Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Il grafco a) mostra l'aliquota legale

costante t, e l'aliquota media

effettiva crescente a ritmo

decrescente nel nostro caso: molto

progressiva per bassi livelli di RC,

poi si appiattisce diventando quasi

proporzionale.

Il grafco b) mostra l'andamento del debito

di imposta T (o T ). L'imposta è nulla per

n

un RC pari a 6.000€, cd. no tax area.

Pertanto se le deduzioni sono superiori al

RC (o se le detrazioni sono superiori

all'imposta lorda) il debito di imposta è

nullo. Ma, in questo caso , il contribuente

non usufruisce in tutto o in parte del

benefcio monetario delle deduzioni o

detrazioni che gli altri contribuenti

ricevono sotto forma di risparmio di

imposta.

Questo fenomeno è noto come incapienza. Il problema potrebbe essere risolto

con l'imposta negativa: si trasferisce al contribuente un importo pari al risparmio

d'imposta di cui non ha potuto benefciare (nel nostro esempio l'imposta negativa

va da un massimo di 1.800€ per un RC=0 a un minimo di 0€ per un RC=6.000).

Sinora abbiamo considerato il caso in cui la deduzione e la detrazione siano

costanti. Ora ipotizziamo che le deduzioni e le detrazioni sono di ammontare

variabile, nella realtà spesso decrescenti, al fne di limitare i benefci fscali

riconosciute a soggetti con reddito complessivo elevato. In questi casi assume una

notevole importanza il concetto di aliquota marginale effettiva t , pari alla variazione

eff

dell'imposta netta al variare del reddito complessivo.

t = δT / δRC

eff n

L'aliquota marginale effettiva è rilevante per valutare gli effetti di incentivo

dell'imposta alla produzione del reddito. Nella fat rate tax se deduzioni e

detrazioni sono costanti, l'aliquota marginale effettiva coincide con l'aliquota

legale. Il disegno dell’imposta rende allora esplicita e trasparente la grandezza

rilevante per le decisioni economiche: l’aliquota legale, pari a quella marginale

effettiva. Questa trasparenza viene però meno nel caso in cui deduzioni e

detrazioni siano variabili; è quindi molto importante conoscere come esse

infuiscano sulle aliquote marginali effettive.

Esempio: variazione importo deduzione.

Caso 1. Diminuzione secca della deduzione dal valore D al valore D-k (da 6.000

a 5.000), a partire da un certo livello di reddito (RC>30.000).

L'aliquota marginale effettiva:

• aumenta bruscamente

(60%) in corrispondenza del

valore del reddito (30.000) a

cui si registra la diminuzione

della deduzione che sino a

quel momento coincideva

con l'aliquota legale;

• torna poi al livello del 30%,

perchè la deduzione, seppur

più bassa, non si modifca

più e resta quindi solo

l'effetto attribuibile

all'aumento del reddito

complessivo.

Caso 2. Diminuzione lineare della deduzione (300€ ogni 1000) a partire da un

certo livello di reddito (20.000), fno all'azzeramento della deduzione.

L'aliquota marginale effettiva:

• aumenta bruscamente (da 30%

a 39%) in corrispondenza del

valore del reddito in cui si

registra la diminuzione della

deduzione (20.000);

• resta al nuovo livello (39%) per

tutto l'intervallo di reddito

complessivo in cui la deduzione

decresce: a partire da

20.000 € ogni incremento di

1000 € del reddito

complessivo è infatti gravato

dal carico dell'aliquota (300

€) e dal carico della

diminuzione lineare della

deduzione (90 €);

• ritorna al livello iniziale (30%) solo quando D si annulla (a partire da

39.000).

Sinora abbiamo supposto che l'aliquota legale marginale sia costante e unica. In

pratica quasi mai questo modello viene applicato. Nel caso di aliquote legali marginali

crescenti (es. imposta progressiva per scaglioni), la presenza di deduzioni e detrazioni

non costanti può dare luogo ad andamenti imprevedibili e capricciosi delle aliquote

marginali effettive. Inoltre l'identità tra una detrazione e una deduzione (con d = tD) è

realizzata solo nel caso di aliquota legale costante.

Se viene concessa ai contribuenti che si trovino in una determinata condizione la

medesima detrazione di imposta questa comporta lo stesso vantaggio per tutti.

Una detrazione, infatti, riduce, in valore assoluto, l’onere tributario in uguale

misura per ogni contribuente. Una deduzione dall’imponibile, al contrario, si

traduce in uno sgravio fscale il cui ammontare è tanto più elevato quanto più

elevata è l’aliquota marginale del contribuente. Ne benefciano quindi

maggiormente gli individui ad alto reddito.

Esempio

Due aliquote (10% e 20%):

Scaglioni Aliquote

da 0 fno a 10.000 10%

da 10.000 a 20.000 20%

ecc.

Supponiamo che il contribuente possa scegliere fra una deduzione di 1.000 € e una

detrazione di

• €.

• Un individuo con reddito pari a 10.000 € sarà indifferente all’una o

all’altra: in ogni caso il suo debito di imposta è pari a 900 €.

• Un individuo con reddito pari a 20.000 € avrà, invece, un debito di

imposta pari a 2.800 € se opta per la deduzione, e a 2.900 se opta per la

detrazione. È quindi ovvio che egli preferirà la prima alla seconda.

Questo risultato dipende dal fatto che la relazione d = tD che rende

indifferenti deduzioni e detrazioni è rispettata dall’aliquota marginale del

primo soggetto, ma non da quella del secondo soggetto.

Per questa ragione si ritiene generalmente più equo il ricorso alle detrazioni di

imposta anziché alle deduzioni dall’imponibile.

Tassonomia delle imposte

Imposte dirette e indirette

Le imposte vengono tradizionalmente distinte in dirette e indirette. La

distinzione si basa su diversi criteri:

Classifcazione fondata sugli indici utilizzati per valutare la capacità contributiva dei

soggetti:

Imposte dirette: colpiscono manifestazioni immediate della capacità

a. contributiva (reddito o patrimonio).

Imposte indirette: colpiscono manifestazioni mediate della capacità

a. contributiva (consumo o trasferimento di beni).

Classifcazione fondata sulla diversa probabilità di traslazione:

a. Imposte dirette: il loro onere grava effettivamente sul contribuente

individuato dalla legge, il quale non può trasferirlo su altri soggetti

economici.

a. Imposte indirette: il loro onere può essere trasferito ad altri soggetti economici

(produttore vs consumatore) e che quindi gravano, indirettamente, su questo

secondo soggetto.

L'applicazione pratica di entrambi gli approcci è controversa, pertanto ci si

attesta su un criterio di distinzione convenzionale, in base al quale vengono

→ →

denominate dirette le imposte sul reddito e sul patrimonio; indirette tutte le

altre imposte (sui consumi, sulla fabbricazione, sui trasferimenti, ecc.).

Imposte reali e personali

Le imposte dirette sono allora volta distinte in:

• Imposte reali: colpiscono l'oggetto dell'imposta senza considerare le

caratteristiche del soggetto tassato;

• Imposte personali: colpiscono il medesimo oggetto, ma tenendo conto delle

caratteristiche del soggetto tassato (cioè del reddito complessivo e di altre

caratteristiche personali-familiari)

Questa distinzione comporta conseguenze signifcative sotto due profli:

1. La progressività delle imposte.

Le imposte personali permettono di tenere conto della condizione

economica complessiva del contribuente, e applicare la struttura

progressiva del prelievo, quelle reali no: se fossero progressive

penalizzerebbero i soggetti che percepiscono il reddito da una sola fonte o

che possiedono un solo tipo di patrimonio.

1. La possibilità di tenere conto delle condizioni soggettive del contribuente.

Le imposte personali permettono di valutare la capacità contributiva del

contribuente, tenendo conto in particolare dei carichi di famiglia e dello stato di

salute. Come?

Generalmente attraverso deduzioni o detrazioni, in relazione al numero e

alle caratteristiche dei familiari a carico, così come all'entità e alla tipologia

delle spese sanitarie sostenute. Un contribuente senza fgli pagherà

quindi, a parità di reddito, un'imposta superiore rispetto ad un contribuente

con problemi di salute e/o con fgli.

Tuttavia le imposte reali sono più facili da amministrare proprio perché non

richiedono accertamento delle condizioni soggettive del contribuente, specialmente

della sua condizione economica complessiva. Infatti il possesso di redditi da attività

fnanziarie in capo al contribuente è diffcilmente accertabile, e per tale motivo, molto

spesso redditi di questo genere sono assoggettati ad un prelievo a natura reale, che

consiste nell'applicazione, a titolo d'imposta, e quindi senza nessun ulteriore onere

tributario per il contribuente, di una ritenuta "alla fonte", e cioè al momento in cui il

reddito viene corrisposto, ad opera di chi lo eroga.

Pertanto il prelievo alla fonte permette di sostituire all'attività di accertamento

e riscossione nei confronti dei percettori di reddito, l'attività di accertamento e

riscossione nei confronti degli enti o imprese che pagano il reddito, defniti

sostituti d'imposta.

Il prelievo alla fonte è vantaggioso in quanto i sostituti d'imposta: _sono in

numero inferiore rispetto ai percettori, _sono tenuti alla contabilità e _hanno

scarso interesse all'evasione perché si rivalgono sul contribuente per le imposte

trattenute.

Il prelievo alla fonte può essere:

• "a titolo d'imposta": esaurisce il debito con l'erario del percettore, ad

es. per i redditi da attività fnanziarie (imposta reale);

• "a titolo d'acconto": non necessariamente esaurisce il debito con l'erario

del percettore, ad es. per i redditi da lavoro dipendente (imposta

personale).

Discriminazione qualitativa dei redditi

La discriminazione qualitativa dei redditi consiste nel riconoscere un onere d’imposta

differenziato alle diverse categorie di reddito, e in tale ambito assume un ruolo importante

le imposte reali, in quanto danno peso esclusivo al reddito (o al patrimonio) oggetto di

tassazione, e possono pertanto essere articolate in modo tale da attribuire un onere

differenziato alle singole categorie di reddito.

• utilizzata per discriminare fra redditi di lavoro e redditi di capitale. I redditi

di lavoro sono considerati meritevoli di un trattamento preferenziale

rispetto agli altri redditi perchè sono onerosi (richiedono un sacrifcio

maggiore) e sono temporanei

La discriminazione qualitativa può essere attuata aggiungendo al prelievo personale sul

reddito:

• o un’imposta reale su tutti i redditi diversi da quelli di lavoro

• o un prelievo generale sul patrimonio

• o una deduzione (detrazione) specifca per i redditi di lavoro.

Deduzioni dall'imponibile, detrazioni dall'imposta e "tax

expenditures"

In sintesi le deduzioni e detrazioni hanno quattro fnalità:

1. Possono essere utilizzate per rendere progressive imposte altrimenti

proporzionali (es. fat rate tax);

1. Sono un importante strumento per la personalizzazione dell'imposta (es.

carichi familiari e stato di salute);

1. Possono essere utilizzate per attuare la discriminazione qualitativa dei

redditi (es. detrazione reddito da lavoro);

1. Possono essere utilizzate per incentivare specifci impieghi del reddito. Ad

esempio possono essere applicate deduzioni o detrazioni su una

percentuale prefssata delle spese sostenute per interessi passivi relativi a

mutui per l'acquisto della prima casa, contributi versati a fondi pensione,

premi corrisposti per la sottoscrizione di una polizza assicurativa,

fnanziamento al clero, a enti di benefcienza, ecc. Gli incentivi sono quindi

rivolti ad infuenzare le scelte e il comportamento dei privati in direzione

del conseguimento di obiettivi ritenuti di interesse generale.

Le tax expenditures (spese fscali) sono diminuzioni del gettito per lo Stato che

permettono non solo deduzioni e detrazioni, ma anche esclusioni, esenzioni, aliquote

ridotte e differimenti di imposte. In quanto sul saldo del bilancio hanno un effetto

analogo ad aumenti di spesa, ad esse viene attribuito la natura di spese pubbliche,

effettuate però tramite il sistema tributario. Il loro obiettivo è quello di raggiungere

fnalità collettive facendo leva sull'azione privata.

Esempio

1000€ a favore dei paesi del terzo mondo deducibili dal reddito. Un

contribuente con t =43% pagherebbe 430 € di imposta su quei 1000€.

m

Donando 1000 € riduce il suo debito d’imposta di 430 €. È come se donasse

soltanto 570 €. Gli altri 430 € li mette lo stato, in termini di minori entrate.

Le tax expenditures sono a fonte di complessità e scarsa trasparenza dei sistemi

tributari: i costi delle agevolazioni fscali sono meno evidenti dei costi delle

erogazioni dirette di spesa. Occorre valutarne attentamente: l'effcienza (e cioè la

capacità di infuenzare le scelte private) e l’equità (deduzioni, esclusioni,

esenzioni, aliquote agevolate favoriscono relativamente di più individui ad alto

reddito, con alta t ).

m

Criteri di ripartizione del carico tributario

Come deve essere distribuito l’onere delle imposte fra i contribuenti? La

ripartizione del carico tributario dipende da due fattori:

1. la fnalità che si assegna all’imposizione

1. l’interpretazione che si dà dell’equità del prelievo, o l’idea di giustizia cui si

aderisce.

In relazione alla valutazione che danno di tali problemi è possibile distinguere

due criteri normativi di distribuzione del carico tributario: il principio del benefcio

e il principio della capacità contributiva.

Il principio del benefcio (o della controprestazione)

Il principio del benefcio è riconducibile alle teorie dello scambio, secondo le quali

esiste un rapporto di scambio fra ciò che il cittadino paga allo Stato e ciò che riceve

in termini di beni e servizi. Pertanto l’imposta deve essere commisurata al benefcio

che il contribuente riceve dai beni e dai servizi pubblici di cui fa liberamente

domanda e ne costituisce il prezzo.

La fnalità dell’imposta è fnanziare l’offerta di servizi e beni pubblici (non sono

contemplate fnalità redistributive).

Il principio garantisce che vi sia equità nello scambio: ciò che si paga

corrisponde al benefcio che si riceve.

Presenta problemi di applicazione:

diffcile applicazione nel caso di beni pubblici non rivali e non escludibili (vi è

• free-riding)

non applicabile per beni e servizi non richiesti dal contribuente (es. beni

• meritori)

non è possibile avere un prelievo personalizzato per ogni individuo.

• Occorre quindi ricorrere a indicatori di benefci che non sono sempre

pertinenti (ad es. per onere su difesa si usa come indicatore il reddito degli

individui)

Vantaggi:

Il principio del benefcio crea un legame tra decisioni di spesa e decisioni di

entrata che ha la funzione di rendere trasparente le decisioni di spesa pubblica,

responsabilizzando coloro che le decidono nei confronti dei contribuenti

chiamati a fnanziarle.

Questo argomento è particolarmente importante per i sostenitori del

decentramento fscale:

1. Gli enti decentrati hanno maggiore possibilità di individuare i benefciari

dei servizi offerti e ripartire quindi su di essi il costo;

1. La teoria è concorde nel ritenere ineffciente decentrare la funzione

redistributiva del reddito.

Il principio della capacità contributiva

A differenza del principio del benefcio, il principio della capacità contributiva non stabilisce

un collegamento diretto fra imposte subite e vantaggio del soggetto. Lo scopo delle

imposte non è solo quello di fnanziare la produzione pubblica di beni e servizi, ma anche

fnanziare la redistribuzione

La ripartizione delle imposte deve essere equa. L’equità è garantita se l’imposta è

commisurata alla capacità contribuiva dei soggetti, cioè alla loro capacità di pagarla

(ability to pay).

Il principio della capacità contributiva si articola in tre assunti fondamentali:

a. Equità orizzontale: individui con uguale capacità contributiva devono

pagare la stessa imposta;

a. Equità verticale: individui con maggiore capacità contributiva devono pagare più

imposte

a. Vincolo all'equità verticale: le imposte non devono alterare le posizioni dei

contribuenti nella scala distributiva (sono precluse t > 100%)

m

Per attuare il principio della capacità contributiva bisogna:

1. defnire cosa si intende per capacità contributiva, quindi individuare un

corretto indicatore (reddito, patrimonio, consumo, ecc.);

1. defnire i criteri di ripartizione dell'onere di imposta in relazione alla

capacità contributiva così individuata.

L’onere dell’imposta è identifcato dalla rinuncia ad una parte del proprio

reddito, e il principio della capacità contributiva è stato denominato principio

del sacrifcio. Gli approcci al problema della ripartizione dell'onere hanno in

comune l'idea che tutti i contribuenti devono sopportare lo stesso sacrifcio (in

ragione alla capacità contributiva). Esistono tre principi del sacrifcio che

richiedono l’uguaglianza del:

• sacrifcio assoluto

• sacrifcio proporzionale

• sacrifcio marginale

Tali principi hanno implicazioni molto diverse sotto il proflo dell'equità verticale,

più in particolare, della progressività dell'imposta.

I tre principi si basano su assunzioni non realistiche fra cui:

• il sacrifcio di utilità è misurabile

• gli individui hanno uguali preferenze

• il reddito prima dell'imposta è un dato

IN CONCLUSIONE

Occorre rinunciare a riconoscere un fondamento utilitarista al criterio della

capacità contributiva (e all’equità delle imposte progressive) che riceve invece

un suo contenuto concreto ad opera delle valutazioni politiche degli enti

impositivi. Parole chiave della lezione

Prezzo pubblico, tassa, imposta

• Presupposto, soggetto passivo, base imponibile, aliquota

• Imposte proporzionali, regressive e progressive

• Progressività per classi e scaglioni

• Progressività per deduzioni e detrazioni

• Aliquote legali ed effettive; aliquote medie e marginali

• Imposte dirette e indirette

• Prelievo alla fonte (a titolo d’imposta e a titolo d’acconto), sostituto d’imposta

• Imposte reali e personali

• Discriminazione qualitativa dei redditi

• Tax expenditures

• Principio del benefcio e principio della capacità contributiva

• Equità orizzontale e verticale

• Gli effetti distorsivi delle imposte

Tutte le imposte riducono il benessere dei contribuenti, in particolare possono produrre

due effetti: →

1. Effetto reddito Le imposte sottraggono risorse al contribuente trasferendole allo

Stato sotto forma di gettito. Ciò comporta un SACRIFICIO (perdita di benessere,

utilità) per il contribuente, che ora è più povero, ma non comporta nessuna perdita di

effcienza in quanto non altera le sue scelte: egli consumerà meno o lavorerà di più

in quanto più povero, ma le scelte relative al consumo dei beni saranno sempre

effettuate sulla base dei prezzi relativi (salario, tasso di interesse, ecc.) che si

sarebbero determinati in assenza di imposte.

1. Effetto allocativo o di sostituzione Le imposte possono però alterare i prezzi

relativi, ad esempio facendo aumentare il prezzo del bene tassato rispetto al

prezzo degli altri beni.

Ciò comporta un SACRIFICIO (perdita di benessere) e una PERDITA di

EFFICIENZA del SISTEMA (eccesso di pressione) in quanto l'imposta

infuisce sull'allocazione delle risorse: il bene (o un'attività) tassato viene

sostituito con quello non tassato perché l'imposta inserisce un cuneo fra

il prezzo lordo, pagato da chi lo compra, il prezzo netto ottenuto da chi lo

vende.

Neutralità delle imposte. Le imposte che producono solo un effetto reddito (quindi

non determinano alcun eccesso di pressione) sono EFFICIENTI (neutrali). Le uniche

imposte con questa caratteristica sono le imposte lump sum. Esse non possono

distorcere le scelte: il debito di imposta NON dipende in alcun modo dal

comportamento del contribuente.

Le imposte che producono un effetto di sostituzione, e sottopongono quindi il

contribuente a un eccesso di pressione, sono invece INEFFICIENTI (non neutrali).

Sono tali la maggior parte delle imposte: sul reddito, sul patrimonio, sui consumi,

ecc. Esse distorcono le scelte: il debito di imposta dipende, e può essere

condizionato, dal comportamento del contribuente.

Il sacrifcio di utilità imputabile all'esistenza di effetti di sostituzione è

• defnito ECCESSO DI PRESSIONE: individua il sacrifcio di utilità per il

contribuente in eccesso rispetto quello, inevitabile, imputabile al mero

trasferimento di risorse dal contribuente allo Stato.

Lo studio degli effetti distorsivi dell'imposta sarà svolto nell'ambito di

analisi di equilibrio parziale (consideriamo un singolo soggetto

economico che opera assumendo come date prezzi, salari e tasso di

interesse, che sarebbero variabili endogene in un contesto di equilibrio

economico generale) relativa a:

A. Analisi delle scelte individuali di consumo, produzione del reddito e di

risparmio(7.1)

A. Equilibrio di mercato di un bene (surplus del consumatore e del produttore)

(7.2)

Effetti distorsivi delle imposte sulle decisioni individuali

Gli effetti allocativi possono manifestarsi in diversi ambiti, in particolare:

1. dedicare maggiore o minor tempo alla produzione di reddito

1. destinare il reddito prodotto al consumo o al risparmio

1. allocazione del consumo tra più beni (teorema di Barone)

In ciascuno dei tre casi l'individuo opera la sua scelta fra le due alternative che ha di

fronte (lavoro o tempo libero, consumo o risparmio, consumo dell'uno o dell'altro bene)

al fne di massimizzare la sua funzione di utilità in presenza di un vincolo di bilancio

specifcato, assumendo come data la variabile cruciale per la scelta (tasso di salario,

tasso di interesse, prezzi relativi).

In questo contesto, un'imposta che provochi uno spostamento parallelo del

vincolo di bilancio, senza modifcarne l'inclinazione, determina solo effetti reddito

e non è quindi distorsiva. Al contrario un'imposta che provochi una

modifcazione dell'inclinazione del vincolo di bilancio determina effetti di

sostituzione ed è quindi distorsiva.

Confrontando due imposte:

• è più distorsiva l'imposta che, A PARITÀ di GETTITO per lo Stato,

comporta un MAGGIOR SACRIFICIO di UTILITÀ per il contribuente; a

tale imposta si associa infatti un maggior eccesso di pressione.

Simmetricamente

• è più distorsiva l'imposta che, A PARITÀ di SACRIFICIO di UTILITÀ

per il contribuente, comporta un MINOR GETTITO per lo Stato.

Consideriamo il caso 1: le imposte possono produrre distorsioni nella scelta se

dedicare maggiore o minore tempo alla produzione di reddito.

Un individuo deve scegliere quanta parte del tempo complessivo potenzialmente

disponibile, H, dedicare al lavoro e quanta parte a riposo. H: tempo, R: reddito, L: riposo, w:

tasso di salario Funzione di utilita: U = U(R,L)

(+,+)

Vincolo di bilancio: R = (H – L) w = wH – wL

La scelta ottima si avrà in corrispondenza ai valori di R e L che massimizzano

U, dato il vincolo di bilancio. → –

AB vincolo di bilancio con inclinazione w e

→ → →

ordinata wH P ottimo, 0U riposo, UA

lavoro è soddisfatta la condizione:

U'/R' = U = 1

R

U'/L' U w

L

Effetti di un'IMPOSTA SUL SALARIO proporzionale (tw)

Vincolo di bilancio: R = (H –L) w(1 – t) = Hw(1 – t) – w(1 –t) L

AC vincolo di bilancio con inclinazione

–w(1 – –

t) e ordinata Hw(1 t)

→ → →

N ottimo, 0M riposo, MA lavoro

→ → →

MZ reddito lordo, MN reddito netto, NZ

gettito

Il gettito dell'imposta, se misurata in termini di

reddito, è pari alla distanza verticale fra i due

vincoli di bilancio, prima e dopo l'imposta,

valutata nel punto di ottimo.

è soddisfatta la condizione:

U = 1

R w(1 –

U t)

L

Effetti di un'IMPOSTA FISSA (R – T)

Vincolo di bilancio: R = (H – L) w – T = Hw – T – wL

T è di dimensione tale da procurare la

stessa perdita di utilità, cioè ci spostiamo

su I 2

DE vincolo di bilancio con

inclinazione w (uguale al

caso senza imposta)

→ →

Q ottimo, 0F riposo, FA

→ →

lavoro QV gettito

(maggiore di NZ)

L'effetto complessivo dell'imposta sul salario può essere scomposto in un effetto

reddito, da P a Q, che si traduce in una maggiore offerta di lavoro, fnalizzata a

ricostruire il proprio livello di reddito, decurtato dal prelievo, e in un effetto di

sostituzione, da Q a N: si offre meno lavoro, perché la rinuncia a tempo libero

"pagato" con un salario netto, w(1 – t), anziché con un salario lordo, è più

onerosa.

Poiché i due effetti sono di segno opposto, l'offerta di lavoro fnale può

• aumentare o diminuire a seguito dell'introduzione dell'imposta.

Nell'esempio del grafco aumenta.

• più probabile che l'offerta di lavoro diminuisca quando gli effetti di

sostituzione sono molto forti. Ciò avviene più facilmente:

• In presenza di elevate aliquote marginali

• in assenza di vincoli alla variazione della propria offerta di lavoro

(per lavoro non dipendente, dipendente straordinario, o femminile

che all'interno dell'organizzazione familiare è spesso considerato

marginale). SUPPLY-SIDE ECONOMICS

Il teorema degli effetti delle imposte sulla decisione di produrre reddito è stato alla

base delle tesi della supply side economics, che negli anni '80 ha avuto in Laffer e

nell'amministrazione Reagan i principali sostenitori. In quegli anni venne molto

propagandata la cd. curva di Laffer, vale a dire una relazione a campana, prima

crescente e poi decrescente fno ad incrociare l'asse delle ascisse, tra gettito fscale e

reddito delle aliquote. L'avversione ad un aumento delle aliquote fscali è infatti

motivata economicamente con il fatto che essa causa disincentivi alla produzione di

reddito e quindi alla fne sottrae anche base imponibile allo Stato, con la

conseguenza di poter risultare addirittura contro producente sul gettito fscale.

Amministrazione Reagan Usa inizio anni ‘80: grande importanza agli effetti

disincentivanti della tassazione.

• Una minor pressione fscale favorirebbe l’offerta dei fattori produttivi,

farebbe aumentare il reddito in misura tale da fare aumentare

anziché diminuire il gettito.

Variazione in punti percentuali della più elevata aliquota marginale

dell'imposta personale sul reddito nel periodo 1986-1997.

Stati Uniti - 10,4

Giappone - 20

Francia - 11

Italia - 11

Regno Unito - 20

Canada - 2,7

Media Ocse - 12,4

IN CONCLUSIONE

Sulla base delle ipotesi fatte: l'imposta sul salario e più distorsiva rispetto

all'imposta fssa, in quanto a parità il sacrifcio di utilità per il contribuente comporta

un minor gettito per lo Stato.

Parole chiave della lezione

Effetti distorsivi delle imposte

• Effetti reddito e sostituzione

• Effetti distorsivi delle imposte sulle scelte individuali: il diverso effetto d’

• imposte sul salario e imposte fsse sull’offerta di lavoro

Supply-side economics e curva di Laffer

• Effetti distorsivi delle imposte sull'equilibrio di mercato

L'eccesso di pressione, ovvero il sacrifcio di utilità imputabile all'esistenza di effetti di

sostituzione, può essere misurato in termini di variazione del surplus del consumatore e

del produttore.

Effetti sul surplus del consumatore. Ci troviamo in un mercato caratterizzato

da costi costanti (costi medi = costi marginali), quali effetti produce un'imposta

indiretta ad valorem, secondo un'aliquota pari a t ?

I costi per il produttore aumentano e la curva di offerta si sposta verso l'alto

determinando un nuovo equilibrio nel punto C, cui corrisponde un prezzo P =

1

P (1 + t).

0

Il gettito che lo Stato ottiene è pari al prodotto fra l'aliquota t e la base

imponibile (valore delle vendite).

t = ΔP/P = (P – P )/P gettito = (P – P )Q

1 0 0 1 0 1

base = P Q

0 1

L'imposta riduce il surplus del consumatore in quanto si genera un gettito; tuttavia la

riduzione del surplus è superiore al gettito ECCESSO di PRESSIONE: a fronte

dell'introduzione dell'imposta il contribuente ha rivisto le proprie scelte, riducendo il

consumo del bene tassato (da Q a Q ), e provocandogli una perdita di benessere,

0 1

misurata dal triangolo ABC (=1/2 ΔPΔQ). Si tratta di una perdita netta, che non

avvantaggia nessuno.

Da cosa dipende l'entità dell'eccesso di pressione?

ABC =1/2 (ΔPΔQ)

ricordiamo che: t = ΔP/P ΔP = tP →

elasticità della domanda rispetto al prezzo: E = (ΔQ/ΔP) P/Q ΔQ = EtQ

ABC = 1/2 (Et PQ)

2

Pertanto possiamo dire che:

1. L'eccesso di pressione e funzione positiva dell'elasticita della domanda rispetto al

prezzo ( E ).

Infatti quanto più la domanda è elastica rispetto ai

prezzi, tanto maggiore sarà la diminuzione della

domanda indotta all'aumento dei prezzi che

consegue all'imposta. Se la domanda è rigida

(E=0), non vi è eccesso di pressione.

Implicazioni normative: • Imposte effcienti: tassare di più i beni a domanda rigida

e meno quella domanda elastica per ridurre al minimo l'eccesso di pressione

(regola di Ramsey)

• Problemi equitativi: i beni a domanda rigida sono quelli di prima necessità e

costituiscono la quota prevalente del consumo dei poveri, pertanto il prelievo su di

essi risulterebbe

regressivo rispetto al reddito

⇨ Trade off equità-effcienza

• L'eccesso di pressione aumenta più che proporzionalmente all'aumentare dell'aliquota marginale di

imposta t.

Implicazioni normative: • Imposte effcienti: per ridurre gli effetti distorsivi, a

parità di gettito, evitare imposte con elevate aliquote marginali, ovvero

distribuire il carico tributario su più beni anziché su uno solo. Nell'ambito

delle imposte sul reddito è preferibile ottenere la progressività con

riduzioni o detrazioni (fat rate tax).

• Problemi equitativi: la fat rate tax confna la progressività a livelli bassi di

reddito.

Trade off equità-effcienza

• L'incidenza delle imposte in equilibrio parziale

L'osservazione della realtà ci suggerisce che raramente vi è coincidenza tra

colui che lo Stato indica come il soggetto passivo del tributo e colui che di fatto

ne sopporta il peso economico TEORIA dell'INCIDENZA: studia le cause e i

modi attraverso i quali si verifca la discrepanza tra soggetto passivo formale ed

effettivo.

Tassonomia degli effetti economici delle imposte

Gli effetti delle imposte sono classifcati nel modo seguente:

• rimozione • percussione • traslazione (in avanti, all'indietro) • incidenza •

elusione • erosione • evasione • ammortamento

La rimozione dell'imposta è l'insieme dei comportamenti che mettono in atto i

soggetti colpiti da un'imposta al fne di recuperare una posizione di ottimo che

l'imposta ha turbato.

La percussione è il momento in cui lo Stato defnisce il soggetto passivo

dell'imposta, chiamato soggetto percosso, mentre soggetto che

sostiene l'effettivo onere dell'imposta è chiamato soggetto inciso.

Se il soggetto percosso trasferisce il carico dell'imposta su un soggetto inciso che sta a

valle del processo produttivo sia un processo di traslazione in avanti; se trasferisce il

carico dell'imposta su un soggetto inciso che sta a monte si avrà un processo di

traslazione all'indietro. La traslazione può essere parziale o totale. L'incidenza è la fase

in cui si individua il soggetto inciso.

Effetti delle imposte indirette in concorrenza perfetta

In concorrenza perfetta opera un numero molto grande di imprese che non sono quindi

in grado di modifcare il prezzo isolatamente. Il prezzo è un dato e deve essere uguale al

costo marginale.

Imposta sulle quantità prodotte (accisa)

Si introduce un'imposta sulla quantità prodotta, con aliquota t, che percuote il

PRODUTTORE. L'imposta può essere vista come un aumento dei costi per l'impresa: costo

medio e marginale aumentano nella stessa misura dell'aliquota. Dopo l'imposta la curva

aggregata di offerta S trasla verso l'alto della misura dell'aliquota t. Essendo aumentato di t

il costo marginale, aumenta di t anche il prezzo di offerta a cui l'impresa è disposta a

vendere. Diminuisce anche la quantità offerta.

Il prezzo di equilibrio per l'industria è 0F.

L'incremento di prezzo è FD < EF = t. Vi è

stata traslazione, ma solo parziale. Il gettito

dell'imposta è tQ = FBAE

La riduzione di surplus complessivo

(consumatori e produttori) è pari a FBHAE,

pertanto l'eccesso di pressione è pari a

AHB. Questa perdita è attribuibile al fatto

che l'imposta porta ad una riduzione della

produzione rispetto a quella che il mercato in sua assenza avrebbe determinato.

In seguito all'aumento del prezzo provocato dall'imposta i consumatori marginali

rinunceranno all'acquisto del bene perché non vi è più la differenza positiva tra

valutazione marginale dello stesso e prezzo di acquisto. ⇨L'onere grava

interamente sui consumatori

In casi opposti l'onere grava interamente sui produttori.

Imposte equivalenti

Imposte equivalenti sono imposte che gravano sulla stessa base imponibile. In

questo caso il soggetto passivo è il CONSUMATORE: la curva di offerta non subisce

alcuna modifcazione, mentre si avrà un abbassamento, pari all'aliquota dell'imposta

t, della curva di domanda. I consumatori saranno infatti disposti a consumare la

medesima quantità di bene solo se il pagamento complessivo che devono sostenere

(prezzo + imposta) rimane invariato. Se prima dell'imposta il consumatore è

disposto a comperare la quantità Q al prezzo

0

Q H, dopo è disposto a pagare solo Q H', dato

0 0

che deve pagare t d'imposta.

L'imposta si ripartisce fra consumatore e

produttore come nel caso precedente:

l'incidenza di un'imposta sul consumatore

o sul produttore che gravi sulla stessa

base è la medesima, indipendentemente

da quale sia il soggetto passivo.

La capacità di traslazione dell'imposta dipende dalle elasticità relative della domanda e

dell'offerta.

In particolare:

• l’imposta cade principalmente sul consumatore se E /E è bassa

d s

• l’imposta cade principalmente sul produttore se E /E è alta

d s

Effetti delle imposte in monopolio

L'analisi grafca del monopolio può essere svolta utilizzando due schemi: lo

schema dei valori assoluti, in cui si ha la rappresentazione delle curve dei

ricavi, dei costi e dei proftti complessivi; lo schema dei valori marginali, in cui

sia la rappresentazione dei costi medi, marginali e del ricavo medio (vale a dire

prezzo = curva di domanda).

Effetti di un'imposta sulla quantità prodotta

Schema assoluto L'imposta ha determinato

una modifcazione del costo totale e quindi del

proftto netto, la cui rappresentazione sarà ora

data da π = π tQ. Inoltre determina una

n

riduzione della quantità prodotta di equilibrio,

pertanto il prezzo di equilibrio, essendo la curva

della domanda decrescente, dovrà essere più

elevato. →

Schema marginale L'imposta determina un

innalzamento dei costi medi e marginali pari a t e

un nuovo equilibrio. Tuttavia l'incremento di prezzo

è inferiore all'imposta.

Effetti dell'imposta sui proftti

L'introduzione di un'imposta fssa T sul proftto

sposta la curva del proftto netto come in fgura. Il

punto di massimo non muta e quindi non vi e

traslazione: l'imposta incide sul monopolista. Ciò

avviene anche se l'imposta è proporzionale, e la

curva del proftto netto diviene π(1 – t).

I risultati teorici possono mutare se si ammette

che l'impresa abbia obiettivi diversi o non

esclusivamente limitati al massimo proftto.

Baumol ha proposto, ad esempio, che obiettivo delle

imprese monopolistiche sia la massimizzazione delle

quantità vendute, con il vincolo del conseguimento di

un proftto minimo. In questo caso un'imposta sui

proftti, sia fssa sia proporzionale, determina una

riduzione della quantità prodotta e quindi una

traslazione in avanti dell'imposta.

CONCLUSIONI della traslazione

Gli effetti dipendono:

– dal tipo di imposta

– dalle condizioni della domanda e dell’offerta

– dalla forma di mercato Parole chiave della lezione

Effetti distorsivi in termini di surplus del consumatore e del produttore

• Eccesso di pressione: sua misura e implicazioni per la politica

• tributaria (tradeoff equità-effcienza)

Teoria dell’incidenza

• Percussione, traslazione e incidenza

• Traslazione in avanti, all’indietro; traslazione completa e parziale

• Traslazione di un’accisa in concorrenza

• Imposte equivalenti

• Traslazione ed elasticità relativa di D e S

• Traslazione di un’accisa in monopolio

• Traslazione di un’imposta sui proftti in monopolio (analisi tradizionale e

• Baumol)

la FINANZA PUBBLICA in ITALIA, il BILANCIO dello STATO

e la LEGGE di

STABILITÀ 1. La finanza pubblica

italiana

Quando si discute di fnanza pubblica si fa riferimento in particolare a due

defnizioni di settore pubblico: Amministrazioni pubbliche (AP) e Settore

pubblico.

Amministrazioni pubbliche

Esse comprendono organismi pubblici o anche istituzioni senza scopo di

lucro le cui funzioni principali consistono nella produzione di beni e servizi

non destinabili alla vendita o nella redistribuzione del reddito e della

ricchezza del paese.

Le Amministrazioni pubbliche si articolano in:

✔ Amministrazioni centrali Stato e organi costituzionali

AC Ex aziende autonome (Anas, Gestione delle foreste demani

Altri enti (Istat, Cnr, Enea, Cri, Coni, ecc.)

✔ Amministrazioni locali Enti territoriali (Regione, Province, Comuni)

AL Aziende sanitarie locali

Ospedali pubblici

Enti di assistenza locali (Universita, Aziende dsu, ecc.)

Enti economici locali (Camere di commercio, Comunita

montane, Iacp, Ept, Ers, ecc.)

✔ Enti di previdenza Inps, Inail, Inpdap, altri..

EP

Il Settore pubblico rappresenta un aggregato più ampio delle AP, che

include anche le Aziende autonome statali e gli enti ad esse assimilati.

Il Conto economico consolidato

• conti delle AP sono conti economici, consolidati, di competenza.

Fonte statistica: Documenti di economia e fnanza (DEF) (sezione II, Analisi e

tendenze della fnanza pubblica). Il DEF è presentato in aprile dal Presidente del

Consiglio dei Ministri e dal Ministro dell’Economia e delle Finanze e deliberato dal

Consiglio dei Ministri.

Il conto economico consolidato delle AP è elaborato dall’Istat entro la fne del mese

di febbraio di ciascun anno al fne di trasmettere alla Commissione UE le statistiche

richieste in applicazione del protocollo sui defcit eccessivi annesso al Trattato di

Maastricht.

Il conto delle AP segue i criteri della contabilità nazionale:

• Consente di effettuare confronti nel tempo

• Consente di effettuare confronti tra paesi

Punto di riferimento per gli accordi del PSC (Patto di stabilità e crescita)

derivanti dal trattato, prima, di Maastricht (1992):

• limite del disavanzo pubblico (3% del PIL)

• limite del debito pubblico (60% del PIL)

e, in seguito, del Fiscal compact (2012):

• regola del “pareggio di bilancio” ovvero del saldo strutturale delle AP (che

deve essere pari all’obiettivo di medio termine - OMT)

Defnizione "conto economico":

a. Competenza economica: nei fatti un ibrido di cassa e competenza

(giuridica: vedi lezione BdS)

a. Rettifca dei dati di bilancio (riclassifcazione di alcune voci)

a. Esclude le partite fnanziarie che non danno luogo a modifcazioni

nella situazione patrimoniale degli enti considerati:

Entrate Uscite

Rimborso di anticipazioni e Acquisizione di attività

crediti di vari al Tesoro finanziarie

E – U = Saldo delle partite fnanziarie

f f

L’eliminazione delle partite fnanziarie (e relativo saldo) dai conti delle AP,

si rifette anche nella denominazione dei saldi complessivi tra entrate e

uscite:

• indebitamento netto o disavanzo (AP), è al netto delle partite fnanziarie

• fabbisogno o saldo netto fnanziario (SP e Stato) è al lordo delle partite

fnanziarie.

I conti delle AP vanno interpretati come conti consolidati, conti cioè che:

– aggregano in un unico conto le entrate e le uscite di AC, AL ed EP

– elidono tutte le transazioni fra enti appartenenti all'AP: ad esempio, un

trasferimento che costituisce un'uscita per l'ente A e un'entrata per l'ente B, non

compare nel bilancio consolidato dei due enti, nè come uscita nè come entrata.

Struttura del conto delle AP e signifcato dei saldi

E/U correnti necessarie per il funzionamento degli enti delle AP

E/U in conto capitale destinate ad aumentare la capacità produttiva sociale

(imposte dirette+imposte indirette)/PIL = pressione tributaria

(imposte dirette+imposte indirette+contributi sociali)/PIL = pressione fscale

Tra le uscite: consumi collettivi e investimenti spesa

diretta

tutte le altre voci trasferimenti

E correnti – U correnti = risparmio pubblico, che contribuisce, insieme a

quello privato, alla formazione del risparmio complessivo dell'economia

E totali – U totali = indebitamento netto, ovvero il disavanzo

complessivo Spesa pubblica – spesa per interessi = saldo

primario

Relazione tra indebitamento netto e debito (non confonderli!! il primo è un fusso

l'altro è uno stock) B = Stock del debito pubblico alla fne del periodo t-1

t-1

D = Disavanzo del periodo t (fusso)

t B + D = B

t-1 t t

B = Stock del debito pubblico alla fne del periodo t

t Parole chiave della lezione

Conto economico consolidato delle Amministrazioni pubbliche (AP) –

• Defnizione di: conto economico, conto consolidato e AP

Saldi: risparmio pubblico; indebitamento netto (o disavanzo); saldo

• primario (o disavanzo primario)

Relazione tra indebitamento netto e debito pubblico

• Principali entrate (TD; TC; CS) e spese (CG; PS; INT; TRc; IG; TRk) delle

• AP

Pressione fscale e pressione tributaria

• Spesa diretta, trasferimenti e imposte. Relazioni delle variabili fscali con

• le grandezze che esprimono l’equilibrio macroeconomico.

Principali anomalie della FP italiana rispetto ai partner europei

• Sapere leggere e commentare una tabella e/o una fgura sui

• principali dati di fnanza pubblica (allenatevi sulle 3 tabelle e 7 fgure

del testo)

Il Bilancio dello Stato e la Legge di stabilità

Il Bilancio dello Stato nel quadro della governance fscale

nazionale ed europea

A causa dell'assetto ancora estremamente centralizzato delle entrate, per il BdS transita

la parte prevalente delle risorse che compone la spesa pubblica. Circa 2/3 delle spese

delle AP passano per il BdS. Tuttavia i principali obiettivi di fnanza pubblica sono defniti

con riferimento non solo alle grandezze fnanziaria del BdS, ma a quelli del complesso

delle AP; il che permette di fare confronti omogenei fra paesi. Per questa ragione il

sistema di governo della fnanza pubblica si è dovuto dotarsi di strumenti che consentono

di coordinare gli obiettivi della fnanza pubblica italiana con quelli europei: il Patto di

stabilita interno defnisce le regole con cui regioni ed enti locali concorrono

all'indebitamento delle AP, il Programma di stabilita riguarda le regole che a livello

nazionale debbono essere seguite per armonizzare gli obiettivi degli Stati membri con

quelli comunitari.

Vista l'esigenza di coordinamento a livello europeo è stato istituito un ciclo di procedure,

diretto ad assicurare un coordinamento ex ante (accompagnato dalla verifca ex post) delle

politiche economiche dei paesi dell'Uem, che prevede l'articolazione delle politiche di

bilancio in due semestri.

Nel primo semestre, il cd. semestre europeo, il Consiglio europeo stabilisce

le priorità di politica fnanziaria e di bilancio a cui gli Stati membri sono

chiamati ad adeguarsi con la redazione del Programma di stabilita e del

Piano nazionale di riforma.

Successivamente sulla base di questi documenti, che debbono essere inviati al Consiglio

dell'Unione europea entro il 30 aprile, la Commissione elabora delle raccomandazioni rivolte

singoli Stati.

Nelle secondo semestre gli Stati nazionali propongono i propri progetti di bilancio

tenendo conto di queste raccomandazioni. Il governo è infatti tenuto a redigere

insieme alla manovra di fnanza pubblica, realizzata attraverso il Disegno di legge di

stabilita e il Disegno di legge di bilancio, un Documento programmatico di bilancio.

Entro il 30 novembre la commissione europea esprimo un parere in cui valuta la

conformità della manovra con le raccomandazioni formulate nel primo semestre e la

sua congruità rispetto agli obiettivi programmatici.

Principali vincoli e regole, defniti in sede europea, per la defnizione degli

obiettivi programmatici di fnanza pubblica:

Il riferimento è al conto della AP e i saldi limite sono riferiti al valore del Pil:

• Indebitamento netto / Pil

• Indebitamento strutturale / Pil

• Consistenza del debito / Pil

• Tasso di crescita della spesa / Pil

• All’interno di questo quadro, non è previsto un limite specifco per il saldo

del Bilancio dello stato (saldo netto da fnanziare): la manovra sui suoi

conti deve essere coerente gli obiettivi del conto della AP. Il saldo netto

da fnanziare viene fssato con la Nota di aggiornamento al Def (NADEF)

ed opera come vincolo alla manovra di bilancio annuale (Legge di

bilancio/stabilità).

Una corretta stima del Pil atteso (ad es. 2016) è dunque particolarmente

importante per la tenuta delle variabili obiettivo del bilancio. Se, ad esempio, il Pil

è sovrastimato, signifca (ceteris paribus) che nel mettere a punto la manovra

annuale per il 2016

– sovrastimo il gettito 2016 T = f (Y)

– e sovrastimo il denominatore (Pil 2016)

Pertanto il rapporto effettivo (del 2016) indebitamento/Pil sarà più elevato per

entrambe la ragioni. In questo caso, per rispettare gli obiettivi, si renderebbero

necessarie ulteriori manovre in corso d’anno (del 2016), oltre la sessione di

bilancio in cui sono state approvate la Legge di stabilita e la Legge di bilancio.

Per evitare l’insorgere di questi (ed altri) problemi, la Ue fa uno stretto monitoraggio sui

criteri di costruzione delle politiche di bilancio e delle previsioni del quadro macroeconomico.

A questo proposito si è dotata di strumenti di monitoraggio preventivo e di strumenti correttivi

(procedure disavanzi eccessivi) e ha sollecitato i paesi membri a introdurre nei propri

ordinamenti strumenti legislativi, preferibilmente di rango costituzionale, tali da costruire un

sistema di vincoli robusto, e a dotarsi di strumenti di monitoraggio affdabili, validati da un

organismo nazionale indipendente. In Italia: introduzione di vincoli costituzionali (modifca

articolo 81 della Costituzione) e sistemi di monitoraggio validati dall'Uffcio parlamentare di

bilancio. In seguito alle riforme dell'articolo 81 della cost l'obiettivo di equilibrio di bilanci è

stato integrato con l'Obiettivo di medio termine che è dato dal pareggio del saldo delle AP;

non è previsto un vincolo specifco per il BdS, se non che il saldo netto da fnanziare deve

essere coerente con il raggiungimento dell'Obiettivo di medio termine delle AP.

La funzione del bilancio

Autorizzativa il parlamento autorizza il governo a erogare le spese e incassare le

entrate Allocativa è strumento della decisione politica sulla destinazione delle

risorse collettive

Gestionale è il mezzo che consente all’amministrazione di gestire, in corso

d’anno, le risorse stanziate

Informativa dà conto ai cittadini‐elettori di come le risorse vengono impiegate

La struttura del bilancio

Nle sistema istituzionale italiano esistono numerose versioni del bilancio di Stato:

• Bilancio di previsione Bilancio consuntivo

Il bilancio di previsione può essere: ↔

• Bilancio a legislazione vigente Bilancio programmatico

• Bilancio annuale Bilancio pluriennale

• Bilancio di competenza Bilancio di cassa

Il bilancio di previsione è un documento che riporta le entrate e le spese che si prevede

di realizzare nel corso dell'esercizio immediatamente futuro. Con il bilancio di previsione

dello Stato il parlamento autorizza il governo a erogare le spese e a incassare le

entrate; la funzione di autorizzazione del Bilancio di Stato è espressamente sancita

dalla Costituzione (articolo 81, comma 4) che prevede che venga approvato con una

specifca legge (legge di stabilita).

A questo fne il bilancio di previsione è composto da una serie di tabelle o stati di previsione:

una tabella generale per le entrate, e tante tabelle quanti sono i ministri con portafoglio per le

uscite. Ciascuno stato di previsione delle uscite è articolato in missioni e programmi (Dal

2011 i programmi costituiscono l'articolazione minima del BdS ai fni della sua approvazione

→ unita di voto parlamentare):

Missioni: rappresentano gli obiettivi strategici e di lungo periodo della spesa (ad es.

• istruzione universitaria); ogni missione si realizza attraverso uno o più programmi di

spesa;

Programmi: individuano gli aggregati omogenei di attività svolte

• all’interno di ciascun ministero per realizzare gli obiettivi delle

missioni; la loro gestione è affdata ad un unico centro di

responsabilità.

Articolazione del Bilancio di previsione del 2015:

– 14 stati di previsione (1 per le entrate e 13 per le spese)

– 34 missioni

– 181 programmi ( =181 unità di voto)

Esempio:

Al bilancio suddiviso in programmi , funzionale alla discussione e all'approvazione

parlamentare, si affanca il bilancio per capitoli che invece è funzionale alla gestione e alla

rendicontazione delle spese.

I programmi unità ai fni del voto: bilancio decisionale

I capitoli unità ai fni gestionali: bilancio gestionale

Il bilancio per capitoli è una rielaborazione contabile del bilancio di previsione, e

presenta un grado di dettaglio notevolmente maggiore. Qui, infatti, l'articolazione minima

è costituita dal vecchio capitolo di bilancio (che, sua volta, può presentare una

ripartizione in articoli), di cui viene anche dettagliata l'appartenenza al centro di

responsabilità, al programma e alla missione.

Esempio:

Quando il bilancio di previsione è stato approvato le allocazioni assegnate alle diverse unità

di voto non possono essere modifcate senza l'approvazione parlamentare, è invece

possibile effettuare:

• con decreto del Ministro competente, spostamenti di risorse tra capitoli

della stessa unità di voto (cd. variazioni compensative),

• con Decreto dirigenziale, storni di risorse tra articoli nell'ambito del medesimo

capitolo di spesa.

Nel giro di pochi anni siamo passati da alcune migliaia di unità di voto

• (capitoli) a poche decine per aggregazione di capitoli.

Conseguenze: la progressiva riduzione del numero delle unità di voto, se da un

lato aumenta la fessibilità in fase di esecuzione nella gestione delle risorse,

dall’altro però amplia i margini di discrezionalità dell’esecutivo a scapito del

potere di controllo del legislativo, che, se non è rafforzata con altri strumenti

(quali una maggiore trasparenza e maggiori strumenti di controllo), risulta

progressivamente svuotato.

La nuova articolazione delle entrate (dal 2008)

1° livello distingue le entrate in titoli (entrate tributarie, extratributarie,

alienazione ed ammortamenti dei beni, accensione prestiti)

2° livello distingue le entrate in ricorrenti e non ricorrenti (individua il

carattere strutturale (ricorrenti) degli introiti)

3° livello evidenzia la tipologia di entrata, che rappresenta l' unità di

voto parlamentare (ad es. per le entrate tributarie individua i

tributi più rilevanti: Irpef, Ires, Iva, ecc.)

Esempio:

Nell'ambito del processo di costruzione del bilancio preventivo, si distingue inoltre

tra bilancio di previsione a legislazione vigente e bilancio di previsione

programmatico.

• Bilancio a legislazione vigente: mostra l'evoluzione “spontanea”

delle entrate e delle uscite risultante dalla proiezione della

normativa vigente

• Bilancio programmatico: recepisce gli interventi desiderati per correggere

le tendenze e mostra l’evoluzione desiderata di entrate e spese.

In riferimento al bilancio a legislazione vigente, ricordiamo che le entrate e spese

hanno origine da leggi approvate dal parlamento. Pensiamo ad esempio alle entrate:

ogni imposta è disciplinata da norme, dunque date le previsioni macroeconomiche

(dinamica del Pil), le somme in bilancio sono il rifesso della legislazione vigente.

Stesso discorso per le spese: a parte una piccola parte su cui i singoli ministeri

conservano un certa discrezionalità (spese di funzionamento), la maggior parte delle

spese sono determinate da norme.

Le spese possono quindi essere classifcate in base alla natura del provvedimento che la

autorizza:

– spese cd. fattore legislativo, che sono autorizzate da un'esplicita legge che ne

determina l'importo inteso come limite massimo di spesa e il periodo di iscrizione

in bilancio

– spese per oneri inderogabili, la cui evoluzione è regolata da norme (ad

esempio, le spese per i dipendenti pubblici, le spese per interessi passivi sul

debito pubblico ecc.)

Dal 2011 il bilancio di previsione è annuale e triennale.

NB: delinea uno scenario triennale, MA il potere autorizzativo (competenze e

cassa) continua ad essere limitato a quello annuale; le previsioni triennali hanno

la sola funzione di offrire uno scenario più credibile a chi deve prendere

decisioni, non comportano alcuna autorizzazione a pagare o a riscuotere.

Il bilancio di cassa e di competenza

Il bilancio di previsione dello Stato è un bilancio misto, sia di competenza che di

cassa.

Per comprendere la differenza dobbiamo avere presente che le entrate e le

uscite attraversano diverse FASI.

Principali fasi delle entrate:

1. Accertamento

Corrisponde al momento in cui l'amministrazione determina sia la ragione del

credito dello Stato che la persona del debitore. È il momento in cui sorge

l’obbligazione a riscuotere.

1. Versamento

È la fase in cui le somme, pagate dal debitore agli agenti di riscossione,

vengono versate in Tesoreria.

Principali fasi delle spese:

1. Impegno

È il momento in cui matura l’obbligo giuridico a effettuare il pagamento

(ad esempio con la stipula di un contratto). Corrisponde alla registrazione

dell'operazione sul singolo stanziamento.

1. Pagamento

Consiste nel passaggio materiale (erogazione) delle somme impegnate al

creditore, attraverso la Tesoreria.

Che cosa succede alle somme che non completano il loro iter

amministrativo nel corso dell'esercizio?

Uscita

↓ stanziata , ma

(nel bilancio di previsione)

impegnata →

NON economia

(nel corso dell’anno)

Entrata

prevista , ma

(nel bilancio di previsione)

accertata →

NON minore

(nel corso dell’anno)

entrata

Uscita

↓ impegnata ma

(nel corso dell’anno)

pagata →

NON residuo

(nel corso dell’anno)

passivo

I residui passivi sono somme impegnate che, nel corso dell’esercizio, non sono state

pagate (sono “debiti” dello Stato)

Entrata

↓ accertata , ma

(nel corso dell’anno)

versata →

NON residuo

(nel corso dell’anno)

attivo

I residui attivi sono somme accertate che, nel corso dell’esercizio, non sono state

versate (sono “crediti” dello Stato)

Bilancio di cassa

Si riferisce alle spese pagate (e alle entrate versate) nel corso dell’esercizio, a

prescindere dal momento del loro impegno (accertamento).

Ad esempio: sono pagamenti di cassa del 2015

a. sia le somme pagate nel 2015 e impegnata nel 2015 (stesso anno)

a. sia le somme pagate nel 2015, ma che erano state impegnate (e non

pagate) nel 2014 [in questo caso sono pagamenti che attingono ai residui

passi che si sono formati nel 2014]

Bilancio di competenza (giuridica)

Si riferisce alle spese impegnate (e alle entrate accertate) nel corso dell’esercizio, a

prescindere dal momento del loro pagamento (e versamento), che può avvenire nello

stesso esercizio o in esercizi successivi. Il bilancio di competenza genera i residui di

bilancio

Il bilancio di previsione dello Stato è un bilancio misto poiché una delle sue funzioni è di

autorizzare l'esecuzione a incassare e pagare gli stanziamenti iscritti in ciascuna unità di

voto indicato: per la competenza, il limite massimo di impieghi che l'amministrazione può

perfezionare nel corso dell'esercizio, e per la cassa, il limite massimo dei pagamenti. Le

somme iscritte nello stato di previsione dell'entrata non hanno invece carattere vincolante,

ma costituiscono mere previsioni.

La classifcazione e i saldi del bilancio

I capitoli sono accompagnati da un sistema di codici che ne consentono la

classifcazione secondo criteri che ne agevolano la lettura e l'inserimento nella

contabilità nazionale.

La classifcazione economica delle entrate e delle uscite è del tutto analoga a

quella del conto economico consolidato delle AP.


ACQUISTATO

2 volte

PAGINE

84

PESO

2.32 MB

AUTORE

virdu

PUBBLICATO

7 mesi fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in economia e finanza
SSD:
A.A.: 2018-2019

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher virdu di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Scienza delle finanze e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Modena e Reggio Emilia - Unimore o del prof Baldini Massimo.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Scienza delle finanze

Riassunto Tributi economia italiana, esame di scienza delle finanze, prof Baldini, libro consigliato P. Bosi, M. C. Guerra: I tributi nell’economia italiana
Appunto
Domande storia economica
Appunto
Appunti economia degli intermediari finanziari
Appunto
Riassunto Tributi economia italiana, esame di scienza delle finanze, prof Baldini, libro consigliato P. Bosi, M. C. Guerra: I tributi nell’economia italiana
Appunto