Che materia stai cercando?

Storia del giornalismo lezione 2 - 21/02/2018

Appunti dettagliati. Il corso si rivolge agli studenti dei seguenti corsi di laurea: Lingue e letterature europee ed extraeuropee; scienze umanistiche per la comunicazione; filosofia; storia; scienze umane dell'ambiente, del territorio e del paesaggio; scienze storiche.

Esame di Storia del giornalismo docente Prof. I. Piazzoni

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

delle appendici che non potevano essere ascritte a nessuna categoria e si chiamavano quindi di

varietà. Siamo agli esordi della storia della componente d’intrattenimento dei giornali; dal 1860 in

poi l’appendice si strutturerà e diventerà un elemento fondamentale per i giornali, immancabile.

Nel ‘900 si tradurrà nella nascita della cosiddetta T , la pagina culturale.

ERZA PAGINA

Mancava la , perché essendo giornali privi di risorse, era impossibile mantenere una rete

CRONACA

di giornalisti che andassero a cercare la notizia. La cronaca nascerà alla metà del 1860 con la

nascita de di Milano che avrà le risorse per pagare i giornalisti per fare la cronaca.

IL SECOLO

In genere poi anche i fogli più importanti non potevano permettersi delle CORRISPONDENZE

(qualcuno che fornisse notizie da una città italiane o straniere) perché avere corrispondenti era

costoso e poi perché il sistema postale non era eccellente. I notiziari stranieri c’erano ma le notizie

erano recuperate attraverso i giornali stranieri che venivano tradotti e riportati.

Solo nei giornali maggiori c’era una . Anche in questo caso per un motivo economico e

REDAZIONE

poi perché nella maggior parte dei casi, i giornalisti di questi fogli non sono professionisti ma

uomini politi o letterati che fanno politica, non c’erano giornalisti puri.

Per le , quasi tutti questi giornali erano stampati con metodi abbastanza

PROCEDURE DI STAMPA

antiquati. Le più recenti innovazioni tecniche, che erano già applicate negli Stati Uniti, Inghilterra e

Francia, in Italia si divisero molto lentamente. Non c’erano i presupposti tecnologici e le risorse

economiche, era un’eccezione e una rarità possedere macchinari avanzati e adeguati (es. Pomba).

La composizione degli articoli e dei giornali era fatta a mano con un rendimento molto basso, la

stampa era fatta con torchi di legno o di ferro. Non cerano torchi meccanici, che erano la normalità

all’estero; il primo fu adottato dal Times nel novembre 1814; in questo caso il ritardo è fortemente

legato a un’arretratezza politica, con la mancanza della libertà di stampa è inutile possedere una

simile macchina; vengono acquistati con la nascita del vero giornalismo nel 1848.

L’arretratezza è legata alla mancanza di una vera esigenza, con la nascita del giornalismo politico

nasce anche l’esigenza di una tecnologia più avanzata: iniziano ad essere introdotti i primi torchi

meccanici, che contribuirono alla diminuzione del tempo di stampa e anche degli operai che

dovevano essere impiegati nelle stamperie per pubblicare i giornali.

A prescindere dalle difficoltà tecniche c’è un che è quello del

PROBLEMA CRUCIALE MERCATO

: si ripresenta lo stesso problema cioè perché applicare delle

ITALIANO DEI LETTORI DI GIORNALI

costose innovazioni tecnologiche se poi il pubblico è ristretto o inesistente?

! 4

Alla metà dell’800 si assiste, come abbiamo detto, alla nascita di centinaia di fogli, ma le loro

tirature sono bassissime, e questo perché il mercato non era in grado di assorbire un gran numero di

copie di giornali; la causa principale era l’altissimo tasso di analfabetismo.

Il fenomeno dell’ è impressionante in questi anni. L’Italia è un paese a due facce:

ANALFABETISMO

da una parte abbiamo un’élite coltissima, aggiornatissima che è ai livelli dei paesi più avanzati;

dall’altra abbiamo la grande massa degli italiani; non esiste in questo momento una classe media

(solo in alcuni luoghi esiste una classe di piccolo borghesi o di operai e commercianti colti-

alfabetizzati).

Naturalmente la situazione era articolata e varia enormemente da stato a stato. La situazione

migliore era quella del L -V , unico stato della penisola in cui era in vigore

OMBARDO ENETO

l’ ’ - introdotto nel 1818 -, e in cui si registrava il miglior

OBBLIGO DELL ISTRUZIONE PRIMARIA

rapporto tra il numero degli alunni delle elementari e la popolazione complessiva (in Lombardia il

rapporto era 1:14; in Veneto 1:26). Bisogna però considerare che nonostante la legge prevedesse

l’obbligo della scolarizzazione, non erano previste sanzioni o pene per non rispettava la legge, preci

anche nel Lombardo-Veneto il tasso di analfabetismo era molto alto (moltissimi bambini e

soprattutto bambine non andavano a scuola; le classi erano composte anche da più di 100 alunni, i

maestri erano poco pagati e scarsamente preparati, e il tasso di frequenza era bassissimo); quindi era

molto diffuso anche qui il semi-analfabetismo e l’analfabetismo di ritorno.

In Piemonte, che era uno stato abbastanza avanzato, il 66% della popolazione del tempo era

completamente analfabeta, e nel restante 34% era comunque diffuso il semi-analfabetismo e

l’analfabetismo di ritorno.

Ancora più drammatica la situazione nel centro e nel sud del paese, dove gli alunni delle scuole

erano poche centinai di migliaia e dove la maggior parte dei comuni non avevano nemmeno una

scuola.

Altro enorme problema che affliggeva il mercato dei giornali era quello del , il giornale era

REDDITO

un “bene di lusso”; si è calcolato che a metà dell’800 a Torino un operaio avrebbe dovuto spendere

un terzo del suo salario giornaliero per comprare il Risorgimento.

I giornali che volevano essere letti dai ceti popolari alfabetizzati giocavano sul prezzo, che veniva

ottenuto attraverso varie economie vale a dire piccolo formato, carta scadente, lavoro gratis dei

giornalisti, e in quel caso la cerchia dei lettori si ampliarono. I giornali a 5 centesimi avevano una

tiratura molto più ampia. ! 5

Altro problema era la : non esistendo le edicole i giornali venivano venduti qualche

DISTRIBUZIONE

volta nelle tabaccherie, nelle stesse tipografia che li stampavano, nelle redazione, quando

esistevano, e, nelle grandi città, la venduta era affidata agli strilloni per le strade.

In genere la prassi più diffusa era quella dell’abbonamento o dell’associazione, che prevedeva la

spedizione direttamente a casa; era però una modalità che potevano permettersi pochi, perché

l’abbonamento costava molto (anche se chiaramente rispetto al singolo numero costava meno);

anche in questo caso c’erano però problemi, perché non essendoci un servizio postale efficiente era

comune che ci fossero ritardi e disguidi.

Per tutti questi motivi è molto difficile dare un quadro delle tirature o degli abbonamenti dei

giornali dell’epoca; da vari studi si è però arrivati alla conclusione che il giornale che raggiunse le

tirature più alte fu l’I , il giornale di Mazzini, che grazie al suo bassissimo prezzo,

TALIA DEL POPOLO

5 contesimi, che nel 1852 aveva 10000 abbonati.

I quotidiani che costavano di più si attestarono circa sulle 1000 copie, erano un risultato molto

importante riuscire a raggiungere le 2000 copie ed era fondamentale che almeno la metà fossero

abbonamenti, riuscivano comunque a sopravvivere non guadagnare.

Molto numerosi erano i casi di tirature così basse da portare alla chiusura dei giornali.

Alcune volte però, giornali che non vendevano abbastanza copie per poter sopravvivere, anziché

chiudere continuavano con le pubblicazioni e questo grazie all’intervento di finanziatori esterni.

Sono questi gli anni della comparsa del , che poteva arrivare da due

FINANZIAMENTO ESTERNO

diversi soggetti: un soggetto economico, che nell’Italia dell’epoca però praticamente erano

inesistenti; o uno soggetto politico che era la maggioranza dei casi. Quando si parla di soggetto

politico bisogna fare un ulteriore divisione: potevano essere candidati, soggetti che erano già dentro

il mondo politico o che volevano finanziare un determinato orientamento politico, oppure poteva

essere un soggetto istituzionale vale a dire un ministero, un governo.

È molto importante perché è proprio nel 1848 che inizia il problema del FINANZIAMENTO AI

.

GIORNALI

C’è poi un caso più complesso, rappresentato da quei giornali, come il Mondo illustrato (il caso più

interessante), che non erano esclusivamente politici, ma erano giornali di varietà o illustrati. Questo

tipo di giornale, come abbiamo visto, era diverso dai precedenti e costavano molto di più. Il mercato

era quindi molto più ristretto ma il Mondo illustrato nel 1848 riesce ad avere 3000 abbonati, un

numero eccellente per l’epoca; il problema con cui la rivista si scontra è però rappresentato dal

! 6

rapporto costi di gestione - numero della tiratura: i costi erano troppo alti, per riuscire ad avere un

equilibrio tra costi e ricavi.

A proposito di distribuzione, un caso molto interessante è quello rappresentato dalla rivista gesuita

C che adotta metodo di distribuzione molto

IVILTÀ CATTOLICA

efficace. Il giornale nasce a Napoli nel 1850 e fin da subito

studiò un sistema di distribuzione mai sperimentato in Italia

che gli consentì di raggiungere delle tirature enormi e di avere

una diffusione su tutto il territorio nazionale.

I N C O S A C O N S I S T E VA L A PA RT I C O L A R I T À D E L L A

?

DISTRIBUZIONE GESUITI

La redazione aveva diviso tutto il territorio della penisola

italiana in cerchi, a ognuno dei quali era preposto un

responsabile della distribuzione; i cerchi erano più o meno

grandi a seconda della densità della popolazione: più piccoli

dove la densità era più alta; più grandi dove la densità era più

bassa (ci troviamo quindi davanti a una prima forma di marketing del giornale). Ovviamente questa

organizzazione contava anche sui gangli della chiesa cattolica, che di suo aveva già un network di

contatti molto vasto. Tutto questo fece si che già alla fine del 1850 si raggiungesse la cifra di 7000

abbonati, che nel 1853 erano saliti 11000. Raggiungiamo la tiratura massima, che venne poi

mantenuta nel tempo, di 13000 copia vedute (abbonati+non abbonati): cifra straordinaria per

l’epoca. Altro caso interessante è quello dell’I ,

TALIA DEL POPOLO

giornale di Mazzini. Nasce a Milano, ma poi si sposta a Genova

e poi a Losanna. Ciò che caratterizza questo giornale è il fatto

che riuscì a raggiungere la cifra di 10000 copie venduto solo

attraverso i canali clandestini.

Altra eccezione è rappresentata dal giornale il ,

CREPUSCOLO

forse il più bello dell’800, dal punto di vista della cultura.

È un giornale creato a Milano da C T nel 1857, che

ARLO ENCA

riesce a raggiungere il numero di 2500 abbonati, che per un

! 7


PAGINE

10

PESO

515.21 KB

PUBBLICATO

4 mesi fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in scienze storiche
SSD:
Università: Milano - Unimi
A.A.: 2018-2019

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Silvia.p92 di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Storia del giornalismo e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Milano - Unimi o del prof Piazzoni Irene.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Storia del giornalismo

Storia del giornalismo appunti Lezione 1 14/02/2018
Appunto
Storia del giornalismo appunti lezione 7 02/03/2018
Appunto
Storia del giornalismo appunti lezione 8 07/03/2018
Appunto
Storia del giornalismo appunti lezione 9 08/03/2018
Appunto