Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

  LIVIO  ANDRONICO  (nascita  e  morte  ignote)  

Vita:  

  Giunse  a  Roma  da  Taranto,  probabilmente  al  seguito  di  Livio  Salinatore,  alla  conclusione  della  

⇒ guerra  fra  Roma  e  Taranto;  

Fu  il  liberto  di  Salinatore;  

⇒ Fu  attivo  come  grammaticus,  ossia  professore  di  latino  e  greco;  

⇒ Fu  autore  di  testi  scenici  e  come  attore  portò  sulla  scena  qualche  suo  lavoro.  

⇒ Nel  240  una  sua  opera  fu  rappresentata  a  Roma;  

⇒ 207  compose  un  PARTENIO  in  onore  di  Giunone;  

⇒ ebbe  pubblici  onori  e  il  suo  COLLEGIUM  SCRIBARUM  HISTRIONUMQUE  venne  insediato  in  un  

⇒ edificio  pubblico.  

Opere:  

sessanta  frammenti  pervenutici  grazie  a  citazioni  di  autori  repubblicani.  

è Ci  restano  8  titoli  di  tragedie;  

è ACHILLES;  

è

  AEGISTUS;  

è

  AIAX  MASTIGOPHORUS;  

è EQUOS  TROIANUS;  

è

  HERMIONA;  

è

  ANDROMACA,  DANAE,  TEREUS.  

è

   

  Versione  in  saturni  dell’ODISSEA  di  Omero,  il  cui  titolo  doveva  essere  Ondusia.  

è Scrisse  alcune  palliate.  

è

 

Fonti:   Cicerone,  nel  Brutus;  

§ Livio.  

§

 

I  grandi  classici  romani  del  I  secolo  a.C  indicano  in  Livio  l’iniziatore  della  letteratura  latina;  tutto  ciò  

che  però  sappiamo  è  che  questo  autore  ha  avuto  una  notevole  importanza  storica.  Il  fatto  di  tradurre  

in  lingua  latina  un  classico  della  letteratura  greca  detiene  un  significato  storico  esemplare,  anche  se  il  

fenomeno   della   traduzione   scritta   non   era   un   fenomeno   innovativo:   prima   dei   Romani,   le   traduzioni  

venivano  praticate  da  egiziani  e  dalle  popolazioni  mesopotamiche  per  testi  giuridici  o  politici.  

L’operazione  che  egli  eseguì  ebbe  finalità  letterarie  e  culturali,  perché  rese  effettivamente  disponibile  

un   testo   fondamentale   della   cultura   greca.   Il   testo   ebbe   però,   una   straordinaria   fortuna   come   testo  

scolastico   e   sappiamo   che   ai   tempi   di   Orazio,   gli   studiosi   avevano   serie   difficoltà   con   il   linguaggio  

arcaico  e  complesso  di  Livio.  L’importanza  è  tutta  nel  vedere  la  traduzione  come  operazione  artistica:  

costruzione  di  un  testo  che  sia  parallelo  all’originale  e  da  un  lato  si  sforzi  di  essere  un’opera  autonoma,  

dall’altro   conservi   i   contenuti   e   la   qualità   artistica   del   modello.   Non   avendo   grandi   modelli   epici,   le  

difficoltà   dell’autore   furono   molte,   costringendolo   ad   adottare   altre   scelte   per   dare   solennità   al  

linguaggio  letterario:  

Genitivi  in  –as  e  l’imperativo  insece,  sono  forme  arcaizzanti  già  al  tempo  di  Andronico;  

⇒ La  lingua  letteraria  si  stacca  dal  quotidiano;  

⇒ L’autore   utilizza   il   formulario   della   tradizione   religiosa,   che   riesce   a   dare   elevatezza   e  

⇒ profondità  al  suo  linguaggio.  

I  frammenti  in  nostro  possesso  ci  permettono  di  osservare  altre  caratteristiche  più  specifiche:  

  9  

a. Notevole  volontà  di  chiarezza  e  aderenza  all’originale:  tradurre  significa  conservare  ciò  

che  si  è  recepito  e  modificare  ciò  che  è  intraducibile;  

b. In  altri  casi,  l’autore  sembra  modificare  Omero  per  intenzioni  artistiche;  

c. La  capacità  di  drammatizzare  il  racconto  omerico  ci  fa  pensare  che  Andronico  fosse  un  

drammaturgo  di  grande  livello;  

d. I  modelli  tragici  cui  s’indirizzò  furono  Sofocle  ed  Euripide.  

La  sua  fortuna  letteraria  si  esaurì  molto  prima  della  lettura  scolastica  dell’autore.  

 

VIRUM  MIHI,  CAMENA,  INSECE  VERSUTUM  

QUELL’UOMO  SCALTRO  E  ACCORTO  NARRAMI,  O  CAMENA.  

  INSECO:  è  raro  e  arcaico  e  ha  la  stessa  radice  

  del  verbo  greco.  

VERSUTUM:  è  parzialmente  un  calco  di  

  POLYTROPON.  

  CAMENA:  è  la  versione  romanizzata  di  Musa.  È  

l’antica  divinità  latina  delle  fonti.  

Frammento  dall’Odusia.  

  10  

  NEVIO  (nascita  ignota  –  morte  204/201[?])  

Vita:   È  un  cittadino  romano  di  origine  campana;  

Ù Combattè  nella  prima  guerra  punica  (264  –  241);  

Ù Sembra  che  fosse  plebeo  di  nascita  e  non  sono  molti  i  letterati  di  origine  plebea.  

Ù Si  racconta  di  una  polemica  con  i  Metelli,  che  gli  risposero  minacciosamente;  

Ù Si  pensa  fosse  stato  incarcerato  per  certe  allusioni  contenute  nei  suoi  drammi;  

Ù Morì  ad  Utica,  forse  in  esilio.  

Ù

Opere:  

Numerose  tragedie(di  cui  due  PRAETEXTAE,  ROMULUS,  CLASTIDIUM)  e  commedie.  

o

 

 

  Un  suo  testo  fu  rappresentato  nel  235.  Delle  tragedie  

  di   argomento   greco   ci   restano   sette   titoli   e   50  

frammenti   per   una   settantina   di   versi.     Delle  

  commedie   conosciamo   28   titoli   e   un’ottantina   di  

  frammenti.  

 

  il  BELLUM  POENICUM  in  saturni:  è  un  omaggio  alla  poesia  ellenistica  e  il  poema  doveva  essere  

o costituito   da   4000/5000   versi,   dei   quali   se   ne   sono   conservati   pochissimi.   L’opera   non  

presentava   una   divisione   in   libri,   ma   fu   poi   ripartita   dal   grammatico   Lampadione.   Il   poema  

narrava  la  storia  di  Enea  che  giunge  da  Troia  nel  Lazio  e  nella  sua  parte  principale,  descriveva  

la   storia   della   prima   guerra   punica,   che   l’autore   stesso   aveva   vissuto.   Era   un   argomento   di  

grande  attualità  per  il  mondo  romano.  

Fonti:   Cicerone;  

a Gerolamo  (occasionali);  

a Allusione   in   Plauto   (nel   MILES   GLORIOSUS   si   parla   di   un   poeta   incarcerato   e   costretto   al  

a silenzio);  

La  controversa  con  i  Metelli  è  una  notizia  dubbia.  

a

 

È  il  primo  letterato  latino  di  nazionalità  romana  e  inserito  nelle  vicende  contemporanee,  che  partecipa  

attivamente  agli  eventi  storici  e  politici  per  esperienza  letteraria  e  per  vissuto  personale.  Il  suo  forte  

impegno  è  evidente  anche  nel  suo  poema  epico,  che  è  il  primo  trattante  vicende  di  natura  romana.  Il  

poema   ha   un   carattere   molto   originale,   tanto   che   è   piuttosto   spiacevole   averlo   perduto;   la   novità  

dell’opera  non  si  esaurisce  alla  tematica:  

a. Non  si  limita  a  trattare  in  poesia  la  prima  guerra  punica;  

b. Il  suo  racconto  trova  le  sue  origini  nella  preistoria  romana;  

c. Sappiamo  che  narrava  con  una  certa  ampiezza  la  leggenda  di  Enea,  l’eroe  che  porta  i  penati  da  

Troia   nel   Lazio   e   dà   origine   alla   stirpe   romana;   questo   dimostra   in   qualche   modo   lo   strato  

omerico  del  poema;  

d. Il   poema   aveva   anche   uno   strato   storico,   la   descrizione   della   guerra   contro   Cartagine.   Non  

sappiamo  come  l’autore  abbia  collegato  i  due  strati.  

Questo   poema   presuppone   una   conoscenza   di   Omero   e   della   tradizione   ellenistica   del   poema   storico   –  

celebrativo.  Sembra  qui  risultare  un  poema  che  intreccia  i  racconti  di  ILIADE  e  ODISSEA.    Anche  nello  

stile  il  poema  rivela  un  intreccio  tra:  

Poetica  ellenistica;  

a

  11  

Ispirazione  nazionale.  

a

I   frammenti   rivelano   una   varietà   di   tono   e   d’impasto   lessicale.   Una   caratteristica   di   tutta   la   lingua  

poetica  arcaica  è  l’importanza  assegnata  alle  figure  di  suono:  

Ripetizioni;  

a Allitterazioni;  

a Assonanze,  

a

tendono  a  determinarsi  come  la  struttura  portante  del  verso  e  il  saturnio  trovava  vigore  proprio  

nelle   ripetizioni   foniche.   La   sperimentazione   linguistica   imponeva   a   Nevio   due   comportamenti  

molto  diversi:  

a. La   sezione   mitica   lo   costringeva   a   confrontarsi   con   il   linguaggio   poetico   greco,   che  

aveva  una  riserva  inesauribile  di  epiteti  preziosi;  

b. La   sezione   storica   del   poema   poneva   problemi   cruciali,   ma   di   diversa   natura.  

L’autore  adatta  il  suo  stile  poetico  ad  una  narrazione  lunga  continua,  il  cui  modello  è  

riscontrabile  nella  storiografia.  

Nel   complesso   l’opera   appare   come   un   elaborato   di   forte   sperimentalismo,   in   cui   le   componenti  

stilistiche   non   trovano   un   preciso   equilibrio.   La   fama   di   questo   poeta   sarà   oscurata   da   Ennio.   Nevio  

compose  anche  delle  tragedie  mitologiche,  molte  di  queste  legate  al  ciclo  troiano:  

EQUOS  TROIANOS;  

a DANAE;  

a HECTOR  PROFICISCENS;  

a IPHIGENIA.  

a

Tra  i  testi  comici  neviani  si  distinguono:  

a. COLAX  

b. GYMNASTICUS  

c. DOLUS  

d. TARENTILLA  (ritratto  di  una  ragazza  civettona)  

Dai   frammenti   si   ricava   una   forte   inventiva   verbale,   che   anticipa   lo   stile   plautino.   Nevio   pagò   a   caro  

prezzo   il   suo   anticonformismo,   sebbene   la   sua   fama   sia   stata   completamente   eclissata   da   Terenzio   e  

Plauto.    

 

IMMORTALES  MORTALES  SI  FORET*FAS  FLERE,                                                             (congiuntivo   imperfetto  

equivalente  a  esset)  

FLERENT  DIVAE  CAMENAE  NAEVIUM  POETAM.      

ITAQUE  POSTQUAM  EST  ORCHI**  TRADITUS  THESAURO  

OBLITI  SUNT  ROMAE  LOQUIER***  LINGUA  LATINA.                                                    (infinito  presente  arcaico)  

 

SE  GLI  IMMORTALI  AVESSERO  DIRITTO  DI  PIANGERE  I  MORTALI,  

PIANGEREBBERO  LE  DIVINE  CAMENE  IL  POETA  NEVIO.  

DA  QUANDO  È  CONSEGNATO  AI  RECESSI  DELL’ORCO  

A  ROMA  HANNO  SCORDATO  IL  PARLARE  LATINO.  

 

 

 

 

   

  12  

PLAUTO(nascita  ignota  –  morte  184)  

 

Vita:  

  Il   nome   è   ancora   fonte   di   dubbi   tra   gli  

Ù Gli   antichi   lo   citano   come   PLAUTUS,   forma   romanizzata  

studiosi;   di  un  cognome  umbro  PLOTUS,  che  sarebbe  uno  dei  pochi  

Era   nativo   di   Sarsina,   oggi   Emilia  

Ù elementi   sicuri.   In   alcune   edizioni   dell’800   compare  

come   M.   ACCIUS   PLAUTUS.   Questa   denominazione   è  

Romagna;   sospetta,   perché   i   tria   nomina   si   usano   solo   per   chi   è  

Non  era  di  origine  romana;  

Ù dotato  della  cittadinanza  romana  e   non  siamo  sicuri  che  

Era  con  certezza  un  cittadino  libero;  

Ù Plauto  l’abbia  avuta.  

Data  di  mote  stimata  nel  184;  

Ù Dobbiamo   immaginarci   un’attività   letteraria   compresa   tra   il   periodo   della   seconda   guerra  

Ù punica  e  gli  ultimi  anni  di  vita  del  poeta.  

 

Opere:  

 

Fu  un  autore  di  grande  di  grande  successo  e  molto  prolifico  dal  punto  di  vista  artistico;  sembra  che  nel  

II   secolo   circolassero   qualcosa   come   130   commedie   legate   al   nome   di   Plauto.   Non   sappiamo   se  

quest’informazione   sia   veritiera,   ma   è   oggetto   di   discussione.   Nello   stesso   periodo,   fu   condotta  

un’attività  editoriale  intensa  sulle  opere  di  Plauto:  

1. Furono  condotte  vere  edizioni  ispirate  ai  criteri  della  filologia  alessandrina;  

2. Le  commedie  furono  dotate  di  discalie,  di  sigle  dei  personaggi;  

3. I  versi  furono  impaginati  da  persone  competenti,  in  modo  che  potesse  essere  riconoscibile  la  

natura.  

La  fase  critica  fu  segnata  dall’intervento  di  Varrone,  che  stabilì,  sulla  base  del  generale  consenso,  quelle  

che  potevano  essere  le  commedie  autentiche  plautine:  

1. Amphitruo:   Giove   arriva   a   Tebe   per   conquistare   Alcmena.   Il   dio   prende   le   sembianze   di  

Anfitrione,   marito   della   dama.   GIOVE   approfitta   della   situazione   per   avere   la   donna.   Dopo   una  

serie  di  equivoci,  la  situazione  si  risolve.  UNICA  COMMEDIA  DI  SOGGETTO  MITOLOGICO.  

2. Asinaria:   macchinazioni  di  un  giovane  per  riscattare  la  sua  giovane  amata.  

3. Aulularia:   la  pentola,  piena  d’oro,  viene  nascosta  dal  vecchio  Euclione,  ossessionato  dal  perderla.  

4. Captivi:   caratteristiche   di   questa   commedia   sono   la   smorzatura   dei   toni   comici,   spunti   di  

umanità  malinconica.  Ha  goduto  di  una  grande  fortuna.  

5. Curculio:   è   un   parassita   di   un   giovane   innamorato   di   una   cortigiana;   per   aiutarlo   inscena   un  

raggiro  a  spese  del  lenone  che  aiuta  la  ragazza,  sia  di  un  soldato  sbruffone.  

6. Casina:   un   vecchio   e   suo   figlio   desiderano   una   trovatella   che   hanno   in   casa   ed   escogitano   due  

trame  parallele.  

7. Cistellaria:   un   giovane   vorrebbe   sposare   una   fanciulla   di   nascita   illegittima,   mentre   il   padre  

gliene  ordina  un’altra  di  legittimi  natali.  

8. Epidicus:   classica  commedia  del  servo  a  ritmo  incalzante.  

9. Bacchides:   il  titolo  designa  due  sorelle  gemelle,  entrambe  cortigiane.  Il  ritmo  della  commedia  è  

complesso  e  frenetico.  Il  modello  era  una  commedia  di  Menandro.  

10. Mostellaria:   l’inganno   alla   base   della   commedia   è   ben   architettato,   ma   non   potrà   reggere   a  

lungo,  perché  la  vicenda  si  chiude  con  il  perdono  generale  al  giovane  e  al  servo.  

11. Menaechmni:  è  il  prototipo  della  commedia  degli  equivoci.  La  commedia  è  tutta  nello  sviluppo  di  

scambi  di  persona,  fino  alla  reciproca  agnizione  finale.  

12. Miles  gloriosus:  capolavoro  di  Plauto,  mette  in  scena  un  servo  arguto  e  un  soldato  fanfarone.  Lo  

schema  di  fondo  è  quello  abituale.  

  13  

13. Mercator:  si  affronta  la  rivalità  amorosa  tra  un  padre  e  un  figlio.  

14. Pseudolus:   è   il   culmine   del   teatro   plautino.   Lo   schiavo   è   una   miniera   di   inganni,   il   campione   dei  

servi  furbi  di  Plauto.  

15. Poenulus:   il  protagonista  è  uno  straniero,  un  cartaginese  e  l’azione  si  svolge  in  Grecia.  

16. Persa:   beffa  ai  danni  di  un  lenone.  

17. Rudens:   il   titolo   rimanda   ad   un   attrezzo   che   si   trova   in   una   commedia   ambientata   sulla  

spiaggia.  

18. Stichus:   debole  tensione,  sviluppo  modesto.  

19. Trinummus:   l’intreccio   e   la   tonalità   sono   molto   più   edificanti   del   solito,   con   punte   che   fanno  

pensare  all’umanità  terenziana.  

20. Truculentus:   lo  spostamento  dei  ruoli  tradizionali  fa  sì  che  il  protagonista  sia  tratteggiato  nel  

modo  più  fosco  rispetto  agli  altri  personaggi  plautini.  

21. Vidularia.  

 

L’osservazione  delle  commedie  deve  sicuramente  far  pensare  ad  una  prevedibilità  degli  intrecci  e  dei  

tipi   umani   che   sono   incarnati   dai   personaggi.   È   chiaro   che   lo   scopo   dell’autore   è   proprio   ottenere  

questa  prevedibilità:  

Non  vuole  creare  interrogativi  problematici  sui  personaggi;  

Ù Non  ha  interesse  per  l’etica  e  per  la  psicologia.  

Ù

La  sua  tendenza  è  quella  di  usare  i  PROLOGHI  ESPOSITIVI,  che  ci  danno  delle  informazioni  interessanti  

sullo   sviluppo   della   trama,   a   spese   dei   colpi   di   scena   e   di   sorpresa.     Ci   sono   delle   caratteristiche  

ricorrenti  in  queste  commedie:  

I  personaggi  in  azione  riconducono  a  tipi  [giovane,  vecchio,  lenone,  parassita,  soldato];  

Ù I  tipi  sono  inquadrati  fin  dai  prologhi  e  il  pubblico  così  riesce  a  comprendere  tutto  sin  

Ù da  subito;  

La   trama   si   riduce   ad   una   lotta   tra   due   antagonisti   per   il   possesso   di   un   bene,   che   è  

Ù individuato  generalmente  in  una  donna.  

La  lotta  si  decide  con  il  successo  di  una  parte  e  il  danneggiamento  di  un'altra.  

Ù Di  norma  il  vincitore  è  il  giovane.  

Ù Ben  definita  è  la  scansione  temporale,  che  prevede  tre  fasi:  servo  che  medita  l’inganno,  

Ù agisce  e  alla  fine  trionfa.  

L’elemento   che   domina   su   tutti   è   una   forza   onnipresente,   la   FORTUNA,   la   cui   presenza   ha   un   valore  

stabilizzante.  La  commedia  può  essere  definita  in  due  modi:  

COMMEDIA  DEL  SERVO  

a COMMEDIA   DEGLI   EQUIVOCI,   perché   per   arrivare   alla   vittoria   finale   si   deve   passare  

a attraverso  una  lunga  fase  di  errori  e  di  confusione.  

 

La  grandezza  comica  dell’autore  è  facile  da  cogliere,  perché  egli  si  distacca  nettamente  dai  suoi  modelli  

greci  e  predilezione  di  Plauto  fu  proprio  quella  verso  le  forme  cantate,  che  sono  invece  estranee  alla  

struttura  del  modello  teatrale  menandreo.  Questo  è  uno  dei  principali  fattori  che  regolano  il  VERTERE,  

ossia  la  ricreazione  dei  modelli  greci  in  latino.  Riscrivere  il  contenuto  di  una  scena  passando  dal  codice  

prosaico  dei  trimetri  greci  alle  armonie  dei  cantica,  è  un’operazione  di  elevata  autonomia  artistica.  Lo  

stile   di   Plauto   è   intrinsecamente   vario   e   polifonico,   ma   lo   stile   varia   da   commedia   a   commedia,   ma  

accostando  le  commedie  tra  loro,  la  coerenza  di  stile  e  maniera  è  pronunciata.  I  tratti  dominanti  dello  

stile  plautino  hanno  poco  di  ellenistico  e  queste  costanti  attraversano  tutte  le  commedie:  

Giochi  di  parole;  

Ø Enigmi;  

Ø Doppi  sensi;  

Ø

  14  

Bisticci;  

Ø Metafore  e  similitudini;  

Ø Paragoni  mitologici;  

Ø Doppi  sensi;  

Ø Toponimi  fantastici;  

Ø Neologismi  istantanei;  

Ø Allusioni  scherzose  alle  istituzioni  e  al  linguaggio  militare  di  Roma.  

Ø

Questa  è  sicuramente  un’innovazione  originale  di  Plauto.  Altre  caratteristiche  delle  commedie  sono:  

Non  assegna  quasi  mai  il  nome  che  viene  dato  nella  commedia  greca  al  personaggio.  

o Introduce  un  gran  numero  di  nomi  che  non  sono  presenti  nelle  commedie  greche.  

o

La   comparazione   con   i   modelli   greci,   dà   un’impressione   distruttiva.   Ha   lavorato   con   tenacia   per  

assimilare  sia  i  singoli  modelli  attici  che  il  loro  codice  formativo,  ma  con  la  stessa  determinazione  ha  

cercato  di  distruggere  molte  delle  qualità  che  li  caratterizzavano:  

Coerenza  drammatica;  

o Sviluppo  psicologico;  

o  Realismo  linguistico;  

o motivazione;  

o caratterizzazione;  

o serietà  di  analisi;  

o senso  della  sfumatura  e  del  limite.  

o

  Nello   studio   di   quest’autore,   è   immancabile   l’analisi   e   il   confronto   con   i   modelli   greci,   che  

rappresentano   il   principale   metro   di   giudizio.   Le   analisi   comparative   dimostrano   che   Plauto   riesca  

a   trasformare   i   propri   modelli   secondo   delle   tendenze   e   delle   preferenze   che   possono   piacere   o  

meno,   ma   che   sono   assolutamente   coerenti   e   direzionate   verso   un   preciso   senso.   Plauto   tende   a    

trascurare:  

coerenza  dell’azione  drammatica;  

• le  sottili  sfumature  nel  carattere  dei  personaggi.  

I   difetti   delle   commedie   che   la   critica   gli   attribuisce,   non   sono   altro   che   dei   sacrifici,   perché   l’autore  

abbandona  il  modello  greco,  per  spostare  l’attenzione  su  altri  interessi.  La  costruzione  dei  personaggi  

ci   offre   una   spiegazione   in   questa   direzione.   Infatti,   esiste   un   personaggio   privilegiato   dalle   sue  

commedie:  il   SERVO,  che  è  ingannevole,  risolutore  di  soluzioni  e  amorale.  Inoltre:  

assume  uno  spazio  eccezionale  nella  commedia;  

• può  controllare,  influenzare,  commentare  con  ironia  lo  sviluppo  degli  avvenimenti;  

• il  servo  è  una  figura  atipica  e  non  troppo  personalizzata  dal  punto  di  vista  psicologico.  

• È  colui  che  gioca  con  le  parole,  perché  crea  metafore,  doppi  sensi,  immagini;  

• È  il  vero  portavoce  della  creatività  verbale  di  Plauto.  

Sulla  scena  è  lui  che  domina,  pur  essendo  una  figura  debole  ed  è  il  punto  centrale  e  di  attrazione  per  

tutti  gli  altri  personaggi.  

La   preferenza   per   un   certo   genere   d’intreccio   è   un   indizio   significativo,   del   fatto   che   dalle   sue  

commedie  possiamo  cogliere  delle  intenzioni  autentiche  e  determinate  storicamente.  Abbiamo  potuto  

osservare  come  la  messa  in  gioco  di  un  bene,  possa  trasformarsi  in  un  momento  critico,  in  grado  di  far  

vacillare  tutti  i  valori  sociali  e  familiari,  ritenuti  sino  a  quel  momento  importanti:  

Persone  libere  sono  trattate  come  schiave;  

• Padri  insidiano  le  donne  desiderate  dai  figli;  

• Uomini  sposati  pretendono  donne  da  libertini  a  spese  degli  scapoli.  

  15  

In  questa  fase,  le  commedie  minacciano  una  sovversione  di  tutto  quello  che  il  pubblico  normalmente  

accetta.   Il   tipico   scioglimento   di   questa   tipologia   di   commedia,   è   quello   di   rimettere   tutte   le   cose   a  

posto:   La  punizione  del  lenone;  

• La  sconfitta  del  vecchio  libertino;  

• La  riunione  della  coppia  di  innamorati  predestinata;  

• Lo  scioglimento  dell’equivoco;  

• La  ricostruzione  dell’identità  personale.  

È  chiaro  che  il  pubblico  trova  in  questo  tipo  di  commedia  una  fonte  di  divertimento,  anche  agevolato  

dal  fatto  che  la  commedia  plautina  è  perfettamente  compatibile  con  la  normale  esperienza  di  vita  del  

pubblico  romano.  L’intreccio  è  sempre  concentrato  su  problemi  reali  e  quotidiani,  come:  

La  disponibilità  delle  donne;  

• L’uso  del  denaro  di  famiglia.  

Greci,  invece,  sono:  

1. I  nomi  dei  personaggi;  

2. Certe  sfumature  legali;  

3. Certe  istituzioni  politiche  o  allusioni  storiche.  

In  questo  modo,  il  pubblico  romano,  riesce  a  partecipare  molto  concretamente  al  precipitare  della  crisi  

e  al  comporsi  finale  di  un  ordine  rassicurante.  A  mostrarcelo  in  tutto  il  suo  vigore  è  lo  schiavo  furbo,  

con  il  suo  protagonismo  incontrastato.    

  Questo   personaggio   è   davvero   centrale   e  

  incompatibile   con   la   trasmissione   di   un  

  messaggio   morale   o   culturale.     egli   è   la   fonte  

  principale   del   divertimento.   Questo   è   il  

  personaggio  che  marca  il  distacco  di  Plauto  dai  

  suoi  modelli  precedenti.    

 

 

 

L’azione  di  questo  personaggio  ci  appare  caratterizzante  della  palliata  plautina.  

 

Fortuna:  

  Le  20  commedie  plautine  continuarono  ad  essere  copiate  per  tutto  il  Medioevo,  anche  se  

è la  lettura  dell’autore  era  sicuramente  un  fatto  eccezionale.  A  partire  dalla  generazione  

di   Petrarca,   una   parte   delle   commedie   plautine   cominciano   ad   avere   una   buona  

diffusione.   A   partire   dal   1429,   tornano   in   circolazione   presso   gli   umanisti   italiani   anche  

le  commedie  varroniane.  In  questo  periodo,  ci  si  preoccupa  da  un  lato  di  ristabilire  un  

testo   sempre   più   attendibile,   dall’altra   rivivono   queste   opere   nella   loro   destinazione  

scenica.  La  commedia  umanistica  rivive  Plauto  con  adattamenti  e  libere  trasformazioni.  

Tra  500  e  600,  tra  Ariosto  e  Goldoni,  la  fortuna  di  Plauto  è  sempre  intrecciata  con  lo  sviluppo  

è del  teatro  comico  europeo.  

Plauto  rimane  lontano  dal  campo  dell’insegnamento  per  molto  tempo  a  causa  dello  stile,  

è della  metrica,  che  risultano  troppo  difficili.  

  16  

Cecilio  Stazio  (230/220  –  168)  

 

Vita:  

  Era  un  libero  di  origine  straniera;  

è Era  un  gallo  insubre;  

è Fu  amico  intimo  di  Ennio.  

è

 

Opere:  

  Abbiamo  una  quarantina  di  titoli,  quasi  tutti  palliate    

⇒ circa  trecento  versi  raccolti  dai  vari  frammenti.  

 

  I  titoli  sono:  

  1) Plocium;  

2) Ex  hautoù  hestòs  =  

quello  che  sta  in  piedi  da  sé;  

  3) Gamos  =  

le  nozze;  

  4) Epicleros  =  

l’ereditiera;  

  5) Synaristosae  =  

le  donne  a  colazione;  

6) Synephebi  =  

i  compagni  di  gioventù;  

  7) Epistula;  

  8) Pugil;  

9) Faenerator.  

   

Fonti:  

  CHRONICON  di  Girolamo;  

⇒ DE  POETIS  di  Varrone;  

verrà  letto  e  apprezzato  in  tutta  l’età  repubblicana,  oltre  che  in  quella  imperiale  sino  al  II  secolo.  

 

Viene   trattato   come   un   autore   minore,   solo   per   il   fatto   che   sono   andate   perdute   molte   delle   sue   opere.  

Molti  autori  antichi  lo  valutano  come  un  poeta  di  primo  rango,  che  non  ha  nulla  da  invidiare  a  Terenzio  

e  Plauto.  Viene  elogiato  da:  

Orazio  per  i  sentimenti;  

⇒ Varrone  per  i  suoi  intrecci.  

La   sua   posizione   storica   ci   suggerisce   una   via   di   mezzo   tra   Plauto   e   Terenzio.   Infatti,   gran   parte   dei  

frammenti  si  colloca  all’interno  dell’atmosfera  teatrale  plautina:  

Ricchezza  di  metri;  

∠ Fantasia  comica;  

∠ Gusto  per  il  farsesco.  

Per  certi  versi,  egli  è  più  vincolato  alla  Commedia  Nuova  ateniese:  

I  titoli  che  abbiamo  sono  fedeli  all’originale  greco;  

• È  assente  dai  titoli  la  figura  dello  schiavo;  

• Egli  sembra  avere  una  predilezione  per  Menandro.  

Per  aspetti  più  tendenzialmente  legati  alla  riflessione  umana,  egli  ricorda  molto  il  teatro  di  Terenzio,  

anche   se   non   abbiamo   alcuna   prova   del   fatto   che   Stazio   anticipasse   alcuni   aspetti   tipici   del   teatro  

terenziano,  come:  

Rinuncia  a  certe  varietà  metriche;  

• Riduzione  degli  effetti  farseschi  e  sboccati;  

• Approfondimento  psicologico.  

  17  

ORATORIA  E  STORIOGRAFIA  IN  EPOCA  ARCAICA  

 

Nel  BRUTUS,  Cicerone  più  volte  evidenzia  il  legame  che  intercorre  tra:  

Oratoria;  

• Vita  politica.  

L’oratoria  è  il  risultato  intellettuale  della  classe  politica  dirigente,  stessa  considerazione  valida  anche  

per   la   storiografia.   Infatti,   in   entrambe   essa   manifesta   la   propria   interpretazione   della   storia   e  

dell’attualità,   inserendovi   le   proprie   esigenze   etiche   e   politiche.   I   primi   oratori   erano   uomini   di   spicco,  

tra  cui:   MARCO  CORNELIO  CETEGO;  

§ SCIPIONE  L’AFRICANO  MAGGIORE;  

§ QUINTO  FABIO  MASSIMO  CUNCTATOR;  

§ LUCIO  EMILIO  PAOLO.  

§

Le   prime   opere   di   carattere   storico   a   Roma   erano   stati   gli   ANNALES,   ossia   libri   in   cui   i   pontefici  

registravano  anno  per  anno  per  cura  dello  stato:  

Guerre;  

∠ Paci;  

∠ Patti;  

∠ Catastrofi;  

∠ Eclissi;  

∠ Prodigi.  

Gli   annali   erano   documenti   ufficiali,   conservati   in   archivi   pubblici.   Gli   ANNALES   PONTIFICUM   non  

erano   molto   oggettivi.   Gli   stessi   pontefici   erano   scelti   tra   i   membri   dell’aristocrazia.   I   primi   veri   storici  

romani  scelgono  di  usare  il  greco,  perché  Roma  ha  bisogno  di:  

Difendere  la  propria  politica  estera;  

∠ Di  farsi  propaganda  in  un  mondo  favorevole  ai  Cartaginesi.  

Il   primo   a   scrivere   in   greco   è   QUINTO   FABIO   PITTORE,   un   aristocratico   che   ha   avuto   dei   ruoli  

importanti  durante  la  seconda  guerra  punica.  Nella  sua  opera,  sembrano  essere  prevalenti  gli  interessi  

antiquari,  ossia  una  evidente  attenzione  per:  

Riti;  

∠ Tradizioni  religiose;  

∠ Istituzioni  giuridiche  o  sociali.  

Fabio   Pittore   si   occupò   diffusamente   anche   dello   scontro   fra   Roma   e   Cartagine,   assumendo   una  

posizione  filo  –  romana,  sappiamo  infatti,  attraverso  Polibio,  che  ne  critica  la  mancanza  di  obiettività.  

 

Come  Fabio  Pittore  e  gli  annalisti  successivi,  neanche  Lucio  Cincio  Alimento,  fu  un  personaggio  politico  

di  primissimo  piano:  

a. Combattè  nella  seconda  guerra  punica;  

b. Venne  fatto  prigioniero;  

c. Potè  conoscere  personalmente  Annibale;  

d. Compose   in   greco   e   con   il   metodo   annalistico,   una   storia   di   Roma   a   partire   dalle   sue  

origini.  

Di  poco  successivi,  sono  altri  due  annalisti:  

 

GAIO  ACILIO:  

Senatore;  

o

  18  

Fu   interprete   in   Senato   all’ambasceria   dei   tre   filosofi   greci   venuti   a   Roma   nel   155   e  

o frettolosamente  rimandati  in  patria.  

Si  intrattenne  molto  sulle  origini  di  Roma,  con  ricchezza  di  interessi  eziologici,  ma  la  narrazione  

o diveniva  dettagliata  a  partire  dalla  prima  guerra  punica.  

AULO  POSTUMIO  ALBINO:  

  Venne  deriso  da  Catone,  perché  nel  proemio  si  scusava  delle  imperfezioni  derivanti  dall’uso  di  una  

o lingua  non  sua.  

Famiglia  patrizia;  

o Fu  console  nel  151.  

o

 

LETTERATURA  E  CULTURA  NELL’ERA  DELLA  CONQUISTE  

 

Nel   201   terminò   la   seconda   guerra   punica,   che   aveva   permesso   a   Roma   di   liberarsi   dell’avversario   che  

poteva  ostacolare  il  dominio  incontrastato  sul  Mediterraneo.  I  50  anni  successivi,  sono  una  sequenza  

di  progetti  di  espansione  territoriale:  

a. Seconda  e  terza  guerra  punica;  

b. Conflitto  con  Antioco;  

c. Disfatta  di  Perseo  a  Pidna;  

sono   le   conquiste   che   segnano   l’ascesa   di   Roma   a   potenza   mondiale.   Questo   processo   può   dirsi  

concluso  nel  146,  anno  in  cui  viene  rasa  al  suolo  Cartagine  e  messo  al  sacco  Corinto.    

 

  Questa   data   è   stata   interpretata   come   il   segno  

  dell’allontanamento   dai   costumi   austeri   che  

  avevano   fatto   la   grandezza   della   città.   Questa  

  progressiva   espansione   condusse   ad   una  

modificazione   profonda   dell’assetto   socio   –  

  economico   e   culturale,   che   la   storiografia  

  descrive  nei  termini  solo  parzialmente.  

 

 

Si  assiste  in  questo  momento  ad  una  divaricazione  del  corpo  civico:  

a. La  classe  dirigente  si  arricchisce  con  i  proventi  delle  guerre  di  conquista;  

b. I  ceti  intermedi  partecipano  a  questo  processo  di  accumulazione,  che  permette  loro  di  sfruttare  

la  possibilità  di  una  rapida  ascesa  sociale;  

c. L’antico  ceto  di  piccoli  proprietari  agricoltori  va  incontro  al  fenomeno  di  proletarizzazione.  

Accede   poi   che   le   terre   si   concentrino   in   poche   mani   e   si   intensifichi   lo   sfruttamento   delle   terre  

attraverso  l’utilizzo  delle  immense  masse  di  schiavi.  

 

 

 

  A  partire  dalla  fine  della  seconda  guerra  punica,  la  cultura  e  la  letteratura  registrino  la  comparsa  di  

nuove  esigenze  e  di  nuovi  conflitti.  Uno  dei  problemi  centrali,  diventa  quello  del  rapporto  con  le  

tendenze  del  modello  culturale  greco,  la  cui  importazione  viene  interpretata  come  una  corruzione  dei  

costumi  romani.  

 

Questo  processo  scaturì  dall’affermazione  del  dominio  romano  sulla  Grecia,  circa  attorno  agli  inizi  del  

II   secolo.   Questo   condusse   a   lungo   andare   ad   un’intensificazione   dei   rapporti   culturali   e   politici.   In  

  19  

questo   contesto   si   colloca   la   battaglia   di   Catone   contro   la   corruzione   dei   costumi   e   a   favore   di   una  

riaffermazione   dei   costumi   del   MOS   MAIORUM.   Oggi   si   tende   a   vedere   la   battaglia   di   Catone   come   una  

vittoria,   almeno   dal   punto   di   vista   culturale,   perché   egli   tentava   di   proporre   soltanto   una   accurata  

selezione  di  ciò  che  proveniva  dal  mondo  ellenico.  

In  questo  particolare  momento,  emerge  anche  il  personaggio  di   ENNIO,  che  aveva  avuto  il  merito  di  far  

conoscere  la  teoria  evemeristica.  Ennio  e  Pacuvio,  nel  loro  teatro  tragico,  davano  spazio  a  discussioni  

sui   valori   etici,   che   a   volte   ereditavano   lo   spirito   delle   antiche   antilogie   sofistiche.   Il   dibattito   sui  

modelli  etici  continua  con  il  teatro  di   TERENZIO,  che  propone  al  pubblico  romano  i  modelli  menandrei  

dell’ideale  di  philanthropia.  Il  protettore  di  Terenzio  era  SCIPIONE  EMILIANO,  che  faceva  parte  di  un  

gruppo  di  persone,  spesso  individuato  come  un   circolo  intellettuale.  

 

 

 

 

  Il   gruppo   scipionico   vedeva   nell’apertura   alla   cultura  

  ellenistica   un   fattore   decisivo   di   sprovincializzazione   della  

classe   dirigente   romana,   che   l’avrebbe   messa   in   grado   di  

  assolvere   alla   sua   vocazione   imperiale.   Panezio,   in   questo  

  caso,   fornì   un  importante  supporto  culturale,   elaborando  una  

  teoria   giustificativa   dell’imperialismo   romano   nei   confronti  

  degli  altri  popoli.    

 

 

 

 

 

 

A   questo   circolo   venne   spesso   associato   anche   LUCILIO,   personaggio   singolare   nella   realtà   del   suo  

tempo:  

a. È  il  primo  letterato  proveniente  dall’aristocrazia;  

b. Propone   modelli   di   comportamenti   dotati   di   carica   innovativa,   perché   rifiuta   i   meccanismi   di  

ascesa  sociale  fondati  su  falsi  valori  e  rigetta  una  vita  politica  che  si  avvale  di  questi  metodi.  

c. Possiamo  veder  affiorare  alcuni  degli  ideali  catoniani.  

 

  20  

ENNIO  (  239  –  169)  

 

Vita:  

  Nasce  a  Rudiae,  area  occupata  dalla  civiltà  messapica;  

Ù Ama  esaltare  la  sua  natura  trilingue  (latino,  greco,  osco);  

Ù Si  forma  nel  raffinato  ambiente  di  Taranto;  

Ù Giunse  a  Roma  in  età  matura,  condotto  da  Catone;  

Ù A  Roma  fu  un  insegnante,  ma  si  afferma  presto  come  autore  scenico;  

Ù 189   –   187   accompagna   MARCO   FULVIO   NOBILIORE   in   Grecia,   per   illustrare   la   campagna  

Ù militare  che  culmina  con  la  vittoria  di  Ambracia;  

protetto  dal  circolo  degli  Scipioni;  

Ù tenore  di  vita  modesto  e  riservato,  come  riportato  dalle  fonti;  

Ù Non  si  sposò  mai;  

Ù Non  ebbe  figli,  e  la  sua  eredità  fu  accolta  da  PACUVIO.  

Ù

 

Opere:  

 

La   cronologia   è   molto   incerta,   perché   dei   suoi   testi   possediamo   solo   alcuni   frammenti   di   tradizione  

indiretta.  Di  lui  ci  restano:  

Una  ventina  di  titoli  di  cothurnate;  

• Un  numero  considerevole  di  brevi  citazioni;  

• Due   praetextae   (AMBRACIA,   SABINAE),   una   di   argomento   contemporaneo,   una   legata  

• alla  leggenda  della  fondazione  di  Roma;  

Delle   commedie   ci   rimangono   due   titoli,   CAUPUNCULA   e   PANCRATIASTES   e   pochissimi  

• versi.  

Il  capolavoro  di  Ennio  sono  gli   ANNALES,  un  poema  epico  in  esametri,  in  18  libri,  che  narrava  la  storia  

di  Roma.  Sono  attestate,  poi,  tutta  una  serie  di  opere  minori:  

HEDYPHAGETICA:   opera   didascalica   sulla   gastronomia,   ispirata   ad   un   poema   di   Archestrato   di  

• Gela.  Ne  possediamo  11  versi;  

SOTA:   un  testo  in  versi  sotadei,  ideali  per  opere  di  carattere  parodico  e  osceno;  

• SATURAE:   quattro  libri  in  metri  diversi;  

• SCIPIO:   un’opera  in  onore  del  vincitore  di  Zama.  

Alcuni  testi  devono  essere  raggruppati  per  il  loro  sfondo  filosofeggiante:  

EUHEMERUS;  

v EPICHARMUS;  

v PROTREPTICUS.  

v

È  sicura  anche  la  composizione  di  epigrammi  in  distici  elegiaci.  

 

 

Fonti:  

  È  il  più  in  vista  dei  poeti  arcaici;  

v Molto  spesso  sappiamo  particolari  su  di  lui,  perché  egli  stesso  ci  dava  cenni  autobiografici.  

v

 

Ennio   fu   un   fecondo   poeta   teatrale,   visto   che   la   sua   produzione   arriva   sino   quasi     alla   sua   morte.   Fu  

l’ultimo  poeta  a  coltivare  entrambi  i  generi:  

  21  

Quello  tragico;  

v Quello  comico.  

v

Nonostante   ciò,   fu   sostanzialmente   un   poeta   tragico,   anche   perché   dai   frammenti   delle   commedie   in  

nostro  possesso,  non  possiamo  avere  un’idea  che  ci  permetta  di  confermare  o  smentire  il  giudizio  degli  

antichi.  Nella  sua  produzione  drammatica  ricorrono  alcuni  elementi:  

1. Tensione  stilistica  dei  versi;  

2. Vigorosa  tendenza  al  patetico;  

3. Utilizzo  come  modello  di  Euripide.  

Da  Euripide,  Ennio  recupera  molte  tragedie  del  ciclo  troiano:  

Alexander;  

v Andromacha  aechmalotis;  

v Hecuba;  

v Iphigenia;  

v Medea  exul.  

v

Da  Eschilo,  invece:  

Eumenides;  

v Hectoris  lustra.  

v

Da  Sofocle:  

Aiace.  

v

Il   rapporto   con   i   modelli   greci,   non   sembra   essere   stato   un   rapporto   emulativo,   nel   senso   che   non  

sembra   che   l’autore   volesse   copiare   gli   originali   e   nemmeno   porsi   in   confronto   con   essi.   Il   progetto  

teatrale  che  ha  in  mente  è  quello  di  continuare  la  tradizione  greca,  che  risulta  essere  ancora  attuale.  Il  

tradurre   enniano   è   più   facilmente   comprensibile   solo   se   lo   si   inquadra   in   una   prassi   teatrale   già   greca.  

Per   questo   in   Ennio,   poteva   ancora   esserci   il   CORO,   che   era   costituito   di   spettatori,   che   avrebbero  

potuto  sentire  sulla  base  di  un  processo  di  identificazione,  di  essere  dei  cittadini  virtuali.  

 

ANNALES  

 

Sono   il   più   famoso   poema   epico   romano,   esistente   sino   all’età   di   Augusto   ed   è   una   delle   delle  

pochissime   opere   poetiche   di   età   medio   –   repubblicana.   Era   fondamentale   la   FUNZIONE  

CELEBRATIVA;  egli  vedeva  la  sua  poesia  come  la  celebrazione  di  gesta  eroiche,  rifacendosi  a:  

A  Omero;  

Ù Alla  recente  tradizione  dell’epica  ellenistica,  di  argomento  storico  e  di  contenuto  celebrativo.  

Ù

Comunque,   l’opera   finale   risultò   molto   diversa   dai   poemi   di   periodo   alessandrino.   Il   piano   fu   quello   di  

realizzarla  in  18  libri,  che  compresero  sicuramente  migliaia  di  esametri,  anche  se  i  frammenti  in  nostro  

possesso  sono  solo  437  (600  versi).  La  trattazione  avvenne  in  maniera  dettagliata  per  alcuni  periodi,  

mentre  fu  riassuntiva  per  certi  altri.  Fu  sacrificata  la  prima  guerra  punica.  Un’innovazione  importante  

fu  l’articolazione  del  racconto  in  libri,  che  venivano  concepiti  come  delle  unità  narrative  accostate  in  

un’architettura  complessiva.  Andiamo  a  descrivere  la  materia  narrata  nei  vari  libri:  

I   –   III   dopo  il  proemio,  si  narra  la  venuta  di  Enea  in  Italia,  fondazione  di  Roma,  con  le  avventure  

∠ di  Romolo  e  Remo  e  il  periodo  dei  re;  

IV  –  VI   guerre  contro  i  popoli  italici  e  guerra  contro  Pirro;  

∠ VII  –  X   guerre  puniche;  

∠ X  –  XII   campagne  in  Grecia,  vittoria  su  Annibale;  

∠ XIII  –  XVI   guerra  in  Siria;  

∠ XVI  –  XVIII   campagne  militari  recenti  fino  alla  morte  del  poeta.  

  22  

Egli   è   molto   più   selettivo   di   uno   storico   e   si   occupa   quasi   esclusivamente   di   avvenimenti   bellici   e  

pochissimo   di   politica   interna.   L’opera   utilizza   molte   fonti   storiografiche,   perlopiù   di   natura   a   noi  

sconosciuta.  Tra  le  fonti  poetiche  troviamo  Omero.  

 Pare   che   Ennio,   inizialmente,   avesse   progettato   una   narrazione   in   15   libri,   anche   se   poi   decise   di  

aggiungere   tre   libri   al   piano   originario.   La   sua   opera,   comunque,   rimase   contrassegnata   da   due  

PROEMI:  

1. Uno  al  libro  I;  

2. Uno  al  libro  VII.  

 

Questi  sono  i  libri  in  cui  Ennio  svela  le  ragioni  del  suo  fare  poesia:  

Nel  primo  proemio,  raccontava  di  un  suo  sogno,  motivo  presente  anche  in  Esiodo  e  in  Callimaco,  

∠ era  infatti  consuetudine  che  il  poeta  derivasse  il  suo  canto  da  un  incontro  con  le  Muse,  che  erano  

dispensatrici  di  doni  poetici.  

Il   secondo   proemio,   invece,   dà   più   spazio   alle   divinità   simboliche   di   tutta   la   sua   poesia,   ossia   le  

∠ Muse,  che  con  lui  prendevano  la  piena  cittadinanza  a  Roma.  

Il  poeta  polemizza  con  Nevio,  che  ha  introdotto  il  verso  saturnio,  un  verso  di  un  passato  precivilizzato.  

Egli   è   raffigurato   come   il   primo   poeta   filologo,   un   cultore   della   parola.   Ennio   fu   il   primo   ad   adottare  

l’ESAMETRO  DATTILICO,  verso  della  grande  poesia  greca.    

 

Molte  sono  le  caratteristiche  dello  stile  di  Ennio:  

  Accolse  numerosi  grecismi,  comprendenti  anche  numerose  desinenze  greche  (GENITIVO  

è IN  –OEO,  per  rendere  il  GRECO  OMERICO  –oio);  

Abbreviò  in  Do,  l’accusativo  di  DOMUS;  

è Scrisse  spesso  esametri  o  tutti  in  dattili  o  tutti  in  spondei  [OLLI  RESPONDIT  REX  ALBAI  

è LONGAI,  tutti  spondei];  

Ideò   versi   tutti   allitteranti   e   tutti   allitterati   nello   stesso   fonema   [O   TITE,   TUTE,   TATI,  

è TIBI  TANTA,  TYRANNE,  TULISTI].  

Elaborò  delle  regole  precise  per  la  collocazione  delle  parole  nel  verso,  per  l’incontro  di  

è fonemi  vocalici  e  per  l’uso  delle  cesure.  

L’aspetto  più  arcaico  del  suo  stile  era  l’aver  fatto  incontrare  il  verso  esametrico  con  lo  stile  allitterante,  

tanto  che  il  verso  diventava  monotono  e  cadenzato.  

 

Gli   ANNALES   si   collocano   in   una   tradizione   adottata   già   anche   da   Nevio,   ossia   quella   di     fissare   nel  

testo  epico:  

Non  solo  racconti  di  gesta;  

è Ma  anche  valori,  modelli  culturali.  

è

Dai  frammenti  in  nostro  possesso  emergono  grandi  ritratti  di  condottieri  e  uomini  di  stato.  Vengono  

elogiate  anche  le  virtù  di  pace:  

1. Saggezza;  

2. Moderazione;  

3. Saper  pensare;  

4. Saper  parlare.  

 

  23  

CATONE  (  234  –  149)  

 

Vita:  

  Nacque  a  Tusculum;  

⇒ Famiglia  non  nobile  ma  benestante,  di  proprietari  terrieri;  

⇒ Percorse  tutto  il  CURSUS  HONORUM  e  venne  eletto  console  nel  195;  

⇒ Fu  censore  nel  184  ed  esercitò  le  proprie  prerogative  presentandosi  come  colui  che  si  batteva  

⇒ contro   la   degenerazione   dei   costumi   e   il   dilagare   di   atteggiamenti   protagonistici   incoraggiati  

dal  pensiero  greco;  

Esaltava  la  ricchezza  e  la  potenza  dello  stato  e  promosse  un  programma  di  edilizia  pubblica.  

⇒ Fu  al  centro  di  molti  altri  processi,  sia  in  qualità  di  accusatore  che  di  difensore.  

 

Opere:  

  ORAZIONI,  ne  possediamo  diversi  frammenti;  

o ORIGINES,   è   un’opera   storica   in   7   libri   composti   in   vecchiaia,   ne   sopravvivono   solo   alcuni  

o frammenti;  

DE  AGRI  COLTURA,  è  un  trattato  composto  di  una  prefazione  e  d  170  brevi  capitoli;  

o PRAECEPTA  AD  MARCUM  FILIUM,  sono  opere  dedicate  al  figlio  Marco;  

o CARMEN  DE  MORIBUS;  

o APOPHTHEGMATA,  raccolta  di  detti  memorabili  o  aneddoti,  raccolti  sotto  il  suo  nome.  

o

 

Fonti:  

  Plutarco;  

o Cornelio  Nepote;  

o Cicerone.  

o

 

 

ORIGINES  

 

Erano  la  prima  opera  storica  latina,  infatti  Catone  provava  disprezzo  per  l’annalistica  romana  in  lingua  

greca   e   per   la   tradizione   che   essa   richiamava.   Il   suo   caso   era   quello   di   un   eminente   personaggio  

politico,   che   sceglie   di   dedicarsi   anche   alla   storia,   caso,   d’altronde   piuttosto   isolato   nella   storia   della  

letteratura   latina.   In   quest’opera,   vengono   espresse   dall’autore   tutte   le   sue   preoccupazioni   per   la  

dilagante   corruzione   dei   costumi   e   la   rievocazione   delle   battaglie   che   erano   state   condotte   per   la  

saldezza   dello   stato,   contro   l’emergere   sempre   più   forte   del   culto   della   personalità.   Alla   storia  

contemporanea  vengono  dedicati  3  libri  su  7:  

Libro  I:   fondazione  della  città  di  Roma;  

è Libri  II  –  III:   origini  delle  città  italiche;  

è Libri  IV  –  V:   guerre  puniche;  

è Libri  VI  –  VII:   fino  alla  pretura  di  Servio  Sulpicio  Galba,  nel  152.  

è

Quest’opera  venne  elaborata  secondo  un  principio  particolare:  

a. Insiste   sulla   lenta   formazione   dello   stato   e   delle   sue   istituzioni   attraverso   le   varie  

generazioni;  

b. Creazione   dello   stato   vista   come   opera   collettiva   del   popolo   romano   stretto   attorno   alla  

classe  senatoria.  

  24  


ACQUISTATO

1 volte

PAGINE

37

PESO

2.02 MB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in scienze dell'antichità: archeologia, storia, letterature
SSD:
Università: Udine - Uniud
A.A.: 2013-2014

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher jessicabortuzzo di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Letteratura latina e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Udine - Uniud o del prof Cristante Lucio.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Letteratura latina

Riassunto esame Letteratura latina, prof. Cristante, libro consigliato Propedeutica del latino universitario, Traina
Appunto
Riassunto esame Letteratura Latina, prof. Cristante, libro consigliato Storia e Testi della Letteratura Latina, Pianezzola
Appunto
Riassunto esame Letteratura Latina, prof. Cristante, libro consigliato Storia e Testi della Letteratura Latina, Conte, Pianezzola
Appunto
Letteratura latina - Consolatio ad Marciam
Appunto