Che materia stai cercando?

Linguistica - linguaggio da una prospettiva internalista

Appunti di Linguistica per l’esame della professoressa De Filippi. Gli argomenti trattati sono i seguenti: il linguaggio da una prospettiva internalista, lo studio delle risorse semantiche della facoltà del linguaggio, il ruolo dell'etnoscienza, i destinatari differenti.

Esame di Linguistica docente Prof. R. De Filippi

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Modulo 12

IL LINGUAGGIO DA UNA PROSPETTIVA INTERNALISTA

L’evoluzione nello studio della facoltà del linguaggio, di altri sistemi di conoscenza, ci hanno forse permesso di

arrivare a capire verso quali caratteristiche la mia riproduzione del mondo sia strutturata i termini degli oggetti

scelti, identificati dalle caratteristiche del mio lessico, che racchiuda inoltre le entità, le connessioni descritte

tramite le risorse della facoltà del linguaggio. Altri concetti del linguaggio possono riferirsi a determinate posti nei

sistemi di credenze, tutto ciò lascia allargare le idee messe a nostra disponbilità da questi ultimi per raffigurare il

mondo.

Akeel Bilgrami informa che l’osservazione delle risorse del lessico del linguaggio in termini di una visione sugli

oggetti messi da un agente linguistico, porta in maniera naturale a connettere l’indagine del significato ad oggetti

come le credenze capite come rapporti con gli oggetti del mondo con cui siamo in rapporto causale, il concetto di

contenuto che Bilgrami evolve nel disapprovare il modo di pensare attuale che divide in due il contenuto: 1) ampio;

2) ristretto.

Queste indagini potrebbero essere raggiunte.

Lo studio delle risorse semantiche della facoltà del linguaggio e l’etnoscienza devono essere differenziate dalla

ricerca naturalistica.

Questo esame forma un verità per quanto concerne l’ambito delle mele che cadono dalle piante; infatti nessun

individuo vuole che il linguaggio odierno partecipi a cercare di capire la teoria del mondo. Mentre è una questione

giusta stabilire se il discorso mentalistico, le entità mentali perderanno il loro funzionamento nell’ambito di cercare

di descrivere di spiegare il mondo. Questa ipotesi è definita eliminativismo, considerato da Burge come una parte

essenziale per cercare di fare divenire scientifica la filosofia.

Se nell’espressione della tesi vogliamo cambiare il termine mentale con il termine di fisico, l’indagine non sarà più

interessante.

Perchè non dovremmo avere dei desideri differenti rispetto alla maniera di parlare mentalistica, alle entità mentali?

Per quale motivo dovremmo sapere che la piscologia cerca di ristabilire qualche affermazione del senso comune

applicato dalla attività mentali degli individui (Burge 1986 pag 8).

Quindi la chimica, la geologia, la biologia che sono scienze facenti parti del mondo fisico non hanno nessun

indagine concernente le teorie naturalistiche.

Infatti le idagini del mondo fisico non si basano sul problema mente-corpo, sul motivo che vuole mettere in diatriba

la teoria di Davidson che non ci sono leggi psicofisiche che siano collegate con avvenimenti fisici, mentali entro un

determinato schema, gli aspetti mentali e quelli del mondo.

Il problema è che le categorie utilizzate, i principi a cui ci si serve non hanno alcuna necessità di un

corrispondente, per quanto riguarda la ricerca naturalistica. E’ inoltre è vero per le parti di un discorso comune

aventi peculiarità quasi-naturalistico.

Quindi non possiamo riferirci all’utilizzo ordinario del linguaggio per sapere se Francois Ja-cob (1970) aveva

ragione nel momento in cui asseriva che secondo un bilogo la vita incomincia solamente quando è capace di

formare un limite dove c’è continutià. Infatti nella stessa maniera, la nozione di essere umano fa parte delle

scienze naturali. La teoria dello sviluppo, delle parti della biologia provano a capire John Smith ed il suo luogo

nella natura, tramite la descrizione della persona con la semantica del linguaggio naturale e l’etnoscienza.

Inoltre le scienze speciali vanno dietro i loro percorsi liberi. Ad esempio stabilito da Jerry Fodor riferendosi ad un

fiume a menadri che erode le sue rive, la geologia non si allarma di individuare se in quale avvenimenti le

persone pensano che il medesimo fiume se la corrente cambia direzione.

Asseriamo che le differenti scienze naturali sono per la maggior parte fabbricazioni artificiali stabilite secondo

criteri di convenienza; è tipico il commento di Francois Jacob. Queste considerazione è contestata solamente dal


PAGINE

2

PESO

37.00 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Esame: Linguistica
Corso di laurea: Corso di laurea in Scienze dell'Educazione e della Formazione
SSD:
A.A.: 2014-2015

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher erica.depasquale di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Linguistica e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Niccolò Cusano - Unicusano o del prof De Filippi Raffaella.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Linguistica

Linguistica - nuovi orizzonti nello studio del linguaggio
Appunto
Linguistica - modelli di spiegazione dell'uso del linguaggio
Appunto
Linguistica - importanza dei fattori sociali nell uso del linguaggio
Appunto
Linguistica - linguaggio e interpretazione riflessioni filosofiche e ricerca empirica
Appunto