Che materia stai cercando?

Parafrasi Giovanni Della Casa

Appunti di Letteratura italiana sulla parafrasi di Giovanni Della Casa basato su appunti personali del publisher presi alle lezioni della prof.ssa Danzi dell’università degli Studi di Milano - Unimi, Facoltà di Lettere e filosofia. Scarica il file in formato PDF!

Esame di Letteratura italiana docente Prof. A. Danzi

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Commento:

Sonetto con schema ABBAABBA, CDEECD.

È collegato al sonetto II tramite l'uso di verbi e sostantivi simili o uguali: Affliger – opprime – per

voi – calle – penser.

È inoltre riproposta la stessa metafora dell'esperienza amorosa come viaggio lungo un sentiero

arduo. All'interno del sonetto inoltre vi sono dei parallelismi: mancando / manchi – aspro costume /

aspre montagne – dura via / duro scoglio.

Figure retoriche:

parta e scompagne= v. 4 dittologia sinonimica

perch'io mi strugga e di duol bagni gli occhi... = v. 5-6 enjambement

quasi infermo e stanco peregrino.. = v.7-8 similitudine

aspro costume...rio = v.12 iperbato e dittologia sinonimica

come duro scoglio= v.14 similitudine

Tema:

amore mortifero. Amore come un pellegrinaggio faticoso che porta al naufragio per la durezza e

crudeltà della donna che non manifesta alcuna pietà.

VII- Io mi vivea d'amara gioia e bene

Parafrasi:

Io vivevo di amara gioia e di un bene dannoso, ma desiderato e caro, non sapendo ancora che l'avaro

mio signore non tiene fede ai suoi buon seguaci; le parole angeliche della donna e gli occhi radiosi

che con il loro bello sguardo caldo e luminoso, mi guidarono così a lungo tra dolori e sofferenze,

restando io più contento di uno che stesse festeggiando, e il dolce sorriso che diveniva il mio rifugio

quando la mia anima sentiva più dolore, ora amore lo dona ad altri;

povero me, dovrebbe abbandonare il mio corpo questo spirito oppresso dall'intensa pena, ma per

mio male questa continua ad indugiare.

Commento:

sonetto di schema ABBAABBA,CDEDEC.

Componimento fluido senza pause e strutturato come il precdente ( VI ) in due tempi scanditi da

“Or” e “Ma”. Inoltre il sonetto dipende direttamente dal componimento di Petrarca Rvf 231 con

attacco simile e la conclusione con l'avversativa.

Figure retoriche:

io mi vivea d'amara gioia e bene dannoso assa = v.1-2 ossimoro, chiasmo ed enjambemant

signore avaro a' buon seguaci = v. 3- 4 chiasmo e personificazione di amore

serene luci = v.5-6 metafora ed enjambement

maggior mio mal = v. 14 allitterazione

Tema:

prima parte caratterizzata dalla gelosia e la seconda da incapacità di reagire. È inoltre evidente una

visione oggettiva del poeta freddo e distante diversamente da Petrarca. Si tratta per Della Casa di un

puro esercizio stilistico.

VIII- Cura, che di timor ti nutri e cresci

Parafrasi:

Gelosia, che ti nutri e cresci con il timore e più ti si teme e maggior forza acquisti, mentre mescoli la

fiamma amorosa con il gelo del tuo timore turbi tutto il regno d'amore, dopo che hai mescolato alla

dolcezza tutti gli amari tuoi, dal mio cuore esce e torna da dove sei venuta, ai tristi campi

dell'inferno: dove fai soffrire te stessa, passa i giorni senza riposo e le notti senza sonno, e soffri di

pena certa e incerta. Vattene: perchè continui a tornare a me con nuovi spettri più feroci e crudeli, tu

che già mi hai riempito le vene di veleno?

Commento:

Sonetto di schema ABABBABA, CDCDCD.

Apostrofe alla gelosia preparata dai due sonetti precedenti. Con il termine “Cura” Della Casa

innalza fin da subito il registro stilistico mirando alla tradizione latina della personificazione della

cura ( Virgilio, Orazio, Lucrezio ).

Referente principale del sonetto risulta il modello Bembiano nel sonetto alla Speme, nonostante le

parole in comune siano poche, quello che coincide è l'idea, la strategia costruttiva, la stilistica.

Il sonetto fu scritto fra la fine del 1533 e l'inizio dell'anno successivo.

Anche questo componimento risulta essere un puro esercizio stilistico eccezionale.

Figure retoriche:

turbi e contristi= v.4 dittologia sinonimica

la fiamma il gelo / dolce hai misti tutti gli amari tuoi= v. 3-5/6 chiasmo e antitesi

ivi = v. 8-9-10 anafora

? = v.14 interrogativa retorica

Tema:

Gelosia ed in particolare la preoccupazione che essa causa all'amante.

XIV – Cangiai con gran mio duol contrada e parte

Parafrasi

Cambiai paese con grande dolore, poiché come il malato non trovavo cure nella mia casa, ma

nonostante cerchi un luogo lontano e sebbene mi allontani, Amore da me non si distacca. Come

fosse ombra del mio corpo, non si allontana nemmeno un poco. Il mio dolore non guarisce e non si

allevia, sebbene io fugga e mi distanzi. Il padrone (Amore ) raggiunge il servo fuggito dal suo giogo

con animo più irato, e colui che è stato sempre fedele e per primo è scappato, ha il cuore cinto dal

ferro. E fu duro anche colui che visse un solo giorno lontano dalla sua donna senza cadere vinto dal

dolore.

Commento

Sonetto di schema ABBAABBA, CDEDCE.

Gli enjambement dei versi 3-4 e 7-8 contribuiscono a fluidificare il finale delle quartine, mentre la

sirma 10-11,11-12, 12-13, con frequenti inarcature, non permette la fluidità precedentemente

presente. Presenza di un ricco reticolato di ripetizioni ( fugga-fuggito). È presente una simmetria nel

terzo verso di ogni quartina con il sintagma “perch'io”. Circolarità espressa dall'iniziale “gran mio

duol” e il finale “grave duol”.

Questo sonetto èespresso con continue immagini ripetute: stesse formulazioni con variazioni

sintattiche.

Figure retoriche:

contrada e parte= v.1 dittologia sinonimica

cangiai con ...contrada...com'egro= v.1 allitterazione

tema:

malattia d'amore e prigionia volontaria dell'innamorato.

XVII - Io, che l'età solea viver nel fango

Parafrasi

Io che ho trascorso la mia vita nel peccato, oggi cambiato il mio cuore da ciò che era, mi libero da

ogni impuro pensiero, e correggo piangendo il mio duraturo fallire; Smetto di seguire amore e a te

(dio) mi dono, mentre a tutti gli altri mi sottraggo.

Nemmeno la nave squarciata dallo scoglio si ritrae con così tanto rammarico di quanto ne abbia io

per il mio percorso; Questa mia vita che ha speso i suoi giorni rischiando morte senza trarne alcun

frutto, ora verso la fine la ricovero in un rifugio sicuro: Padre del cielo tendimi per pietà la tua santa

mano, poiché a te mi rivolgo, ti adorerò tanto quanto in tutta la vita ti offesi.

Commento

Sonetto di schema ABBAABBA, CDECED.

Fa cerniera con il sonetto precedente 16 la metafora della navigazione, mentre vi è la presenza dello

scoglio come nel sonetto 3 ( duro scoglio ). vi è una vasta presenza di reticolo lessicale in cui

spiccano le voci chiave: mutato, pentita, mi purgo e spoglio, correggo e piango e infine

l'invocazione finale al padre del ciel ripres da petrarca RvF 395. La rima A iniziale rimanda con la

sua connotazione peccaminosa all'episodio dantesco della palude Stigia Inf. 8.

Figure retoriche:

viver nel fango= v. 1 metafora

mi purgo e spoglio = v. 3 dittologia sinonimica

nave mai partì da scoglio...= v. 7 similitudine nave

v. 9-10-11 = enjambement

padre del ciel = v. 13 vocativo

Tema:

primo sonetto a carattere spirituale e prim in cui compare il pentimento e la speranza della

redenzione. Vi è un chiaro rimando al sonetto 62 di Petrarca, uno tra i più religiosi.

XXXII- Arsi, e non pur la verde stagion fresca

Parafrasi:

Ho dedicato a te Amore, non solo la giovinezza della mia breve vita, ma anche gran parte degli anni

maturi: chiedo libertà e tu mi assali e ferisci e come un uomo che prima del tempo esce dal suo

corpo, ne preghiera , ne fuga, ne forza o astuzia mi vale.

Quale sarà allora la condizione sicura in cui poter vivere? Quale luogo isolato mi potrà nascondere,

almeno durante l'ultima parte della mia vita, da amore e da quelle armi di cui ho tanta paura ?

Devo avere paura di quelle armi crudeli che più volte mi hanno reciso il cuore, ma non avendo

ancora trovato alcuna protezione contro di loro, pallido e conquistato come umile vinto una voce

roca mi chiamava. Ora che i miei capelli sono brizzolati e il mio fianco è malato, vado cercando un

luogo isolato e lontano dalla tua mano dove poter rifugiarmi, poiché oramai seguirti è cosa vana, ltra

la tua schiera di giovani seguaci non può uno zoppo anziano sperare vittoria.

Ma, povero me, per le deserte arene e per il campo instabile e paludoso, i tuoi ministri hanno trovato

il sentiero, poiché riconosco la fiaccola d'amore ed il suono della freccia che viene a ferirmi;

nè l'acqua e nè il freddo di questa valle, né il bersaglio facile da colpire, né l'arciere che mai fallisce

hanno potuto proteggermi, Ma cambiando l'età il mio cuore ha smarrito i valori dell'età giovanile e il

rapporto con amore è dunque mutato, così come l'erba perde la propria virtù a causa del tempo,

Secca è la speranza e verde è il desiderio.

Volli pregare tremando e lacrimando il rigido aspetto della bella donna, pensando che l'apparenza

scontrosa potesse nascondere desideri e pensieri dolci e teneri, volsi in piacere il dolore.

Ora chi difenderà le mie ragioni e chi comprenderà i miei sospiri?

Ora la voce è roca, quell'ardire è sparito e sento che i miei sensi e il mio cuore si fanno più pigri e

freddi, come la serpe che nel campo freddo durante l'inverno si ritira in letargo.

Rendimi il mio vigore che gli anni avari mi hanno tolto, rendimi quella forza antica che mi rendeva

pronto a seguire amore e rendi i miei capelli, ora bianchi, di nuovo del loro colore, così che l'aspetto

esteriore non dichiari quello che dentro è ormai vinto.

Modellami così da tornare a combattere per te, amore, al quale io non mi oppongo e il fatto di non

esserne in grado mi addolora.

Ormai cosa ci fa un guerriero debole e vecchio nel tuo forte esercito? Lasciarmi libero sarebbe cosa

migliore per te e per me.

Da me non hai solo la vecchiaia contraria al tuo fuoco, e dunque non ti deve pesare se ormai fragile,

io voli libero lontano da te, poiché come un uccellino con piume rovinate fui catturato con quella tua

esca che consuma, e possa l'antico e stanco servo vivere l'estremo della sua vita, la dove la donna sia

dolce e mansueta.

Ma poiché Amore non apprezza i consigli, tu canzone, segui il mio desiderio oramai di breve durata

e porta i sospiri di un vecchio amante alla mia donna.

Commento:

Canzone in 6 stanze di schema ABC,BAC; CddEE.

Questa è l'unica canzone casiana con concatenatio di tipo consueto. La canzone dopo i precedenti

sonetti arreca al canzoniere una tonalità più solenne ed inoltre si trova perfettamente nella metà della

raccolta. Il tempo perfetto dell'incipit “arsi” preannuncia l'analogo attacco della canzone 47. questo

testo venne particolarmente apprezzato nella cerchia del Casa tanto che il Bembo scrisse un giudizio

a riguardo nella lettera a Girolamo Quirin nel 45'.

La sintassi risulta molto mossa nella prima parte e variata rispetto alla seconda.

Figure retoriche:

nelle prime due stanze ci sono varie interrogative retoriche

fianco infermo = v. 17 sineddoche

secca è la speme e'l desir solo è verde = v. 32 chiasmo

pregar....volli = v. 35 iperbato

v.45 – 48 = enjambement

augello ancor d'inferma piuma = v. 61 metafora

cortese e mansueta = v. 66 dittologia sinonimica

tema:

amore in età matura, primi elementi autobiografici con segni di vecchiaia.


PAGINE

11

PESO

121.15 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in scienze dei beni culturali
SSD:
Università: Milano - Unimi
A.A.: 2016-2017

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher antonella.carta1994 di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Letteratura italiana e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Milano - Unimi o del prof Danzi Anna Maria.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Letteratura italiana

Letteratura Italiana (M-Z)
Appunto
Letteratura italiana 1200-1800
Appunto
Letteratura Italiana
Appunto
Letteratura italiana - novella del 1500
Appunto