Che materia stai cercando?

Storia contemporanea - Storia dell'Europa

Appunti di Storia contemporanea riguardanti la storia dell'Europa con particolare riferimento ai seguenti argomenti trattati: sistema mondo, eterogenesi dei fini, il doppio corpo del re, le comunicazioni, Rivoluzione industriale e francese, la classe operaia, il cotone, i viaggi, contraddizioni, novità.

Esame di Storia contemporanea docente Prof. P. Scienze Sociali

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

 

L’IMPERO  ZARISTA  

La   sconfitta   giapponese   del   1905,   renderà   evidente   le   debolezze   dell’Impero,   che   porteranno   alla  

Rivoluzione   e   alla   nascita   dei   primi   SOVIET.   D’altro   canto   ci   si   rende   conto   che   per   la   prima   volta   una  

potenza  extraeuropea  può  essere  più  forte.  

 

I    PARTITI  POLITICI  MODERNI    

Nonostante   le   forti   tensioni   sociali,   il   progressivo   allargamento   del   diritto   di   voto,   il   successo   di  

nazionalismo   e   colonialismo   portarono   alla   creazione   dei   partiti   politici   come   il   conosciamo   oggi.   Allora  

erano   caratterizzati   da:   organizzazione   burocratica   e   funzionari   politici   pagati.   Adottano   mezzi   di  

comunicazione,   come   i   giornali   e   hanno   bisogno   di   finanziamenti   economici.   Nascono   da   classi   sociali  

SUBALTERNE,   mentre   prima   erano   prerogativa   dell’élite   a   loro   volta   appoggiate   da   giornali   e   reti  

organizzare  consenso  

d’informazione  della  borghesia  colta.  Il  problema,  per  queste  classi  sociali,  è  quello  di  

e  adesione ,  per  cui  sia  in  Germania  che  in  Gran  Bretagna  organizzarono  sedi  e  giornali  propri.  Questo  rende  

possibile   anche   alle   fasce   più   basse   di   lavoratori   di   avere   i   propri   rappresentanti   in   Parlamento   (   più   debole  

ma   avvenne   anche   in   Francia).   Il   Parlamento   subisce   così   una   trasformazione:   da   MONOCLASSE,   con   le  

dovute   differenze   ideologiche,   diventa   PLURICLASSE,   quindi   una   minor   omogeneità   d’interessi.   Questo  

richiede  una  forte  organizzazione  delle  masse,  che  in  Italia  verrà  fatta  anche  da  partiti  cattolici.  

  mobilità   sociale

Permisero   la     perché   avviarono   processi   di   acculturamento   delle  

I   PARTITI   DI   MASSA.  

masse,  problema  che  i  dirigenti  dovettero  poi  affrontare  con  la  Grande  Guerra.  Contraddizione:  coloro  che  

guidarono   l’unificazione   di   Paesi   come   l’Italia   o   la   Germania,   fecero   poi   parte   della   minoranza   assieme   i  

partiti   di   massa,   perché   i   liberali   basavano   i   loro   consensi   sul   suffragio   limitato.   Questo   aspetto   divenne  

evidente   con   la   Grande   Guerra   ,   quando   i   partiti   liberali   cercarono   consensi   nell’elettorato   dei   partiti   di  

massa.  

  Il   conservatorismo   popolare   si   fonda   sulla   LEGA   PER   LA   FLOTTA,   di   modello  

LA   GERMANIA.  

socialdemocratico,  in  nome  di  nazionalismo  e  colonialismo.  

  I   partiti   cattolici   svolgeranno   lo   stesso   ruolo   della   lega   per   la   flotta   tedesca.   In   Francia  

AUSTRIA  E  FRANCIA.  

erano   contro   la   laicità   dello   stato   e   sfruttarono   l’antisemitismo   come   fattore   unificante   (ved.   Affaire  

Drayfus).   Le   roccaforti   dell’antisemitismo   erano   proprio   Francia   e   Austria,   dove   il   sindaco   di   Vienna   (Karl  

)

Lueger aveva  fondato  un  circolo,  frequentato  da  Hitler,  nonostante  l’opposizione  del  Kaiser.  

 

LA  GRANDE  GUERRA  

PROLOGO.  Due  aree  contrapposte:  

-­‐   Triplice  alleanza:  Germania,  Autria  e  Italia  (1882)di  tipo  militare  omogenea;  

-­‐   Duplice  intesa:  (poi  triplice  con  Inghilterra)  Impero  Zarista  e  Francia,  di  tipo  geopolitico.  

 

L’ITALIA.  Dopo  l’unificazione,  Napoleone  III  difese  il  Papa  e  con  la  Terza  Repubblica  le  tensioni  s’inasprirono  

a  causa  dell’espansionismo  italiano  verso  zone  in  cui  la  Francia  era  egemone.  Ad  esempio  quando  la  Tunisia  

venne   occupata   dalla   Francia,   contemporaneamente   l’Italia   trattava   con   l’Impero   Ottomano   per   la   stessa  

area,  si  sfiorò  lo  scontro.  

Un  altro  problema  era  sorto  con  lo  sviluppo  industriale.  In  Italia  non  era  stato  dirompente,  anche  a  causa  

della  mancanza  di  capitali,  cos’  chi  “arrivava  dopo”    doveva  investire  di  più  per  poter  raggiungere  subito  il  

livello   dei   primi.   Intervenne   lo   Stato   con   commesse   e   capitali   esteri,   provenienti   da:   Germania,   Francia   e  

Svizzera.  Questo  rafforzò  il  legame  con  il  Rich.  

Crispi  prese  a  modello  Bismark.  L’alleanza  con  la  Germania  non  piacque  agli  irredentisti:  

1)   TRIESTE  i  suoi  cittadini  non  erano  entusiasti  di  entrare  a  far  parte  dell’Italia.  

2)   ISTRIA,  la  situazione  era  più  complessa  a  causa  della  stratificazione  storica  dell’area:  le  città  erano  a  

maggioranza   italiana,mentre   le   campagne   erano   slovacche   e   croate.   Il   conflitto   si   aprì   tra   l’élite  

slovena  (nazionalista  e  istruita)  e  gli  italiani.  In  questo  caso  conflitto  nazionale  e  sociale  si  uniscono.  

 

L’IMPERO  AUSTROUNGARICO.  La  forte  presenza  slava,  estremamente  composita,  preme  per  ottenere  un  

Impero   TRIALISTA,   ovvero   una   triplice   monarchia   ricreando   il   Regno   di   Boemia.   L’Impero,   infatti,   era  

costruito   per   accumulazione   sommando   cariche   tradizionali.   Non   a   caso   l’attentato   di   Sarajevo,   che  

trialista

scatenerà  la  Grande  Guerra,  ha  come  obbiettivo  Francesco  Ferdinando  forte   .  Se  avesse  realizzato  i  

suoi  progetti  avrebbe  reso  debole  lo  Stato  slavo.  

Dal  1914  al  1918  sono  le  date  di  inizio  e  fine  della  guerra  in  tutti  i  Paesi  a  ovest  dell’Elba,  in  Italia  la  fine  

coincide  con  la  battaglia  di  Vittorio  Veneto  il  4  novembre  del  1918,  guidata  dal  Generale  Diaz.  Nei  Paesi  ad  

est  dell’Elba  la  Guerra  termina  nel  1921.  

 

PERCHE’.  Bisogna  distinguere  tra  il  CASUS  BELLI,  cioè  l’attentato  di  Sarajevo  e  motivi  più  profondi,  come  la  

concerto  

lotta   per   il   mantenimento   del’’egemonia   tra   Gran   Bretagna   e   Germania.   Crolla   il   concetto   di   “

europeo ”   voluto   dal   trattato   di   Vienna   e   si   creano   alleanze   contrapposte.   Sarà   la   prima   volta   che  

l’Inghilterra   cercherà   alleanze   con   altri   Paesi   europei.   Fu   in   parte   dovuto   alla   crescita   economica   della  

Germania.   Nel   1906   Francia   e   Gran   Bretagna,   nonostante   gli   antichi   conflitti,   stipularono   l’”entente  

cordiale”,  perché  vedevano  nella  Germania  un  nemico  comune.  

Bisogna   partire   dal   presupposto   che   ogni   evento   storico   è   composto   da   molteplici   cause.   Ad   esempio  

l’alleanza   con   la   Francia   fu   possibile   anche   grazie   a   Edoardo   VII,   che   divenne   re   alla   morte   della   Regina  

Vittoria.   Prima   di   allora   era   famoso   per   passare   molto   tempo   in   Francia,   a   Parigi,   dove   era   benvoluto,  

questo  facilitò  i  rapporti  tra  le  due  nazioni  (da  lui  viene  anche  il  termine  dandy).    

 

LA  GUERRA  BREVE.  

-­‐   L’espansione  tedesca  era  vista  soprattutto  ai  danni  dell’Impero  Zarista  e  questo  fu  uno  dei  motivi  

che   spinse   a   credere   che   la   guerra   sarebbe   durata   poco.   Nessuno   riuscì   a   prevedere   la   piega   che  

avrebbe  prese  e  che  sarebbe  durata  quattro  anni.  

-­‐   I   politici   furono   pressati   dai   militari,   interventisti,   che   erano   convinti   che   la   guerra   sarebbe   stata  

breve.   Al   massimo   da   giugno   ad   agosto   del   1914.   Questo   spiega   le   manifestazioni   di   giubilo   per   i  

soldati   che   partivano   per   il   fronte,   solo   nelle   campagne   non   si   festeggiò,   perché   il   conflitto   era  

considerato  inevitabile.  

 

I  FRONTI:  

OCCIDENTALE,   vide   impegnati   gli   eserciti   nella   guerra   di   posizione,   in   cui   è   più   forte   che   difende.  

ORIENTALE,   in   cui   si   scontrarono   l’Impero   Austroungarico   e   Zarista.                                              

ITALIANO  anche  su  questo  la  situazione  era  di  stallo.  

La   guerra   traumatizzerà   tutta   l’Europa,   che   per   questo   è   cosparsa   di   lapidi   e   monumenti   con   le   liste   dei  

caduti,  più  lunghe  rispetto  a  quelle  della  Seconda  Guerra  Mondiale.  Solo  in  Italia  saranno  circa  700.000  i  

guerra  di  posizione

morti,  senza  contare  i  feriti.  Nella    è  più  forte  chi  è  in  difesa  perché  chi  attacca  ha  a  

disposizione   fucili   a   ripetizione   semiautomatica,   che   però   furono   pensati   per   colpire   su   lunghe  

distanze,non   nel   corpo   a   corpo.   È   il   motivo   per   cui   impiegarono   le   BAIONETTE   e   occasionalmente   le  

bombe  a  mano.  Chi  doveva  difendere  poteva  usare  le  MITRAGLIATRICI.  

 

LE  ARMI.  L’arma  più  usata  era  la  ZAPPA.  Questa  infatti  veniva  usata  per  scavare  le  trincee,  ma  una  volta  

affilata  poteva  servire  anche  come  una  scure.  L’ARTIGLIERIA  aveva  il  compito  di  tormentare  i  nemici  per  

lungo  tempo,  così  da  snervarli.  Le  MITRAGLIATRICI,  erano  armi  nuove,  che  furono  sperimentate  prima  

nelle  colonie,  ma  anche  durante  la  Guerra  di  Secessione.  La  Gran  Bretagna,  ma  anche  le  altre  potenze,  

sperimentò    le  nuove  armi  in  Africa,  contro  gli  Zulu  e  in  India.  Questo  perché  le  popolazioni  indigene  

non  erano  considerate  allo  stesso  livello  dei  colonizzatori  e  in  più  perché  le  nuove  armi  permettevano  

di   distruggere   grossi   contingenti   mal   equipaggiati   di   autoctoni   con   un   numero   limitato   di   militari  

mondiale

stranieri.  Le  colonie  parteciparono  alla  guerra,  fu  questo  a  darle  la  caratteristica  di  “ ”,  anche  

se  rispetto  a  quella  del  1939  gli  scontri  si  svolsero  per  lo  più  su  suolo  europeo.  

In   guerra   nasceranno:   alcune   superstizioni,   come   non   accendersi   una   sigaretta   in   tre   a   causa   dei  

cecchini;  ma  nacque  anche  lo  “scemo  di  guerra”.  Ovvero  tutti  quei  militari  che  tornarono  dal  fronte  con  

disturbi   psicologici   anche   gravi,   per   questo   andò   formandosi   la   PSICOLOGIA   DI   GUERRA.   L’effetto   di  

straniamento  e  l’incapacità  di  reinserirsi  nella  società  civile  procurerà  non  pochi  problemi.  

Nasce   anche   un   nuovo   tipo   di   combattente:   l’ARDITO,   che   fa   parte   delle   TRUPPER   SPECIALI.   Questi   non  

sono   stanziati   nelle   trincee,   ma   vengono   addestrati   più   degli   altri   tanto   da   essere   in   grado   di   uccidere   a  

mani  nude.  È  un  reparto  caratterizza  da  alta  mortalità  e  dall’uso  di  armi  bianche  (da  taglio)  piuttosto  

che  da  fuoco,  per  maggiore  segretezza.  Avranno  un  ruolo  importante  nella  nascita  del  fascismo,  di  cui  

condivideranno   alcuni   simboli   e   l’ideologia.   Per   alcuni   di   loro   fu   anche   più   difficile   reinserirsi,   perché  

prima  della  guerra  erano  stati  soggetti  marginali  (a  volte  con  precedenti  penali).  

L’esperienza  coloniale  formerà  ufficiali  che  verranno  impiegati  durante  la  Grande  Guerra,  ma  anche  in  

quelle   successive.   Durante   la   Seconda   Guerra   Mondiale,   ad   esempio,   le   truppe   tedesche   in   Italia  

verranno  guidate  da  ufficiali  che  avevano  combattuto  nel  1915-­‐18  sul  fronte  occidentale  e  sui  Balcani.  

Alcune   armi   furono   nuovamente   sperimentate   nelle   colonie,   come   nel   caso   della   rivolta   sedata   in  

Sudan,  scaturita  dalla  sua  posizione  a  metà  tra  Africa  nera  e  Africa  araba.    

Con  la  Grande  Guerra  si  perderà  il  ritegno  ad  utilizzare  le  armi  contro  altri  europei,impiegando  anche  i  

gas   (battaglia   di   Ypres),   che   poi   non   vennero   più   utilizzati   perché   imprevedibili.   Le   BOMBE   ARIA-­‐

BENZINA,   utilizzate   oggi   in   Iraq,   hanno   origine   nelle   osservazioni   effettuate   durante   le   due   guerre  

mondiali  (1939/45  bombardamento  di  Asburgo).  

 

L’AVIAZIONE.  Come  il  carro  armato  (tank),  verrà  impiegata  per  la  prima  volta  nella  Grande  Guerra,  ma  

ancora  in  via  sperimentale.  Gli  aerei  erano  ancora  primitivi  e  non  potevano  portare  grandi  pesi,  per  lo  

più   sganciarono   bombe   a   mano.   L’aviazione   diventa   la   sostituta   della   cavalleria,   che   dall’Ottocento  

aveva   perso   sempre   maggior   importanza.   L’ultima   carica   avvenne   nella   Guerra   di   Crimea   tra   Gran  

Bretagna   e   Impero   Zarista.   Nell’aviazione   entrarono   a   far   parte   i   discendenti   di   chi   aveva   fatto   parte  

della   cavalleria,   quindi   aristocratici.   Inizialmente   non   si   pensava   alla   aviazione   come   possibile   arma,   era  

usata   per   atti   simbolici   (D’Annunzio   a   Fiume).   Un   Generale   italiano   per   primo   penserà   all’aviazione  

come   arma   vera   e   propria.   Permetteva   infatti   di   indebolire   il   nemico,colpendo   i   civili   e   le   città,  

costringendolo  ad  arrendersi.  

  Nel   XX   scolo   la   distinzione   tra   civile   e   militare,   che   aveva   retto   per   tutto  

NUOVO   TIPO   DI   GUERRA.  

l’ottocento,cade.  Con  l’aiuto  dell’aviazione  la  guerra  diventa  TOTALE.  Da  un  lato  la  guerra  era  sempre  

più   sottoposta   a   regole,   grazie   alle   convenzioni   nazionali:   il   rispetto   per   i   civili,   trattamento   equo   ed  

umano  dei  prigionieri…  dall’altro  è  un  fenomeno  generale  che  coinvolge  tutti.  Un  primo  cambiamento  

era   avvenuto   con   la   creazione   dell’INTENDENZA   dovuta   a   Napoleone,   così   c’era   qualcuno   che   si  

occupava  delle  scorte  e  le  comprava  nei  paesi  occupati,  limitando  i  furti.    

  Da   un   lato   era   stata   caratterizzata   da   una   forte   PROPAGANDA,   dalla  

LA   SOCIETA’   DI   GUERRA.  

mobilitazione  di  massa,  dall’irreggimentazione  della  stampa,  il  controllo  dell’opinione  pubblica.  Questo  

anche  al  fronte,  dove  chi  aveva  studiato  teneva  i  giornali  di  campo  e  insegnava  a  parlare  italiano  a  chi  

conosceva   solo   il   dialetto.   L’economia   passa   al   CAPITALISMO   ORGANIZZATO,   infatti   gli   operai   che  

svolgevano  attività  altamente  specializzate,  non  vennero  arruolati  perché  potessero  sostenere  lo  sforzo  

bellico.   Inizia   a   cambiare   il   rapporto   tra   i   generi,   in   più   con   la   RAZZIONALIZZAZIONE   PRODUTTIVA,  

ovvero   la   semplificazione   dei   processi   di   produzione   e   dei   prodotti   così   che   fossero   più   intercambiabili,  

anche  le  donne  poterono  partecipare  allo  sforzo  bellico.  

D’altro  canto,  con  la  fine  della  guerra  la  situazione  femminile  migliorò,  nonostante  si  fosse  imposto  il  

vecchio  legame:  uomo/aggressività;  donna/debolezza.  I  reduci  in  alcuni  casi  dovranno  chiedere  che  le  

donne   vengano   escluse   dalla   produzione   e   tornino   a   rivestire   il   loro   ruolo   di   casalinghe.   Lo   stesso  

problema  si  ripresenterà  nel  secondo  dopoguerra.  

 

ESITI  

Il   modello   di:   stato   nazionale,   che   ha   preso   forma   nell’Ottocento   si   sposta   verso   est,   grazie   ai   trattati   di  

pace   riorganizza   l’Europa.   Il   problema   maggiore   sarà   la   mancanza   di   confini   culturali   e   la   mescolanza   di  

popolazione.   Per   raggiungere   l’obbiettivo   venne   adottato   il   MODELLO   WILSON,   che   prevedeva   lo  

spostamento  di  popolazione  e  causerà  tensione  tra  le  due  guerre.  

-­‐   Collassano  gli  Imperi;  

-­‐   L’Austria,   con   la   fine   dell’Impero   è   considerata   il   secondo   stato   tedesco,   per   questo   alcuni  

pensarono  che  avrebbe  dovuto  diventare  parte  della  Germania;  

-­‐   Rinasce  la  Polonia,  grazie  alla  Pace  di  Riga  ma  nonostante  la  maggioranza  polacca,  avrà  minoranze  

ucraine  e  bielorusse;  

-­‐   Nasce   la   Cecoslovacchia,   formata   da:   Slovacchia,   Moravia   e   Boemia.   Simili   linguisticamente,   ma  

divise  economicamente:  la  prima  prevalentemente    agricola,  le  altre  due  più  industrializzate.  

-­‐   Il  dopo  guerra  verrà  caratterizzato  da  una  forte  spinta  serba,  per  la  creazione  di  una  federazione  tra  

eresia  catara

popoli  affini,  anche  se  con  lingue  diverse  (es.   ).  

-­‐   L’Ungheria   perderà   parte   dei   suoi   territori   (Slovenia   e   Romania),   ma   annetterà   la   Transilvania,  

dando  vita  a  gruppi  irredentisti.  

-­‐   delle  REPUBBLICHE  BALTICHE,  tedesche  e  russofone,  solo  la  Finlandia  divenne  autonoma,  grazie  a  

rivoluzioni.  Era  abbastanza  omogenea,  esclusa  una  minoranza  svedese.    

-­‐   Gli  EBREI,  sono  un  caso  particolare.  Non  hanno  un  proprio  territorio,  infatti  sono  diffusi  da  Vienna  

verso  est.  Essenzialmente  urbani,  sono  caratterizzati  da  forte  omogeneità  culturale.      

   

LA  SECONDA  INTERNAZIONALE  E  IL  CROLLO  DELL’IMPERO.    

Il   patriottismo,alimentato   dalla   guerra   causerà   la   spaccatura   dell’UNIONE   SACRA   dell’Internazionale.  

Inoltre   il   partito   operaio   russo   era   minuscolo,   a   causa   della   scarsa   industrializzazione   e   dovrà   allearsi  

con  contadini  e  militari.  Acquisì  importanza  solo  nel  1917  con  la  Rivoluzione  d’Ottobre.  

Il   collasso   dell’Impero   fu   la   causa   scatenante   della   rivoluzione.   La   crisi   è   generalizzata   e   comprende  

anche   i   militari   che   scioperano   (simile   in   Italia   la   sconfitta   di   Caporetto).   Tra   Febbraio   e   Ottobre   il  

governo   promise   di   interrompere   la   guerra,   ma   le   condizioni   imposte   dalla   Germania   non   lo  

permetteranno.   Questo   avvenne   poi   con   la   Rivoluzione   Bolscevica   ad   Ottobre,   con   l’affermarsi   della  

pace,  poi  dei  soviet  seguiti  dalla  riforma  agraria.   la  Rivoluzione  contro  il  capitale

Garmsci  evidenziò  il  problema  della  Federazione  Russa  ne  “ ”.  Lenin  e  il  

gruppo   dirigente   si   rendono   conto   che   la   Rivoluzione   avrà   veramente   successo   quando   riuscirà   ad  

estendersi   a   grandi   potenze   capitalistiche,   come   la   Germania.   In   un   paio   d’anni   diventerà   chiara  

l’impossibilità   di   questo   progetto   e   la   rivoluzione   in   occidente   non   ci   sarà.   Perciò   l’Internazionale  

diventerà  la  guida  per  tutti  i  Partiti  Comunisti  europei,  inviandogli  direttive.  Forti  tensioni  crebbero  in  

Polonia,  durante  la  Guerra  Civile,  a  causa  dei  confini  che  dopo  la  Grande  Guerra  erano  diversi  rispetto  

quanto   stabilito   dai   trattati   di   Versailles.   Inoltre   venne   massacrato   una   grossa   parte   dei   quadri  

rivoluzionari,   che   obbligò   il   partito   a   riorganizzarsi.   Prende   forma   una   nuova   politica   economica,   su  

modello   staliniano,   che   venne   considerata   un’eresia   dai   marxisti.   Lo   sviluppo   industriale   si   sarebbe  

ottenuto  solo  grazie  alla  maggioranza  contadina:  

-­‐   Facendo  lavorare  i  detenuti  nei  gulag;  

-­‐   Stalin  riprese  modelli  Zaristi;  

-­‐   Facendo  leva  sull’orgoglio  russo,  cui  Stalin  si  appellò  nel  1941;  

-­‐   Stalin  indisse  un  Consiglio  Ecumenico.        

 

L’IMPERO  OTTOMANO  

La  sua  fine  verrà  decretata  dalle  due  guerre  balcaniche:  

-­‐   LA   PRIMA,   vide   contrapposti   Romania,   Serbia,   Bulgaria   e   Montenegro   contro   L’impero.   Sconfitto  

perderà  i  territori  europei  esclusi:  Istanbul,  i  Dardanelli  e  parte  della  Tracia.  

-­‐   LA  SECONDA,  vide  la  Bulgaria  contro  i  vecchi  alleati  a  cui  si  unì  la  Turchia,  che  ottennero  la  vittoria.  

Dopo   la   Grande   guerra   divenne   sempre   più   pressante   la   necessità   di   formare   Stati   Nazionali   omogenei.  

In   questo   senso   prenderà   piede   l’idea   di   scambiare   le   popolazioni   (come   avvenne   tra   Turchia   e   Grecia),  

tanto  forte  da  essere  inserita  in  alcuni  trattati  di  pace.  

Negli  anni  ’20  la  Capitale  passò  da  Istanbul  ad  Ankara,  perché  rispetto  alla  prima  è  più  omogenea.  Due  

catastrofi   colpirono   il   Paese:   il   massacro   degli   armeni;   la   crisi   militare   con   la   Grecia,   che   portò   alla  

pulizia   etnica,   cioè   lo   scambio   di   popolazione.   In   Turchia   la   rivoluzione   avvenne   dall’alto,   seguita  

dall’occidentalizzazione   del   paese   (es.   divieto   di   portare   il   velo   negli   edifici   pubblici),   dalla   laicizzazione,  

dalla   revisione   della   lingua.   Tutto   questo   grazie   a   Mustafa   Kemal   Ataturk   che   guidava   il   gruppo  

dirigente  (militare).  

L’OCCIDENTE    

Nel   primo   dopoguerra,   la   Gran   Bretagna,   la   Francia   e   L’Italia   avevano   vinto,   ma   non   si   trovarono   in  

condizioni   migliori   degli   sconfitti.   Per   la   Gran   Bretagna   iniziava   il   declino,   che   avrebbe   portato   allo  

spostamento   dell’egemonia   economica   da   Londra   a   New   York.   Mentre   Francia   e   Italia   avevano   forti  

debiti   con   gli   Usa.   Durante   la   guerra,   per   poter   sostenere   lo   sforzo   bellico,   viene   stampata   molta  

moneta  (banconote),  così  alla  fine  del  conflitto  molti  dovettero  combattere  una  forte  INFLAZIONE,  che  

renderà   instabile   l’economia   mondiale   per   tutti   gli   anni   ’20.   La   Germania   si   troverà   costretta   a   pagare   i  

debiti  di  guerra  dei  vincitori,  soprattutto  quelli  francesi,  agli  Usa,  trovandosi  in  una  crisi,  simile  a  quella  

Argentina,  nel  1923  da  cui  riuscirà  a  sollevarsi  grazie  al  Piano  Dawes.  

 

RAPPORTO  TRA  MASSA  E  STATO  

Alcune  soluzioni:  

-­‐   Allargamento  del  diritto  di  voto;  

-­‐   Accesso  ai  partiti  socialdemocratici.  

Con  l’avvento  al  governo  del  PARTITO  LABURISTA  (1924)  in  Gran  Bretagna  questi  temi  trovarono  spazio  

(anche   in   Scandinavia,   nella   Prima   Repubblica   Austriaca   e   in   quella   di   Weimar).   La   repubblica   di  

Weimar,   costituitasi   inseguito   ai   sollevamenti   del   1918,   fu   democratica   e   sociale,   ma   non   può   essere  

considerata  un  interregno,  solo  dovette  reggere  in  un  periodo  di  crisi  profonda  in  cui  la  Federazione  era  

in  pessime  condizioni.  

 

NOVITA’:  

a)   La  politica  diventa  effettivamente  pluriclasse,  così  si  ebbe  una  migliore  “fotografia  del  Paese”.    

b)   La   democrazia   diventa:   ECONOMICA,   secondo   un   modello   che   favorisce   aggregazioni   per   interesse,  

come:  i  gruppi  commerciali,  i  sindacati  (adozione  di  contratti  erga  omnes,  che  riguardano  tutti  gli  

individui   indipendentemente   dal   fatto   che   siano   iscritti   o   meno   al   sindacato,   tranne   nei   paesi  

anglofoni.  I  sindacati  hanno  valore  giuridico).  

c)   MODELLO   SOVIETICO:   che   non   ebbe   molta   diffusione   se   non   all’interno   della   Confederazione  

Sovietica.  

d)   MODELLO   FASCISTA:   nasce   in   Italia   negli   anni’20,   avrà   caratteristiche   dittatoriali   di   nuovo   tipo,  

perché   ingloberà   le   masse   nella   politica.   Ha   forma   CARISMATICA   e   il   suo   elemento   centrale   è  

l’IRREGIMENTAZIONE,  ovvero  è  una  risposta  autoritaria  al  problema.  

 

IL  FASCISMO  

Le  masse  non  verranno  allontanate  dalla  politica,  ma  piuttosto  vi  saranno  inglobate,  in  una  forma  

precisa,  come  ad  esempio  le  corporazioni.  Questa  è  la  modernità  del  regime.  Deve  convivere  con:  la  

monarchia  sabauda,  una  Chiesa  forte  e  con  una  situazione  economica  caratterizzata  da  grani  aree  

agricole  e  piccole  zone  industriali.  DUE  DIREZIONI:  

1)   verrà  preso  a  modello  da  paesi  arretrati:  Grecia,  Portogallo,  Ungheria,  Lituania,  Estonia…  

2)   ma  anche  da  paesi  avanzati:  Germania,  Austria…  

la   TESI   PREVALENTE   riconosce   un   unico   modello   fascista,   declinato   diversamente   a   seconda   dei  

Paesi   che   lo   adotteranno.     Diventa   quindi   un   punto   di   riferimento   per   tutti   quei   Pesi   che   vedevano  

la  democrazia  parlamentare  come  un  sistema  debole,  in  più  minacciato  dal  modello  sovietico.  Dagli  

anni   ’30   in   Francia,   Paesi   Bassi,   Belgio,   Cecoslovacchia,   Paesi   Scandinavi   si   assiste   alla   crescita   di  

Main  Kampf

quadri  fascisti,  tanto  che  Hitler  stesso  considererà  Mussolini  il  suo  Maestro  ( ).  Nel  1923  

Hitler  tenterà  il  colpo  di  stato  a  Monaco,  per  poi  intraprendere  una  Marcia  su  Berlino,  è  evidente  

saluto   romano

l’ispirazione   alla   Marcia   su   Roma   del   1922.   Anche   il   “ ”   verrà   adottato   dai  

saluto   tedesco

nazionalsocialisti,   poi   rinominato   in   “ ”.   È   ancora   aperto   il   dibattito   storiografico   in  

merito  alla  definizione  di  nazismo  e  fascismo  come  DITTATURE  DI  MASSA  o  come  TOTALITARISMI  

(Arendt).    

Di   solito   si   pensa   al   Terzo   Rich   come   piramidale,   in   realtà   si   trattò   di   “caos   organizzato”,   cioè   Hitler  

emanava  gli  ordini  che  poi  erano  eseguiti  dai  vari  gerarchi,  causando  conflitti  interni  e  rivalità.  

I   fascismi,prima   di   ottenere   il   potere,   riscuotevano   successo   soprattutto   tra   i   giovani   e   le   donne.  

Questo  perché  si  proponevano  come  GIOVINISTI.  Per  quanto  riguarda  le  donne  il  problema  è  più  

complesso.  La  tesi  più  concreta  è  che  vedessero  nel  fascismo  un  mezzo  per  ottenere  stabilità,  che  

era   venuta   a   mancare   con   i   cambiamenti   nei   rapporti   gerarchici   tra   i   sessi.   Ad   esempio   nella  

Repubblica   di   Weimar   si   assiste   ad   una   discreta   emancipazione,   quindi   alla   nascita   di   un   nuovo  

modello  sociale  che  crea  tensione.  Si  forma  l’idea  che  una  società  aperta  sia  più  esposta  a  rischi,  

mentre   una   chiusa   darebbe   maggiore   stabilità   e   sicurezza.   I   fascismi   riprendono   il   modello  

pubblico/uomo,   privato/donna   era     tipico   dell’era   classica.   In   più   contribuirono   ai   cambiamenti  

processi  di  americanizzazione  della  società,  con  l’importazione  di:  balli,  vestiti….    

 

LA  CRISI  DEL  1929  

Scoppia   la   bolla   finanziaria.   Il   capitalismo   era   infatti   un’alternanza   tra:   dimensione   produttiva  

commerciale   e   dimensione   finanziari.   Con   il   fallimento   della   seconda,   scoppia   la   crisi   negli   Usa,  

aggravata   da   interventi   inefficaci.   In   Europa   si   rifletterà   subito   sull’Austria   e   soprattutto   sulla  

Germania,  ma  anche  su  Gran  Bretagna  e  altri  paesi.  Unica  esclusa  l’Unione  Sovietica.  Effetti:  

 shock;  

si  frantumano  i  fattori  di  produzione;  

crollano  i  mercati  mondiali.  

La   gran   Bretagna,per   risollevarsi   introduce   la   “preferenza   imperiale”,   cioè   chiude   il   suo   spazio  

commerciale   includendo   le   colonie.   I   Paesi   Scandinavi,invece,   adotteranno   il   modello   di   Keynes,  

ovvero   l’Intervento   dello   Stato   per   poter   far   funzionare   il   capitalismo:   creazione   di   moneta;  

aumento  della  spesa  pubblica,  che  rende  tollerabile  il  debito,  a  patto  che  sia  produttiva  nel  lungo  

periodo;  aumento  del  gettito  fiscale.  

Mentre   negli   Usa   F.D.   Roosvelt   applicherà   il   New   Deal,   di   ispirazione   keynesiana,   ottenendo   effetti  

maggiori   ma   differenti   rispetto   ai   Paesi   Scandinavi.   Questi   ultimi   avevano   già   allora   inserito   nella  

costituzione   i   DIRITTI   POSITIVI(   diritto   al   lavoro),     in   quella   italiana   sono   presenti   anche   quelli  

negativi  (diritto  di  parola)  ,  che  nell’ottocento  avevano  un  maggior  peso.      

 

MODELLO  FASCISTA  E  NAZISTA  

La  crisi  del  1929  sarà  una  delle  cause  del  successo  del  nazionalsocialismo  nel  1933.  L’Italia  venne  

spinta  dal  fascismo  sulla  strada  imperiale,  per  cui  però  non  aveva  mezzi  sufficienti.  Si  farà  sempre  

maggior   riferimento   agli   STATI   REVISIONISTI,   cioè   quei   Paesi   che   avevano   perso   la   guerra   e   che  

vedevano  i  trattai  di  pace  come  ingiusti.  Per  questo  Mussolini  non  temeva  di  rompere  l’equilibrio  

imposto   dai   Trattati   di   Versailles   e   dalla   Società   delle   Nazioni,   attaccando   l’Etiopia   nel   1935.   Di  

fatto  l’obbiettivo  era  minare  l’egemonia  britannica  in  Europa,  quindi  scontrarsi  con  essa  per  l’Egitto  

e   contro   la   Francia   per   la   Tunisia.   In   questo   quadro   si   apre   un   asse   di   dialogo,   sottolineato   dalla  

creazione  dell’ASSE  ROMA-­‐BERLINO  (1936),  nonostante  alcuni  elementi  di  conflitto:  

-­‐   area  balcanica;  

-­‐   il  sudtirolo;  

-­‐   controllo  dell’acqua;  

-­‐   motivi  militari:  il  confine  sul  Brennero  (1918).  

Hitler's   Second   Book:   The   Unpublished   Sequel   to   Mein  

Hitler,   nel   suo   meno   famoso   secondo   libro  

Kampf,   propone  una  soluzione  alternative  per  evitare  lo  scontro  con  l’Italia.  Infatti,  secondo  un  accordo  

del   1938   avrebbero   dovuto   scambiare   le   popolazioni   di   Sudtirolo   e   Crimea.inoltre,   non   furono   mai  

chiariti   bene   i   rapporti   tra   le   due   potenze,   dando   vita   ad   una   serie   di   momenti   di   crisi.   La   successiva  

alleanza   con   Tokyo   nel   1940   con   la   creazione   del   Patto   d’acciaio,   sarà   una   delle   cause   della   Seconda  

Guerra  Mondiale.  

 

QUADRO  GENERALE.  Gli  USA  adottarono  inizialmente  una  politica  isolazionista.  Intanto  a  Londra  ci  si  

rese   conto   che   un   espansione   ulteriore   porterebbe   ad   una   forte   crisi;   allo   stesso   tempo,   si   era  

consapevoli   che   la   Grande   Guerra   non   ha   distrutto   l’Impero,   ma   ha   causato   un   certo   indebolimento.  

Erano   per   ciò   convinti   che   un’ulteriore   guerra   avrebbe   segnato   la   fine   dell’egemonia   britannica,   cosa  

che  in  realtà  avvenne  facendo  dell’Inghilterra  una  Media  Potenza.  Queste  preoccupazioni  erano  sentite  

anche  in  Francia  e  spiegano  perché  permisero  a  Hitler  di  annettere  i  Sudeti  (area  della  Cecoslovacchia)  

Anschluss

e   l’Austria   ( ).   Dopo   la   Grande   Guerra   si   assiste   ad   un   progressivo   declino   anche   della   flotta  

inglese,presto   superata   da   quella   statunitense   e   poi   anche   da   quella   russa.   In   Francia   la   crisi   nel  

dopoguerra   sarà   sia   economica   che   etica,   con   l’affermarsi   di   forse   fascistizzanti   a   malapena   fermate.  

Nel  Regno  Unito  il  discorso  razziale  verrà  fermato,  infatti  nonostante  esistesse  un  gruppo  fascista  non  

ebbe   mai   molto   successo.   Un   discorso   di   G.   Orwell   alla   radio   venne   censurato,   perché   criticava  

l’impiego   di   truppe   coloniali   negli   eserciti   nazista   e   fascista.   Venne   censurato   perché   faceva   la   stessa  

cosa  anche  la  Gran  Bretagna  e  in  un  periodo  già  instabile  sarebbe  stata  una  contraddizione  troppo  forte  

(fu  uno  dei  motivi  per  cui  le  colonie  chiesero  l’indipendenza).  

L’Unione  Sovietica,  invece  adottò  una  politica  nel  dopoguerra  che  sarebbe  cambiata  solo  nel  1934:  

-­‐   fino  al  ’34,  credevano  fosse  ancora  possibile  la  Rivoluzione,  nonostante  il  ritardo  causato  dalla  crisi  

del   1929,   a   cui   si   aggiungeva   una   forte   critica   ai   partiti   socialdemocratici,   accusati   di   essere   una  

forma  di  fascismo  sotto  simboli  comunisti.  

-­‐   Dopo  il  1934,  con  l’ascesa  al  potere  del  Hitler,  avviene  una  svolta.  Ovvero  promuovono  l’unione  di  

tutti  i  partiti  antifascisti  (  democratici  e  liberali  compresi)  nei  FRONTI  POPOLARI.  

 

I  FRONTI  POPOLARI.    

La   Francia.   Negli   anni   ’30   c’erano   forti   componenti   fasciste   e   antirepubblicane,   in   parte   anche   antisemite  

nonostante   le   polemiche   sollevate   dall’Affaire   Drayfus.   Questi   gruppi,   formati   da   ex   combattenti   e  

monarchici,   si   uniranno   proprio   nel   ’34   cercando   di   ottenere   seggi   in   Parlamento.   I   Fronti   Popolari,   si  

formarono  dall’unione  di  Partito  socialista  (ps)  e  partito  comunista  (pc).  Famoso  è  l’evento  simbolico,  che  

vide  due  scioperi  separati  di  questi  due  gruppi,  unirsi  in  Piazza  della  Bastiglia.  La  stessa  coalizione  vincerà  le  

elezioni   del   1936,   con   a   capo   Bloom,   bersagliato   dalla   destra   perché   aveva   origini   ebraiche.   Furono   al  

Governo  per  due  anni,  frantumandosi  definitivamente  nel  1940,  lasciano  i  pieni  poteri  a  Pétain.  

La   Spagna.   A   differenza   del   Portogallo,   che   aveva   forze   fascistizzanti   già   a   metà   degli   anni   ’20   con   Salazar   al  

Governo  fino  agli  anni  ’70  (il  regime  fascista  più  longevo  d’Europa  terminato  nel  ’74  con  la  Rivoluzione  dei  

Garofani),  alla  fine  dell’ottocento  aveva  ormai  poche  colonie.  Il  suo  processo  di  trasformazione  fu  simile  a  

quello   italiano,   infatti   era   una   monarchia,   con   forte   tendenze   nazionaliste   e   differenze   linguistiche.  

L’identità   nazionale   che   si   formò   venne   definita   SOVRANAZIONALE,   per   sovrastare   e   unificare:  

Catalogna,Paesi  Baschi,  Asturia  e  Valencia.    

Dopo  la  Guerra  d’Indipendenza  (1808-­‐1813)  gli  spagnoli  avevano  ottenuto  la  Costituzione  di  Cadice  (1812)  e  

guerriglia

nacque  il  termine  “ ”.  Dopo  la  Rivoluzione  del  1868  la  Spagna  era  una  monarchia  costituzionale  e  lo  

fu   fino   alla   dittatura   di   Miguel   Primo   de   Rivera   (1923-­‐1930).   Dopo   questa   parentesi   dittatoriale,   venne  

instaurata  nuovamente  la  Repubblica,  nonostante  i  contrasti  causati  da  carlisti  e  isabellisti,  che  vedrà    forti  

scontri   con   i   lavoratori   (soprattutto   minatori).   Questi   saranno   particolarmente   violenti   in   Asturia,   per  

l’impiego  di  esplosivi  e  in  parte  furono  causati  dalla  mancanza  di  ORGANIZZAZIONE  OPERAIE  che  facessero  

da   mediatrici.   Dopo   gli   anni   ’30   si   formeranno   fronti   popolari,   con   componenti   anarchico   sindacaliste,  

corrente   nata   da   una   frattura   con   il   marxismo,   che   avrà   successo   anche   in   Italia   e   Francia.   Nel   Marocco  

spagnolo,  nel  1934,  avrà  inizio  una  rivolta  militare  guidata  dal  Generale  Francisco  Franco,  che  si  estenderà  a  

tutta  la  Spagna.  Nel  1936  ha  inizio  la  Guerra  Civile  spagnola  che  vedrà  contrapposti:  franchisti,  carlisti,  forze  

antirepubblicane   e   monarchiche   con   l’appoggio   di   Germania   e   Italia,   contro   i   repubblicani,   sostenuti   da  

Russi,  Francia,  Inghilterra,  formati  dai  fronti  popolari  a  cui  si  unirono  antifascisti  italiani  e  tedeschi  in  esilio.  

La  guerra  terminerà  nel  1939,  con  la  vittoria  di  Franco,  che  aveva  ottenuto  anche  l’appoggio  della  Chiesa.  

Per   l’opinione   pubblica   sarà   un   vero   e   proprio   scontro   tra   fascisti   e   antifascisti.   Rivera   fonderà   la   FALANGE,  

una  specie  di  partito  in  cui  Franco  costringerà  gli  antirepubblicani  a  unirsi.  Italia  e  Germania  sosterranno  il  

franchismo   per   motivi   ideologici,   inviano   aviazione   e   volontari   sperimentando   piani   d’attacco   come   si  

faceva   nelle   colonie.   I   sostenitori   dei   repubblicani,   invece   ebbero   maggiori   difficoltà   e   si   limitarono  

all’embargo  navale  e  al  rifornimento.  Invece  le  BRIGATE  INTERNAZIONALI,  di  italiani  e  tedeschi  antifascisti  

(tra   cui   Rosselli   e   Orwell),   saranno   fondamentali   nella   lotta   partigiana,   forti   dell’esperienza   spagnola   e  

alcuni  nel  dopoguerra  diventeranno  politici.  

 

LA  SECONDA  GUERRA  MONDIALE  

1938,   Hitler   annette   l’Austria   (Anschluss)   causando   tensioni   con   Mussolini.   Il   secondo   obbiettivo   furono   i  

Sudeti   (aree   di   Boemia,   Moravia   e   della   Cecoslovacchia)   che   erano   industrializzati.   Nonostante   la  

protezione  promessa  da  Francia  e  Inghilterra,  con  una  riunione  a  Monaco  (da  cui  la  Cecoslovacchia  venne  

esclusa)   venne   dato   il   via   libera   a   Hitler   per   l’occupazione   di   quell’area,   decretando   la   fine   della   Società  

delle  Nazioni.  L’Unione  Sovietica,  decisa  a  seguire  la  linea  del  Fronte  Popolare,  verrà  tenuta  in  disparte.  La  

svolta   avviene   quando   a   Mosca   si   fa   strada   il   timore   di   rimanere   isolata   con   la   Germania,   per   cui   con  

Molotov  agli  esteri  i  due  Stati  stabiliranno  un  accordo  di  non  belligeranza,  che  in  una  parte  tenuta  segreta  

patto  di  non  aggressione

prevede  la  spartizione  della  Polonia  tra  le  due  potenze  (  1939).  Fu  possibile  grazie  

alla   REAL   POLITIK,   dell’ambasciatore   tedesco   che   seppe   capire   come   mantenere   buoni   rapporti   con   i  

sovietici.  

L’accordo   di   Monaco   farà   credere   che   la   pace   sia   salva,   in   realtà   sarà   solo   l’inizio   di   una   politica  

espansionista  che  porterà  in  pochi  anni  a  vedere  i  tedeschi  occupare  gran  parte  d’Europa.  La  crisi,  avviata  

dall’occupazione  dei  Sudeti,  verrà  ulteriormente  aggravata  dal  successo  di  Tiso  in  Slovacchia  (nazionalismo  

clericale),  che  ottenne  l’indipendenza  e  permise  a  Hitler  di  creare  un  protettorato  in  Boemia  e  in  Moravia.  

  Il   1   settembre   del   1939   l’esercito   tedesco   invade   la   Polonia.   In   diciassette   giorni  

INIZIO   DELLA   GUERRA.  

cadrà   anche   Varsavia,   mentre   la   parte   orientale   verrà   occupata   dai   sovietici.   Le   aree   occidentali  

diventeranno   distretti   tedeschi,   mentre   le   regioni   di   Cracovia   e   Varsavia   diventeranno   GOVERNATORATO  

GENERALE,  su  modello  coloniale.    

Intanto  si  apre  il  PRIMO  FRONTE  con  Gran  Bretagna  e  Francia,  che  inizialmente  sarà  non  belligeranze,  ma  

sarà   costituito   da   scontri   propagandistici,   dandogli   il   nome   di   “Strana   Guerra”.   Si   diffuse   l’idea   che   sarebbe  

stata   una   guerra   di   posizione   come   quella   precedente.   Intanto   viene   occupata   anche   la   Danimarca,   mentre  

la  Norvegia  grazie  all’aiuto  de  Regno  Unito  verrà  occupata  solo  in  parte.  L’esercito  tedesco,  passando  dal  

Belgio   arriverà   fino   a   Parigi,   causando   il   ritiro   delle   truppe   inglesi   dalla   Normandia   e   occupando   nel   1940   la  

Francia.  Ne  rimarrà  libera  solo  un  parte  a  Sud,  dove  verrà  instaurato  un  il  governo  collaborazionista  di  Vichy  

guidato  dal  Maresciallo  Pétain.  L’Italia  entra  in  guerra.  

  Il   successo   tedesco   verrà   agevolato   dall’impiego   dei   carri   armati,   che   solo  

DIMENSIONE   MILITARE.  

Germania   e   Unione   Sovietica   sapevano   usare,   impedendo   l’arresto   delle   truppe   di   occupazione.   Solo  

DeGaulle   aveva   capito   come   colpire   e   indebolire   la   FORMAZIONE   A   LANCIA,   cioè   colpendo   nel   punto   di  

congiunzione.  Inizialmente  DeGaulle  per  gli  inglesi  è  uno  scocciatore,  ma  poi  ne  otterrà  l’appoggio.  

1941   la   Guerra   diventa   MONDIALE,   perché   da   allora   coinvolgerà   anche   il   Pacifico   (Usa   e   inglesi   vs  

Giappone)  e  l’Africa.  Inoltre  gran  parte  di  Asia  e  Africa  sono  coinvolte  per  l’apporto  di  truppe  coloniali  alle  

potenze   europee.   I   GRUPPI   D’INTERVENTO   sono   un   organo   di   polizia,   che   ha   il   compito   di   eliminare   i  

dirigenti   dell’Unione   Sovietica,   composto   da   circa   3mila   individui,   rafforzerà   il   legame   tra   comunismo   e  

ebraismo.  

Churchill  si  alleò  con  la  Russia  per  INTERESSI  DI  POTENZA  ma  anche  per  una  logica  che  vedeva  nel  modello  

sovietico   alcuni   punti   comuni   con   i   principi   della   Rivoluzione   Francese,   nonostante   fosse   un   regime  

autoritario.  Invece  i  Fascismi  sono  completamente  opposti  a  quei  principi.  Le  prime  fratture  con  l’Unione  

Sovietica  avverranno  solo  a  guerra  conclusa.  Quando  i  sovietici  decidono  di  prendere  parte  alla  guerra,  si  

diffonde  l’opinione  che  in  6  mesi  sarebbero  stati  sconfitti.  Così  gli  alleati  non  intervennero  subito,  ma  solo  

nel   1942.   Con   la   guerra   contro   la   Finlandia,   nel   1940,   il   Partito   aveva   perso   la   maggior   parte   dei   quadri  

dirigenziali   (purghe   ‘36/’37)   e   dell’esercito.   Nonostante   il   fronte   interno   arrivi   fino   a   Mosca,   la   vittoria  

dell’esercito  russo   segnerà   un   punto   di   SVOLTA   che   causerà   il   progressivo   logoramento   della   potenza   del  

Rich.  

La   Germania   puntava   ad   occupare   il   Regno   Unito,   per   cui   esisteva   un   progetto   per   trasferire   governo   e  

Royal  Air  Force

Famiglia  Reale  in  Canada.  Ma  la  sconfitta  della  Luftwaffe  riportata  dalla  RAF  ( )  causerà  non  

solo  alla  vittoria,  ma  evidenzierà  anche  conflitti  sempre  maggiori  tra  i  gerarchi  del  Rich.  Infatti  questi  oltre  a  

non  avere  una  strategia  uniforme  erano  poco  incline  ai  compromessi.      

     

DUE  FASI  

-­‐   La  prima  1939/1940-­‐1.  La  guerra  è  essenzialmente  continentale,  tra  le  forze  dell’Asse  e  quelle  degli  

Alleati  (a  cui  si  uniscono  gli  Usa  nel  ’41-­‐  7  settembre-­‐  dopo  l’attacco  di  Pearl  Harbor).  Viene  aperto  

anche  il  fronte  marittimo.  

-­‐   La  seconda  1941/1945.  Un  unico  fronte  orientale  si  estende  dal  Baltico  al  Caucaso.  Nel  ’41  si  svolge  

l’Operazione  Barbarossa  che  porterà  l’esercito  nazista  alle  porte  di  Mosca,  non  ritenuta  in  grado  di  

difendersi   cambierà   le   sorti   della   guerra.     1943-­‐44   l’Asse   viene   fermato   sul   Volga,   inizia   ad  

indebolirsi  e  in  pochi  mesi  viene  sconfitto  anche  in  Africa  e  terminata  la  guerra  in  Grecia  e  Turchia.    

 

CARATTERISTICHE:  

-­‐   Guerra  di  espansione;  

-­‐   Il  conflitto  era  anche  tra  visioni  del  mondo  e  sistemi  sociali  e  politici;  

-­‐   Militare   razzista,   accanito   contro   il   bolscevismo   perché   ritenuto   di   origini   ebraiche.   La   guerra   si  

muove   su   un   ipotesi   imperiale,   strutturata   su   base   razziale   adottando   un   modello   GERARCHICO  

DELLE  RAZZE.  

-­‐   Uno   degli   obbiettivi   era   il   recupero   delle   risorse   economiche,   cioè   bisognava   far   sì   che   i   civili   e   i  

militari  non  soffrissero  la  carenza  alimentare,  così  da  non  provocare  rivolte  com’era  avvenuto  nel  

1918.  Quindi  continuare  la  guerra  verso  est,  diventerà  un  modo  per  i  nazisti  di  assicurarsi  derrate  

alimentari.  In  questo  senso  verrà  sfruttata  l’Ucraina,  tenendo  conto  che  una  riunione  dei  gerarchi  

del   Piano   Quadriennale   nel   ’41,   aveva   analizzato   il   problema   e   deciso   che   avrebbero   sfruttato   il  

Paese   a   costo   di   far   morire   di   fame   i   suoi   abitanti.   In   questo   quadro   l’eliminazione   degli  

“indesiderabili”  acquista  senso.  

    Vede   lo   scontro   tra   gli   eserciti   inglese   e   americano   contro   il   Giappone,   estendendo   il   conflitto  

IL  PACIFICO.  

anche  alla  Corea.  È  soprattutto  marittimo  con  l’impiego  delle  PORTAEREE,  inizialmente  il  Giappone  riuscirà  

a  rallentare  le  forze  alleate.  Con  la  sconfitta  del  Giappone  l’esercito  angloamericano  riuscirà  a  riprendere  

l’offensiva,fino  a  sganciare  due  BOMBE  ATOMICHE  nel  1945  su  Hiroshima  e  Nagasaki.  

 

L’EVOLUZIONE  DEL  1943.  Oltre  alla  crisi  italiana  (p  110  Mantelli),  nel  Mondo  Arabo  si  sviluppano  correnti  

favorevoli  alle  forze  dell’Asse,  aspetto  di  cui  si  approfitterà  anche  il  Giappone  in  Corea.  Infatti,  il  governo  

nipponico   si   presenterà   come   il   liberatore   dei   paesi   colonizzati:   l’Asia   agli   asiatici.   Quando   anche   l’India  

rimarrà  coinvolta,  il  partito  di  maggioranza  (fondato  da  Gandhi)  si  spaccherà  tra  chi  sostenne  i  giapponesi  e  

chi   invece   l’esercito   inglese   (pensavano   che   dandogli   appoggio   avrebbero   potuto   rivendicare  

l’indipendenza).      

 

L’ANTISEMITISMO  

1)   Dal  1933  al  1938,  la  discriminazione  razziale  porta  all’emigrazione  di  circa  la  metà  della  popolazione  

ebrea    della  Germania  (circa  260.000  persone).  

2)   Dal   1938,   il   problema   aumenterà   con   l’annessione   di   territori   che   hanno   una   forte   presenza  

ebraica,   aumentando   il   loro   numero   all’interno   del   Rich,   soprattutto   in   Polonia   (3   mln   -­‐Vienna  

100.000;   Ucraina   e   Bielorussia   ancora   di   più).   Circa   2   milioni   e   ½   vengono   concentrati   nei   ghetti,  

anche  perché  la  guerra  è  ormai  troppo  estesa  perché  possano  emigrare.  

3)   Il   Governatorato   Generale   pensa   di   trasportarli   nel   Madagascar   Francese,   ma   senza   l’appoggio  

dell’Inghilterra  sarà  impossibili.  Iniziano  le  eliminazioni  di  massa.  

4)   Dal   1942   rallenteranno   gli   stermini   e   gli   ebrei   verranno   impiegati   come   manodopera,   con   il  

sostegno  di  Italia  e  Ungheria.  Comunque  sotto  i  15  anni  e  sopra  i  35  verranno  sterminati.  

  o   OPERAZIONE   EUTANASIA

( ).     Verrà   applicata   in   appositi   centri   creati   dal   1939,ma   inseguito   a  

L’AKTION  T4  

errori   e   quindi   dubbi   instaurati   nella   popolazione,   prenderanno   il   via   proteste   guidate   dalla   Chiesa  

concordato   nel   1933

( ).   Gli   stessi   quadri,   ormai   abituati   ad   uccidere   coloro   che   erano   un   perso   per  

vite  indegne  di  essere  vissute

l’economia  dello  Stato,  “ ”,  verranno    reimpiegati  nell’Olocausto.  Ad  esempio  

le   camere   a   gas   erano   una   consuetudine   dell’   Aktion   T4,   con   l’impiego   di   camion   e   furgoni   alimentati   a  

disel.  

CAMPI  DI  STERMINIO:  Treblinka,  Belzek,  Sobibor.  


PAGINE

25

PESO

265.54 KB

AUTORE

luca d.

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in scienze politiche e relazioni internazionali (POMEZIA, ROMA)
SSD:
A.A.: 2004-2005

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher luca d. di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Storia contemporanea e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università La Sapienza - Uniroma1 o del prof Scienze Sociali Prof.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Storia contemporanea

Riassunto esame Storia contemporanea, prof. indefinito, libro consigliato La scienza e la politica come professione, Weber
Appunto
Storia contemporanea - Tesina
Appunto
Scienza politica - Domande e risposte
Appunto
Riassunto esame Storia e Istituzioni dell'Africa, prof. indefinito, libro consigliato L'Africa, gli Stati, la Politica, i Conflitti, Carbone
Appunto