Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Plutarco.

Nel 1775 fece rappresentare a Torino la prima tragedia, Antonio e Cleopatra, che segnò la scoperta della vocazione

tragica. Dovendo darsi una strutturazione culturale e linguistica adeguata al nuovo obiettivo, si immerse nella lettura dei

classici italiani e latini con una fermezza di volontà divenuta proverbiale per l'estremismo con cui seppe manifestarla.

Lesse i classici italiani da Dante a Tasso e si recò in Toscana per meglio educare la sua sensibilità linguistica, perché

fino ad allora si era servito del francese, la lingua dell'aristocrazia torinese e internazionale. Nel 1778, per sottrarsi alla

sudditanza alla monarchia sabauda, rinunciò al titolo nobiliare, assegnò le sue proprietà alla sorella, conservandosi un

vitalizio annuale, e si trasferì definitivamente in Toscana, dove si legò a Luisa Stolberg, contessa d'Albany.

Alfieri compose, dopo la prima, venti tragedie (e una "tramelogedia", l'Abele), tra cui spiccano l'Antigone (1776), il

Saul (1783) e la Mirra (1784-1786). Sono opere stampate dall'autore a proprie spese e destinate alla società colta e

nobile del tempo e non già ad anonimi compratori. Aristocratico e individualistico è anche il tema delle tragedie,

riassumibile in uno scontro metastorico tra il tiranno (il detentore di qualsiasi forma di potere) e l'uomo libero che

afferma la propria dignità e libertà con la morte. Tiranno e uomo libero convivono a volte nella stessa persona, come nel

Saul, e tiranno può essere non una figura esterna ma l'incontenibile forza interiore di un sentimento, come nella Mirra.

Alfieri accetta le rigide convenzioni del genere tragico e anzi le esaspera, compattando l'azione entro una fissità

spaziotemporale che esprime l'assoluta concentrazione dei personaggi sulle tensioni tragiche che vivono e nelle quali

emergono, prive di ogni mediazione, forze sconosciute e distruttive. Queste tragedie, spesso costruite come variazioni di

rapporti familiari destinati alla catastrofe, sembrano esprimere un malessere profondo. Ma, nonostante la dimensione

autobiografica e l'atemporalità degli eventi narrati, queste tragedie, le più grandi di tutta la tradizione letteraria italiana,

indicavano istanze libertarie anche di tipo politico e contribuirono a educare le generazioni che fecero il Risorgimento.

La tendenza autobiografica si manifesta anche nelle Rime (1789 e, in un'edizione postuma ampliata, 1804), che tendono

a uno scontroso autoritratto, nella tesa Vita di Vittorio Alfieri da Asti scritta da esso (1790 e 1804) e, molto attenuata, in

una serie di trattati cosiddetti politici, che sono piuttosto espressione della sua poetica, Della tirannide (1777-1789), Del

principe e delle lettere (1778-1789), La virtù sconosciuta (1789). Gli ultimi scritti sono le Satire (1786-1797) in terza

rima e un violento libello antifrancese, Il Misogallo (1798).

Foscolo, Ugo

1 INTRODUZIONE

Foscolo, Ugo (Zante 1778 - Turnham Green, Londra 1827), poeta italiano. Nato nell'isola greca di Zante, l'antica

Zacinto, allora possedimento veneziano, Foscolo si trasferì a Venezia nel 1792; qui, a contatto con letterati allora

famosi (Ippolito Pindemonte, Melchiorre Cesarotti, traduttore di Ossian), si formò una solida cultura e iniziò il suo

apprendistato poetico. Le sue idee giacobine e rivoluzionarie lo costrinsero a ritirarsi nel 1796 sui colli Euganei e, dopo

la rappresentazione della tragedia Tieste (1797), che gli valse una certa notorietà, fu costretto a riparare a Bologna nella

Repubblica Cispadana, dove pubblicò l'ode A Bonaparte liberatore. Tornò poi a Venezia, dove era nato un governo

democratico, ma le speranze di libertà vennero stroncate dal trattato di Campoformio (novembre 1797), col quale

Napoleone cedette Venezia all'Austria. Amareggiato lasciò la città e si recò a Milano, capitale della Repubblica

Cisalpina.

2 L'ORTIS

Fu la caduta delle speranze in un rinnovamento politico da parte di Napoleone a ispirargli Le ultime lettere di Jacopo

Ortis (la prima edizione completa è del 1802 e quella definitiva, la quarta, è del 1817), il primo romanzo italiano. Si

tratta di un romanzo epistolare orientato sui modelli di Jean-Jacques Rousseau (Giulia o la nuova Eloisa) e di Goethe (I

dolori del giovane Werther), ma con l'originale inserzione della tematica politica, le cui radici stanno nella storia

contemporanea e nelle vicende autobiografiche cui si è fatto cenno. Il romanzo, che presenta un autoritratto dell'autore e

denuncia una forte sensibilità preromantica, è stato definito dal critico letterario Mario Fubini una "tragedia alfieriana in

prosa": il protagonista, di fronte alla tirannia di Napoleone, che gli toglie la patria, e alla tirannia delle convenzioni

sociali (incarnate dal padre di Teresa), che gli tolgono la donna amata, afferma la propria libertà attraverso il suicidio,

secondo il modello alfieriano. Foscolo era tanto legato a questo testo, rimaneggiato nell'arco di un ventennio, che negli

ultimi anni di vita ancora meditava di riscriverlo.

3 I SEPOLCRI

A Milano conobbe Giuseppe Parini, ormai vecchio, e frequentò Vincenzo Monti, lo scrittore più autorevole nella

Milano napoleonica. Qui, nel 1803, apparvero le Poesie di Foscolo: dodici sonetti, di cui alcuni tra i maggiori di tutta la

nostra tradizione, e due odi, di impianto neoclassico. Dopo due anni trascorsi in Francia, in occasione dell'estensione

all'Italia nel 1806 dell'editto di Saint Cloud, che imponeva la collocazione dei cimiteri fuori dall'abitato e una

regolamentazione egualitaria delle tombe, Foscolo compose il suo testo più intenso, il carme, in 295 endecasillabi

sciolti, Dei Sepolcri, l'unico testo che non abbia avuto una composizione per interventi successivi. Pur muovendo da

una concezione materialistico-meccanicistica, l'autore celebra la funzione del sepolcro nella storia dell'umanità sia sul

piano individuale illusorio (si tengono vivi i defunti oltre la morte), sia su quello storico oggettivo (il sepolcro è una

delle istituzioni che segnano il passaggio dell'umanità dalla preistoria alla storia), sia su quello della funzione civile e

politica (le tombe dei grandi sepolti in Santa Croce), sia su quello del sepolcro come fonte di poesia (mito di Omero),

capace questa di trascendere il momento della distruzione implicita nelle leggi della materia.


PAGINE

4

PESO

27.71 KB

AUTORE

Exxodus

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in lettere moderne
SSD:
A.A.: 2008-2009

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Exxodus di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Letteratura italiana e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Napoli Federico II - Unina o del prof Scienze letterarie Prof.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Letteratura italiana

Le origini della letteratura (Situazione Politica, le prime scritture in volgare, lingua d'oc e d'oil, i ritmi, poesia goliardica, Andrea Cappellano e accenni lett. franco-veneta)
Appunto
Letteratura Italiana 2
Appunto
Divina Commedia - Inferno - Parafrasi di tutti i canti
Appunto
Analisi Sonetto Jacopo da Lentini "L'amor è un desio che ven da core
Appunto