Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Lezione 3: ESATTEZZA

L’esattezza è innanzitutto la precisione.

Per Calvino esattezza vuol dire tre cose:

1. Un disegno dell’opera ben definito

2. Evocazione di immagini visuali nitide e incisive (icastico)

3. Un linguaggio il più preciso possibile come lessico e come resa delle sfumature di pensiero

e immaginazione.

Calvino pensa che il linguaggio venga usato sempre in modo approssimativo, come se ci fosse

un’epidemia che ha colpito l’umanità, proprio per questo egli preferisce scrivere, per correggere le

proprie frasi e raggiungere un livello soddisfacente delle sue parole.

Questa peste però ha colpito anche le immagini, poiché i media non fanno che trasformare il mondo

in immagini facendogli perdere ogni forma e significato nonché la forza di imporsi all’attenzione.

Leopardi sosteneva che il linguaggio è tanto più poetico quanto più è vago e impreciso. La parola

vago, trasmette un’idea di movimento e mutevolezza che si associa in italiano all’incerto quanto

alla grazia e alla piacevolezza. Ad esempio le parole “lontano” e “antico” sono per leopardi

poetiche e piacevoli, perché destano idee vaste e indefinite. Tuttavia Leopardi mostra un’attenzione

minuziosa per i dettagli , proprio per questo si rivela un sostenitore della teoria dell’esattezza. Il

poeta del vago diviene il poeta dell’esattezza.

L’opera in cui Calvino ha espresso meglio il suo concetto di esattezza è “Le città invisibili”, perché

ha potuto concentrare in un unico simbolo tutte le sue riflessioni, congetture ed esperienze e perché

ha costruito una struttura sfaccettata in cui ogni breve testo sta vicino agli altri in una successione

che non implica una sequenzialità o una gerarchia, ma una rete entro la quale si possono tracciare

molteplici percorsi.

Nelle città invisibili, ogni concetto e ogni valore si rivela duplice, anche l’esattezza: da una parte la

riduzione degli avvenimenti contingenti a schemi astratti con cui si possono compiere operazioni e

dimostrare teoremi, dall’altra lo sforzo delle parole per rendere conto con la maggior precisione

possibile dell’aspetto sensibile delle cose.

Lezione 4: VISIBILITA’

Immaginazione visiva

Il ruolo dell’immaginazione nella divina commedia è la parte visuale della fantasia di Dante,

precedente o contemporanea all’immaginazione verbale.

Possiamo distinguere due tipi di processi immaginativi:

1. Quello che parte dalla parola e arriva all’immagine visiva

2. Quello che parte dall’immagine visiva e arriva all’espressione verbale.

Il primo processo è quello che avviene normalmente nella lettura: leggiamo per esempio una scena

di un romanzo e , a seconda della maggiore o minore efficacia del testo, siamo portati a vedere la

scena come se si svolgesse davanti ai nostri occhi.

Dante, nella Divina Commedia, sosteneva di ricevere le sue visioni direttamente da Dio, gli scrittori

più vicini a noi stabiliscono collegamenti con emittenti terrene, come l’inconscio individuale o

collettivo, si tratta di processi che anche se non partono dal cielo, esorbitano dalle nostre intenzioni

e dal nostro controllo, assumendo rispetto all’individuo una sorta di trascendenza.


ACQUISTATO

53 volte

PAGINE

4

PESO

59.92 KB

AUTORE

Moses

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in lettere classiche
SSD:
A.A.: 2011-2012

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Moses di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Letteratura Italiana e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università La Sapienza - Uniroma1 o del prof Scienze letterarie Prof.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Letteratura italiana

Letteratura Italiana - Riassunto esame
Appunto
Letteratura italiana - personaggi femminili in D'Annunzio - Saggio
Appunto
Letteratura italiana - biografia e opere di Francesco Petrarca
Appunto
Letteratura italiana - Giovanni Boccaccio
Appunto