. Le perdite del

Le sofferenze e le devastazioni trasformarono le società Eu.

conflitto provocarono lacerazioni profonde e sentimenti di rabbia.

Non vi fu nessun Anno Zero, nessuna netta separazione tra guerra calda e fredda, e i regimi postbellici affondano le

La transazione all'epoca postbellica è iniziata nel 43 quando Alleati

radici nelle esperienze sociali del periodo bellico.

invasero l'It. Via via che l'occupazione nazista cedeva, la reinvenzione postbellica della democrazia in Eu divenne un

area di conflitto nell'ambito della Guerra fredda: a W i socialdemocratici e a E le democrazie popolari comuniste.

Ciascuna delle due parti vedeva nell'altra il successore di H.

Trasferimenti di massa e crisi sociale: 1944-48.

col causare il Il numero di profughi era decisamente

Le guerre finiscono trasferimento forzato di intere popolazioni.

alto rispetto alla cifra della 1GM. Alcuni spostamenti Il

furono volontari e temporanei ma la maggior parte no.

LE OMBRE DELL'EUROPA di Mark Mazower

trasferimento coatto fu un modo per consolidare i confini politici.

Alcuni consumarono la loro dandosi al saccheggio e minacciando i civili.

profughi vendetta nei confronti dei De,

Utilizzarono un'espressione nazista per questo comportamento: organizzazione. Erano poco inclini a mostrare il rispetto

per le cose e le persone e sarebbero diventati un problema per le autorità di occupazione. Tuttavia gli atti di vendetta

furono pochi. Obiettivo dei profughi era quello di tornare a casa.

Secondo gli accordi di Yalta gli Alleati dovevano consegnare tutti i

A volte il rimpatrio non fu affatto volontario.

cittadini sovietici. Fu questo il motivo per cui la NKVD ebbe il permesso di istituire dei centri di interrogazione per

esaminare i rimpatri sovietici. Via via che la paura del comunismo divenne sempre più alta un numero sempre più

grande di E Eu residenti nell'area occupata dagli Alleati si oppose al trasferimento.

I sopravvissuti nel complesso le loro case erano occupate da altri, i

ebrei non vollero tornare o non poterono tornare:

loro beni perduti. L'antisemitismo Eu W chiuse ai profughi ebrei porte che erano state aperte ai popoli del baltico e

dell'Eu E. così il numero di rifugiati quanto la creazione dello stato di Israele e

ebrei continuò ad aumentare fino al '48

la promulgazione negli Usa della Legge sui profughi consentì alla gran parte di lasciare l'Eu. Mezzo milione di profughi

arabi palestinesi durante la guerra arabo-israeliana del 48 pagarono il prezzo della riluttanza Eu ad assorbire la propria

popolazione ebraica.

In Eu E Un tempo gli ebrei erano stati importanti portavoce della

il sentimento prevalente era quello di vendetta.

cultura De in Eu E, ora il loro sterminio divenne il preludio per la distruzione di ogni forma di vita De all'infuori della

De. La guerra produsse la fine della questione ebraica ma anche di quella De.

e fu tollerato dagli Alleati nell'interesse dell'omogeneità etnica e della

Il sogno di H. trovò al fine la sua realizzazione

sicurezza Eu. La prima ondata di panico e di fuga di massa di fronte i De

all'avanzata russa fu tra il 44 e il 45.

fuggirono dalla Prussia E seguiti da quelli provenienti dalla Slesia e dalla Pomerania. furono

Stupri di massa ed eccedi

perpetrati dall'AR e scatenarono un clima di terrore. Coloro che non fuggirono furono e

rinchiusi in campi di lavoro

spogliati dei loro beni. Così venne restituita alla popolazione

Costretti a portare segni di identificazione: svastiche.

De l'umiliazione che loro aveva inflitto in precedenza.

dal momento che molti non apparivano pentiti e pericolosi. Il presidente Benes si

In Cecosl l'odio per i De fu diffuso

era guadagnato il sostegno degli Alleati grazie ai suoi Misure discriminatorie come divieto di

piani di espulsione.

impiegare mezzi pubblici o portare emblemi della sconfitta. L'espulsione era dettata si dalla vendetta e da una politica

delle autorità: espellere i De perché i paesi sono costruiti su linee nazionali e non multinazionali.

questa politica venne dichiarata. Gli Alleati accettarono La loro unica

A Postdam il principio di espulsione di massa.

preoccupazione era quella di controllare il flusso di profughi in De. Si concordò così una temporanea interruzione dei

trasferimenti. Anche se essi continuarono. Solo nell'inverno 45-46 furono organizzati trasferimenti più organizzati.

Fu l'esodo più imponente di tutta Eu e molti morirono in viaggio.

La scomparsa dei De e degli ebrei in Eu E fu parte di un più vasto processo di turbolenza e instabilità demografica. I

profughi appartenenti ad altri gruppi etnici furono cacciati dalle loro case e insediati altrove. Il Volk De rispondeva ora

meglio ai confini dello stato De. Guerra, violenza e sconvolgimento sociale sconvolsero i sogni di omogeneità

nazionale di Versaille.

Sommando le vittime civili, militari, prigionieri prima e dopo la guerra il totale ammonta a non meno della metà della

popolazione in casi estremi quali De e Pl.

Gli anni di La mutata

occupazione nazista avevano infranto rapporti umani, distrutto case e stravolto le società.

ottica mentale e morale trasformò la condotta individuale e con essa la società e la politica.

Uno dei mutamenti più manifesti Nell'Eu centrale buona parte finì

fu il venir meno del rispetto dei diritti di proprietà.

col vivere in case altrui e godere dei beni altrui. Le espulsioni scatenarono in chi restava una caccia al tesoro.

Le città con nomi tedeschi tornarono ai loro antichi nomi. In tutta Eu E

I luoghi mutarono di identità e composizione.

i luoghi di culto vennero convertiti in granai, stalle, sale cinematog. Le case rimasero vuote fino ai nuovi arrivi. Molte

In Pl il numero di coloni che andarono a sostituire i De fu insufficiente,

aree di insediamento rimasero vuote per anni.

le autorità locali lanciarono pubblicità per attirare la gente.

Il modo in cui trattarono questo sull'atteggiamento della

i funzionari repentino scambio di proprietà lasciò il segno

popolazione nei confronti dell'autorità. Il dominio nazista aveva già installato il credo che la forza fosse l'unica cosa che

contava. Partigiani, poliziotti e tribunali sfruttarono appieno le opportunità che si presentarono. Accrebbe il cinismo

che alimentò l'apatia e il conformismo e compromise i tentativi di sfidare i tenutari del paese.

verso la politica

Le espulsioni finirono per far acquisire popolarità e accrescere i livello di dipendenza politica. Considerazioni di

giustizia sociale e di sicurezza nazionale furono spesso una copertura.

Famiglia e morale. Ci fu un numero

La guerra e i trasferimenti divisero le famiglie. altissimo di orfani.

La Croce rossa, i governi nazionali e l'UNRRA istituirono subito dei Ma il

centri di ricerca per le persone scomparse.

numero di individui restituiti alla propria famiglia fu minimo rispetto a quelli mai più trovati.

seri per la loro età e nervosi, cinici, avviliti e diffidenti dell'autorità. Sembrava che la guerra

I bambini erano depressi,

avesse prodotto una generazione di anti-idealisti.

Gli orfani erano sospettosi delle dimostrazioni di affetto, inclini alla violenza. Non si aspettassero aiuto dagli adulti.

Tutto ciò venne superato con la costante attenzione e amore. I casi di psicosi furono veramente pochi. I sopravvissuti

LE OMBRE DELL'EUROPA di Mark Mazower

all'olocausto e gli ex-prigionieri vennero a trovarsi in situazioni diverse. tali differenze furono meno evidenti nel periodo

bellico e il loro atteggiamento emotivo era alla base di alcuni più generali comportamenti sociali e politici.

Il cinismo verso l'autorità e un inclinazione a infrangere la legge furono evidenti.

Anche in paesi meno devastati molti videro nella fine della guerra la possibilità di lasciarsi alle spalle la follia di un

mondo lacerato dalla lotta politica. Vi fu un rifiuto della politica e dei partiti, un atteggiamento ironico e sarcastico nei

confronti del nazismo.

Dopo il 45 la politica si trasformò in qualcosa da sopportare, mentre la sfera privata era molto più rivelante in quanto

Si apriva un mondo in cui l'ideologia aveva perduto i suoi poteri magici.

fattore di stabilità. Furono elementi essenziali. Le conseguenze

Fu la famiglia a fungere da rifugio. Si cercava matrimonio e stabilità.

psicologiche più preoccupanti tra i sopravvissuti e i loro figli emersero solo più avanti.

Questo nuovo attaccamento alla famiglia fu un fenomeno diffuso e contribuì al baby-boom degli anni 50.

furono paradossali: da un lato si trovarono davanti a su cui

I risultati degli esodi le autorità una tabula rasa

imprimere le propria visione sociale, davanti a una che richiedeva riforme e

popolazione spostata a sinistra

ricostruzione, dall'altro il sentimento dominante era la spossatezza.

Conseguenza di tutto ciò fu il diffondersi nell'opinione pubblica di un sentimento radicale e conservatore. Voleva si

ricostruire ma senza tanti sconvolgimenti.

La politica di occupazione, 1943-45.

Nel 43 in Uk si pensò che la sola alternativa alla URSS sull'Eu E era creare una commissione interalleata per l'armistizio

presieduta a turno. Così le 3 potenze avrebbero elaborato congiuntamente la politica da adottare nei territori rientranti

nel loro controllo. accolsero l'idea prima di sapere di essere stati

I russi esclusi dai negoziati alleati per la resa dell'It.

Tale questione creò un precedente. Il comportamento degli alleati era eloquente e già nel 43 si riscontravano i limiti

di collaborazione tra le 3 potenze. che le grandi potenze avrebbero finito col temere. I

L'URSS era ben lungi dal progettare la conquista dell'Eu E

sovietici prevedevano un attimo di respiro durante il quale i confini sarebbero stati confermati e si sarebbe posto riparo

alle devastazioni della guerra. Quando S. ruppe i rapporti con il governo polacco in esilio,

Tra le 3 potenze c'era molto terreno comune.

l'inconsistenza della risposta alleata lo indusse a presumere che il suo tentativo di instaurare un governo filorusso fosse

ben accetta. Nel 43 gli Alleati acconsentirono a spostare verso W i confini Pl, una mossa che avrebbe trasformato la Pl in

un satellite dell'URSS.

Una volta che i Uk e Usa decisero di non invadere i Balcani dal Mediterraneo apparve chiaro che niente avrebbe fermato

l'avanzata russa in Eu E. Assistettero all'accordo tra Molotov e la delegazione rumena che forniva all'Alto comando

sovietico ampi poteri nel paese occupato. Il mese seguente Churchill e S parlarono apertamente delle sfere di

No questa spartizione onnicomprensiva. S. concedeva It e Gr, ma voleva Ungheria.

influenza. Sia in Fr che in It i

In It il risultato fu che il PCI

partiti comunisti avevano ricevuto l'istruzione di perseguire una politica legalitaria.

accettò di sostenere la monarchia in modo molto più deciso rispetto agli altri partiti.

La dichiarazione di Yalta sull'Eu liberata. va valutata alla luce di tale presa di coscienza da parte delle grandi potenze.

Roosvelt aveva osservato che i russi avevano il potere in Eu E e l'unica cosa da fare era impegnare tutta la loro influenza

per migliorare la situazione. L'impegno alla promozione di libere elezioni in Eu non si coniugava con la realpolitik

Sia i comunisti polacchi che i loro oppositori interpretarono gli accordi di Y. come una vittoria

dell'accordo tra C. e S.

comunista. Così in Pl il partito dei lavoratori lanciò campagna di reclutamento al fine di costruirsi una base, e il dominio

sovietico era evidente.

Nel 45 non si era ancora giunti alla netta spaccatura di 3 anni dopo. In Pl la tattica comunista colpì l'opinione pubblica

W e provocò proteste da parte di C. e R. S. non poteva contare

Le sfere di influenza di Y lasciaro immutata l'Eu.

sulla tolleranza W. Così quando la

La questione chiave rimase tuttavia la De. Tutti e 3 erano dediti a preservare l'unità del paese.

guerra giunse al termine tra le 3 potenze si creò una ma non di stallo completo. Nel 45

situazione di crescente tensione

la politica interna fu caratterizzata da particolari estremismi. In tutta Eu si adottò la formula politica di governi di

impegnati nella rapida realizzazione

coalizione delle riforme economiche per un rinnovamento della democrazia

parlamentare.

Un nuovo inizio?

In tutta Eu il ritiro dei De espose molti all'accusa di Difficile assistere a una rinascita

collaborazionismo o tradimento.

degli senza una loro da chi li aveva traditi.

stati nazionali purificazione

Si diffusero diversi è dalla morte di Carretta:

concetti di punizione: La prima uno spontaneo desiderio popolare di

e linciaggi e pubbliche umiliazioni. Fu evidente in .

vendetta che si manifestò in esecuzioni sul posto It, Fr e Belgio.

Il clima più violento e i singoli attacchi si trasformarono in una più vasta ondata di uccisioni.

La di tali uccisioni contribuì i

natura occasionale nel lungo periodo a screditare l'idea stessa di punire

collaborazionisti, ma nel in piena regola e indusse i movimenti di

breve periodo sollevò lo spettro di una guerra civile

resistenza a intervenire e asserire la propria autorità.

fu quella della stretta tra le passioni della base e la

La seconda resistenza organizzata, da un lato e il legalismo

moderazione della leadership dall'altro. della resistenza il fatto di fu un modo per

Da parte punire i traditori

demoralizzare gli oppositori. Le corti marziali continuarono a svolgere la loro attività istituendo campi di internamento


ACQUISTATO

58 volte

PAGINE

38

PESO

619.59 KB

AUTORE

maozinha

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE APPUNTO

Riassunto per l'esame di Storia contemporanea, basato su appunti personali e studio autonomo del testo consigliato dal docente Le ombre d'Europa, Mazower. in cui vengono spiegati i seguenti argomenti: accordi di Parigi, democrazia parlamentare, rivoluzione russa, grande depressione del 1929, governi europei.


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in lettere
SSD:
Università: Bologna - Unibo
A.A.: 2011-2012

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher maozinha di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di storia contemporanea e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Bologna - Unibo o del prof Tolomelli Marica.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Storia contemporanea

Riassunto esame storia contemporanea, prof. Gagliani, libro consigliato L'alba illusioria, Betts
Appunto
Riassunto esame storia contemporanea, prof. Gagliani, libro consigliato Terra di nessuno, Leed
Appunto
Riassunto esame Storia Contemporanea, prof. Malatesta, libro consigliato L'Impero Irresistibile, De Grazia
Appunto
Riassunto esame Storia Contemporanea, prof. Malatesta, libro consigliato Il Corpo del Duce, Luzzatto
Appunto