Che materia stai cercando?

Riassunto di fonetica e fonologia, esame di linguistica generale, libro consigliato "I suoni delle lingue I suoni dell'italiano" di P. Maturi

Riassunto di fonetica e fonologia basato sul libro consigliato dal docente "I suoni delle lingue, i suoni dell'italiano" di Pietro Maturi.
Argomenti trattati: fonetica, fonologia, vocali e consonanti, modi e luoghi di articolazione, apparato fonatorio, fenomeni intersegmentali e soprasegmentali

Esame di Linguistica generale e sociolinguistica docente Prof. N. Puddu

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

L'apparto digerente comprende:

1. -la faringe

2. -il velo del palato o palato molle, che rappresenta la parte posteriore del palato e può restare

sia inerte (durante la respirazione pende dal palato) e in questo caso l'aria raggiunge le cavità

nasali, o spostarsi all'indietro e in questo caso l'accesso ad esse risulta occluso.

3. -l’ugola, che pende dal margine inferiore del velo palatino

4. -il palato duro, ossia la cupola ossea rivestita di mucosa che separa la cavità orale dalle

cavità nasali

5. -gli alveoli, che sono dei rigonfiamenti posti alla fine del palato anteriore sopra i denti.

6. -i denti, di cui solo gli incisivi superiori e inferiori sono coinvolti nella produzione dei foni

7. -le labbra che possono essere aperte o chiuse, distese o arrotondate

Organi fissi e organi mobili

Gli organi fissi sono quelli che hanno la possibilità di compiere movimenti e di assumere diverse

posizioni o atteggiamenti e sono: pliche vocali, velo palatino, lingua e labbra

Gli organi fissi sono al contrario quelli che non possono modificare la propria forma e posizione e

sono: la faringe, il palato duro, gli alveoli , i denti e le cavità nasali.

La cavità orale comprende: la lingua, il palato duro, gli alveoli, i denti, le labbra e le cavità nasali.

Il meccanismo laringeo

Il primo ostacolo che l’aria espiratoria può incontrare sono le pliche vocali.

Se i muscoli vocali si contraggono le pliche si tendono, i loro margini liberi si pongono a contatto.

L’aria espiratoria si accumula a ridosso delle corde vocali facendo aumentare la pressione

subglottidale e quando la pressione diventa più forte della tensione muscolare l’aria “apre” le pliche

e procede verso l’esterno.

A questo punto la pressione subglottidale diventa inferiore alla tensione muscolare e le pliche si

chiudono.

Ogni ciclo di apertura e chiusura dura circa cinque millisecondi per le voci femminili e dieci per

quelle maschili.

La successione di questi cicli è detta meccanismo laringeo o vibrazione delle pliche vocali.

Il meccanismo laringeo può essere attivo (foni sonori) o inattivo (foni sordi) nella produzione dei

foni.

Il meccanismo di apertura e chiusura delle rime vocali dovuto al contrasto tra la forza dei muscoli

glottidali e la spinta dal basso dell'aria che si svolge in rapidissima sucessione e che si ripete finchè

rimangono attive la pressione espiatoria e la tensione muscolare dà luogo alla vibrazione della

glottide che noi chiamiamo VOCE.

Oltrepassato l'eventuale ostacolo a livello della laringe, l'aria giunge nelle cavità superiori.

Se incontra ulteriori ostacoli si avrà la produzione di una consonante.

Se l'aria passa liberamente si avrà la produzione di una vocale.

A seconda delle maniere e in quali punti del tratto fonatorio superiore si producono gli ostacoli che

generano i diversi suoni del linguaggio, si parla rispettivamente di modi e luoghi di articolazione.

Modi di articolazione

A seconda di come si verifica l'avvicinamento tra un organi mobile e un altro organo (mobile o

fisso) si distinguono diversi modi di articolazione:

1. -occlusivo, in cui l'avvicinamento tra gli organi crea una momentanea ostruzione completa

al passaggio dell'aria, e successivamente si ha una brusca riapertura del canale dovuta alla

spinta dell'aria espiratoria che forza l'ostacolo e fuoriesce all'esterno.

2. Si ha una fase di occlusione e una di esplosione. es. T

3. -fricativo, se l'organo mobile si avvicina all'altro organo senza creare un'occlusione completa

ma lascia libero un piccolo spazio che permette all'aria espiratoria di passare.

4. -affricato, se l'organo mobile si avvicina all'altro organo occludendo il passaggio dell'aria e

succesivamente si separa in modo meno brusco rispetto al modo occlusivo, producendo un

rumore di frizione come avviene nel modo fricativo.

5. Si ha una fase di occlusione e una di frizione.

6. -nasale, si ha una prima fase di occlusione che impedisce momentaneamente il passaggio

dell'aria.

7. Successivamente il velo del palato, a differenza degli altri modi di articolazione rimane

abbassato , permettendo all'aria espiatoria di proseguire verso l'alto e di fuoriuscire

attraverso le cavità nasali.

8. -laterale, si ha una prima fase di occlusione che impedisce momentaneamente il passaggio

dell'aria espiratoria, e in questo caso resta libero un passaggio secondario che consente

all'aria espiratoria di aggirare l'ostacolo, nella cavità orale in posizione laterale (o meglio

bilaterale) rispetto all'occlusione.

9. -vibrante, consiste in una brevissima occlusione seguita da una fase di esplosione che si

ripetono in rapida successione. Questo alternarsi produce l'effetto della vibrazione. Foni

polivibranti e monovibranti.

10. -approssimanti, simile alle fricative, ma lo spazio rimasto libero per il passaggio dell'aria è

più ampio e non si produce alcun rumore di frizione.

Luoghi di articolazione

1. -labiale o bilabiale, i foni labiali sono articolati con l'avvicinamento delle labbra. Le

consonanti bilabiali più diffuse sono quelle occlusive e nasali.

2. -labiodentale, prevede un movimento del labbro inferiore in direzione dei denti superiori.

Sono diffuse le fricative labiodentali e la nasale labiodentale.

3. -dentale o alveolare, in cui la punta o apice della lingua può muoversi in direzione della

faccia interna dei denti incisivi superiori o verso gli alveoli degli stessi denti. A seconda che

l'avvicinamento dell apice avvenga più verso i denti o più verso gli alveoli si definisce

questo luogo di articolazione apico-dentale o apico-alveolare.

4. Post-alveolare o pre-palatale, poco più arretrato del luovo apico-alveolare, prevede

l'accostamento della lingua alla parte del palato che si trova immediatamente dietro gli

alveoli dei denti.

5. Principalmente foni fricativi e affricati.

6. -retroflesso, in cui la punta della lingua può essere innalzata e portata leggermente

all'indietro, in modo che la parte della lingua posta immediatamente al di sotto della punta

venga a contatto con gli alveoli o con la parte anteriore del palato. I foni retroflessi non sono

molto diffusi.

7. -palatale, in cui la parte dorsale della lingua può innalzarsi in direzione del palato duro. Si

definisce più precisamente dorso-palatale. Diffusi i foni nasali e laterali.

8. -velare, presuppone un movimento del dorso della lingua verso il palato molle o velo

palatino, definito più precisamente dorso-velare. Molto diffuso, foni occlusivi, fricativi e

nasali.

9. -uvulare, più arretrato rispetto al luogo velare. Il dorso della lingua raggiunge l'ugola, più

precisamente dorso-uvulare. Poco diffuso.

10. -faringale, si articolano con un avvicinamento della parte posteriore del dorso della lingua

alla parete posteriore della faringe. Soltanto foni fricativi, poco diffusi.

11. -laringale o glottidale, caso particolare, in cui le due pliche si dispongono in posizione tale

da non bloccare il passaggio dell'aria, ma restringendo lo spazio tanto da creare uno stretto

passaggio attraverso il quale l'aria passa a fatica e produce un rumore di frizione (fricativa

laringale).

12. Le consonanti glottidali hanno la sorgente di rumore nella glottide e non nelle cavità

superiori

Durata di un fono

La durata o lunghezza di un fono è il tempo che intercorre tra il momento in cui gli organi iniziano a

spostarsi verso la configurazione articolatoria tipica di quel fono e il momento in cui l'abbandonano

per articolare il fono successivo.

L'allungamento di un fono si segnala o mediante la ripetizione del simbolo o nell'aggiunta dopo il

simbolo del segno : .

Nei foni che consistono in una fase articolatoria la durata può essere prolungata attraverso il

semplice protrarsi dell'articolazione, mentre in quelli che prevedono più fasi articolatorie

(occliusive,affricate ecc.) è sempre la prima fase,quella di occlusione a protrarsi.

Tale durata può avere valore distintivo in alcune lingue.

Classificazione dei foni

Le vocali, sono foni prodotti dall'attivazione della vibrazione laringea senza che nel tratto fonatorio

superiore l'aria incontri alcun ostacolo.

Le consonanti, sono foni che prevedono l'attivazione di una fonte di rumore nel tratto fonatorio al di

sopra della laringe.

Le vocali

Ogni vocale è caratterizzata dalla presenza di vibrazione laringea e dall'assenza di ulteriori ostacoli.

Cioè non significa che tali organi restino immobili durante l'articolazione di una vocale, bensì vi è

una serie di configurazioni articolatorie prodotte da movimenti della lingua, delle labbra e del velo

del palato che attribuiscono al tratto fonatorio una conformazione di volta in volta diversa

producendo diversi suoni vocaboli

Lingua

I movimenti della lingua possono avvenire a partire dalla posizione di riposo

-in senso verticale cioè verso l'alto in base al quale si distinguono le vocali basse, medio-basse,

medio-alte, alte via via che la lingua si avvicina al palato o al velo.

Oppure in aperte, semiaperte, semichiuse e chiuse facendo riferimento alla maggiore o minore

apertura dello spazio orale tra lingua e palato.

-in senso orizzontale cioè in avanti o all'indietro, in base al quale si distinguono le vocali anteriori

centrali o posteriori.

Combinando i due movimenti si ottiene uno schema ideale di base formato da dodici posizioni (4

dell'asse verticale x le 3 dell'orizzontale)

Gli schemi vocalici basati su questa classificazione hanno uno schema non rettangolare ma

trapezoidale.

Il TRAPEZIO VOCALICO è quindi uno schema che rappresenta la posizione in cui vengono

articolate le vocali secondo il duplice asse orizzontale e verticale.

Sull'asse orizzontale si distinguono le vocali anteriori, centrali e posteriori

Sull'asse verticale si distinguono le vocali alte, semialte, semibasse e basse.

All’interno del trapezio vocalico è possibile immaginare un numero teoricamente infinito di punti,

ma, per convenzione, si individuano dodici posizioni, ciascuna delle quali corrisponde a un insieme

di articolazioni relativamente simili che vengono identificate con uno stesso simbolo.

Lungo i due lati anteriore e posteriore del trapezio vocalico , vengono collocate le 8 VOCALI

CARDINALI: esse sono articolazioni vocaliche che corrispondono ai quattro angoli del trapezio e

alle due posizioni intermedie lungo i lati anteriore e posteriore.

Le vocali anteriori sono come luogo di articolazione foni palatali, le posteriori sono velari. Le

centrali si collocano in posizione intermedia rispetto a palato e velo e sono dette pre-velari.

Le labbra

In base alla posizione delle labbra si distinguono in arrotondate e non arrotondate.

Le vocali prodotte con le labbra protruse sono dette procheile (o arrotondate o labializzate)

Le vocali prodotte senza protrusione sono dette aprocheile (o non arrotondate o non labializzate)

VOCALI CARDINALI SECONDARIE: vocali corrispondenti alle vocali cardinali primarie, ma

con l'arrotondamento delle labbra opposto alle primarie.

Il velo del palato

Quest'organo durante la fonazione è prevalentemente collocato in posizione arretrata per impedire il

passaggio dell'aria espiratoria verso le cavità nasali, in tal modo il flusso dell'aria è diretto verso la

cavità orale. I foni articolati con questo meccanismo sono detti ORALI.

E' possibile però mantenere il velo abbassato consentendo all'aria di fuoriuscire

contemporaneamente sia attraverso il naso sia attraverso la bocca. Si parla di VOCALI NASALI O

NASALIZZATE.

L' ipa non prevede vocali nasali ma si limita a porre il segno diacritico, un'indicazione

supplementare che specifica ulteriormente il luogo di articolazione di una determinata vocale.

Dittonghi

Si considera dittongo la successione di due vocali che si trovino all'interno della stessa sillaba, più

precisamente la comBinazione tra una semivocale e una vocale, quest' ultima costituisce l'apice

sillabico.

Sono costituiti da un elemento vocalico e uno semivocalico.

La sequenza semiV-V è detta dittongo ascendente. (es. pie no)

La sequenza V-SemiV è detta dittongo discendente. (es. au to)

L’incontro di due vocali è invece detto iato

La combinazione di due semivocali e una vocale è invece un trittongo.

Semivocali o semiconsonanti

Fra le approssimanti vi sono suoni molto vicini alle vocali, di cui condividono la localizzazione

articolatoria.

Esse non possono costituire apice di sillaba, e assieme alla vocale a cui sono sempre contigue nella

catena fonica costituiscono un dittongo.

Riassumendo

Le vocali si distinguono in base a:

-grado di innalzamento della lingua: alte, medio-alte, medio-basse, basse

-grado di avanzamento della lingua: anteriori, centrali, posteriori

-arrotondamento/distensione delle labbra: labializzate vs. non labializzate

-velo palatino alzato/abbassato: orali vs. nasali

Consonanti

La classificazione delle consonanti avviene sulla base di 3 parametri:

-modo di articolazione

-luogo di articolazione

-presenza/assenza di sonorità

Modi di articolazione:

-occlusivo: si ha un blocco totale del passaggio dell’aria (occlusione) seguito da una brusca

riapertura (esplosione).

In questo modo si producono consonanti momentanee.

L'ipa prevede consonanti occlusive sorde e sonore per quasi tutti i luoghi di articolazione, con

eccezione del luogo labiodentale e faringale, nei quali è anatomicamente impossibile realizzare

un'occlusione completa.

1)-fricativo: si ha l’avvicinamento senza contatto dei due organi articolatori, per cui l’aria può

continuare a fuoriuscire sia pure in modo forzato.

In questo modo si producono consonanti continue. Sono molto diffuse.

2)-affricato: Una fase di occlusione è seguita da una di frizione . La loro rappresentazione si realizza

con un simbolo doppio.

3)-nasale: Si crea un ostacolo nel canale orale e, contemporaneamente, il velo palatino resta

abbassato.

Sono consonanti continue. L'alfabeto IPA prevede simboli solo per le consonanti nasali sonore, in

particolare bilabiale, alveolare e velare.

4)-laterale: L’ostacolo è costituito da una occlusione centrale del canale provocata dalla lingua che

permette il passaggio dell’aria ai due lati.

Si producono consonanti continue.

Sono tutte sonore tranne la laterale alveolare sorda.

5)-vibrante: Si ha una debole occlusione intermittente.


PAGINE

12

PESO

29.04 KB

AUTORE

clato

PUBBLICATO

9 mesi fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in lingue per la mediazione linguistica
SSD:
Università: Cagliari - Unica
A.A.: 2017-2018

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher clato di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Linguistica generale e sociolinguistica e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Cagliari - Unica o del prof Puddu Nicoletta.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Corso di laurea in lingue per la mediazione linguistica

Riassunto esame linguistica inglese (secondo anno), libri consigliati: "Discourse analysis", Widdowson e "Translating texts from theory to practice", Ulrych
Appunto
Tesi Marta
Tesi
Il cantautorato italiano degli anni '60 e '70: teoria e traduzione
Tesi
Riassunto esame di teoria e storia della traduzione, libro consigliato "Traduzione teoria e pratica", Bassnet (capitolo 1)
Appunto