Che materia stai cercando?

Processo di Haber Bosh, approfondimento per esame di chimica Sapienza Roma

L'appunto è una analisi dettagliata del processo di sintesi dell'ammoniaca a partire dalla descrizione dettagliata della particolare reazione fino alla spiegazione dei moderni impianti. Si ripercorre anche brevemente la storia dei due scienziati e si spiegano gli utilizzi principali dell'ammoniaca e dei suoi derivati. Il documento è arricchito anche da numerosi approfondimenti.

Esame di Chimica generale e inorganica docente Prof. A. Motta

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

dovrebbe far spostare l’equilibrio a sinistra, favorendo dunque la produzione

di azoto e di idrogeno molecolare, sfavorendo quella di ammoniaca.

In altre parole, aumentando la temperatura si raggiunge più rapidamente

l’equilibrio, dunque si aumenta la velocità di reazione, tuttavia la

percentuale di prodotto diventa molto piccola, cioè la resa è troppo bassa.

Per aumentare ancora la velocità del processo, Haber riuscì a mettere a punto

un catalizzatore specifico e anche relativamente economico: il ferro.

Un catalizzatore in un reazione chimica non modifica i valori della costante

di equilibrio, ma interviene soltanto modificando la velocità di tale reazione.

Furono quindi realizzate sottili reticelle di questo metallo, insieme a tracce

di ossidi di ferro e di potassio, e con esse furono ricoperte le pareti interne

del reattore in cui avveniva la reazione tra idrogeno e azoto.

Per spiegare come questo sia possibile dobbiamo prendere in considerazione

la struttura molecolare dell'’azoto atmosferico.

L'azoto si presenta in natura allo stato gassoso, formato da molecole

biatomiche N2. La sua inerzia chimica è legata alla forza del triplo legame

presente tra i due atomi. Infatti dei 10 elettroni di valenza, 6 sono impiegati

nella formazione di tale legame, gli altri 4 invece formano coppie solitarie.

Pertanto la dissociazione della molecola di azoto richiede una notevole spesa

energetica, ed è per questo che l'azoto è una molecola poco reattiva a

condizioni standard. Essa presenta una elevata stabilità ed è quindi molto

difficile fissarla in altre molecole.

Lo studio cinetico della sintesi dell’ammoniaca ha permesso di accertare che

un passaggio decisivo del meccanismo di reazione è costituito dalla rottura

dei legami tra gli atomi nella molecola di azoto. Il catalizzatore interviene

proprio in questa fase: esso trattiene (o adsorbe) sulla sua superficie le

molecole di N2 e rende possibile la loro dissociazione in atomi, così come

quella delle molecole di H2. La durata del contatto fra catalizzatore e gas è

dell’ordine dei 30s e si forma circa l’8% di ammoniaca, che si separa dai gas

che non hanno reagito per raffreddamento.

Gli atomi liberi possono reagire così più rapidamente per formare le

molecole di NH3 che non vengono trattenute dagli atomi di ferro e che si

staccano dalla superficie. In questo modo i centri attivi del catalizzatore si

rendono liberi per adsorbire altre molecole di azoto e di idrogeno.

Nel processo di sintesi dell’ammoniaca così catalizzato, la reazione

raggiunge l’equilibrio in minor tempo.

Tuttavia veniva però accelerata anche la reazione inversa, ovvero la reazione

endotermica che è favorita dall'aumento della temperatura.

2 NH (g ) N (g ) + 3 H (g )

3 2 2

Ovviamente la reazione inversa consiste nella produzione di azoto e di

idrogeno gassoso a discapito dell'ammoniaca.

Ma Haber riuscì a migliorare ancora il rendimento economico del processo

per altra via. Un passo decisivo per la definitiva messa a punto del processo

fu compiuto infatti quando, con l’apporto fondamentale dell’ingegnere

chimico tedesco Carl Bosch, si riuscì a costruire un impianto in grado di

reggere pressioni elevate.

Haber infatti sapeva che in questo modo, sulla base del principio di Le

Châtelier, ad un aumento della pressione esterna corrisponde una

diminuzione del volume interno, dunque l'equilibrio della reazione di sintesi

dell’ammoniaca si spostava nella direzione in cui venivano prodotte il minor

numero di molecole, cioè a destra.

Si riuscì così ad aumentare moltissimo la resa della reazione: infatti,

operando alla pressione di 300 bar, si trasformava in ammoniaca più del

30% dei reagenti.

Come funziona l'impianto :

Dopo essere filtrato dalle impurità, l’azoto preso dall’aria fluisce in un tubo.

Il gas di idrogeno viene iniettato da un altro tubo e miscelato all’azoto.

La miscela di gas viene dapprima introdotta in un Convertitore. Nel

convertitore è presente il catalizzatore, ossia della polvere di ferro e altri

ossidi metallici che velocizzano la conversione del gas in ammoniaca.

La miscela di gas caldi viene inviata alla seconda camera il Condensatore,

questa camera è riempita d’acqua, che raffredda il gas di ammoniaca

facendolo condensare, cioè l'ammoniaca passa dallo stato gassoso a quello

liquido.

Dal condensatore l'ammoniaca liquida scende in una ulteriore camera di

Immagazzinamento dove continua il processo di raffredamento a -33°C, che

corrisponde alla temperatura di condensazione dell'ammoniaca. Qui

l'ammoniaca viene finalmente estratta per la successiva lavorazione. Per

ottenere una buona resa occorre infatti rimuovere continuamente, per

liquefazione l'ammoniaca prodotta.

Dal Condensatore si diramano sia questa camera dove avviene

l'immagazzinamento, che quella dove avvine il Ricircolo.

Nel Ricircolo vengono indirizzati l'azoto e l'idrogeno gassoso che non hanno

reagito, tale miscela gassoso viene inviata prima in un Compressore e poi

torna al Reattore. Così le molecole di igrogeno e di azoto che non hanno

reagito restano in fase gassosa e possono essere riutilizzate per una nuova

sintesi.

La resa è praticamente del 100%.

Storia di Haber ed impieghi dell'ammoniaca :

La bravura di Haber fu quella di trovare il giusto compromesso fra

temperatura e pressione, brevettando un processo di sintesi dell’ammoniaca

che lo rese molto ricco e famoso. Carl Bosh si occupò invece di promuovere

il processo su scala industriale e di ottennere i brevetti.

Fu così possibile realizzare il primo grande impianto per la produzione

chimica su larga scala dell’ammoniaca, una materia prima fondamentale e

una delle sostanze prodotte in maggiore quantità nel mondo.

Infatti l'ammoniaca viene utilizzata per produrre fertilizzanti come il nitrato

di sodio (NaNO ) ed Il solfato di ammonio (NH4)2SO4 (aq) e l'ammonio

3

fosfato . Queste molecole sono state il motivo iniziale per cui molti chimici

come Haber si sono interessati a questa sintesi, in quanto molto utilizzate già

nell’800.

Questo processo rappresenta oggi praticamente l’unica fonte di ammoniaca

prodotta nel mondo. Esso costituisce anche un modo intelligente di sfruttare

una risorsa pressoché illimitata, cioè l’azoto dell’aria, per riuscire ad

aumentare, attraverso l’uso di fertilizzanti azotati, la produttività dei terreni

agricoli per soddisfare così i bisogni alimentari.

Haber nacque a Wroclaw ed era figlio di un commerciante ebreo tedesco. I

suoi studi sulla sintesi dell'ammoniaca iniziarono nel 1904. Unendo i suoi

studi scientifici con lo sviluppo della tecnologia nel 1914 riuscì a mettere

appunto il processo che porta il suo nome.

Purtroppo la storia di Haber e dell’invenzione della sintesi dell’ammoniaca

sono intrecciate con la storia tedesca della prima parte del XX secolo. A

partire dall’ammoniaca si possono ottenere esplosivi come

l’ammonionitrato (NH NO ) e la nitroglicerina ( C H (ONO ) ) che hanno

4 3 3 5 2 3

permesso alla Germania di essere protagonista durante la Prima Guerra

Mondiale. Sempre durante questo conflitto, il governo chiese addirittura ad

Haber di sviluppare armi chimiche da usare sul campo di battaglia.


PAGINE

7

PESO

17.80 KB

PUBBLICATO

7 mesi fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in scienze biologiche
SSD:
A.A.: 2018-2019

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher amaliaungaro di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Chimica generale e inorganica e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università La Sapienza - Uniroma1 o del prof Motta Alessandro.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Chimica generale e inorganica

Struttura atomica e nozioni, Chimica Generale ed Inorganica
Appunto