Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Petrarca

La personalità di Petrarca, inquieta e tormentata da tendenze opposte, rispecchia

le contraddizioni della sua epoca nella quale la vecchia visione medievale della

realtà si fonde e scontra con i nuovi valori umanistico-rinascimentali. Tale

conflitto si manifesta sia nell'opera che nella biografia petrarchesca.

Petrarca rappresenta inoltre una nuova figura quella dell'intellettuale

cosmopolita legato a diversi ambienti (Chiesa, corte..)

nasce ad Arezzo il 20 luglio del 1304 da una famiglia fiorentina di condizione

borghese. Il padre, ser Petracco, era un notaio in esilio dopo che i Guelfi neri

avevano preso Firenze. Si trasferisce da bambino ad Avignone dove risiedeva

la Curia Papale. A sedici anni intraprende gli studi giuridici a Montpellier e a

Bologna, ma non terminò i corsi e tornò ad Avignone nel 1326.

Ad Avignone condusse una vita frivola e dissipata ma al contempo si dedicò

allo studio degli scrittori classici, per i quali nutriva una profonda ammirazione;

intanto portava sempre con se le Confessioni di sant'Agostino. Già negli anni

della formazione quindi aveva due tendenze fondamentali: l'amore per i classici

e un'intensa spiritualità.

La lingua in cui scriveva e pensava era il latino; ma parallelamente coltivava

anche il genere della poesia lirica volgare (stilnovisti e Dante). Seguendo infatti

il modello dei poeti d'amore volle raccogliere tutte le poesie che avevano come

tema il suo amore per una donna, chiamata da lui Laura per richiamare il lauro,

pianta sacra ad Apollo, dio della poesia. L'amore per Laura fu raccolto nel

canzoniere, e assume un valore di simbolo, intorno al quale il poeta concentrò

tutti gli elementi della sua travagliata vita interiore e del suo dissidio interiore:

dissidio interiore fra spiritualità cristiana e amore profano

• tra disprezzo dei beni materiali e desiderio di fama

• bisogno di pace e smania di viaggiare e conoscere

Proprio per il suo bisogno di sicurezza materiale e di pace prese gli ordini

minori, che consentivano di accedere a cariche e a rendite lucrose. A ciò si

contrapponeva un'inquietudine perpetua, una curiosità innata del conoscere che

lo spingeva a viaggiare per arricchire la propria cultura scoprendo nelle varie

biblioteche testi di classici latini dimenticati. Intesse inoltre amicizia con vari

letterati europei (in particolare Boccaccio).

A questa ricerca continua nel mondo esteriore si contrappose la tendenza di

segno opposto alla ricerca interiore per approfondire la ricerca di sé. Questa si

concretizzò nel ritiro a Valchiusa vicino Avignone. Questo luogo divenne per

Petrarca il simbolo di un'attività intellettuale indipendente, libera da legami e

condizionamenti sociali e politici. E' il suo ideale di vita autentica non dispersa

dietro cose vane e futili.

L'attività letteraria non era solo otium non mirava solo all'elevazione

all'affinamento dello spirito; aveva un preponderante bisogno di gloria e

riconoscimenti, desiderio che fu appagato con l'incoronazione poetica che

avvenne a Roma nel 1341. Dopo che il fratello si ritira in convento Petrarca ha

una crisi religiosa, che comunque non approdò ad una decisione radicale come

quella del fratello: la crisi in lui si tradusse in un tortuoso processo interiore

senza alcuno sbocco risolutivo. Emerge il dissidio fondamentale della sua

personalità: il continuo oscillare della volontà che non riesce ad acquietarsi

definitivamente.

L'esercizio letterario era anche uno strumento di impegno politico e civile. Egli

usa infatti il suo prestigio e la sua eloquenza per perorare il ritorno del Papa a

Roma, denunciando la corruzione della curia avignonese; rivolge appelli

all'imperatore Carlo IV di Boemia perché scenda in Italia a ristabilire

l'autonomia imperiale; deplora le lotte civili fra italiani; ma soprattutto si

entusiasma per il tentativo politico di Cola di Rienzo, che instaura una

repubblica a Roma. Invierà delle lettere a Cola stesso ispirato dagli ideali della

Roma classica, e si mette in viaggio per raggiungerla, ma la notizia del

degenerare dell'azione lo distoglie dai suoi propositi.

Nel 1347 lascia Avignone e soggiorna a lungo in Italia, successivamente si

stabilisce presso i Visconti di Milano, poi a Venezia nel '61. Infine si ferma ad

Arquà vicino a Padova, dove trascorre gli ultimi anni in serenità, studiando e

scrivendo. Muore il 19 luglio del 1374.

Intellettuale cosmopolita

Petrarca rappresenta una nuova figura di intellettuale: l'intellettuale

cosmopolita, figura che dominerà nei secoli successivi.

Infatti Petrarca non è più legato ad una realtà comunale, a causa della sua

perpetua voglia di viaggiare (Avignone, Parma, Milano, Venezia, Padova).

L'ideale di Petrarca non è più municipale bensì nazionale. Non è più l'

intellettuale cittadino che partecipa ala vita politica del suo Comune è ormai un

intellettuale cortigiano che accetta pienamente l' istituzione della Signoria, e

sceglie di sostenerla on il suo prestigio di intellettuale. Mantiene per questo una

funzione pubblica: dà consigli e ammonimenti ai signori, dà lustro alla corte

con la sua fama, ed è impegnato in incarichi prestigiosi.

Tuttavia mantiene la sua autonomia di intellettuale, rifiutando incarichi troppo

vincolanti, questo è possibile grazie alla rendita ecclesiastica. Petrarca infatti

anticipa la figura di intellettuale che diventerà sempre più diffusa: il chierico,

che trae sostentamento della rendite ecclesiastiche avendo la possibilità di

dedicarsi agli studi a tempo pieno. Petrarca ha quindi una vita agiata, con la

possibilità di risiedere nei luoghi più ameni e incantevoli propizi al


ACQUISTATO

1 volte

PAGINE

5

PESO

30.31 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in lettere
SSD:
Università: Pisa - Unipi
A.A.: 2016-2017

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher baby_kissyou di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Letteratura italiana e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Pisa - Unipi o del prof Ciccuto Marcello.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Letteratura italiana

Canzoniere di Petrarca, Letteratura italiana, Prof. Masi e Prof. Ciccuto
Appunto
Personaggi, avvenimenti e profezie principali delle tre cantiche della divina commedia
Appunto
Letteratura italiana - Pascoli e il decadentismo
Appunto
Letteratura italiana - D'Annunzio
Appunto