Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

DIRITTO PRIVATO ZATTI

CAP 7

Gli strumenti di pubblicità

-problema della certezza delle situazioni giuridiche

-garantire circolazione veloce di beni, crediti, azioni società

Occorre creare degli strumenti che consentano ai contraenti:

Di informarsi con facilità sulla condizione giuridica dei beni che vogliono acquistare

a) Di poter contare sulla sicurezza degli acquisti fatti

b)

Soddisfazione di queste esigenze grazie al sistema della PUBBLICITA’ DEI FATTI E ATTI GIURIDICI.

Termine “pubblicità” indica tutti quegli strumenti che l’ordinamento predispone per assicurare la

conoscibilità dei fatti e degli atti giuridici riguardanti sia i soggetti che i beni. Es: registri di stato

civile, tenuti da ogni Comune; registro delle tutele dei minori e degli interdetti; registro delle

successioni tenuto presso la Cancelleria del tribunale etc.

DIVERSA EFFICACIA DELLA PUBBLICITA’

Pubblicità-notizia

1.

La legge predispone lo strumento per assicurare la conoscibilità legale di determinati fatti, per

esigenze di carattere pubblico, senza connettervi un particolare effetto né riguardo all’efficacia, né

riguardo all’opponibilità ai terzi del fatto o dell’atto reso pubblico. L’omissione di tale pubblicità

può dar luogo tutt’al più a sanzioni pecuniarie o penali, ma il fatto o l’atto produce cmq le previste

conseguenze giuridiche. Es: la sentenza di interdizione o di inabilitazione va annotata in margine

all’atto di nascita; le trascrizioni delle sentenze che accertano l’intervenuto acquisto a titolo

originario per usucapione; le pubblicazioni matrimoniali servono a consentire eventuali

opposizioni, ma non influiscono sulla validità del matrimonio.

Pubblicità dichiarativa

2.

Il suo effetto è quello di rendere opponibile ai terzi (a prescindere da un’effettiva conoscenza) una

determinata vicenda giuridica, che tuttavia è in sé valida ed efficace indipendentemente dal

rispetto o meno della prescritta formalità pubblicitaria: l’omissione di tale formalità incide dunque

solo sull’opponibilità dell’atto ai terzi, ma non sulla validità ed efficacia dell’atto tra le parti.

Es: trascrizione degli atti che trasferiscono la proprietà o costituiscono diritti reali sui beni

immobili, trascrizione per beni immobili registrati (auto, imbarcazioni, aerei).

La trascrizione degli acquisti, a titolo derivativo e inter vivos è condizione di opponibilità

dell’acquisto a chi abbia acquistato sul medesimo bene lo stesso diritto o un diritto incompatibile.

(es residenza anagrafica). All’interno della pubblicità dichiarativa si possono distinguere due

“microsistemi” per l’ipotesi in cui del fatto giuridico non sia stata effettuata la prescritta

pubblicità:

Trascrizione nei registri immobiliari: pubblicità è mezzo sufficiente, ma anche necessario

- per l’opponibilità. La mancata trascrizione impedisce di opporre ai terzi l’avvenuto

mutamento giuridico, senza che via sia la possibilità di provare altrimenti la conoscenza di

fatto da parte del terzo.

Iscrizione nel Registro delle imprese, la pubblicità è mezzo sufficiente, ma non necessario

- per l’opponibilità. Opposto ai terzi se provato che i terzi ne erano a conoscenza; l’iscrizione

di un tale fatto è mezzo sufficiente per renderlo opponibile ai terzi, quantunque questi

ultimi, di fatto, lo ignorassero.

Pubblicità costitutiva

3.

Pubblicità necessaria per l’esistenza del diritto o del soggetto; è elemento della fattispecie

costitutiva. Es: iscrizione dell’ipoteca nei registri immobiliari; trascrizione dell’atto stragiudiziale di

opposizione alla donazione; iscrizione delle società di capitali nel Registro delle imprese.

1

Pubblicità e prova: le due funzioni sono svolte insieme nello strumento degli atti dello stato civile e

dei registri in cui essi sono raccolti.

Pubblicità immobiliare e forme analoghe

La trascrizione è uno strumento di pubblicità la cui funzione tipica consiste nel dirimere il conflitto

tra più aventi causa dallo stesso dante causa con riguardo sia ai beni immobili, sia ai beni mobili

registrati, negli acquisti per atto tra vivi. In alcuni casi, ha funzione di pubblicità-notizia, ad es. nelle

convenzioni matrimoniali (rientra nella categorie anche la costituzione del fondo patrimoniale).

L’istituto della trascrizione si inserisce in un sistema di circolazione dei beni immobili costruito sulla

base del principio consensualistico, cioè della regola per cui la proprietà e gli altri diritti si

trasferiscono per effetto del solo consenso legittimamente manifestato tra le parti.

A stabilire condizioni di certezza è diretta la trascrizione, che è un meccanismo di soluzione dei

conflitti tra soggetti che fanno valere sullo stesso bene diritti contrastanti.

Trascrizione consiste nel riportare un estratto di tutti gli atti che trasferiscono la proprietà, o

costituiscono, modificano o estinguono altri diritti sulla cosa, nei registri appositi tenuti presso le

Conservatorie dei registri immobiliari (oggi Agenzie del Territorio). Si organizza così un sistema che

consente di rendere conoscibili gli atti traslativi o costitutivi, modificativi o estintivi di diritti sui

beni immobili. Chi intende acquistare ha infatti modo: a) di informarsi sulla situazione giuridica del

proprio dante causa; b) di rendere conoscibile il suo acquisto ai terzi.

La conoscibilità degli atti è solo l’effetto pratico; l’effetto giuridico della trascrizione è di regola

l’opponibilità degli atti trascritti ai terzi che vantino diritti sullo stesso bene in base ad un atto non

trascritto o trascritto in data posteriore.

L’opponibilità si dice anche efficacia relativa (e l’inopponibilità inefficacia relativa);

l’espressione sottolinea che un atto può allo stesso tempo:

Essere efficace tra le parti ma inefficace nei confronti di determinati terzi

• Essere efficace nei confronti dei terzi che NON abbiano trascritto o trascrivano

• successivamente, e inefficace nei confronti di chi invece abbia trascritto anteriormente.

La parte acquirente che si informa diligentemente, e provvede alla trascrizione del proprio atto, si

pone in una situazione di certezza perché:

Se risulta da una trascrizione già effettuata che il bene è stato alienato ad altri, l’interessato

a) sa che il suo atto d’acquisto non potrà essere fatto valere contro quei terzi: o evita

l’acquisto o acquista a suo rischio

Se non risulta un atto di alienazione trascritto, l’interessato ha la certezza che contro di lui

b) non avrà effetto alcuna trascrizione o iscrizione successiva, quantunque l’acquisto risalga a

data anteriore.

La trascrizione NON HA efficacia costitutiva; è un modo per risolvere conflitti tra soggetti, non per

assegnare la proprietà. Prescinde dallo stato soggettivo di buona o mala fede di chi trascrive,

rilevando quest’ultimo semmai sul diverso piano della tutela risarcitoria ex art. 2043 c.c.

La trascrizione non dà vita a un diritto ove esso non esiste né attribuisce validità ed efficacia al

negozio ch ne sia privo. Pertanto la trascrizione di un atto di vendita immobiliare non è di ostacolo

alla dimostrazione che esso sia simulato; non ha efficacia sanante dei vizi dell’atto.

DIFFERENZA CON L’ISCRIZIONE

L’iscrizione, che vale per l’ipoteca, è un meccanismo pubblicitario dove il diritto reale si costituisce

ATTRAVERSO la pubblicità, mentre l’atto di concessione (o il diverso titolo giudiziale o legale) fa

nascere il DIRITTO A ISCRIVERE l’ipoteca.

L’iscrizione dell’atto di trasferimento della proprietà nei registri immobiliari ha efficacia costitutiva

nelle zone dove ancora vige il SISTEMA TAVOLARE, cioè il sistema di registrazione dei beni

2

immobili introdotto dall’impero austriaco (sistema del libro fondiario) ed organizzato su base

reale, cioè con riguardo ai beni. Territori annessi all’Italia: Province di Trento, Bolzano, Gorizia e

Trieste, alcuni Comuni delle Prvince di Udine e Belluno. Regolato da decreto regio 49/1929.

Nel sistema tavolare, il diritto di proprietà e gli altri diritti reali sui beni immobili non si

acquistano, modificano o estinguono per atti tra vivi per effetto del consenso legittimamente

manifestato, bensì solo con l’iscrizione e la cancellazione del diritto nel libro fondiario. Tuttavia,

l’intavolazione non ha mai di per sé efficacia costitutiva dei diritti che ne formano oggetto.

IL PROCEDIMENTO

Come avviene la trascrizione e l’impostazione dei registri immobiliari; l.27.2.1985 n. 52 ha

modificato alcune norme del codice in relazione all’introduzione di un sistema di elaborazione

automatica nelle conservatorie dei registri immobiliari.

Viene prevista l’utilizzazione di procedure telematiche da parte dei notai, sancita la progressiva

estensione, in regime di obbligatorietà, del modello unico informatico. Allo stato attuale, anche

nel caso di invio telematico della nota di trascrizione o iscrizione da parte del notaio la pubblicità è

compiuta solo con una presentazione all’Agenzia del Territorio del titolo cartaceo.

Oltre al registro generale d’ordine (2678) in cui il conservatore deve annotare giornalmente,

secondo l’ordine di presentazione, ogni titolo che gli è rimesso perché sia trascritto, iscritto o

annotato, il conservatore deve tenere nei modi di legge anche i registri particolari per le

trascrizioni, per le iscrizioni e per le annotazioni, nonché gli altri registri prescritti dalla legge. E’

proprio il numero d’ordine del registro generale a stabilire la priorità tra possibili contrastanti

iscrizioni e trascrizioni.

I registri immobiliari non vanno confusi con il catasto fondiario, che registra i beni immobili e i

relativi passaggi di proprietà soprattutto a fini fiscali, ed è orinato su base reale (bene per bene) e

non su base personale.

Gli atti sono trascritti con riferimento alle parti che li compiono: ogni atto di alienazione o di

costituzione di diritti viene trascritto sia contr l’alienante, sia a favore dell’acquirente.

LA RICHIESTA

La trascrizione va richiesta presso l’ufficio dei registri immobiliari nella cui circoscrizione si trova il

bene 2663.

2657: la trascrizione non si può eseguire se non in forza di sentenza, atto pubblico o scrittura

privata autenticata o accertata giudizialmente. La ragione della norma è chiara: la funzione e gli

effetti della trascrizione richiedono che sia legalmente certa la provenienza dell’atto dai soggetti

che figurano come parti. Proprio per questo la trascrizione non è un mezzo di prova dell’atto.

La trascrizione è un onere per la parte interessata a far valere il proprio atto anche verso i terzi; art

2643 e ss. usano il linguaggio del “dovere”. Essa è un obbligo per il pubblico ufficiale che redige o

autentica l’atto soggetto a trascrizione. Non esiste una trascrivibilità facoltativa, in quanto la

trascrizione è ammessa solo nei casi previsti dalla legge, esclusa l’applicazione per analogia.

LA NOTA DI TRASCRIZIONE

Art 2659: la parte che richiede la trascrizione di un atto tra vivi, oltre che la copia autenticata del

titolo, deve presentare una nota, che indichi

Cognome, nome, luogo e data di nascita delle parti (denominazione e sede se persona

1. giuridica), il numero di codice fiscale, il regime patrimoniale per i soggetti coniugati

Il titolo di cui si chiede la trascrizione e la data

2. Il cognome e nome del pubblico ufficiale che ha redatto o autenticato l’atto, o dell’autorità

3. giudiziaria che ha pronunciato la sentenza

3


PAGINE

8

PESO

82.06 KB

AUTORE

Moses

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Giurisprudenza
SSD:
Università: Trieste - Units
A.A.: 2012-2013

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Moses di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Diritto privato e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Trieste - Units o del prof Cubeddu Maria Giovanni.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Diritto privato

Diritto privato I
Appunto
Il Diritto privato Corso Appunti uniti in PDF
Appunto
Storia del diritto medievale e moderno - Appunti
Appunto
Diritto internazionale - Riassunto esame, prof. Amadeo
Appunto