Che materia stai cercando?

Psicologia dell'adolescenza Appunti scolastici Premium

Appunti di Psicologia dell'adolescenza. Nello specifico gli argomenti trattati sono i seguenti: Nascita dell’adolescenza, Le trasformazioni della pubertà, Il pensiero ipotetico deduttivo, Età critica, La sessualità, rendersi autonomi dai genitori, ecc.

Esame di Psicologia dell'adolescenza docente Prof. R. Larcan

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Questa capacità combinatoria del pensiero , che permette di considerare più dati

contemporaneamente , non è presente fina dalla nascita, ma il suo insorgere è regolato dalla

maturazione da un alto e dagli stimoli culturali dall’altro. In mancanza di uno o dell’ altro il

pensiero ipotetico deduttivo non può svilupparsi.

In questa fase della vita il pensiero raggiunge lo stadio dialettico.

Età critica

In ogni età ci sono dei cambiamenti, però nell’adolescenza ce ne sono di più che in altri periodi

della vita. In questa fase evolutiva ci sono cambiamenti che provengono dall’interno(fisici,

intellettivi, emotivi)e dall’esterno(rapporti con i compagni, con la famiglia, con la scuola)

In questo periodo ci sono 4 cambiamenti fondamentali dello sviluppo:

1. accettare le trasformazioni fisiologiche e la maturazione sessuale.

Il corpo si trasforma e ciò può produrre angoscia dato che il corpo cresce in modo

disarmonico.

Questa angoscia è normale se è transitoria , altrimenti diventa critica. Un caso di non accettazione di

sé è l’anoressia dove non riuscendo a controllare il cambiamento si cerca di tenere sottocontrollo il

peso non mangiando. Un altro caso è la bulimia dove il giocane depresso in quanto non riesce ad

adattarsi si consola mangiando. Anche l’assunzione della droga è spesso un indice di difficoltà,

sebbene i motivi possono essere diversi. Ci si può infatti drogare per curiosità per sentirsi a proprio

agio, per vincere la timidezza per fasi accettare dal gruppo.

2. darsi un identità nuova rispetto a quella infantile.

C’è uno stato di incertezza che lo psicologo americano ha definito identità diffusa. Un giovane ha

bisogno di un certo tempo per abbandonare la vecchia identità infantile e darsene una caratterizzata

da maggiore autonomia. Questo lavoro risulta più facile se è stato preparato precedentemente ad

esperienze di autonomia. Ecco perché l’iperprotezione è più negativa che positiva.

3. rendersi autonomi dai genitori

non soltanto sul piano concreto come quello economico ma anche emotivo per entrare a far parte

del mondo extra familiare e avere anche una vita amorosa e sessuale. Questa fase è avvertita come

difficile in quanto sipuò avere la sensazione di tradire i propri familiari.

4. darsi una scala di valori e degli obiettivi.

In questo periodo si hanno spesso crisi religiosi, si interessano di temi riguardanti la politica. È

inoltre importante che il giovane abbia degli obiettivi da raggiungere.

Dopo l’adolescenza per molti inizia la post-adolescenza che inizia attorno i 23 anni e termina a 28,

30 e oltre. esso è in gran parte legato a fattori socio-ambientali, ossia al fatto che oggi vi è minore

urgenza di inserirsi nel mondo del lavoro il corso degli studi è più lungo. I giovani però avvertono

spesso questo limite tra l’età infantile e quella adulta . una soluzione consiste nell’individuare

forme di inserimento alla vita comune con volontariato lavoro part-time ecc

La sessualità

Il cervello umano può essere considerato come la sovrapposizione di tre diversi cervelli:uno più

antico e più semplice uno relativamente più recente ed uno molto recente ovvero la corteccia

cerebrale. Ognuno di questi cervelli condiziona il nostro comportamento e in particolare ha

qualcosa da dire rispetto la sessualità. La parte del cervello più interna è responsabile

dell’eccitazione sessuale in rapporto a stimoli tattili, olfattivi e visivi. Al secondo livello il

Cervello regolo gli ormoni sessuali e i nostri desideri mentre la corteccia rappresenta il luogo

dell’apprendimento delle preferenze delle scelte delle fantasticherie.

Nella regolazione del nostro comportamento sessuale i meccanismi istintivi e gli ormoni hanno

ancora una certa importanza per consentire le funzioni di base: senza gli ormoni sessuali la

maturazione non avviene e il desiderio sessuale decresce. Gli ormoni maschili sono chiamati

androgeni mentre quelli femminili sono divisi in due gruppi gli estrogeni e il progesterone. Gli


PAGINE

3

PESO

16.46 KB

AUTORE

Sara F

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in teorie della comunicazione e dei linguaggi
SSD:
Università: Messina - Unime
A.A.: 2013-2014

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Sara F di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Psicologia dell'adolescenza e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Messina - Unime o del prof Larcan Rosalba.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Psicologia dell'adolescenza

Psicologia dell'adolescenza – Palmonari
Appunto
Psicologia dell'adolescenza – Teorie
Appunto
Psicologia dell'adolescenza – Adolescenza
Appunto
Psicologia dell'adolescenza – Comportamento disadattivo
Appunto