Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

STALIN E IL PATRIARCA

1547: primo Zar russo: IVAN IV IL TERRIBILE e succeduto da FEDRO (artefice

dell’istituzione del Patriarcato in Russia)

1589: intronizzazione primo patriarca IOV

1721: fine patriarcato a causa di PIETRO I IL GRANDE (sancisce la fine dello

zarismo) e sottomissione della Chiesa allo Stato

1917 (rivoluzione di febbraio): elezione patriarca TICHON (senza Zar) fino alla sua morte nel 1925

Dal 1925: persecuzione Chiesa ortodossa

1943: elezione nuovo patriarca SERGEJ grazie a Stalin

Il patriarcato e la rivoluzione

Russia zarista > sinfonia tra Stato e Chiesa (ispirato dalla dottrina bizantina di eredità Costantina)

1721 : Pietro I il Grande abolisce il patriarcato

Il governo della Chiesa viene affidato ad un sinodo di vescovi, presieduto da un alto funzionario

dello Stato di nomina imperiale. CHIESA SOTTOMESSA ALL’IMPERATORE

1905 : impulsi riformatori in ambito ortodosso

richieste:

1 - cambiamenti sulle forme di governo della Chiesa

2 - cambiamento delle relazioni tra Stato e Chiesa

AGOSTO 1917 : CONCILIO LOCALE DELLA CHIESA ORTODOSSA RUSSA (permesso dal

governo provvisorio)

Erano presenti posizioni contrastanti.

Ristabilimento del patriarcato : punto più importante dell’assemblea, ma che comportò

confronti accesi tra le diverse correnti dell’assemblea conciliare.

- contrari: l’idea del patriarcato appariva troppo simile a quella del potere monarchico ed era

quindi in contrasto con le tendenze democratiche sviluppatesi all’interno della Chiesa

durante la Rivoluzione

- a favore: lo sconvolgimento della vita sociale e dello Stato a seguito della Rivoluzione fu

determinante ad orientare i membri del concilio verso la reintroduzione dell’istituzione

patriarcale. Il patriarcato era l’unico organo in grado di rappresentare l’unità della Chiesa

russa ortodossa.

18 OTTOBRE 1917 : ELEZIONE TICHON COME NUOVO PATRIARCA + istituiti il

SANTO SINODO (costituito da vescovi) e il CONSIGLIO ECCLESIASTICO SUPREMO

NOVEMBRE 1917: Tichon viene intronizzato nella Cattedrale della Dormizione al Cremlino

Tichon dovette condurre la Chiesa nella sua epoca più difficile.

Dovette infatti scontrarsi con la guerra civile e con una politica antireligiosa promossa dal regime

bolscevico – dal POLITBJURO = organo direttivo supremo del partito Comunista dell’Urss

(fondato da Lenin del 1919):

- Chiesa privata del diritto di proprietà e della personalità giuridica

- uccisi vescovi, preti, monaci e laici

- chiusi i monasteri (a partire dal 1918)

- campagna contro le reliquie (devozione molto sentita dal popolo russo) + iconoclastia

- creazione commissione antireligiosa presso il Comitato centrale

- confisca dei beni

DICEMBRE 1917 : il Concilio approva un documento dove dichiara la Chiesa ortodossa russa

in unione con lo Stato, ma con una propria autonomia.

Il documento rivendica inoltre la condizione di primus inter pares della chiesa russa.

GENNAIO 1918 : scissione dello Stato e della scuola dalla Chiesa

Tichon condanna apertamente le violenza e attacca il governo bolscevico e invita i vescovi a

sottomettersi al governo sovietico finché questo non contraddicesse la fede e la devozione.

OBIETTIVO DEL GOVERNO: persecuzione religiosa + isolare i vertici della Chiesa + favorire

divisioni interne alla Chiesa

Appoggiato da Troskij, Lenin, Stalin e Molotov

Troskij: nuova politica religiosa > appoggiare il “clero del nuovo orientamento” = rinnovatori

perché appoggiavano a loro volta il governo bolscevico (vs. parte controrivoluzionaria capeggiata

da Tichon)

1923 : Politbjuro crea una COMMISSIONE ANTIRELIGIOSA guidata da Tuckov

Tichon viene messo agli arresti domiciliari e il Tribunale apre un processo penale a suo carico

(obiettivo finale: eliminazione del Patriarca, vertice della Chiesa, per smembrare la Chiesa in più

fazioni)

1923: processo fissato per la condanna a morte di Tichon per aver preparato un complotto

antirivoluzionario

PRESSIONI INTERNAZIONALI per la liberazione del patriarca

1923 : Tichon viene rilasciato

Riconosce atteggiamento controrivoluzionario e antisovietico: COMPROMESSO CON LO STATO

per ottenere una legalizzazione del patriarcato > il governo non lo accetta e prosegue la

persecuzione

La Chiesa rappresentava il nemico più grande dello Stato Sovietico (influenza troppo forte +

o realtà indistruttibile)

Realtà religiosa (= realtà sociale) incompatibile con l’ideologia marxista-leninista >

o educazione dell’ “uomo nuovo” dove l’ateismo era fondamentale contro l’alienazione

religiosa.

Il governo voleva appropriarsi del sacro rimpiazzando la Chiesa

o

1925 : fondazione UNIONE DEI SENSADIO = truppe d’assalto della propaganda anti-religiosa

APRILE 1925 : MORTE DI TICHON > viene pubblicato un testamento segreto

- designa un locum tenens: Pëtr

- invita i componenti della Chiesa a sottomettersi con coscienza al governo (compromesso)

- cerca di ristabilire i rapporti Chiesa – Stato per legalizzare le strutture ecclesiastiche

1925 1937

: Pëtr condannato alla fucilazione ( )

SERGIJ: diventa il sostituto temporaneo del locum tenens

SCISMA DEI “GREGORIANI”: appoggiati dagli organi del potere per favorire una divisione

interno della Chiesa.

Guidati da Grigorij che non voleva sottomettersi a Sergij > fu sospeso, ma continuò la sua influenza

su poche comunità

Sergij attaccato dai Gregoriani e dai Rinnovatori + coloro che non condividevano il le azioni di

Sergij

Sergij, influenzato dalla Chiesa zarista, preferiva trovare un compromesso, piuttosto che il

confronto e la denuncia, per un’esistenza legale della Chiesa

OBIETTIVI SERGEJ:

- denuncia delle condizioni della Chiesa

- legalizzazione del governo centrale della Chiesa (per evitare scissioni)

- normalizzazione rapporto Stato-Chiesa

1926 : richiesta di legalizzazione > non accettata

L’anno della grande svolta

1927-28 1927

: crisi degli ammassi di cereali : infiacchimento della lotta

antireligiosa

1929 : inizio dei PIANI QUINQUIENNALI 1929 : Comitato esecutivo centrale >

- industrializzazione accelerata

- collettivizzazione delle campagne Chiesa sotto il dominio dello Stato:

- influenza sulla scelta del parroco

- pressione amministrativa e fiscale

sugli ecclesiastici

- aumento delle spese > per chiudere

Chiese e scogliere associazioni

si vietavano le attività:

1. caritative potevano essere

2. educative soddisfatti solo i

3. formative bisogni religiosi

4. assistenziali

Inasprimento lotta sociale < > inasprimento lotta religiosa

Kulaki ed ecclesiastici visti come nemici di classe del progetto comunista

Unica propaganda ammessa > ANTIRELIGIOSA

1929 : Unione dei Senzadio > INASPRIMENTO LOTTA ANTI-RELIGIOSA

PIANO QUINQUIENNALE DELL’ATEISMO

 propaganda (soprattutto sui giovani): opere teatrali, filmati, articoli di giornale per

screditare e mettere in ridicolo la religione

 eliminazione Domenica come giorno festivo

 rimozione giornate festive religiose

AGOSTO 1929 : il Politbjuro dichiara che tutte le organizzazioni religiose sono ritenute forze

controrivoluzionarie

La Chiesa costituiva un punto di riferimento per gran parte dei contadini come resistenza

o alla collettivizzazione

Cultura delle campagne: religiosa

o Bisognava eliminare la realtà rurale e religiose

o

RESISTENZA CONTADINA per le azioni anti-religiose

 difesa preti arrestati

 contro la chiusura delle Chiese

1930 :

- liquidazione + deportazione dei kulaki controrivoluzionari

- annientamento di ogni resistenza

- confisca dei beni ai kulaki più ricchi del Nord della Russia

1928

dal : chiusura edifici religiosi per diversi pretesti + distruzione icone e libri liturgici

(LOTTA DI SIMBOLI)

1931 : Distruzione Cattedrale moscovita del Cristo Salvatore > grande valore simbolico

Costruita come simbolo della vittoria contro le truppe napoleoniche della Russia zarista e

raffigurava il ruolo permanente della Chiesa ortodossa nella società russa

progetto di costruzione di un palazzo monumentale dei soviet

LUOGHI DAL VALORE SIMBOLICO DISTRUTTI PER RAPPRESENTARE POTERE

BOLSCEVICO

MOSCA = simbolo del potere religioso e politico

Capitale spostata da Lenin

Potere bolscevico: voleva appropriarsi della sacralità di Mosca > eliminare riferimenti

o religiosi pre-rivoluzionari dal panorama urbano

es. distruzione 7 monasteri intorno al Cremlino per costruire 7 grattacieli

RISTRUTTURAZIONE IDEOLOGICA-SIMBOLICA PER RIAPPROPIARSI DELLO SPAZIO

SIMBOLICO

1923-29 : eliminazione Campagne > raccolta metallo per produzione industriale

persecuzione religiosa: politica interna & politica estera

1930 : Pio XI invita tutti i cristiani per la celebrazione di una messa a S.Pietro per la salvezza della

Chiesa Russa > immagine negativa per la Russia sulla scena internazionale

Tuckov ordina a Sergij di negare l’esistenza di una persecuzione anti-religiosa (umiliazione del

metropolita per ottenere più concessioni > tutte rifiutate

1928-29

1 - revisione della tassazione sul Clero ( : aumentata)

2 - concessione edifici per aprire nuove chiese

3 - pubblicazione organo di stampa del patriarcato (in parte accettato)

1930-31 : ATTENUAZIONE OFFENSIVA ANTI-RELIGIOSA (ripiegamento tattico)

per interessi di politica internazionale + richieste di Sergij

continuarono la chiusura delle Chiese + deportazioni (moderatamente)

1932 : Unione dei Senzadio: 2° PIANO DELL’ATEISMO >>>> - adesioni

CLANDESTINITA’: unica via per celebrare i riti liturgici e continuare la vita ecclesiale

fenomeno di massa

o Anni ’20-‘30

o seminari

o comunità monastiche

o accademie teologiche

o comunità parrocchiali + aiuto dei

o bisognosi

1936 : relazione invitata al Comitato Centrale sulle condizioni della Chiesa

 quadro diseguale della distribuzione geografica delle Chiese aperte

paura del governo di non poter controllare le pratiche religiose clandestine

 riduzione drastica dei luoghi di culto della Chiesa

 esistenza di un’alta vivacità religiosa

Bisognava controllare i movimenti religiosi ed evitare uno sviluppo incontrollabile di sentimenti

anti-sovetici

1937 : CENSIMENTO (rimasto segreto fino agli anni ’90)

informazioni sulla realtà sovietica: negativissimi

- deficit della popolazione: 162.000.000 (Stalin ne aveva annunciati 168.000.000)

- presenza altissima di cristiani > presenza radicata

< 40 anni perché l’educazione antireligiosa aveva influito di meno

FRATTURA GENERAZIONALE

Anche se avevano paura di nuove persecuzioni, la maggior parte si dichiarò credente

INEFFICACIA PROPAGANDA ANTIRELIGIOSA

1937-38 : BIENNIO DEL “GRAN TERRORE” (1.000.000 di vittime) < causato dal censimento

attacco contro tutti i potenziali nemici del governo bolscevico

vittime: fucilate in gruppo (300-400- <500 persone)

1937 : uccisione petrarca Pëtr

Situazione della Chiesa ai limiti del vivibile

Un’opportunità inattesa

1938-39 : Stalin e il Politbjuro pongono fine al terrore

gli sforzi dovevano essere sfruttati per una guerra imminente

arresti preti e vescovi + chiusura Chiese continuavano, ma con minor intensità

1939 : SCOPPIO II GUERRA MONDIALE

Invasione Russia:

- territori orientali della Polonia

- Bielorussia annessione ai territori dell’Unione Sovietica

- Ucraina

Unione Sovietica: tessuto religioso variegato e in contrapposizione

fede polacca (cristianesimo) vs. fede russa (ortodossia)

Polonia: situazione religiosa delicata

tra le due guerre mondiali (anni Venti): chiede ortodosse chiuse e distrutte per rendere il Paese

cattolico

- demoscovizzazione della Chiesa ortodossa

- introduzione calendario gregoriano

- polonizzazione della Chiesa ortodossa > per ottenere l’autocefalia ( = indipendenza

amministrativa)

Anni ’20: Paesi blancanici + ex regioni appartenute all’impero zarista richiesero l’indipendenza dal

patriarcato di Mosca

1939-40 : ALLARGAMENTO DELLA GIURISDIZIONE DEL PATRIARCATO DI MOSCA

nuovi luoghi di culto > speranza ripresa di una vita ecclesiale

le autorità sovietiche applicarono ai nuovi territori la politiche del terrore, ma + moderata

1940 : aumento dell’intensità alla partecipazione religiosa (- paura)

GIUGNO 1941 : INVASIONE DELL’URSS DALLE TRUPPE TEDESCHE

Regioni assoggettate al dominio tedesco > Chiese e monasteri riaperti RISVEGLIO

o RELIGIOSO

fenomeno non ostacolato e tollerato dalle autorità tedesche

inizialmente sostegno alla riapertura e al restauro

o bisogno religioso: sempre vivo e pronto a rinascere

o peti missionari per stimolare la ripresa della vita ecclesiale + lavoro assistenziale ed

o educativo

Germania: anti-bolscevica > “protettore della Chiesa ortodossa russa” per sviluppare sentimento di

avversione verso il governo sovietico

costruzione cattedrale ortodossa a Berlino

IDEOLOGIA RAZZISTA NAZIONALSOCIALISTA di Hitler: slavi razza inferiore

OBIETTIVO: dissoluzione dell’Urss

1 - appoggiare le rivendicazioni nazionali per isolare i russi

2 - sfruttare i motivi di malcontento popolare per lotta antisovietica

Riapertura Chiese: l’attività religiosa non andava né sostenuta né contrastata

bisognava frammentare le comunità religiose

3 - sviluppare sentimenti di nazionalismo nelle varie regioni sovietiche

OBIETTIVO FINALE: distruzione Chiesa ortodossa per sostituire la fede nazista

Ripresa attività liturgica: CENTRI DI CANALIZZAZIONE DELL’IDENTITA’ NAZIONALE

+

PATRITTISMO ECCLESIASTICO

rapporto Stato&Chiesa: indissolubile (tradizione secolare)

o era impensabile schierarsi contro il governo russo

o raccolta fondi per sostenere il conflitto bellico

o

1941 : Stalin > 1° discorso via radio dopo l’invasione tedesca

si affidò ai valori patriottici per stimolare la resistenza del paese

CONFLITTO > rinascita della fede > si pregava Dio per la buona riuscita

Con la guerra si interruppe la propaganda antireligiosa

1942

NOTTE DI PASQUA DEL : sospeso il coprifuoco per permettere ai fedeli di partecipare ai

riti liturgici

STALIN: utilizzo strumentale della Chiesa russa

bisognava rivedere l’assetto burocratico della Chiesa

La svolta

3-4 SETTEMBRE 1943 : NOTTE DEL CREMLINO: incontro tra i rappresentanti dello Stato

Stalin + Karpov e i 3 metropoliti più importanti Sergij (locum tenens), Aleksij (Leningrado) e

Nikolaj (Kiev)

Per ridisegnare i rapporti con la Chiesa

RICHIESTE: accettate da Stalin

- elezione patriarca + composizione nuovo sinodo (5-6 vescovi)

- formazione nuovi preti > nuovi corsi di teologia

apertura seminari e accademie teologiche

- riapertura delle Chiese

- liberazione dei vescovi dai lager

- abbassamento sgravo fiscale

5 SETTEMBRE 1943 : ELEZIONI SERGIJ COME PATRIARCA (cardine dell’unità

ecclesiale) + COSTITUZIONE SINODO (3 membri permanenti + 3 temporanei, convocati a

rotazione ogni 6 mesi)

lista con nomi di ecclesiastici arrestati (la maggior parte erano morti)

o ritorno spontaneo di vescovi e preti

o La maggior parte dei rinnovatori si unì alla Chiesa ortodossa russa

o + legalità = - clandestinità

o 1944: APERTURA ISTITUTI TEOLOGICI + ACCADEMIE per ricambio generazionale

o dei preti PROCESSO DI RICOSTRUZIONE DELLA VITA ECCLESIALE

Il governo bolscevico non voleva far riaprire massicciamente le Chiese per evitare una ripresa della

vita ecclesiale > volevano contenere l’apertura delle Chiese

- no chiusura parrocchie

- requisizione edifici pubblici occupati (avvisati 1 mese prima)

- no costruzione nuove chiese

KARPOV: presidente per gli affari della Chiesa Ortodossa Russa

applicazione della nuova linea politica ecclesiastica

DISORIENTAMENTO per il mutamento del rapporto Stato & Chiesa

opzione anti-religiosa = tratto distintivo del sovietismo

Continuare opera di propaganda anti-religiosa senza ricorrere alla violenza


ACQUISTATO

1 volte

PAGINE

20

PESO

126.88 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in scienze della comunicazione
SSD:
A.A.: 2018-2019

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher marta.vannelli di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Istituzioni di storia contemporanea e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Roma Tre - Uniroma3 o del prof Roccucci Adriano.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Istituzioni di storia contemporanea

Riassunto esame Istituzioni di storia contemporanea, prof.  Roccucci, libro consigliato Il mondo contemporaneo - dal 1848 a oggi, Sabbatucci, Vidotto
Appunto
Riassunto esame Istituzioni di storia contemporanea, prof. Roccucci, libro consigliato Storia e globalizzazione, Agostino Giovagnoli
Appunto
Riassunto esame Istituzioni di storia contemporanea, prof. Roccucci, libro consigliato Stalin e il patriarca, Roccucci
Appunto
Istituzioni di storia contemporanea - Appunti dalle lezioni
Appunto